Renzi intercettato col padre: “E’ una gogna, ma sono sereno”

Pubblicato il 16 maggio 2017 da ansa

L’ex Premier, Matteo Renzi, durante la registrazione del programma condotto da Bruno Vespa ‘Porta a Porta’ in onda su Ra1, Roma, 10 Aprile 2017. ANSA/ GIUSEPPE LAMI

ROMA. – “Babbo, non puoi dire bugie, devi ricordarti che non è un gioco. Devi dire tutta la verità”. E’ il 2 marzo, le 9.45 del mattino. Matteo Renzi parla con il padre Tiziano, indagato nell’inchiesta Consip. Lo incalza sulla “clamorosa intervista” di Repubblica che svela una cena segreta in una “bettola” con l’imprenditore Alfredo Romeo. Matteo chiede a Tiziano se è vero.

Il colloquio viene intercettato e la trascrizione giunge al giornalista del Fatto Marco Lillo, che due mesi dopo la pubblica. Con l’effetto di riportare in primo piano la vicenda Consip e il dibattito sulle intercettazioni. “La pubblicazione è illegittima”, si indigna Renzi: “E’ una gogna mediatica, chi viola la legge pagherà ma non farò niente” per inasprire la legge. “Umanamente la vicenda mi fa male ma politicamente mi fanno un regalo: dimostrano la mia serietà”.

Il colloquio tra l’ex premier e il padre Tiziano, pubblicato sul Fatto e riportato nel libro di Lillo “Di padre in figlio”, è stato intercettato a marzo dal Noe per conto della procura di Napoli. L’inchiesta Consip è stata poi trasferita alla procura di Roma ma la conversazione è stata ritenuta irrilevante: i pm romani Paolo Ielo e Mario Palazzi, che proprio ora aprono un nuovo filone d’indagine per gli appalti Grandi Stazioni, dicono di non avere neanche le trascrizioni.

E dopo la divulgazione, i magistrati della capitale aprono un fascicolo per violazione del segreto istruttorio. Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, tramite l’ispettorato generale, avvia accertamenti preliminari. Nella telefonata Tiziano assicura di non aver mai cenato con Romeo, mentre dice di non ricordare eventuali incontri al bar.

“Devi ricordare tutto, non è più la questione della Madonnina e del giro di merda di Firenze per Medjugorje”, lo incalza Renzi. “Devi dire la verità in quanto in passato la verità non l’hai detta a Luca” Lotti, aggiunge. “Andrai a processo, ci vorranno tre anni e io lascerò le primarie”, paventa il leader Dem. Che in mattinata – riletta la conversazione – affida a un lungo post la sua versione dei fatti, che ribadisce poi in una diretta Facebook e in una Enews. Mentre il padre Tiziano, incalzato dai cronisti, li allontana bruscamente.

E’ provato, spiega Matteo, perché “c’è stata una caccia all’uomo”: ha subito, racconta, due piccoli interventi al cuore. La divulgazione del colloquio è “una gogna che mostra i rapporti tra alcune redazioni e procure. Qualcuno per questo si è tolto la vita in passato. Umanamente mi spiace perché sono stato duro con mio padre, ho dubitato di lui. Ma da uomo delle istituzioni – scrive Renzi – voglio la verità. Qualcuno sta violando la legge e non siamo noi”.

Il segretario Pd, che preannuncia querele, aggiunge che “politicamente” il Fatto gli fa un “favore” perché dimostra che lui era estraneo alla vicenda. E aggiunge che il tempismo della pubblicazione è sospetto: “Ogni volta che il Pd risale nei sondaggi c’è uno scandaletto”, sottolinea con riferimento anche al caso di Banca Etruria.

Il “favore” politico alimenta battute e sospetti in transatlantico e Francesco Rutelli, citato come amico di Romeo, nello smentire la “falsità” dice di non poter giudicare se il colloquio fosse “mosso dall’ira o studiato a tavolino”. Ma la maggioranza (escluso Mdp, che parla di familismo) e FI esprime solidarietà al leader Dem: “Spero che il Fatto abbia cambiato fornitore di intercettazioni”, dice Matteo Orfini, con riferimento alla falsificazione degli atti di Consip per cui è indagato un capitano dei Carabinieri.

Ma il M5s attacca: “Troppi aspetti opachi, è una cricca”, dicono i capigruppo. Renzi “infanga le istituzioni”, secondo Di Maio. La prossima settimana arriverà in Aula alla Camera per il via libera definitivo la riforma del processo penale, che include una delega al governo – da attuare entro tre mesi – per una stretta sulle intercettazioni, perché non vengano pubblicate quelle irrilevanti.

“Sono 20 anni che c’è il malcostume di pubblicarle – afferma Renzi – è vergognoso ma io lascio al codice deontologico dei giornalisti, non chiedo alcunché”. Nessuna intenzione di “rivalersi” sul piano legislativo: “Non cerco vendette”, assicura il segretario Dem, “voglio la verità”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

15:17Calcio: Milan, Montella, attacco in crisi? Solo colpa mia

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Segnamo poco, è vero. Ma è solo colpa mia. Dobbiamo fare di più per permettere agli attaccanti di andare in gol, dobbiamo servirli meglio, con maggiore velocità, non sbagliare scelta e migliorare nell'esecuzione". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro l'Austria Vienna, si addossa molte responsabilità sulla scarsa vena realizzativa di Kalinic, Silva e Cutrone, fermi ad appena cinque gol in campionato dopo 13 giornate, sottolineando però i "13 tiri fatti dal Milan a Napoli". "In Europa League - ammette Montella - non abbiamo voglia di rischiare Suso, lo preserveremo per il campionato. Mi criticano perché cambio troppo spesso formazione? Non posso fare altrimenti. È sia un pregio che un difetto".

15:03Calcio: Montella, servono risultati e pass in Europa League

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Abbiamo bisogno di risultati. Domani, contro l'Austria Vienna, iniziamo a staccare il pass per la qualificazione e a ipotecare il primo posto nel girone, un traguardo intermedio al quale teniamo moltissimo e che ci permetterebbe di concentrarci sul campionato". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida in Europa League contro l'Austria Vienna, predica calma e vittorie per svoltare. "Dobbiamo dimostrare - aggiunge Montella - una crescita tecnica, tattica, ma anche di mentalità. La cena della squadra? Non è una forzatura da parte di tecnico o dirigenza, è stata spontanea. Eventuali equivoci sono stati messi da parte da un po', è bello vedere una squadra che diventa gruppo".

14:57C.sinistra: Mdp-Si, non trattiamo col Pd, tempo scaduto

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Non abbiamo dato una disponibilità a una trattativa in quanto le differenze sono su temi di fondo sulla vita delle persone. Mi riferisco in particolare al lavoro, alla sanità universale e al no a una compagna elettorale su meno tasse per tutti". Lo dice Maria Cecilia Guerra, capogruppo Mdp, al termine dell'incontro con la delegazione Dem. "Il tempo è scaduto, non ci sono margini per nessuna intesa", aggiunge Giulio Marcon di Sì-Possibile.

14:57Cc Firenze: gip sente studentesse americane

(ANSA) - FIRENZE, 22 NOV - Sono tornate a Firenze per essere interrogate stamani dal gip Mario Profeta, le due studentesse americane che il settembre scorso denunciarono due carabinieri per violenza sessuale. Gli interrogatori si tengono con modalità protetta dentro l'aula bunker di Firenze dove le due ragazze americane sono già arrivate accompagnate dai loro avvocati entrando da un ingresso secondario. Presenti nella struttura anche i due militari accusati della violenza sessuale, l'appuntato Marco Camuffo e il carabiniere scelto Pietro Costa, entrambi accompagnati dai loro difensori. Secondo la modalità protetta, utilizzata in quest'incidente probatorio, il giudice Profeta le sentirà con l'ausilio di un interprete in una stanza separata dove non ci sono altre persone, mentre tutti gli altri presenti nell'aula bunker, pm, difensori e i due carabinieri indagati potranno assistere all'interrogatorio tramite sistema audio video.

14:40Calcio:Montella,voci su proprietà?Abituati a essere bersagli

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - Vincenzo Montella risponde con una battuta agli attacchi sulla proprietà cinese da parte di New York Times e Marca: "Faccio fatica - sdrammatizza l'allenatore del Milan - a leggere la stampa italiana, figurarsi quella estera. Siamo bersagliati e abituati a questo, come sulle voci sulla mia panchina in bilico. Probabilmente perderemo il nostro comfort quando queste voci non si saranno più". E a chi gli chiede, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro l'Austria Vienna, se intravede analogie con le difficoltà registrate nella passata stagione per isolare il gruppo dalle voci, Montella risponde di no: "Sono situazioni diverse, ma vedo la squadra coesa nello stesso modo. La gestione del gruppo oggi è più semplice".

14:31Femminicidio:Sos Stalking,84 casi da gennaio,1 ogni 3 giorni

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Nel 2016 in Italia sono state uccise 115 donne, prevalentemente per mano del marito, del compagno o dell'ex. Il 2015 ha visto 120 vittime, 117 donne sono state uccise nel 2014 e ben 138 nel 2013. Lo riferisce SOS Stalking: da gennaio a oggi le donne che hanno perso la vita sono 84, contro le 88 a novembre 2016 e le 87 a settembre 2015. Di queste 84, due erano incinte e i rispettivi feti, di 5 e 6 mesi, sono morti insieme alle madri. L'elenco per regioni indica in Lombardia il numero più alto di donne assassinate, 11, seguita da Veneto, Emilia Romagna e Campania (8), Sardegna (7), Toscana, Piemonte e Sicilia (6), Lazio e Puglia (5), Abruzzo (4), Liguria (3), Trentino, Friuli e Calabria (2) e Marche (1). Ci sono poi le vittime secondarie, bambini o ragazzi che, in seguito al delitto, rimangono orfani di madre o, in caso di omicidio-suicidio, di entrambi i genitori: in questi 11 mesi ce nel sono stati 60, età media fra 5 e 14 anni.

14:28Berlusconi: conclusa udienza a Strasburgo

(ANSA) - STRASBURGO, 22 NOV - Si è conclusa alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo l'udienza sul ricorso presentato da Silvio Berlusconi contro la decadenza del suo mandato di senatore e la sua ineleggibilità, sancite in base alla legge Severino. La seduta è stata tolta dalla presidente della Corte Angelika Nussberger dopo poco più di due ore dall'inizio. La Corte si è quindi riunita in camera di consiglio, ma una decisione è attesa non prima di diversi mesi, come consuetudine della Corte.

Archivio Ultima ora