Doppio schiaffo a Trump, Russiagate arriva alla Casa Bianca

Pubblicato il 19 maggio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Non si ferma ma anzi, prende forza, la bufera che scuote il presidente Donald Trump e la Casa Bianca, con nuove rivelazioni a raffica del New York Times e del Washington Post, pubblicate pochi istanti dopo la partenza del presidente per il suo primo viaggio all’estero.

Il Nyt scrive che all’incontro nello Studio Ovale con il ministro degli esteri russo Sergei Lavrov e l’ambasciatore russo negli Usa, lo scorso 10 maggio, Trump parlò del licenziamento di James Comey dalla guida dell’Fbi, affermando che ciò alleggeriva “la forte pressione” su di lui. E definendo l’ex direttore del Bureau investigativo un ”pazzo, fuori di testa”.

Contestualmente il Washington Post parla del coinvolgimento di un alto funzionario della Casa Bianca, molto vicino al presidente, nelle indagini in corso sul Russiagate. Se così fosse è la prima volta che l’inchiesta arriva così vicina al commander in chief.

Rivelazioni diffuse letteralmente attimi dopo il decollo dell’Air Force One con a bordo Trump, diretto in Medio Oriente e in Europa per il suo primo viaggio all’estero da presidente, che lo terrà lontano da Washington per nove giorni, ma evidentemente non al riparo da una crisi che secondo alcuni è ormai conclamata. E, osservano in molti, anche in gran parte autoinflitta.

Non avrebbe comunque potuto voltare pagina davvero, non con il posto da direttore dell’Fbi lasciato ancora vacante (è slittato infatti l’annuncio atteso prima della partenza del presidente) e non con il procuratore speciale Robert Mueller appena nominato per gestire l’inchiesta sul Russiagate.

Ma Trump sperava di mettere un punto portando l’attenzione con sé nel viaggio in cui, via Twitter prima di partire, ha promesso che lavorerà per gli interessi americani. E invece lo seguono nuove complicazioni che si prospettano esplosive.

Si parte da quelle diffuse dal New York Times: si basano su appunti presi durante l’incontro nello Studio Ovale e circolati internamente alla Casa Bianca come resoconto ufficiale. E’ stato un funzionario a leggerne i passaggi salienti al quotidiano, con un secondo che ha confermato nelle linee generali il contenuto della conversazione. E il portavoce della Casa Bianca Sean Spicer non ha negato. Ha reagito però, tentando di spiegare: ”Attirando l’attenzione su di sé e politicizzando le indagini sulla Russia, James Comey ha creato una pressione non necessaria sulla nostra capacità di trattare con la Russia”, ha detto.

”L’indagine sarebbe andata comunque avanti e l’uscita di Comey non mette fine all’inchiesta”, ha proseguito, concludendo come “ancora una volta l’unica vera notizia è che la nostra sicurezza nazionale è stata messa a rischio dalla fuga di notizie di conversazioni private e classificate”.

E’ un tentativo di difesa in extremis. Se risulterà convincente è da vedere. Perché oltre al clamore possibile per il modo in cui Trump ha apostrofato il direttore dell’Fbi licenziato poche ore prima, il passaggio cruciale di quella conversazione è l’apparente ammissione di aver deciso di sollevare Comey dall’incarico proprio in seguito a quella “enorme pressione” relativa alla Russia che menziona.

Una tattica diplomatica, insiste chi lo difende, per fare leva e negoziare con Lavrov, per creare presso l’interlocutore un senso di obbligo, di debito quasi, per i problemi che i sospetti sulle intrusioni russe hanno scaricato sulla sua presidenza.

Trump è in volo, ma il colpo arriva e durissimo. E come a stringerlo ai fianchi, la seconda – ma contestuale – rivelazione, pubblicata dal Washington Post, parla di un consigliere di alto livello alla Casa Bianca quale persona interessata dall’inchiesta sul Russiagate, citando fonti anonime informate. Una rivelazione, scrive ancora il giornale, che giunge mentre l’inchiesta sembra entrare in una fase particolarmente intensa, un’intensità che ci si aspetta aumenti ulteriormente nelle prossime settimane. Fonti sottolineano tuttavia che l’accelerazione non implica una imminente virata su accuse penali o di altro tipo.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

20:47Migranti: sbarchi 2017 a quota 60mila, +48% rispetto a 2016

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Con i quasi diecimila arrivi negli ultimi tre giorni il conto degli sbarchi nel 2017 ha superato quota 60mila, il 48% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, quando erano stati 40mila. Lo indicano i dati del Viminale. I nigeriani sono testa tra le nazionalità delle persone sbarcate (8.120), seguiti da bengalesi (7.567) e guineani (6.144). I minori non accompagnati sono 6.242, ma non sono ancora stati conteggiati i numerosi arrivati degli ultimi giorni. La Lombardia è sempre in testa tra le regioni per la quota di migranti8 ospitati (il 14% del totale), seguita da Campania e Lazio (9%).(ANSA).

20:45Alfano, con Renzi posizioni distanti, 1/6 Ap deciderà

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Le posizioni sono distanti sia sul tema della legge elettorale e sia sul tema della durata della legislatura. Sarebbe stato naturale per il Pd cercare prima un accordo con il suo alleato di governo e non con le forze che sono all'opposizione. Ho convocato la direzione nazionale del partito il primo giugno e in quella sede prenderemo le nostre decisioni". Lo afferma il leader di Ap e ministro degli Esteri Angelino Alfano parlando da Fabriano.

20:43Gb: custode zoo Cambridgeshire uccisa da una tigre

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - Una custode dello zoo di Hamerton nel Cambridgeshire è stata uccisa da una tigre. Ne dà notizia la polizia locale che ha evacuato e chiuso la struttura assicurando che nessun animale è fuggito. Secondo la ricostruzione, la tigre è riuscita ad entrare nella recinzione che doveva proteggere l'addetta dello zoo. I visitatori non sarebbero mai stati in pericolo.

Archivio Ultima ora