Inchiesta corruzione, terremoto politico-giudiziario in Sicilia

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

Rosario Crocetta e Simona Vicari

TRAPANI. – E’ un terremoto politico-giudiziario quello che sta scuotendo Trapani, e la Sicilia, dove è stato arrestato per corruzione il candidato sindaco alle amministrative dell’11 giugno: Girolamo Fazio, deputato regionale ed ex Pdl, è finito ai domiciliari con l’accusa di corruzione in una inchiesta della Procura di Palermo che ha portato in carcere Ettore Morace, l’armatore della Liberty lines che l’anno scorso con la Sns rilevò la Siremar, ex Tirrenia.

Il sen. Antonino D’Alì, un tempo sodale politico di Fazio e anche lui candidato sindaco per Forza Italia, aveva sospeso la campagna elettorale dopo avere ricevuto, tre ore dopo la chiusura dei termini per la presentazione delle liste, la notifica con cui la Dda di Palermo chiede il soggiorno obbligato (udienza a luglio) ritenendolo “socialmente pericoloso”.

Ma l’inchiesta della Procura, che coinvolge Fazio, arriva fino ai piani alti della Regione siciliana: per concorso in corruzione è indagato pure il governatore Rosario Crocetta. Secondo un’informativa dei carabinieri che si basa su alcune intercettazioni, Crocetta sarebbe stato in barca con Morace che gli avrebbe pagato una vacanza a Filicudi dopo l’accordo tra la Regione e la compagnia marittima sui collegamenti con le isole minori. Circostanza che il governatore smentisce.

“Sono molto sereno, se riceverò l’avviso a comparire sarò lieto di fornire notizie utili ai magistrati”. Il M5s però va all’attacco: “Crocetta farebbe bene a dimettersi”. E anche il deputato di Sinistra Italiana Erasmo Palazzotto dice: “C’è una questione morale gigantesca in Sicilia che investe la natura del governo regionale siciliano nel suo rapporto perverso con una parte del sistema imprenditoriale dell’Isola. Mi auguro che tutti gli esponenti del governo regionale e nazionale coinvolti in questa inchiesta rassegnino le proprie dimissioni a partire dal Presidente Crocetta e dalla sottosegretaria Vicari”.

Una grana per il governatore che ha già annunciato di volersi ricandidare alle regionali del prossimo novembre e che però ha contro un pezzo del Pd, il suo partito, soprattutto i renziani del sottosegretario Davide Faraone, che pressano per le primarie.

I riflettori in questo momento però rimangono puntati su Trapani, il secondo capoluogo al voto insieme a Palermo nella tornata di giugno. In città c’è sgomento. D’Alì e Fazio erano considerati i candidati più forti, si pensava già a un ballottaggio tra i due, un tempo legatissimi e ora su fronti opposti. A questo punto la partita è più che aperta, col candidato del Pd, Piero Savona, pronto ad approfittarne.

D’Alì sta discutendo con Berlusconi per capire come muoversi: pare escluso un suo ritiro, perché se fosse così decadrebbero le otto liste che lo sostengono. Stesso ragionamento per Fazio, la cui posizione però è ancora più grave, trovandosi ai domiciliari con un accusa pesantissima e una campagna elettorale interrotta di botto. In ballo ci sono circa 320 candidati nelle undici liste dei due politici, aspiranti consiglieri storditi dal terremoto politico-giudiziario.

“Quando un’indagine irrompe così fragorosamente all’interno della vita pubblica di un territorio e nel pieno di una campagna elettorale sarebbe auspicabile che le istituzioni e i poteri dello Stato collaborino a 360 gradi”, sbotta il commissario di Fi in Sicilia, Gianfranco Miccichè.

“Non è possibile che le prefetture di Palermo e di Trapani, che si stanno occupando delle indagini, non trasmettano i dati in loro possesso a tutti gli organi competenti e alle persone informate dei fatti – aggiunge – In questo momento la vita di tante persone è messa a soqquadro come anche la vita politica di un’intera comunità”.

Di tutto questo potrebbero approfittarne i 5stelle col candidato Marcello Maltese che dal blog di Grillo chiama “al riscatto”. “Da decenni il potere in questa città è stato rappresentato da sole due persone: Girolamo Fazio e Antonio D’Alì” in “un sistema di potere – accusa – che ha lasciato macerie in una città con enormi potenzialità e ricchezze, ma di cui hanno fatto terra bruciata. Il M5S è l’unica speranza rimasta”.

(di Alfredo Pecoraro/ANSA)

Ultima ora

04:34Ivanka Trump dovra’ deporre in causa marchio italiano scarpe

NEW YORK - Ivanka Trump dovra' testimoniare nella causa che l'azienda calzaturiera fiorentina Aquazzurra ha fatto alla Marc Fisher Holdings, la societa' che produce per Ivanka una lussuosa e costosissima linea di scarpe. Lo ha stabilito il giudice federale di New York Katherine Forrest, precisando che la figlia del presidente dovra' rispondere a delle domande in una deposizione che non durera' piu' di due ore e si terra' a Washington, se questa e' la preferenza di Ivanka. La causa era stata avviata da Aquazzurra esattamente un anno fa, il 24 giugno 2016. L'azienda italiana sostiene che il modello ''Hettie'' prodotto dal marchio della figlia di Donald Trump e' una copia del suo ''Wild Thing'', e aggiunge che quasi ogni dettaglio della sua calzatura e' stato plagiato.

04:30Affondo del Nyt, pubblica ‘tutte le bugie di Trump’

NEW YORK - 'The liar in chief', un bugiardo al comando. Il New York Times ha catalogato in maniera dettagliata tutte le ''palesi bugie'' che Donald Trump ha detto dal giorno del suo giuramento ed insediamento alla Casa Bianca: una al giorno - si sottolinea - nei primi 40 giorni. Non scordando come l'ascesa politica del tycoon e' stata costruita proprio su una bugia: Barack Obama non e' nato in America. Quella di Trump viene definita una situazione ''senza precedenti per un presidente degli Stati Uniti''. Perche' se tutti i presidente hanno sempre cercato di nascondere qualche verita' - scrive il Nyt - ''nessun altro presidente ha cercato di creare un'atmosfera nella quale la verita' diventa irrilevante''.

04:17Incendio Londra: procede sgombero Camden, rabbia e paura

LONDRA - Sta procedendo lo sgombero dalle cinque torri di Camden, nel nord di Londra, dopo la decisione del consiglio comunale di evacuare i residenti per evitare pericoli legati alla presenza di rivestimenti a rischio incendio dopo la tragedia della Grenfell Tower. Tra le persone che stanno lasciando gli 800 appartamenti prevalgono la rabbia e la paura. Michelle Urquhart ha detto di essere arrabbiata perché fino a giovedì sembrava che la situazione potesse essere gestita senza ricorrere all'evacuazione. Invece ieri la decisione di liberare le torri e di ospitare i residenti in alloggi temporanei.

01:07Arabia Saudita: ‘Sventato attentato a Grande Moschea Mecca’

(ANSA) - ROMA, 24 GIU - Le autorità saudite hanno annunciato venerdì di aver sventato un'"azione terroristica imminente" che aveva come obiettivo la Grande Moschea della Mecca. Lo riferisce al Jazira. In un comunicato del ministro dell'interno si afferma che un uomo che progettava di attaccare la moschea si è fatto esplodere quando le forze di sicurezza hanno circondato la casa alla Mecca dove si era nascosto. Almeno 11 persone, tra cui cinque agenti di polizia, sono rimasti feriti nel crollo dell'edificio a tre piani dove l'uomo si era barricato.

00:14Calcio: all’Inter la Supercoppa Under 17

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Dopo il successo tricolore del Milan fra gli Under 16, festeggia anche la sponda della città interista con la vittoria della Supercoppa Under 17: a Cesenatico, infatti, i nerazzurri si sono imposti per 3-0 sul Como. Reti nel primo tempo di Vergani e nella ripresa di Demirovich (doppietta). Anche su questo campo, prima della partita, è stato osservato un minuto di silenzio in omaggio al vicepresidente del Settore giovanile e scolastico della Figc Fabio Bresci, scomparso due giorni fa.

23:59Vaccini: Pisa, migliaia in corteo contro obbligo

(ANSA) - PISA, 23 GIU - Migliaia di persone stanno partecipando a Pisa ad una fiaccolata contro la vaccinazione obbligatoria. Il corteo sta attraversando pacificamente le principali vie del centro cittadino aperto da un grande striscione sul quale è scritto: "Con la salute non si scherza. Libertà di scelta e sicurezza". Al corteo, senza alcuna insegna di partiti politici, partecipano almeno duemila persone che scandiscono lo slogan "libertà, libertà" e tra loro sono presenti molte famiglie con bambini. La manifestazione è assolutamente pacifica anche se ha letteralmente invaso il centro storico sostituendosi di fatto al consueto affollamento di giovani che animano la movida pisana. (ANSA).

23:38Calcio: Europei U.21, il Portogallo vince ma non basta

(ANSA) - ROMA, 23 GIU - Il Portogallo supera 4-2 la Macedonia nella terza e ultima giornata del gruppo B degli Europei Under 21, ma non riesce a rimanere in gioco per il posto in semifinale riservato alla miglior seconda classificata: c'è infatti già almeno una squadra, la Slovacchia (gruppo A), con una miglior differenza reti dei lusitani. A Gdynia, reti portoghesi di Edgar Ié (2' pt), Bruma (22' pt e 47' st) e Podence (12' st); macedoni di Bardi (40' pt) e Markoski (35' st). Nell'altra gara odierna, a Bydgoszcz, la Spagna già qualificata (insieme all'Inghilterra dal gruppo A) ha battuto anche la Serbia 1-0 (38' pt Suarez) concludendo il girone a punteggio pieno (Spagna 9; Portogallo 6; Serbia e Macedonia 1). La fase a gironi si conclude domani con le partite del gruppo C: Repubblica ceca-Danimarca e Italia-Germania.

Archivio Ultima ora