Alta tensione in Siria, raid Usa contro le forze filo-regime

Pubblicato il 18 maggio 2017 da ansa

BEIRUT. – Gli Stati Uniti hanno mandato un avvertimento esplicito alle forze filo-regime siriano di non avvicinarsi a una zona della Siria sud-orientale, usata da Washington e dai suoi alleati per sconfiggere l’Isis e stabilire una zona di influenza vicino all’Iraq e alla Giordania. In un comunicato ufficiale diffuso in serata, la Coalizione anti-Isis a guida Usa ha informato di aver bombardato “forze filo-regime che stavano avanzando dentro un’area di de-escalation” vicino al valico frontaliero di Tanf, tra Siria e Giordania. I caccia coinvolti sono statunitensi.

Secondo l’accordo di Astana del 5 maggio scorso firmato da Russia, Iran e Turchia, le zone di “de-escalation” sono quattro e la loro ampiezza deve essere ancora definita da esperti dei tre paesi che si riuniscono domani a Istanbul e, successivamente, a Teheran.

L’attacco aereo è stato compiuto nel giorno in cui i media americani, che citano l’intelligence statunitense, affermano che lo Stato islamico sta formando una nuova ‘cellula per le armi chimiche’ composta da tutti i suoi esperti in questo campo provenienti dall’Iraq e dalla Siria. Il luogo operativo di questa cellula sarebbe la regione di Dayr az Zor, al confine con l’Iraq e non lontana dal valico di Tanf dove è avvenuto il raid della Coalizione contro forze filo-regime siriano.

E nella Siria centrale sempre l’Isis è al centro della cronaca perché da più parti indicato come responsabile di un massacro di civili nella regione di Hama, nel distretto di Salamiya, nei pressi del villaggio di Aqareb. Qui, secondo media governativi che citano fonti mediche locali, sono stati uccisi 52 civili, tra cui donne e 15 minori di età compresa tra i 3 e i 13 anni.

Alla luce di quanto avvenuto nel sud-est della Siria, sembra comunque evidente che il braccio di ferro regionale e internazionale per la spartizione della Siria in aree di influenza si stia spostando verso la zona sud-orientale, nella regione di Tanf al confine tra Iraq e Giordania, dove da mesi si concentrano milizie siriane sostenute e addestrate da militari americani, britannici e giordani.

Nei giorni scorsi infatti forze siriane e i loro alleati filo-iraniani avevano annunciato di voler recarsi nella stessa zona. Le forze in campo, rivali fra loro, giustificano le loro mire affermando che “combattono contro il terrorismo dell’Isis”.

Poco lontano da quell’area, nell’altra area frontaliera tra Siria e Iraq, nel distretto di Albukamal, la Coalizione avrebbe condotto – secondo media arabi – un’operazione dietro le linee nemiche dell’Isis. Il comunicato di questa sera della Coalizione a guida Usa afferma che il raid contro le forze filo-regime è stato effettuato dopo che la Russia, alleata di Damasco e Teheran, ha tentato di dissuadere le forze lealiste a muoversi verso Tanf.

A quel punto – prosegue la versione americana – i caccia della Coalizione hanno sparato dei colpi di avvertimento, che non hanno però arrestato l’avanzata delle milizie filo-Damasco, che sono state dunque colpite.

(di Lorenzo Trombetta/ANSAmed)

Ultima ora

10:37Libano: stato di allerta esercito a confine Israele

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il capo delle Forze armate libanesi, generale Joseph Aoun, ha disposto il "pieno stato di allerta" dei militari lungo il confine orientale per "fronteggiare le minacce del nemico Israele e delle sue violazioni". Lo annuncia l'esercito su Twitter. Aoun ha chiesto ai soldati di "vigilare" per la "corretta implementazione" della risoluzione 1701 dell'Onu e di "garantire la stabilità" al confine con Israele.

10:08Usa: migranti,nuovo no giudice a stop fondi città-santuario

(ANSA) - SAN FRANCISCO, 21 NOV - Nuova battuta d'arresto per Donald Trump nella sua battaglia per tagliare fondi alle 'citta' santuario', quelle che non collaborano con gli uffici per il controllo dell'immigrazione. Un giudice distrettuale di San Francisco, William Orrick, ha rigettato l'argomentazione dell'amministrazione secondo la quale l'ordine esecutivo si applica solo a una somma di denaro relativamente piccola, e ha stabilito che il presidente non puo' imporre nuove condizioni sulle spese approvate dal Congresso. Il giudice aveva in precedenza argomentato allo stesso modo in una sentenza che aveva sospeso in via solo temporanea l'ordine esecutivo che colpisce le citta'-santuario. L'amministrazione Trump si era appellata contro quella decisione alla nona Corte d'Appello. La sentenza di Orrick era arrivata nella cause proposte da due contee della California, San Francisco e Santa Clara. Il procuratore di San Francisco ha commentato che la sentenza e' ''una vittoria per il popolo americano e per le norme di legge''.

10:00Zimbabwe: vicepresidente a Mugabe, dimettiti

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - Il vicepresidente dimissionato dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, intima a Robert Mugabe di dimettersi in un comunicato reso noto dalla Cnn. "Mugabe ha sempre detto che se il popolo lo avesse voluto avrebbe lasciato l'incarico. Ora che la gente ha parlato deve accettare la volontà del popolo e dimettersi", ha detto Mnangagwa, sottolineando che non tornerà nel Paese fin quando "non verrà garantita" la sua sicurezza.

09:04Putin incontra Assad

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La "lotta al terrorismo in Siria è prossima alla fine": così il presidente russo Vladimir Putin incontrando ieri a Sochi Bashar al Assad. Lo riferisce Russia Today. Nel corso dell'incontro a sorpresa, il leader del Cremlino ha auspicato che il processo politico in Siria sia "sotto l'egida dell'Onu" auspicando che le Nazioni Unite abbiano "parte attiva". Assad ha sottolineato che Damasco accoglie con favore "coloro realmente interessati a una soluzione politica in Siria, con i quali siamo pronti al dialogo".

04:57Usa:stop Trump a piano residenza temporanea 60.000 haitiani

NEW YORK - L'amministrazione Trump mette fine al programma di residenza temporanea concesso a 60.000 haitiani dopo il terremoto. Lo stop entrera' in vigore nel luglio del 2019 alla luce del fatto che Haiti - spiega l'amministrazione - ha compiuto significativi progressi dal terremoto del 2010.

04:50Kosovo: ballottaggi municipali, Pristina a nazionalisti

PRISTINA - Sara' con ogni probabilita' Shpend Ahmeti, rappresentante del movimento nazionalista 'Autodeterminazione', il nuovo sindaco di Pristina, la capitale del Kosovo che e' stata una delle 19 citta' dove domenica si e' votato per i ballottaggi delle municipali. Lo ha reso noto la commissione elettorale, che ha diffuso i dati ancora preliminari del secondo turno delle amministrative. I risultati definitivi si avranno solo dopo l'arrivo per posta delle schede dall'estero e il conteggio di quelle relative a elettori autorizzati a votare in Comuni diversi da quello di residenza.

04:47Argentina: rumore rilevato non di sommergibile, Marina

BUENOS AIRES - Il rumore rilevato nella zona dell'Atlantico sud dove si svolgono le ricerche del sottomarino San Juan disperso ''non corrisponde a quello di un sommergibile''. Lo ha reso noto il portavoce della marina argentina, Enrique Balbi.

Archivio Ultima ora