Renzi intercettato col padre: “E’ una gogna, ma sono sereno”

Pubblicato il 16 maggio 2017 da ansa

L’ex Premier, Matteo Renzi, durante la registrazione del programma condotto da Bruno Vespa ‘Porta a Porta’ in onda su Ra1, Roma, 10 Aprile 2017. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – “Babbo, non puoi dire bugie, devi ricordarti che non è un gioco. Devi dire tutta la verità”. E’ il 2 marzo, le 9.45 del mattino. Matteo Renzi parla con il padre Tiziano, indagato nell’inchiesta Consip. Lo incalza sulla “clamorosa intervista” di Repubblica che svela una cena segreta in una “bettola” con l’imprenditore Alfredo Romeo. Matteo chiede a Tiziano se è vero.

Il colloquio viene intercettato e la trascrizione giunge al giornalista del Fatto Marco Lillo, che due mesi dopo la pubblica. Con l’effetto di riportare in primo piano la vicenda Consip e il dibattito sulle intercettazioni. “La pubblicazione è illegittima”, si indigna Renzi: “E’ una gogna mediatica, chi viola la legge pagherà ma non farò niente” per inasprire la legge. “Umanamente la vicenda mi fa male ma politicamente mi fanno un regalo: dimostrano la mia serietà”.

Il colloquio tra l’ex premier e il padre Tiziano, pubblicato sul Fatto e riportato nel libro di Lillo “Di padre in figlio”, è stato intercettato a marzo dal Noe per conto della procura di Napoli. L’inchiesta Consip è stata poi trasferita alla procura di Roma ma la conversazione è stata ritenuta irrilevante: i pm romani Paolo Ielo e Mario Palazzi, che proprio ora aprono un nuovo filone d’indagine per gli appalti Grandi Stazioni, dicono di non avere neanche le trascrizioni.

E dopo la divulgazione, i magistrati della capitale aprono un fascicolo per violazione del segreto istruttorio. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, tramite l’ispettorato generale, avvia accertamenti preliminari. Nella telefonata Tiziano assicura di non aver mai cenato con Romeo, mentre dice di non ricordare eventuali incontri al bar.

“Devi ricordare tutto, non è più la questione della Madonnina e del giro di merda di Firenze per Medjugorje”, lo incalza Renzi. “Devi dire la verità in quanto in passato la verità non l’hai detta a Luca” Lotti, aggiunge. “Andrai a processo, ci vorranno tre anni e io lascerò le primarie”, paventa il leader Dem. Che in mattinata – riletta la conversazione – affida a un lungo post la sua versione dei fatti, che ribadisce poi in una diretta Facebook e in una Enews. Mentre il padre Tiziano, incalzato dai cronisti, li allontana bruscamente.

E’ provato, spiega Matteo, perché “c’è stata una caccia all’uomo”: ha subito, racconta, due piccoli interventi al cuore. La divulgazione del colloquio è “una gogna che mostra i rapporti tra alcune redazioni e procure. Qualcuno per questo si è tolto la vita in passato. Umanamente mi spiace perché sono stato duro con mio padre, ho dubitato di lui. Ma da uomo delle istituzioni – scrive Renzi – voglio la verità. Qualcuno sta violando la legge e non siamo noi”.

Il segretario Pd, che preannuncia querele, aggiunge che “politicamente” il Fatto gli fa un “favore” perché dimostra che lui era estraneo alla vicenda. E aggiunge che il tempismo della pubblicazione è sospetto: “Ogni volta che il Pd risale nei sondaggi c’è uno scandaletto”, sottolinea con riferimento anche al caso di Banca Etruria.

Il “favore” politico alimenta battute e sospetti in transatlantico e Francesco Rutelli, citato come amico di Romeo, nello smentire la “falsità” dice di non poter giudicare se il colloquio fosse “mosso dall’ira o studiato a tavolino”. Ma la maggioranza (escluso Mdp, che parla di familismo) e FI esprime solidarietà al leader Dem: “Spero che il Fatto abbia cambiato fornitore di intercettazioni”, dice Matteo Orfini, con riferimento alla falsificazione degli atti di Consip per cui è indagato un capitano dei Carabinieri.

Ma il M5s attacca: “Troppi aspetti opachi, è una cricca”, dicono i capigruppo. Renzi “infanga le istituzioni”, secondo Di Maio. La prossima settimana arriverà in Aula alla Camera per il via libera definitivo la riforma del processo penale, che include una delega al governo – da attuare entro tre mesi – per una stretta sulle intercettazioni, perché non vengano pubblicate quelle irrilevanti.

“Sono 20 anni che c’è il malcostume di pubblicarle – afferma Renzi – è vergognoso ma io lascio al codice deontologico dei giornalisti, non chiedo alcunché”. Nessuna intenzione di “rivalersi” sul piano legislativo: “Non cerco vendette”, assicura il segretario Dem, “voglio la verità”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

20:33Ue: Mattarella, servono interventi più ambiziosi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "La gravità della situazione, con forti squilibri, l'elevata disoccupazione giovanile e di lunga durata, richiedono interventi più ambiziosi per una crescita sostenibile, con occupazione di qualità e compensi equi". Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al Segretario generale della Confederazione Europea dei Sindacati, Luca Visentini, in occasione della conferenza della Ces per il 60esimo anniversario del Trattato di Roma, che il presidente definisce "un'opportunità preziosa per ribadire l'importanza della costruzione europea per tutti i lavoratori, per tutti i cittadini europei".

20:15Rally: auto fuoristrada uccide bimbo,spunta filmato schianto

(ANSA) - TORINO, 29 MAG - I carabinieri della compagnia di Venaria Reale hanno acquisito un video amatoriale, realizzato da uno spettatore, che ha ripreso l'incidente in cui sabato, al rally Città di Torino, ha perso la vita un bambino di sei anni, investito da un'auto in gara. Nel video, secondo quanto si apprende, si vedrebbe chiaramente la Skoda Fabia S2000 del pilota Cristian Milano e del navigatore Luca Pieri, che finisce 'dritta' a una curva, andando a travolgere la famiglia della piccola vittima, Aldo. I genitori hanno riportato lievi ferite, mentre il fratellino, tre anni appena, è rimasto miracolosamente illeso. Secondo gli accertamenti della procura di Ivrea, le persone investite dall'auto si trovavano in mezzo al prato, non a ridosso della strada, ma in una zona interdetta al pubblico. L'autopsia del bimbo morto, in un primo momento prevista per oggi, è stata rinviata a mercoledì. Si tratta di un atto dovuto per far luce sulle cause e sulle eventuali responsabilità dell'incidente.(ANSA).

20:13Detenuto pesa 230 kg, “in cella sono condannato a morte”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Ha 45 anni, è gravemente obeso, pesa 230 chili, con gravi patologie che lo rendono invalido al 100%, vive su un'enorme sedia a rotelle ma non può mai lasciare la sua cella perché la sua mole ostacola ogni spostamento. E' il caso di un detenuto prima recluso a Rebibbia ed ora trasferito a Regina Coeli. A Natale scorso quando, a Rebibbia, ha incontrato il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute e private della libertà personale, Mauro Palma, gli ha detto: "Sono un condannato a morte". L'uomo, infatti vive l'angoscia di vedersi sempre più enorme a causa della sua "inattività forzata" ed è spesso in preda a crisi di panico per il timore di non poter ricevere le dovute cure salvavita in caso di emergenza. Il detenuto, ha scritto nella sua relazione il Garante, Mauro Palma "sta scontando la pena in una situazione detentiva di coercizione strutturale e psicologica". Dopo la segnalazione del Garante l'uomo è stato trasferito nel carcere di Regina Coeli dove la sua situazione non è migliorata.

Archivio Ultima ora