Doppio schiaffo a Trump, Russiagate arriva alla Casa Bianca

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Non si ferma ma anzi, prende forza, la bufera che scuote il presidente Donald Trump e la Casa Bianca, con nuove rivelazioni a raffica del New York Times e del Washington Post, pubblicate pochi istanti dopo la partenza del presidente per il suo primo viaggio all’estero.

Il Nyt scrive che all’incontro nello Studio Ovale con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e l’ambasciatore russo negli Usa, lo scorso 10 maggio, Trump parlò del licenziamento di James Comey dalla guida dell’Fbi, affermando che ciò alleggeriva “la forte pressione” su di lui. E definendo l’ex direttore del Bureau investigativo un ”pazzo, fuori di testa”.

Contestualmente il Washington Post parla del coinvolgimento di un alto funzionario della Casa Bianca, molto vicino al presidente, nelle indagini in corso sul Russiagate. Se così fosse è la prima volta che l’inchiesta arriva così vicina al commander in chief.

Rivelazioni diffuse letteralmente attimi dopo il decollo dell’Air Force One con a bordo Trump, diretto in Medio Oriente e in Europa per il suo primo viaggio all’estero da presidente, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, ma evidentemente non al riparo da una crisi che secondo alcuni è ormai conclamata. E, osservano in molti, anche in gran parte autoinflitta.

Non avrebbe comunque potuto voltare pagina davvero, non con il posto da direttore dell’Fbi lasciato ancora vacante (è slittato infatti l’annuncio atteso prima della partenza del presidente) e non con il procuratore speciale Robert Mueller appena nominato per gestire l’inchiesta sul Russiagate.

Ma Trump sperava di mettere un punto portando l’attenzione con sé nel viaggio in cui, via Twitter prima di partire, ha promesso che lavorerà per gli interessi americani. E invece lo seguono nuove complicazioni che si prospettano esplosive.

Si parte da quelle diffuse dal New York Times: si basano su appunti presi durante l’incontro nello Studio Ovale e circolati internamente alla Casa Bianca come resoconto ufficiale. E’ stato un funzionario a leggerne i passaggi salienti al quotidiano, con un secondo che ha confermato nelle linee generali il contenuto della conversazione. E il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer non ha negato. Ha reagito però, tentando di spiegare: ”Attirando l’attenzione su di sé e politicizzando le indagini sulla Russia, James Comey ha creato una pressione non necessaria sulla nostra capacità di trattare con la Russia”, ha detto.

”L’indagine sarebbe andata comunque avanti e l’uscita di Comey non mette fine all’inchiesta”, ha proseguito, concludendo come “ancora una volta l’unica vera notizia è che la nostra sicurezza nazionale è stata messa a rischio dalla fuga di notizie di conversazioni private e classificate”.

E’ un tentativo di difesa in extremis. Se risulterà convincente è da vedere. Perché oltre al clamore possibile per il modo in cui Trump ha apostrofato il direttore dell’Fbi licenziato poche ore prima, il passaggio cruciale di quella conversazione è l’apparente ammissione di aver deciso di sollevare Comey dall’incarico proprio in seguito a quella “enorme pressione” relativa alla Russia che menziona.

Una tattica diplomatica, insiste chi lo difende, per fare leva e negoziare con Lavrov, per creare presso l’interlocutore un senso di obbligo, di debito quasi, per i problemi che i sospetti sulle intrusioni russe hanno scaricato sulla sua presidenza.

Trump è in volo, ma il colpo arriva e durissimo. E come a stringerlo ai fianchi, la seconda – ma contestuale – rivelazione, pubblicata dal Washington Post, parla di un consigliere di alto livello alla Casa Bianca quale persona interessata dall’inchiesta sul Russiagate, citando fonti anonime informate. Una rivelazione, scrive ancora il giornale, che giunge mentre l’inchiesta sembra entrare in una fase particolarmente intensa, un’intensità che ci si aspetta aumenti ulteriormente nelle prossime settimane. Fonti sottolineano tuttavia che l’accelerazione non implica una imminente virata su accuse penali o di altro tipo.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

11:19Ustica: Mattarella, ferita aperta, fare luce

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La strage di Ustica è nella coscienza del paese "una ferita sempre aperta" e resta il "costante impegno" affinché "siano compiutamente accertate le responsabilità e vengano ricostruite in modo univoco le circostanze e il contesto che provocarono così tante morti innocenti". Lo scrive il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio in occasione della ricorrenza, sottolineando che "alla domanda di giustizia le istituzioni hanno il dovere di dare risposta, percorrendo fino in fondo la strada della verità, percorrendo fino in fondo la strada della verità e facendo onore alla professionalità e alla dedizione di uomini dello Stato che sono riusciti ad aprire questo cammino superando ostacoli e difficoltà". "Altri passi - conclude - potranno essere compiuti, nella auspicabile collaborazione con istituzioni di paesi amici, affinché la memoria di quanto avvenuto nel cielo di Ustica rafforzi la solidarietà e la speranza di quanti operano per il trionfo delle ragioni dello stato di diritto".

11:13Migranti: protesta al Cara di Mineo, bloccata strada statale

(ANSA) - MINEO (CATANIA), 27 GIU - Diverse centinaia di migranti ospiti del Cara di Mineo hanno inscenato un corteo di protesta e bloccato la strada statale Catania-Gela per contestare contro l'applicazioni di norme di sicurezza all'interno della struttura. Una recente riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza convocato dalla Prefettura di Catania e che si è svolto nella Procura di Caltagirone ha disposto un maggiore rispetto delle 'regole' nel Cara, come il divieto di cucinare negli alloggi o la vendita di merce nella stessa struttura. L'applicazione delle norme ha provocato la reazione dei migranti del Centro accoglienza richiedenti asilo più grande d'Europa, che al momento ospita oltre tremila persone.

11:11Italiano ucciso a Londra: dolore e sconcerto a Nuoro

(ANSA) - NUORO, 27 GIU - Graziano Sanna, padre di Pietro, il giovane di 23 anni, di Nuoro, ucciso ieri a Londra, è partito questa mattina presto alla volta della capitale britannica. Il figlio è stato assassinato a coltellate nell'appartamento che divideva con altri giovani, forse da un ladro entrato in casa a scopo di rapina. Sul fatto indaga Scotland Yard. A Nuoro c'è sconcerto e dolore per la morte del giovane mentre sulle circostanze e sul movente dell'omicidio non vi è al momento alcuna certezza. Un viaggio straziante per il padre che ieri ha ricevuto la drammatica telefonata dal figlio maggiore, Giomaria, più grande di Pietro di quattro anni, che aveva fatto da apripista nella capitale inglese al fratello, due anni fa, decidendo per primo di andare a vivere a Londra. La famiglia Sanna, commercianti e albergatori, è molto conosciuta nel capoluogo barbaricino e nella costa nord orientale. Il padre di Pietro gestisce, assieme ai fratelli, lo storico Hotel Scintilla (un nome che deriva dal soprannome del nonno del ragazzo anch'egli albergatore) e l'albergo il Faro, entrambi a San Teodoro, la località turistica a 30 km da Olbia. C'è sconcerto tra i giovani di Nuoro che conoscevano Pietro, in particolare i compagni del liceo Scientifico Fermi dove il ragazzo si era diplomato tre anni fa. Amici che definiscono Pietro "il più buono di tutti". Un anno dopo il diploma aveva deciso di partire a Londra dove già il fratello vive e lavora in un locale. Qui dopo qualche impiego saltuario è riuscito ad essere assunto da un grande magazzino. L'ultimo suo post su Facebook risale al 5 giugno scorso quando c'era stato l'attentato a London Bridge, aveva scritto per confermare di stare bene. Per la famiglia Sanna vi è solo dolore: telefoni staccati, nessuno parla. E soprattutto si vive nell'attesa di notizie: i parenti e gli amici di Pietro vogliono sapere cosa è accaduto ieri nell'appartamento del giovane che, a luglio, sarebbe dovuto rientrare in Sardegna: aveva già comprato i biglietti. (ANSA).

11:07Corte Ue boccia esenzioni Chiesa Spagna

(ANSA) - BRUXELLES, 27 GIU - "Le esenzioni fiscali di cui gode la Chiesa cattolica in Spagna possono costituire aiuti di Stato vietati se e nella misura in cui siano concesse per attività economiche": lo ha stabilito la Corte di Giustizia Ue in una sentenza.

11:02Calcio: Torino, visite mediche per Sirigu, firmerà triennale

(ANSA) - TORINO, 27 GIU - Prima le visite mediche, poi la firma sul contratto. Salvatore Sirigu è a Torino dove, dopo gli esami di rito, si legherà al club granata. Il portiere ormai ex Paris Saint Germain, club con il quale ha rescisso, erediterà il posto tra i pali che la scorsa stagione è stato di Joe Hart. Un innesto di qualità per la rosa di Mihajlovic: nell'anno dei Mondiali il numero uno torna in Italia, dopo sei stagioni trascorse tra Psg, Siviglia e Osasuna, con l'obiettivo di riconquistare la Nazionale aiutando il Toro a centrare l'Europa. Sirigu, trent'anni lo scorso gennaio, firmerà un contratto triennale. L'ufficialità è questione di ore.

10:55Banche venete: Renzi, decreto doveroso, Ue tratti così tutti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Sulle banche venete "la posizione del governo l'ha espressa molto chiaramente Gentiloni: una scelta legittima e doverosa. La penso come lui, è legittima e doverosa nella situazione in cui si era, spero che i nostri parlamentari europei siano in grado di fare una grande battaglia perché i criteri molto selettivi delle banche venete siano applicate agli istituti di altri Paesi del Nord come quelli tedeschi". Lo dice il segretario del Pd, Matteo Renzi, durante la rassegna stampa del Nazareno #OreNove.

10:52Tennis: Serena Williams a McEnroe, abbi rispetto per me

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Porta rispetto e lasciami in pace". Così Serena Williams, regina del tennis mondiale, ha replicato su twitter al collega americano, l'ex campione John McEnroe che domenica aveva letteralmente insultato la campionessa, dicendo che se Serena giocasse fra gli uomini sarebbe solo la numero 700 del mondo. Un paragone ingeneroso, oltrechè improprio, al quale la campionessa americana ha risposto senza giri di parole: "Caro John ti voglio bene e ti rispetto, ma per favore lasciami in pace e rispettami". Per la campionessa statunitense, vincitrice di ben 23 titoli del grande Slam, attualmente ferma perchè in gravidanza, le parole del collega "non sono supportate dai fatti" e soprattutto ricorda: "non ho mai giocato contro un giocatore del circuito maschile e non ne ho il tempo". (ANSA).

Archivio Ultima ora