Inchiesta corruzione, terremoto politico-giudiziario in Sicilia

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

Rosario Crocetta e Simona Vicari

TRAPANI. – E’ un terremoto politico-giudiziario quello che sta scuotendo Trapani, e la Sicilia, dove è stato arrestato per corruzione il candidato sindaco alle amministrative dell’11 giugno: Girolamo Fazio, deputato regionale ed ex Pdl, è finito ai domiciliari con l’accusa di corruzione in una inchiesta della Procura di Palermo che ha portato in carcere Ettore Morace, l’armatore della Liberty lines che l’anno scorso con la Sns rilevò la Siremar, ex Tirrenia.

Il sen. Antonino D’Alì, un tempo sodale politico di Fazio e anche lui candidato sindaco per Forza Italia, aveva sospeso la campagna elettorale dopo avere ricevuto, tre ore dopo la chiusura dei termini per la presentazione delle liste, la notifica con cui la Dda di Palermo chiede il soggiorno obbligato (udienza a luglio) ritenendolo “socialmente pericoloso”.

Ma l’inchiesta della Procura, che coinvolge Fazio, arriva fino ai piani alti della Regione siciliana: per concorso in corruzione è indagato pure il governatore Rosario Crocetta. Secondo un’informativa dei carabinieri che si basa su alcune intercettazioni, Crocetta sarebbe stato in barca con Morace che gli avrebbe pagato una vacanza a Filicudi dopo l’accordo tra la Regione e la compagnia marittima sui collegamenti con le isole minori. Circostanza che il governatore smentisce.

“Sono molto sereno, se riceverò l’avviso a comparire sarò lieto di fornire notizie utili ai magistrati”. Il M5s però va all’attacco: “Crocetta farebbe bene a dimettersi”. E anche il deputato di Sinistra Italiana Erasmo Palazzotto dice: “C’è una questione morale gigantesca in Sicilia che investe la natura del governo regionale siciliano nel suo rapporto perverso con una parte del sistema imprenditoriale dell’Isola. Mi auguro che tutti gli esponenti del governo regionale e nazionale coinvolti in questa inchiesta rassegnino le proprie dimissioni a partire dal Presidente Crocetta e dalla sottosegretaria Vicari”.

Una grana per il governatore che ha già annunciato di volersi ricandidare alle regionali del prossimo novembre e che però ha contro un pezzo del Pd, il suo partito, soprattutto i renziani del sottosegretario Davide Faraone, che pressano per le primarie.

I riflettori in questo momento però rimangono puntati su Trapani, il secondo capoluogo al voto insieme a Palermo nella tornata di giugno. In città c’è sgomento. D’Alì e Fazio erano considerati i candidati più forti, si pensava già a un ballottaggio tra i due, un tempo legatissimi e ora su fronti opposti. A questo punto la partita è più che aperta, col candidato del Pd, Piero Savona, pronto ad approfittarne.

D’Alì sta discutendo con Berlusconi per capire come muoversi: pare escluso un suo ritiro, perché se fosse così decadrebbero le otto liste che lo sostengono. Stesso ragionamento per Fazio, la cui posizione però è ancora più grave, trovandosi ai domiciliari con un accusa pesantissima e una campagna elettorale interrotta di botto. In ballo ci sono circa 320 candidati nelle undici liste dei due politici, aspiranti consiglieri storditi dal terremoto politico-giudiziario.

“Quando un’indagine irrompe così fragorosamente all’interno della vita pubblica di un territorio e nel pieno di una campagna elettorale sarebbe auspicabile che le istituzioni e i poteri dello Stato collaborino a 360 gradi”, sbotta il commissario di Fi in Sicilia, Gianfranco Miccichè.

“Non è possibile che le prefetture di Palermo e di Trapani, che si stanno occupando delle indagini, non trasmettano i dati in loro possesso a tutti gli organi competenti e alle persone informate dei fatti – aggiunge – In questo momento la vita di tante persone è messa a soqquadro come anche la vita politica di un’intera comunità”.

Di tutto questo potrebbero approfittarne i 5stelle col candidato Marcello Maltese che dal blog di Grillo chiama “al riscatto”. “Da decenni il potere in questa città è stato rappresentato da sole due persone: Girolamo Fazio e Antonio D’Alì” in “un sistema di potere – accusa – che ha lasciato macerie in una città con enormi potenzialità e ricchezze, ma di cui hanno fatto terra bruciata. Il M5S è l’unica speranza rimasta”.

(di Alfredo Pecoraro/ANSA)

Ultima ora

14:13Operatrice violentata, oggi interrogatorio chiedente asilo

(ANSA) - MILANO, 22 SET - Si terrà nel pomeriggio l'udienza di convalida del fermo di Salvatore S., 20 anni, della Sierra Leone che mercoledì scorso ha violentato un'operatrice di 27 anni all'interno della struttura di accoglienza "Terra promessa" di Fontanella nel Bergamasco. Il pm di Bergamo Davide Palmieri ha chiesto la custodia cautelare in carcere con l'accusa di violenza sessuale e lesioni. La donna ha riportato lesioni guaribili in 30 giorni. La violenza era stata interrotta da altri due migranti, ospiti della struttura, che avevano aiutato i carabinieri a bloccare il fermato.

14:02Cuoco reggiano ucciso in Francia nel 2015, due arresti

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 22 SET - Due uomini sarebbero stati arrestati in Francia per l'omicidio di Fabio Bassoli, cuoco 31enne originario di Rolo, nel Reggiano, ucciso il 2 ottobre 2015 nella sua casa a Pont de Labeaume, Francia del sud. Lo riporta la stampa locale. Bassoli era stato assassinato dopo aver scoperto un tentativo di furto. Aveva ferito al naso uno dei ladri che stavano rubando il suo furgone-cucina ma era stato ucciso, forse con una mazza. A quanto si apprende sulle indagini, gli arrestati sarebbero franco-algerini. Uno è stato arrestato a novembre, l'altro poche settimane fa. A indirizzare le indagini verso i presunti assassini sarebbe stata un'infermiera che nei giorni successivi all'omicidio curò in una casa privata un uomo col naso rotto. Il paziente poi scomparve. La donna però aveva conservato il sangue che aveva prelevato e il dna repertato corrisponderebbe a quello trovato sul corpo del morto. L'arresto sarebbe avvenuto in Spagna, dopo che era fuggito in Algeria. Il complice sarebbe stato fermato in Francia.

14:00Germania: tutti contro l’estrema destra

(ANSA) - BERLINO, 22 SET - Si contendono i voti dei tedeschi con programmi diversi. Ma su una cosa sono tutti d'accordo: l'opposizione alla destra oltranzista che fa tremare la politica tedesca a due giorni dal voto. Ieri sera è diventato evidente in un noto talk show televisivo, dove tutti i partiti erano allineati contro AFD. Ospiti della serata, Ursula von der Leyen (CDU), Manuela Schwesig (SPD), Christian Lindner (FDP), Sahra Wagenknecht (LINKE), Catrin Goering-Eckardt (VERDI), Alexander Gauland (AFD). "Lei non è in grado di affrontare temi come le politiche climatiche, perché il suo partito non guarda oltre i confini nazionali. AFD non è in grado di collaborare con gli altri", ha detto von der Leyen, bacchettando la posizione dei populisti sul cambiamento climatico. Quando il candidato di spicco ha ammesso che AFD "non ha un programma sulle pensioni dal momento che è un giovane partito", Lindner gli ha replicato: "E cosa avete fatto in questi 4 anni?".

13:58Papa: preoccupa xenofobia in Europa, anche tra cattolici

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Non vi nascondo la mia preoccupazione di fronte ai segni di intolleranza, discriminazione e xenofobia che si riscontrano in diverse regioni d'Europa. Esse sono spesso motivate dalla diffidenza e dal timore verso l'altro, il diverso, lo straniero". Così il Papa ai capi della pastorale migranti. "Mi preoccupa ancor più la triste constatazione che le nostre comunità cattoliche in Europa non sono esenti da queste reazioni di difesa e rigetto, giustificate da un non meglio specificato 'dovere morale' di conservare l'identità culturale e religiosa originaria".

13:50Russiagate: Trump, continuano inganni

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "L'inganno Russia prosegue, ora con le inserzioni su Facebook. E la copertura mediatica totalmente offensiva e disonesta in favore della corrotta Hillary?". Così il presidente Usa Donald Trump su Twitter. In precedenza, Mosca ha smentito ogni coinvolgimento nella vicenda: la Russia non ha mai adoperato pubblicità a sfondo politico su Facebook allo scopo di influenzare le elezioni americane del 2016, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitri Peskov. "Non sappiamo chi abbia piazzato le pubblicità su Facebook o come: la Russia non ha nulla a che vedere con tutto questo", ha detto Peskov.

13:47Calcio: Allegri, con il Torino sarà un derby complicato

(ANSA) - ROMA, 22 SET - "Il Torino può ambire ad uno dei primi 6 posti: già l'anno scorso aveva una squadra con ottima tecnica e ora ha completato la rosa con giocatori da Toro come Ansaldi, Rincon, Niang davanti". Così Massimiliano Allegri, alla vigilia del derby con i granata. "Mihajlovic - aggiunge il tecnico della Juventus - ha giocatori di buona qualità tecnica e l'organico è stato rinforzato con altri solidi: ecco perché il Torino è migliorato. Per noi sarà una partita complicata, importante per due ragioni: è un derby e dobbiamo vincere per dare seguito ai 5 successi di fila". Quindi, viene introdotto il tema del momento difficile di Gonzalo Higuain e Allegri si mostra fiducioso. "Ha la totale fiducia dei compagni, dell'allenatore, della società e dei tifosi: viene da tre partite senza gol e si sbloccherà. Già con la Fiorentina ha fatto progressi, attaccando l'area in modo migliore. Sarà titolare domani sera? Ci sono tante partite da giocare: una volta starà fuori Dybala, un'altra Higuain, un'altra Mandzukic...".

13:46Calcio: Udinese, Delneri “allenatore dipende da risultati”

(ANSA) - UDINE, 22 SET - "L'allenatore è sempre in discussione, dipende dai risultati. Ma sono sereno per il lavoro fatto". Lo ha dichiarato il tecnico dell'Udinese Gigi Delneri, nella consueta conferenza stampa in vista della trasferta di domani in casa della Roma, precisando di essere sereno nonostante le 4 sconfitte in 5 gare che possono far traballare la sua panchina. "Dobbiamo migliorare quelle che sono le nostre difficoltà - ha aggiunto - Certo per il ruolo di un allenatore contano più i risultati del gioco ed è l'allenatore che risponde dei risultati negativi". L'Udinese, comunque, a suo giudizio "sta pagando a caro prezzo la falsa partenza delle prime due partite" e la Roma, "squadra in lotta per la Champions, con giocatori di spessore", "è un avversario poco abbordabile sulla carta". "Ma giochiamo 11 contro 11, dobbiamo fare la nostra partita sperando di fare meno errori".

Archivio Ultima ora