Doppio schiaffo a Trump, Russiagate arriva alla Casa Bianca

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Non si ferma ma anzi, prende forza, la bufera che scuote il presidente Donald Trump e la Casa Bianca, con nuove rivelazioni a raffica del New York Times e del Washington Post, pubblicate pochi istanti dopo la partenza del presidente per il suo primo viaggio all’estero.

Il Nyt scrive che all’incontro nello Studio Ovale con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e l’ambasciatore russo negli Usa, lo scorso 10 maggio, Trump parlò del licenziamento di James Comey dalla guida dell’Fbi, affermando che ciò alleggeriva “la forte pressione” su di lui. E definendo l’ex direttore del Bureau investigativo un ”pazzo, fuori di testa”.

Contestualmente il Washington Post parla del coinvolgimento di un alto funzionario della Casa Bianca, molto vicino al presidente, nelle indagini in corso sul Russiagate. Se così fosse è la prima volta che l’inchiesta arriva così vicina al commander in chief.

Rivelazioni diffuse letteralmente attimi dopo il decollo dell’Air Force One con a bordo Trump, diretto in Medio Oriente e in Europa per il suo primo viaggio all’estero da presidente, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, ma evidentemente non al riparo da una crisi che secondo alcuni è ormai conclamata. E, osservano in molti, anche in gran parte autoinflitta.

Non avrebbe comunque potuto voltare pagina davvero, non con il posto da direttore dell’Fbi lasciato ancora vacante (è slittato infatti l’annuncio atteso prima della partenza del presidente) e non con il procuratore speciale Robert Mueller appena nominato per gestire l’inchiesta sul Russiagate.

Ma Trump sperava di mettere un punto portando l’attenzione con sé nel viaggio in cui, via Twitter prima di partire, ha promesso che lavorerà per gli interessi americani. E invece lo seguono nuove complicazioni che si prospettano esplosive.

Si parte da quelle diffuse dal New York Times: si basano su appunti presi durante l’incontro nello Studio Ovale e circolati internamente alla Casa Bianca come resoconto ufficiale. E’ stato un funzionario a leggerne i passaggi salienti al quotidiano, con un secondo che ha confermato nelle linee generali il contenuto della conversazione. E il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer non ha negato. Ha reagito però, tentando di spiegare: ”Attirando l’attenzione su di sé e politicizzando le indagini sulla Russia, James Comey ha creato una pressione non necessaria sulla nostra capacità di trattare con la Russia”, ha detto.

”L’indagine sarebbe andata comunque avanti e l’uscita di Comey non mette fine all’inchiesta”, ha proseguito, concludendo come “ancora una volta l’unica vera notizia è che la nostra sicurezza nazionale è stata messa a rischio dalla fuga di notizie di conversazioni private e classificate”.

E’ un tentativo di difesa in extremis. Se risulterà convincente è da vedere. Perché oltre al clamore possibile per il modo in cui Trump ha apostrofato il direttore dell’Fbi licenziato poche ore prima, il passaggio cruciale di quella conversazione è l’apparente ammissione di aver deciso di sollevare Comey dall’incarico proprio in seguito a quella “enorme pressione” relativa alla Russia che menziona.

Una tattica diplomatica, insiste chi lo difende, per fare leva e negoziare con Lavrov, per creare presso l’interlocutore un senso di obbligo, di debito quasi, per i problemi che i sospetti sulle intrusioni russe hanno scaricato sulla sua presidenza.

Trump è in volo, ma il colpo arriva e durissimo. E come a stringerlo ai fianchi, la seconda – ma contestuale – rivelazione, pubblicata dal Washington Post, parla di un consigliere di alto livello alla Casa Bianca quale persona interessata dall’inchiesta sul Russiagate, citando fonti anonime informate. Una rivelazione, scrive ancora il giornale, che giunge mentre l’inchiesta sembra entrare in una fase particolarmente intensa, un’intensità che ci si aspetta aumenti ulteriormente nelle prossime settimane. Fonti sottolineano tuttavia che l’accelerazione non implica una imminente virata su accuse penali o di altro tipo.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

13:18Crollo cavalcavia nel Lecchese, inchiesta rischia stop

(ANSA) - LECCO, 23 NOV - L'inchiesta penale sul crollo del ponte di Annone (Lecco) lungo la Superstrada 36 Milano-Lecco, rischia uno stop. La ragione è legata al trasferimento del sostituto procuratore Nicola Preteroti, titolare del fascicolo d'inchiesta, destinato alla Procura di Bergamo e in quella sede atteso per fine mese. Non è servita la richiesta specifica del procuratore capo lecchese, Antonio Chiappani, inoltrata al Ministero della Giustizia. Da Roma è arrivato un no. A questo punto Preteroti dovrà lasciare nel giro di pochi giorni il suo ufficio lecchese, e dovrà farlo senza che il suo sostituto sia ancora arrivato a Lecco. La Procura di Lecco è sotto organico da tempo e il procuratore capo Chiappani potrebbe essere costretto a chiedere il congelamento dei termini dell'inchiesta fino all'arrivo del nuovo magistrato. Il crollo del ponte di Annone avvenne il 28 ottobre dello scorso anno e provocò la morte di un automobilista, Claudio Bertini, il ferimento di altre persone e pesantissimi disagi alla circolazione.

13:08Migranti:’ribelli’ Cona hanno trascorso notte a Malcontenta

(ANSA) - VENEZIA, 23 NOV - Hanno trascorso la notte al primo piano del centro civico di Malcontenta i migranti provenienti dall'ex base di Cona che hanno chiesto di non far rientro nel centro di accoglienza per protesta contro le condizioni della struttura. Al gruppo si sono aggiunti anche gli stranieri che erano stati portati a Jesolo: il gruppo è composto ora da 69 persone. Da un'ora i migranti stanno tenendo un'assemblea al primo piano del centro civico per decidere se accogliere o meno la proposta del prefetto di nominare al loro interno una rappresentanza che porti avanti la trattativa.

13:00Roma:Raggi,ok bilancio 2018-2020,stop era scroccopoli

(ANSA) - ROMA, 23 NOV "Approveremo (in aula, ndr) il bilancio nei tempi per garantire alla struttura centrale e periferica di lavorare in maniera corretta. E' la fine di scroccopoli, quella che abbiamo visto anche con le case (popolari, ndr) occupate. Non aumentano le tariffe. E ci sono investimenti sopratutto per ultimi: 36 milioni in più ai municipi da investire su sociale e 30 milioni in più sulla manutenzione di strade e scuole". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi presentando il bilancio di previsione 2018-2020 già passato in giunta.

12:49Cauzione da 5 mln euro per senatore russo fermato a Nizza

(ANSA) - MOSCA, 23 NOV - Il senatore russo Suleiman Kerimov, fermato all'aeroporto di Nizza martedì scorso, è stato incriminato dei reati di riciclaggio ed evasione fiscale. Lo ha confermato alla Tass il procuratore Jean-Michel Pretre. Kerimov dovrà "consegnare il passaporto alla polizia, non potrà lasciare la regione sino a che le indagini non saranno finite, dovrà pagare 5 milioni di euro di cauzione e dovrà interrompere i contatti con una lista di persone che non possiamo rendere pubblica", ha detto Pretre. Mosca ha reagito con forza ricordando alla Francia che Kerimov ha l'immunità diplomatica. Ma il ministero degli Esteri francese ha sottolineato che l'immunità vale solo per la sua capacità ufficiale e che sulla questione si esprimerà il giudice incaricato di seguire il caso.

12:47Etruria: udienza ad Arezzo, tribunale blindato

(ANSA) - AREZZO, 23 NOV - Tribunale di Arezzo blindato per l'udienza preliminare sul crac Etruria: oggi il gup Giampiero Borraccia è chiamato a decidere sull'ammissibilità di 2.500 richieste di costituzione di parte civile. Circa 40 risparmiatori presenti fuori dal Palazzo di giustizia non vengono fatti avvicinare all'area esterna di pertinenza dell'edificio, protetto da un cordone di protezione di polizia e carabinieri, così come i giornalisti, ai quali già nelle precedente udienza del 12 ottobre era stato interdetto l'accesso. "Non siamo delinquenti, siamo sempre stati civili, questo cordone di sicurezza come in un processo per mafia è vergognoso", ha detto uno dei rappresentanti dei risparmiatori che espongono alcuni cartelli contro il decreto salvabanche, senza urlare slogan. Tra i presenti anche Letizia Giorgianni, presidente dell'associazione Vittime salvabanche.

12:43Donna trovata morta in un parco a Milano, è omicidio

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Una donna di 67 anni, Marilena N, è stata trovata morta stamani nel parco di Villa Litta a Milano, nel quartiere Affori, a Milano. La suadra mobile indaga per omicidio. Il primo a dare l'allarme è stato un passante attorno alle 7.20. Quando i paramedici del 118 sono arrivati sul posto era ancora viva ma le manovre di rianimazione non sono servite. La ferita alla gola le è stata fatale. Potrebbe comunque aver fornito ai primi soccorritori elementi utili alle indagini. La donna, che viveva nella stessa zona dove è stata trovata cadavere, indossava dei leggings neri, una minigonna grigia, un cappotto e, pare, una parrucca. Il cadavere si trova a pochi metri da una telecamera del Comune, in un crocevia molto illuminato, e la Polizia ha già acquisito le immagini.

12:37Molestie: Macron verso piano di ‘sicurezza sessuale’

(ANSA) - PARIGI, 23 NOV - Il presidente francese, Emmanuel Macron, presenterà sabato prossimo un piano di "sicurezza sessuale" sull'onda dello scandalo Weinstein. In pratica, spiega BFM-TV, si tratta di un insieme di "misure di prevenzione contro le violenze sulle donne". Il governo di Parigi intende, in particolare, cambiare la società e cambiare "globalmente i comportamenti". (ANSA).

Archivio Ultima ora