Doppio schiaffo a Trump, Russiagate arriva alla Casa Bianca

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Non si ferma ma anzi, prende forza, la bufera che scuote il presidente Donald Trump e la Casa Bianca, con nuove rivelazioni a raffica del New York Times e del Washington Post, pubblicate pochi istanti dopo la partenza del presidente per il suo primo viaggio all’estero.

Il Nyt scrive che all’incontro nello Studio Ovale con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e l’ambasciatore russo negli Usa, lo scorso 10 maggio, Trump parlò del licenziamento di James Comey dalla guida dell’Fbi, affermando che ciò alleggeriva “la forte pressione” su di lui. E definendo l’ex direttore del Bureau investigativo un ”pazzo, fuori di testa”.

Contestualmente il Washington Post parla del coinvolgimento di un alto funzionario della Casa Bianca, molto vicino al presidente, nelle indagini in corso sul Russiagate. Se così fosse è la prima volta che l’inchiesta arriva così vicina al commander in chief.

Rivelazioni diffuse letteralmente attimi dopo il decollo dell’Air Force One con a bordo Trump, diretto in Medio Oriente e in Europa per il suo primo viaggio all’estero da presidente, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, ma evidentemente non al riparo da una crisi che secondo alcuni è ormai conclamata. E, osservano in molti, anche in gran parte autoinflitta.

Non avrebbe comunque potuto voltare pagina davvero, non con il posto da direttore dell’Fbi lasciato ancora vacante (è slittato infatti l’annuncio atteso prima della partenza del presidente) e non con il procuratore speciale Robert Mueller appena nominato per gestire l’inchiesta sul Russiagate.

Ma Trump sperava di mettere un punto portando l’attenzione con sé nel viaggio in cui, via Twitter prima di partire, ha promesso che lavorerà per gli interessi americani. E invece lo seguono nuove complicazioni che si prospettano esplosive.

Si parte da quelle diffuse dal New York Times: si basano su appunti presi durante l’incontro nello Studio Ovale e circolati internamente alla Casa Bianca come resoconto ufficiale. E’ stato un funzionario a leggerne i passaggi salienti al quotidiano, con un secondo che ha confermato nelle linee generali il contenuto della conversazione. E il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer non ha negato. Ha reagito però, tentando di spiegare: ”Attirando l’attenzione su di sé e politicizzando le indagini sulla Russia, James Comey ha creato una pressione non necessaria sulla nostra capacità di trattare con la Russia”, ha detto.

”L’indagine sarebbe andata comunque avanti e l’uscita di Comey non mette fine all’inchiesta”, ha proseguito, concludendo come “ancora una volta l’unica vera notizia è che la nostra sicurezza nazionale è stata messa a rischio dalla fuga di notizie di conversazioni private e classificate”.

E’ un tentativo di difesa in extremis. Se risulterà convincente è da vedere. Perché oltre al clamore possibile per il modo in cui Trump ha apostrofato il direttore dell’Fbi licenziato poche ore prima, il passaggio cruciale di quella conversazione è l’apparente ammissione di aver deciso di sollevare Comey dall’incarico proprio in seguito a quella “enorme pressione” relativa alla Russia che menziona.

Una tattica diplomatica, insiste chi lo difende, per fare leva e negoziare con Lavrov, per creare presso l’interlocutore un senso di obbligo, di debito quasi, per i problemi che i sospetti sulle intrusioni russe hanno scaricato sulla sua presidenza.

Trump è in volo, ma il colpo arriva e durissimo. E come a stringerlo ai fianchi, la seconda – ma contestuale – rivelazione, pubblicata dal Washington Post, parla di un consigliere di alto livello alla Casa Bianca quale persona interessata dall’inchiesta sul Russiagate, citando fonti anonime informate. Una rivelazione, scrive ancora il giornale, che giunge mentre l’inchiesta sembra entrare in una fase particolarmente intensa, un’intensità che ci si aspetta aumenti ulteriormente nelle prossime settimane. Fonti sottolineano tuttavia che l’accelerazione non implica una imminente virata su accuse penali o di altro tipo.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

05:56Germania: proiezioni finali, Cdu-Csu a 32,9, Spd 20,8

ROMA, 25 SET - L'autorita' federale per le elezioni ha leggermente modificato i dati delle proiezioni finali per il rinnovo del Parlamento tedesco diffusi dall'Istituto di sondaggi Zdf. L'Unione Cdu-Csu consegue il 33% dei voti, i socialdemocratici della Spd il 20,5% e gli oltranzisti di destra della Afd il 12,6%. Secondo Zdf poi, Fpd e' al 10,4% (+5,6%); i Verdi al 9,0% (+0,6%); Linke al 9,0% (+0,4%). Se queste proiezioni fossero confermate dai risultati finali, questa sarebbe la nuova divisione dei seggi in Parlamento: Cdu-Csu 238, socialdemocratici 148, AfD 95, liberali 78, Linke 66, Verdi 65.

05:43Usa: nuova stretta su ingressi, riguarda 8 Paesi

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha annunciato una nuova stretta sugli ingressi negli Stati Uniti. Le nuove misure riguardano otto Paesi: oltre a cinque dei sei a maggioranza musulmana gia' presi di mira nel bando in scadenza alla mezzanotte (Iran, Somalia, Libia, Yemen e Siria) spuntano ora anche Ciad, Corea del Nord e Venezuela. Le restrizioni non riguarderanno chi gia' possiede un visto Usa. Scompare dalla lista il Sudan.

05:28Marocco, la polizia interrompe la festa di una sposa bambina

RABAT - C'erano la torta e i fiori, gli invitati, i regali, i parenti felici. Ma le immagini postate su Facebook hanno indignato la Rete: nell'abito bianco di quella che sembrava una sposa c'era una bambina, accanto a lei un uomo di 27 anni. È accaduto a Tetouan, poco più di 400 mila abitanti, nel nord del Marocco, ai piedi della catena del Rif. L'ondata di sdegno ha costretto la polizia a intervenire. Gli uomini in divisa hanno interrotto la cerimonia e rimandato a casa gli invitati. La madre della bambina assicura che si trattava soltanto di una festa di fidanzamento, una promessa di amore in attesa che la piccola raggiunga l'età giusta per sposarsi, i 18 anni previsti dalla Moudawana, il codice della Famiglia riscritto e aggiornato nel 2004.

05:21Kushner come Hillary, usa account email privato

NEW YORK - Jared Kushner come Hillary Clinton. Il genero di Donald Trump e uno dei piu' stretti consiglieri del presidente americano avrebbe infatti usato un account email privato per comunicare con altri alti responsabili dell'amministrazione Trump, contravvenendo all'obbligo di ricorrere solo alla email governativa ufficiale. Lo svela Politico.

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

Archivio Ultima ora