Venezuela, “Plan Zamora nivel 2” per reprimere le proteste

Pubblicato il 17 maggio 2017 da redazione

Padrino López, ministro della Difesa.

CARACAS – Cresce il malessere ed esplode la protesta accompagnati dalla violenta repressione delle forze dell’Ordine. Sebbene in Caracas la situazione si mantiene in tensa e relativa calma, lo stesso non si può dire della provincia. Appena alle porte della capitale, nei Comuni di Los Salias, Carrizal e altre comunità di San Antonio di Los Altos da giorni ormai la popolazione si è appropriato della piazza. Inutile l’intervento autoritario della Guardia Nazionale, che impiega mezzi blindati per aprirsi spazio e sparare granate lacrimogeni. Anche a Barinas l’intervento delle forze dell’Ordine è stato particolarmente pesante per evitare, e non sempre ci sono riuscite, i saccheggi dei piccoli generi alimentari e negozi. Nello Zulia la protesta è repressa sul nascere dalla Guardia Nazionale e così anche a Merida. Insomma, da sud a nord, da est a ovest, in Venezuela le proteste, i cortei e i lanci di gas lacrimogeni sono diventati parte della quotidianità..

Nello Stato Tachira  c’è chi parla addirittura di “guerra civile”. La popolazione si è riversata in strada per protestare e alle granate lacrimogene e ai pallettoni di plastico delle forze dell’Ordine risponde con molotov e pietre obbligando Guardia Nazionale e Polizia Nazionale ad arretrare, nonostante l’impiego dei mezzi blindati. Il commercio, così come il trasporto pubblico, è paralizzato. E di nuovo la violenza ha fatto le sue vittime. Nel Settore Sabanetas, a San Cristobal, un adolescente di appena 15 anni, José Francisco Guerrero sarebbe stato colpito da un proiettile sparato, sembra, da una Guardia Nazionale. Operato d’urgenza è deceduto mentre i medici tentavano l’impossibile per salvargli la vita. Manuel Castellanos, invece, avrebbe ricevuto un colpo di Fal, fucile in dotazione nelle Forze Armate. Castellanos, di 30 anni, era estraneo alle manifestazioni e tornava a casa soddisfatto perchè era riuscito ad acquistare un pacchetto di pannolini per il figlio.

E, proprio per arginare la protesta che sembra fuori controllo, il ministro della Difesa, Padrino López, ha deciso di rinforzare la presenza dell’Esercito con almeno duemila soldati e circa 600 “forze speciali”.

– Abbiamo deciso su ordine del presidente della Repubblica – ha detto il ministro – di innalzare il livello del “Plan Zamora”, nel rispetto della Costituzione e dei diritti umanI.

Non si scarta che, limitatamente allo Stato Tachira, possano decretarsi “leggi speciali” e restringere le libertá costituzionali. I provvedimenti sarebbero giustificati dai saccheggi e la violenza.

Il Generale Padrino López ha commentato che le Forze Armate hanno sempre agito nel rispetto della Costituzione e ha smentito categorico che abbiano usato armi da fuoco

– Non ci sará una guerra civile – ha detto.

Ma è evidente che oggi ci sono tutti gli ingredienti per l’incremento della violenza; incremento che nessuno si auspica nè desidera.

Nei giorni scorsi, il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, ha esteso per altri due mesi il decreto di “stato di eccezione ed emergenza economica” che gli permette di restringere le garanzie costituzionali “per preservare l’ordine interno” nel paese. Il testo del decreto stabilisce che l’esecutivo può adottare “le misure urgenti, eccezionali e necessarie per assicurare che la popolazione disponga pienamente dei suoi diritti” e “preservare l’ordine interno, l’accesso opportuno a beni, servizi, alimenti, medicine ed altri prodotti”.

E’ la settima volta consecutiva che Maduro estende i poteri speciali promulgati nel gennaio del 2016, senza l’autorizzazione del Parlamento, in mano all’opposizione dopo la dura sconfitta del chavismo nelle elezioni politiche del mese precedente.

Secondo Jesus Ollarves, docente alla facoltà di legge dell’Università Centrale, il nuovo decreto di Maduro è solo “un inganno per sospendere le garanzie costituzionali, cercare di camuffare la repressione e giustificare gli eccessi e le violazioni dei diritti umani” durante le proteste antigovernative che si susseguono da più di u

 

Ultima ora

22:07Omosessualità è ‘malattia’, Torino Pride contro libro prete

(ANSA) - TORINO, 24 LUG - Definisce l'omosessualità "una malattia" e una "anomalia sessuale". E' polemica per il libro 'Ti amo. La sessualità raccontata agli adolescenti' di don Paolo Gariglio, con prefazione dell'arcivescovo emerito di Torino, cardinale Severino Poletto, distribuito ad un centinaio di adolescenti che partecipano ai campi estivi delle parrocchie di Nichelino, nel Torinese. Per il Torino Pride si tratta di un libro "disseminato di affermazioni omofobe oggi non più accettabili". Dal Torino Pride e dal suo coordinatore Alessandro Battaglia, la richiesta "ufficiale alla Città di Nichelino di prendere posizione. Quello che più ci lascia attoniti - attacca - non sono i contenuti, ai quali siamo abituati, quanto i destinatari", guidati "con menzogne e affermazioni anti scientifiche di un anziano uomo di fede che forse non ha immaginato il male che avrebbe provocato a ragazzi in una fase della vita così delicata. Il germe della discriminazione e del non amore - conclude - purtroppo nasce sempre dalla non conoscenza". (ANSA).

22:07A Milano tuffo in Darsena non autorizzato per consiglieri

(ANSA) - MILANO, 24 LUG - Tuffo nella Darsena di Milano per tre consiglieri comunali della lista civica 'Noi Milano', ma senza l'autorizzazione del Comune. Franco D'Alfonso, Enrico Marcora e Marco Fumagalli (della lista del sindaco Beppe Sala) hanno fatto una nuotata per dimostrare che il bagno si può fare. Anche per questo presenteranno un ordine del giorno per proporre una balneazione regolamentata. I consiglieri bagnanti, tra cui anche Alessandro Morelli, il capogruppo della Lega Nord a Palazzo Marino, avevano chiesto il permesso di balneazione con una lettera al sindaco, Giuseppe Sala, all'assessore al Bilancio e Demanio Roberto Tasca e all'assessore alla Sicurezza Carmela Rozza. Il permesso di balneazione è stato però negato dall'assessorato alla Sicurezza. I consiglieri si sono tuffati comunque alle 13 di oggi, come avevano annunciato, anche perché, come ha fatto notare Alessandro Morelli, la lettera "è arrivata alle 12:59 quando noi ci stavamo già per tuffare". Ora rischiano una multa fino a 150 euro.

21:44Benzina per eliminare pidocchi, mamma e bimba ustionate

(ANSA) - FIRENZE, 24 LUG - Una bambina di 12 anni e la sua mamma sono ricoverate con gravi ustioni per il tentativo di aver cercato di eliminare i pidocchi dalla testa della piccola con benzina o altro materiale infiammabile. La bimba è ricoverata all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze con ustioni di secondo e di terzo grado alla testa, la mamma al centro grandi ustionati di Pisa con bruciature agli arti e al volto. Entrambe sono in prognosi riservata. E' accaduto alcuni giorni fa a Firenze ma è emerso solo oggi. La donna avrebbe avuto il suggerimento dell'uso della benzina per eliminare i parassiti dai capelli della figlia alla quale avrebbe praticato un impacco di liquido infiammabile. Non è chiaro se anche lei si sia sottoposta allo stesso trattamento. La vicinanza di una fiamma avrebbe dato poi fuoco al preparato ferendo mamma e figlia. (ANSA).

21:27Gerusalemme: colloquio Netanyahu-Abdallah,’soluzione vicina’

(ANSAmed) - TEL AVIV, 24 LUG - Una telefonata di mezz'ora fra il premier israeliano, Benyamin Netanyahu, e re Abdallah di Giordania si è conclusa positivamente. Adesso pare vicina una intesa che prevede in parallelo la rimozione dei metal detector dalla Spianata delle Moschee di Gerusalemme e il ritorno in Israele dell'agente di sicurezza coinvolto in incidente nell' ambasciata di Israele ad Amman. Lo sostiene la televisione commerciale Canale 10. Fonti nell'ufficio di Netanyahu si limitano per il momento ad affermare che "i contatti fra Israele e Giordania si sono svolti in un'atmosfera di cooperazione" e che "non c'è stata alcuna richiesta giordana di collegare il ritorno dell'agente con la rimozione dei metal detector dal Monte del Tempio", ossia la Spianata delle Moschee.

21:26Calcio: Sampdoria toglie dal mercato Schick

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - La Sampdoria ha deciso di togliere Patrick Schick dal mercato. Il giocatore ora è a riposo dopo gli esami clinici che avevano evidenziato un'infiammazione al cuore, cosa questa che aveva fatto saltare la trattativa tra blucerchiati e Juventus. L'attaccante ceco dovrà aspettare dopo ferragosto per sottoporsi a nuovi accertamenti e a quel punto il suo futuro sarà deciso in chiave mercato con Inter, Juve e Paris Saint Germain alla finestra. Ma intanto la Samp ha giocato d'anticipo e vorrebbe trattenere Schick ancora una stagione.

21:21Migranti: in video poliziotto a giovane nero,torna in Africa

(ANSA) - GENOVA, 24 LUG - Un ragazzo di colore strattonato da un funzionario di polizia che gli urla di uscire dalla stazione. "Te ne devi andare", "vai al tuo Paese", "vai in Africa", "torna nel Burundi", "fuori dalle balle". A pochi giorni dal caso del poliziotto sospeso per gli insulti razzisti nei confronti di un ragazzo di colore in bicicletta in autostrada, gli attivisti del gruppo Progetto 20k, che offre aiuto ai migranti a Ventimiglia, hanno pubblicato sulla loro pagina Facebook un video nel quale si vede un funzionario della polizia mentre in stazione pronuncia le frasi riportate nei confronti di un ragazzo di colore. Il video ha raggiunto decine di migliaia visualizzazioni e oltre mille condivisioni con i commenti che si dividono tra chi dà ragione al poliziotto e chi lo critica. "I toni, il linguaggio utilizzato e l'atteggiamento del funzionario di polizia - scrivono gli attivisti nel post sul social - sono indice del clima di costante ostilità che circonda i migranti in transito per la città di frontiera".

21:20Incendi: in fiamme il sud-est della Francia e la Corsica

(ANSA) - PARIGI, 24 LUG - Il sud-est della Francia e il nord della Corsica sono in fiamme. Mentre 5 Canadair e 450 pompieri stanno cercando di domare un incendio che ha già bruciato 600 ettari di foresta sul massiccio di Luberon, a sud del dipartimento di Vaucluse, una decina di case sono state evacuate a Carros, piccolo centro situato a pochi chilometri a nord di Nizza, dove sono impiegati attualmente 270 vigili del fuoco. A fuoco anche il nord della Corsica, per un incendio divampato nel pomeriggio nei pressi di Olmeta di Tuda, che ha divorato almeno 900 ettari di terreno.

Archivio Ultima ora