Divorzio Berlusconi-Lario, la Cassazione conferma l’assegno mensile di 2 milioni

Pubblicato il 16 maggio 2017 da ansa

Silvio Berlusconi con l’allora compagna Veronica Lario in tribuna allo stadio durante la partita Milan-Steaua Bucarest a Milano il 18 agosto 1987. ANSA ARCHIVIO

ROMA. – Silvio Berlusconi non ce l’ha fatta a spuntare in Cassazione una riduzione dell’assegno di separazione da due milioni di euro che ogni mese deve versare a Veronica Lario, l’ex moglie dalla quale è divorziato dal 2014, dopo un lungo matrimonio celebrato nel 1990 e dal quale sono nati tre figli. La Suprema Corte ha infatti respinto il ricorso del leader azzurro – ricordando che le classifiche di ‘Forbes’ lo annoverano tra i ‘paperoni’ planetari con un reddito annuo medio di 53 milioni di euro – contro la sentenza emessa nel 2014 dalla Corte di Appello di Milano condannandolo anche a pagare 40mila euro di spese legali.

Non ha dunque trovato applicazione la recente sentenza degli ‘ermellini’ che nel caso del divorzio tra l’ex ministro Vittorio Grilli e la moglie Lisa Lowenstein ha stabilito che il parametro del mantenimento del tenore di vita goduto durante di matrimonio non è più in vigore e che l’assegno divorzile, in misura ‘sobria’, spetta solo a chi non è in grado di lavorare, non per sua colpa, e non ha redditi.

In proposito, la Cassazione afferma che nella fase della separazione il ‘vecchio’ parametro è tuttora da applicare perchè il vincolo coniugale è solo attenuato e non rescisso del tutto. Dunque, dato che per sua stessa ammissione, Berlusconi – spiega la Cassazione – oltre ad essere “ultracapiente”, ha anche “ammesso” di aver garantito alla moglie “un tenore di vita assolutamente al di fuori da ogni norma, mettendole a disposizione nella villa di Macherio, un maggiordomo, una segretaria personale, cuochi, autisti, cameriere e guardarobiere, nonchè versandole ogni mese, solo come ‘argent de poche’, 50mila euro”, è da confermare l’assegno di due milioni per mantenere quell’elevatissimo tenore di vita.

Un ‘benefit’ dovuto per la lunga durata del matrimonio e del “contributo morale e affettivo dato dalla moglie all’intera famiglia” e per l’impossibilità della Lario di “riprendere l’attività di attrice abbandonata, con il consenso del coniuge, molti anni prima”.

Non ha avuto successo il tentativo dei legali dell’ex Cav – Pier Filippo e Paolo Giuggioli, e Giorgio De Nova – di sostenere che Veronica non è una “casalinga” ma una imprenditrice immobiliare. Per la Cassazione, anche dando per buono che la Lario sia socia unica della società ‘Il Poggio’ che ha un patrimonio di 78 milioni di euro, rimane pur sempre “molto rilevante” la “disparità tra patrimoni e redditi dei due coniugi”.

La posizione “reddituale” di Silvio Berlusconi – prosegue il verdetto – è già di per sè “estremamente rilevante”, considerando anche “il giudizio di inattendibilità in merito al reddito più recente”, ma soprattutto sulla sua “consistenza patrimoniale” che “con varie oscillazioni” lo colloca, nel periodo della causa di separazione tra il 2010 e il 2014, “fra gli uomini più ricchi del mondo”.

Per queste ragioni la Cassazione, richiamando gli accertamenti eseguiti nelle fasi di merito, ha dichiarato “infondata” la tesi di Berlusconi di aver subito un “decremento dei redditi” dovuto alla “crisi mondiale”. Le condizioni economiche del leader azzurro sarebbero cambiate “‘in peius'” – aveva fatto presente la sua difesa – e questo “avrebbe imposto una riduzione del contributo” per Veronica, “anche al fine di evitare che egli fosse costretto a dismettere parte del suo patrimonio”.

La Cassazione ha ricordato che i giudici milanesi hanno calcolato “in 53 milioni di euro il reddito medio annuo del Berlusconi, sulla base delle dichiarazioni dei redditi presentate negli anni dal 2006 al 2010”, ed hanno “quindi espresso un giudizio di inattendibilità in merito tanto all’ultimo reddito dichiarato, nell’anno 2012, di 4milioni e mezzo di euro, quanto in ordine alla dedotta riduzione del valore del gruppo Finivest”.

Nel corso della causa di separazione, Berlusconi e Lario hanno ritirato le rispettive domande di addebito, hanno invece combattuto fino alla fine per la villa di Macherio che l’ex moglie ha dovuto ‘restituire’. Non è escluso che nella causa ancora in corso per l’assegno di divorzio, pari a un milione e 400 mila euro mensili fissato nel 2015 dal Tribunale di Monza, i giudici possano notevolmente ridurlo applicando il verdetto che ha mandato in pensione il parametro del tenore di vita.

Ultima ora

15:17Calcio: Milan, Montella, attacco in crisi? Solo colpa mia

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Segnamo poco, è vero. Ma è solo colpa mia. Dobbiamo fare di più per permettere agli attaccanti di andare in gol, dobbiamo servirli meglio, con maggiore velocità, non sbagliare scelta e migliorare nell'esecuzione". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro l'Austria Vienna, si addossa molte responsabilità sulla scarsa vena realizzativa di Kalinic, Silva e Cutrone, fermi ad appena cinque gol in campionato dopo 13 giornate, sottolineando però i "13 tiri fatti dal Milan a Napoli". "In Europa League - ammette Montella - non abbiamo voglia di rischiare Suso, lo preserveremo per il campionato. Mi criticano perché cambio troppo spesso formazione? Non posso fare altrimenti. È sia un pregio che un difetto".

15:03Calcio: Montella, servono risultati e pass in Europa League

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - "Abbiamo bisogno di risultati. Domani, contro l'Austria Vienna, iniziamo a staccare il pass per la qualificazione e a ipotecare il primo posto nel girone, un traguardo intermedio al quale teniamo moltissimo e che ci permetterebbe di concentrarci sul campionato". Vincenzo Montella, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida in Europa League contro l'Austria Vienna, predica calma e vittorie per svoltare. "Dobbiamo dimostrare - aggiunge Montella - una crescita tecnica, tattica, ma anche di mentalità. La cena della squadra? Non è una forzatura da parte di tecnico o dirigenza, è stata spontanea. Eventuali equivoci sono stati messi da parte da un po', è bello vedere una squadra che diventa gruppo".

14:57C.sinistra: Mdp-Si, non trattiamo col Pd, tempo scaduto

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Non abbiamo dato una disponibilità a una trattativa in quanto le differenze sono su temi di fondo sulla vita delle persone. Mi riferisco in particolare al lavoro, alla sanità universale e al no a una compagna elettorale su meno tasse per tutti". Lo dice Maria Cecilia Guerra, capogruppo Mdp, al termine dell'incontro con la delegazione Dem. "Il tempo è scaduto, non ci sono margini per nessuna intesa", aggiunge Giulio Marcon di Sì-Possibile.

14:57Cc Firenze: gip sente studentesse americane

(ANSA) - FIRENZE, 22 NOV - Sono tornate a Firenze per essere interrogate stamani dal gip Mario Profeta, le due studentesse americane che il settembre scorso denunciarono due carabinieri per violenza sessuale. Gli interrogatori si tengono con modalità protetta dentro l'aula bunker di Firenze dove le due ragazze americane sono già arrivate accompagnate dai loro avvocati entrando da un ingresso secondario. Presenti nella struttura anche i due militari accusati della violenza sessuale, l'appuntato Marco Camuffo e il carabiniere scelto Pietro Costa, entrambi accompagnati dai loro difensori. Secondo la modalità protetta, utilizzata in quest'incidente probatorio, il giudice Profeta le sentirà con l'ausilio di un interprete in una stanza separata dove non ci sono altre persone, mentre tutti gli altri presenti nell'aula bunker, pm, difensori e i due carabinieri indagati potranno assistere all'interrogatorio tramite sistema audio video.

14:40Calcio:Montella,voci su proprietà?Abituati a essere bersagli

(ANSA) - MILANO, 22 NOV - Vincenzo Montella risponde con una battuta agli attacchi sulla proprietà cinese da parte di New York Times e Marca: "Faccio fatica - sdrammatizza l'allenatore del Milan - a leggere la stampa italiana, figurarsi quella estera. Siamo bersagliati e abituati a questo, come sulle voci sulla mia panchina in bilico. Probabilmente perderemo il nostro comfort quando queste voci non si saranno più". E a chi gli chiede, durante la conferenza stampa alla vigilia della sfida di Europa League contro l'Austria Vienna, se intravede analogie con le difficoltà registrate nella passata stagione per isolare il gruppo dalle voci, Montella risponde di no: "Sono situazioni diverse, ma vedo la squadra coesa nello stesso modo. La gestione del gruppo oggi è più semplice".

14:31Femminicidio:Sos Stalking,84 casi da gennaio,1 ogni 3 giorni

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - Nel 2016 in Italia sono state uccise 115 donne, prevalentemente per mano del marito, del compagno o dell'ex. Il 2015 ha visto 120 vittime, 117 donne sono state uccise nel 2014 e ben 138 nel 2013. Lo riferisce SOS Stalking: da gennaio a oggi le donne che hanno perso la vita sono 84, contro le 88 a novembre 2016 e le 87 a settembre 2015. Di queste 84, due erano incinte e i rispettivi feti, di 5 e 6 mesi, sono morti insieme alle madri. L'elenco per regioni indica in Lombardia il numero più alto di donne assassinate, 11, seguita da Veneto, Emilia Romagna e Campania (8), Sardegna (7), Toscana, Piemonte e Sicilia (6), Lazio e Puglia (5), Abruzzo (4), Liguria (3), Trentino, Friuli e Calabria (2) e Marche (1). Ci sono poi le vittime secondarie, bambini o ragazzi che, in seguito al delitto, rimangono orfani di madre o, in caso di omicidio-suicidio, di entrambi i genitori: in questi 11 mesi ce nel sono stati 60, età media fra 5 e 14 anni.

14:28Berlusconi: conclusa udienza a Strasburgo

(ANSA) - STRASBURGO, 22 NOV - Si è conclusa alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo l'udienza sul ricorso presentato da Silvio Berlusconi contro la decadenza del suo mandato di senatore e la sua ineleggibilità, sancite in base alla legge Severino. La seduta è stata tolta dalla presidente della Corte Angelika Nussberger dopo poco più di due ore dall'inizio. La Corte si è quindi riunita in camera di consiglio, ma una decisione è attesa non prima di diversi mesi, come consuetudine della Corte.

Archivio Ultima ora