Oltre lo sport: Magallanes festeggerá il suo centenario con un documentario

CARACAS – Nella storia del Venezuela sono tante le date storiche, una di queste, il 26 ottobre del 1917, giorno in cui un gruppo di giovani si radunavano sempre nel bar Back Stop, locale che si trovava nei pressi del Palazzo di Miraflores a Caracas. Quel giorno, questi amanti del baseball, decisero di fondare una squadra con il nome Magallanes.

La scelta del nome? Fu idea del padrone del bar, Antonio Benítez Abedanck, che propose il nome. Ma non fu per rendere omaggio al navigatore portoghese Fernando de Magallanes, ma per lo stretto al sud del Cile per il semplice fatto che “cosí tutte le squadre s’incaglieranno ogni volta che ci sfideranno”. Stando alle leggende metropolitane, si dice che in passato Benitez Abedanck fu un navigatore e con la sua barca riuscì ad attraversare lo stretto di Magellano.

In quella stagione la novella squadra partecipò nel torneo di Tercera División dove affrontó Bárbula, Bolívar, Bomboná, Caracas Stars, Flor del Ávila, Latente, Páez e Vuelvan Caras. Per la cronaca, nella gara d’esordio il Magallanes vinse con un pesante 20-6, la vittima sacrificale in quell’occasione fu Flor del Ávila.

Da quel giorno sono state tante le pagine dei diversi quotidiani nazionali ed internazionali che si sono riempite con le gesta di questa squadra che nel campionato la conquistato 12 scudetti (1949-50, 1950-51, 1954-55, 1969-70, 1976-77, 1978-79, 1993-94, 1995-96, 1996-97, 2001-02, 2012-13 e 2013-14) e 2 Series del Caribe (1970 e 1979).

Tutte queste storie sono raccolte nella produzione cinematografica “Magallanes, Pasión Centenaria”, un documentario scritto e diretto da Andrés Crema, sotto la consulenza cinematográfica di Carlos Oteyza. L’idea di questo cimello in celluloide é che serva come ricoscimento per i giocatori ed i tifosi che con la loro devozione hanno spinto stagione dopo stagione la squadra verso un porto sicuro: lo scudetto.

Alla premier del film erano presenti tutta la direttiva della Fundación Magallanes de Carabobo, Juan José Ávila (presidente della Liga Venezolana de Baseball Profesional), il comité de Damas del Magallanes, i diversi sponsor della franchigia valenciana, giornalisti ed altri invitati speciali.

“Siamo molto contenti per il lavoro svolto da Cinesa. É stato uno sforzo importante, un’ardo lavoro di ricerca; speriamo che serva come supporto per il baseballa venezuelano, che sia del piacimento dei tifosi magallaneros e che resti per i posteri” sono state le parole dell’imprenditore italo-venezuelano Roberto Ferrari, presidente del Magallanes, durante la presentazione.

(Fioravante De Simone)