Doppio schiaffo a Trump, Russiagate arriva alla Casa Bianca

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Non si ferma ma anzi, prende forza, la bufera che scuote il presidente Donald Trump e la Casa Bianca, con nuove rivelazioni a raffica del New York Times e del Washington Post, pubblicate pochi istanti dopo la partenza del presidente per il suo primo viaggio all’estero.

Il Nyt scrive che all’incontro nello Studio Ovale con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e l’ambasciatore russo negli Usa, lo scorso 10 maggio, Trump parlò del licenziamento di James Comey dalla guida dell’Fbi, affermando che ciò alleggeriva “la forte pressione” su di lui. E definendo l’ex direttore del Bureau investigativo un ”pazzo, fuori di testa”.

Contestualmente il Washington Post parla del coinvolgimento di un alto funzionario della Casa Bianca, molto vicino al presidente, nelle indagini in corso sul Russiagate. Se così fosse è la prima volta che l’inchiesta arriva così vicina al commander in chief.

Rivelazioni diffuse letteralmente attimi dopo il decollo dell’Air Force One con a bordo Trump, diretto in Medio Oriente e in Europa per il suo primo viaggio all’estero da presidente, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, ma evidentemente non al riparo da una crisi che secondo alcuni è ormai conclamata. E, osservano in molti, anche in gran parte autoinflitta.

Non avrebbe comunque potuto voltare pagina davvero, non con il posto da direttore dell’Fbi lasciato ancora vacante (è slittato infatti l’annuncio atteso prima della partenza del presidente) e non con il procuratore speciale Robert Mueller appena nominato per gestire l’inchiesta sul Russiagate.

Ma Trump sperava di mettere un punto portando l’attenzione con sé nel viaggio in cui, via Twitter prima di partire, ha promesso che lavorerà per gli interessi americani. E invece lo seguono nuove complicazioni che si prospettano esplosive.

Si parte da quelle diffuse dal New York Times: si basano su appunti presi durante l’incontro nello Studio Ovale e circolati internamente alla Casa Bianca come resoconto ufficiale. E’ stato un funzionario a leggerne i passaggi salienti al quotidiano, con un secondo che ha confermato nelle linee generali il contenuto della conversazione. E il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer non ha negato. Ha reagito però, tentando di spiegare: ”Attirando l’attenzione su di sé e politicizzando le indagini sulla Russia, James Comey ha creato una pressione non necessaria sulla nostra capacità di trattare con la Russia”, ha detto.

”L’indagine sarebbe andata comunque avanti e l’uscita di Comey non mette fine all’inchiesta”, ha proseguito, concludendo come “ancora una volta l’unica vera notizia è che la nostra sicurezza nazionale è stata messa a rischio dalla fuga di notizie di conversazioni private e classificate”.

E’ un tentativo di difesa in extremis. Se risulterà convincente è da vedere. Perché oltre al clamore possibile per il modo in cui Trump ha apostrofato il direttore dell’Fbi licenziato poche ore prima, il passaggio cruciale di quella conversazione è l’apparente ammissione di aver deciso di sollevare Comey dall’incarico proprio in seguito a quella “enorme pressione” relativa alla Russia che menziona.

Una tattica diplomatica, insiste chi lo difende, per fare leva e negoziare con Lavrov, per creare presso l’interlocutore un senso di obbligo, di debito quasi, per i problemi che i sospetti sulle intrusioni russe hanno scaricato sulla sua presidenza.

Trump è in volo, ma il colpo arriva e durissimo. E come a stringerlo ai fianchi, la seconda – ma contestuale – rivelazione, pubblicata dal Washington Post, parla di un consigliere di alto livello alla Casa Bianca quale persona interessata dall’inchiesta sul Russiagate, citando fonti anonime informate. Una rivelazione, scrive ancora il giornale, che giunge mentre l’inchiesta sembra entrare in una fase particolarmente intensa, un’intensità che ci si aspetta aumenti ulteriormente nelle prossime settimane. Fonti sottolineano tuttavia che l’accelerazione non implica una imminente virata su accuse penali o di altro tipo.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

05:20Parigi, a Notre Dame una Messa per le vittime di Barcellona

(ANSA) - PARIGI, 21 AGO - Parigi ha reso omaggio alle vittime della strage di Barcellona con una Messa alla Cattedrale di Notre Dame. Durante la funzione sono state ricordati anche i morti in altri attentati e le vittime dei disastri naturali avvenuti durante l'estate in varie parti del mondo. "Sfortunatamente so quanto questi omicidi possono traumatizzare l'intera popolazione - ha detto l' arcivescovo di Parigi, il cardinale Andre Vingt-Trois, annunciando l'iniziativa - e so che la presenza della Chiesa può aiutare ad affrontare questo calvario". Il riferimento è ai vari attentati subiti dalla capitale francese in tempi recenti. Nella stessa Notre Dame, nel giugno scorso, un dottorando algerino tentò di attaccare degli agenti con un martello. E lo scorso anno ci fu un fallito attacco da parte di una donna sospetta estremista islamica. Nell' attacco a Barcellona, in cui sono morte 14 persone, 30 dei 120 feriti erano francesi.

05:00Nave da guerra Usa urta tanker vicino Singapore, dispersi

(ANSA) - SINGAPORE, 21 AGO - Una nave antimissile della Marina degli Stati Uniti si è scontrata con una nave cisterna nelle acque tra Singapore e lo Stretto di Malacca e almeno 10 marinai risultano dispersi. Altri cinque - riferisce la Marina statunitense - sono rimasti feriti. La USS John S. McCain, ha subito importanti danni allo scafo per la collisione con la nave cisterna Alnic MC, adibita al trasporto di prodotti petrolchimici, avvenuto alle 5.24 ora locale, le 23.24 circa in Italia. E' la seconda collisione in cui è coinvolta una nave della Marina Usa nel Pacifico negli ultimi due mesi. Nel giugno scorso sette marinai sono morti nello scontro tra la USS Fitzgerald e una portacontainer al largo del Giappone. Il capitano della Fitzgerald era stato poi rimosso dall' incarico dopo che la Marina Usa aveva accertato una serie di negligenze che avevano contribuito a provocare l' incidente. L' indagine è ancora in corso. La McCain, di base a Yokosuka, in Giappone, era diretta a Singapore per uno scalo di routine.

04:55Auto fuori strada nel milanese, un morto e 3 dispersi

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Un uomo è morto e altre tre persone, una coppia e un bambino, risultano disperse a seguito di un incidente stradale avvenuto ieri sera sulla provinciale rivoltana, tra Milano e Cremona. L'allarme è stato dato intorno alle 20.30 dagli occupanti di un'altra automobile che hanno assistito alla scena: l'auto, una Peugeot 307, è uscita di strada all'imbocco di un cavalcavia, ha sfondato il guard rail ed è finita nel canale Muzza, in comune di Truccazzano (Milano). La forte corrente ha trascinato l'automobile e i suoi occupanti per oltre un chilometro e mezzo prima che i soccorritori, subito accorsi sul posto, potessero localizzarli, 4 ore dopo. Secondo quanto riferito da un conoscente, alla guida dell'automobile c'era un cinquantenne di Pioltello, il cui corpo è stato recuperato dai sommozzatori dopo l'una di notte, e a bordo vi sarebbero state altre tre persone: una coppia di trentenni con un bambino di 8 anni, che al momento risultano dispersi. Le ricerche sono state sospese, e riprenderanno all'alba.

00:37Calcio: Real Madrid senza problemi, cala il tris a La Coruna

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Il Real Madrid cala il tris in Galizia, sul campo del Deportivo La Coruna, chiudendo come meglio non poteva la prima esibizione stagionale nella Liga. I campioni d'Europa hanno sbloccato il punteggio al 20' con il gallese Bale, hanno raddoppiato al 27' con Casemiro e chiuso i conti al 17' della ripresa con l'ottimo tedesco Tony Kroos, autore del 3-0 finale, su assist dello stesso Bale. Non si è fatta sentire l'assenza di Cristiano Ronaldo, nella squadra di Zinedine Zidane, che in attacco si è affidato al tridente formato da Isco, Benzema e Bale. (ANSA).

00:07Calcio: Inter, Spalletti “Io fuoriclasse? Non faccio gol…”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Sono molto soddisfatto dell'esordio a San Siro, a cominciare dalla presenza del pubblico che ci ha trasmesso il suo affetto. La squadra ha giocato un buon calcio, contro una squadra che comunque ha una sua organizzazione, che in alcuni frangenti ci ha messo in difficoltà". Luciano Spalletti traccia un bilancio tutto in positivo della prima ufficiale a San Siro da allenatore dell'Inter. "Icardi e Perisic? Hanno grande qualità nell'attaccare gli spazi, ma aggiungiamoci anche Miranda e Skriniar, che nei momenti di sofferenza hanno fatto il loro lavoro - ha detto a Mediaset Premium il tecnico nerazzurro -. C'è chi dice che il fuoriclasse sia io? Io mica faccio gol, sono i giocatori con le loro qualità a determinare i risultati. Io posso solo dare delle indicazioni". Sabato c'è il ritorno a Roma: "Incontro molti amici, ci vado con grande disponibilità a prescindere da come mi accolgieranno".

00:05Calcio: PSG forza sei, Neymar scatenato ne fa due

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Due gol e due assist. Si apre più che positivamente la parentesi nella Ligue 1 per Neymar che ha contribuito in modo determinante al 6-2 rifilato dal PSG al Tolosa. Il brasiliano ha aperto le marcature al 31' e 4' più tardi ha servito a Rabiot il pallone del 2-0, dopo che gli ospiti erano passati in vantaggio al 18' con Gradel. Al 30' st Cavani ha calato il tris su rigore e, dopo il gol ospite di Jullien al 33', Pastore ha fatto poker al 37'. In chiusura gol di Kurzawa al 39' - su assist di Neymar - e alto punto del brasiliano al 47'. (ANSA).

00:05Calcio: Pioli non soddisfatto da Var, su Simeone era rigore

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Il risultato ci penalizza oltremisura, anche se abbiamo incontrato una squadra che in questo momento sta meglio di noi. La partita mi lascia comunque sensazioni positive, anche se dovevamo comunque rimanere in partita e cercare di non prendere il terzo gol. Dispiace, ma credo che la Fiorentina abbia fatto buone cose: dobbiamo crescere, ma abbiamo il materiale per fare un buon lavoro". Lo ha detto Stefano Pioli, commentando la sconfitta della Fiorentina sul campo dell'Inter. "Abbiamo disputato un precampionato faticoso, dal punto di vista degli inserimenti, ma abbiamo un buon organico: è chiaro che non possiamo ancora essere squadra - conclude - ma non abbiamo mollato e abbiamo avuto buoni atteggiamenti. Il rigore su Simeone? Pensavo solo che, siccome l'episodio era dubbio, forse era il caso che Tagliavento andasse a controllare di persona, ma se hanno deciso così lo accetto. Anche se secondo me il fallo di Miranda, a vedere le immagini, c'era".

Archivio Ultima ora