Riina, presidente Anm: “Lo Stato è più forte della mafia”

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

Strage di via D’Amelio.

ROMA. – La pronuncia della Cassazione su Totò Riina “è la prova che lo Stato è più forte della mafia”. Il fatto che la Cassazione ponga una questione umanitaria “rispetto a un soggetto che ha dimostrato con la sua condotta criminale il massimo della disumanità rende quasi orgogliosi di una giustizia che riesce a ragionare in termini di diritti nei confronti di chi ha negato diritti agli altri”.

Il presidente dell’Associazione nazionale magistrati, Eugenio Albamonte, difende la decisione della Cassazione, che continua a suscitare polemiche per quel richiamo al “diritto a morire dignitosamente” valevole per tutti i detenuti, anche per Riina che sta scontando 17 ergastoli”. Ma chiarisce che la Suprema Corte non ha detto che Riina va subito scarcerato: piuttosto che bisogna valutare la compatibilità delle detenzione con le sue condizioni di salute e se vi è una sua “attuale pericolosità; e a sentire quello che racconta oggi ai giornali il procuratore nazionale antimafia non ci dovrebbero essere problemi – osserva – a dimostrare che anche attualmente è ancora lui il capo dei capi”.

Con la Cassazione si schiera anche a sorpresa il presidente della Regione Lombardia , Roberto Maroni. “Non sono d’accordo con chi dice che deve morire in carcere perché Riina è Riina. Lo conosciamo bene, è il boss dei boss, però c’è un livello di umanità che deve prevale quando uno sta per morire”. Siderale la distanza con il leader della Lega Matteo Salvini, che affida la sua invettiva a un video pubblicato sulla sua pagina Facebook: “deve marcire in galera”, chi “ha ammazzato donne e bambini non deve rivedere da vivo la luce del sole, non rompetemi i coglioni con i diritti umani, la sensibilità , la pietà”.

Poi arriva la precisazione di Maroni: “non ho mai detto che Riina deve essere rimesso in libertà. Ho solo detto che umanamente accetto la pronuncia della cassazione”. Tra chi è assolutamente contrario a un’eventuale scarcerazione del boss c’è Giorgia Meloni: “Totò Riina è un assassino, paghi sino alla fine”.

E anche il blog di Beppe Grillo (come tutti i boss della mafia deve restare in carcere”), che giudica “preoccupante” e “vergognoso” il fatto che la pronuncia della Cassazione arrivi mentre “l’attuale governo Pd sta tentando di smantellare l’ergastolo ostativo”. “Quanti supplicano una morte dignitosa per Riina, vadano a Piazzale Loreto, si facciano il segno della croce e chiedano scusa”, è l’invito che arriva da Francesco Storace.

Il tema divide al suo interno anche il Pd. Se la presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi ritiene “un cedimento dello Stato” l’eventuale concessione dei domiciliari a Riina, per il vice presidente della Camera Roberto Giachetti un Paese democratico “punisce, non si vendica”.

Ma la più forte levata di scudi contro queste ipotesi arriva dai familiari delle vittime della mafia. Paolo Bolognesi, presidente dell’Associazione dei familiari dei Georgofili, definisce “ignobile” l’idea di concedere gli arresti domiciliari E anche Salvatore Borsellino non ha dubbi: far uscire dal carcere Riina equivarrebbe a “una resa dello Stato di fronte a un criminale che gli ha dichiarato guerra”, e sarebbe come uccidere una seconda volta suo fratello Paolo, morto nella strage di via D’Amelio.

Ultima ora

20:06Calcio: Chiellini, impensabile 3 reti sotto in gara così

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Credo che questa sia stata una gara diversa rispetto alle ultime. Spesso ci serviva il primo schiaffo per svegliarci, mentre oggi siamo stati in controllo per 60 minuti. Ci siamo ritrovati sotto di tre gol quando avremmo dovuto essere noi in vantaggio di due o tre reti". Giorgio Chiellini, a "Serie A Live" su Premium Sport, ha analizzato il 3-2 incassato dalla Juventus in casa della Samp. "Questo ci deve far riflettere, se vogliamo vincere non bastano le qualità tecniche, serve qualcosa in più che dobbiamo mettere tutti quanti - ha aggiunto il difensore - In questo inizio stagione qualcosa ci è mancato, ma al risultato finale devi arrivarci lo stesso. La Samp ha fatto una buona partita, ma una squadra come la Juve deve fare due gol e andare a casa. Per quello che si è visto era impensabile essere sotto di tre gol. Con tutto il rispetto per le altre squadre è difficile perdere punti in questo campionato e noi li stiamo perdendo ogni volta che il livello si alza".

19:51Roma: Monchi archivia derby, “essenziale guardare avanti”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Bella esperienza ieri all'Olimpico. Grande atmosfera e grande vittoria, ma ora il derby è storia: dobbiamo pensare a Madrid". Poche righe su Instragram da parte del ds Monchi fanno capire come a Trigoria si sia già proiettati al'impegno di Champions League in casa dell'Ateltico. "Un'altra opportunità per continuare a migliorare come squadra - scrive il dirigente spagnolo via social -. Crescere è fondamentale, andare avanti è essenziale: guardare indietro è uno spreco di tempo!". Insomma in completa rottura col passato, dove i derby vinti si festeggiavano a lungo, la Roma ha intrapreso un nuovo Corso targato Di Francesco e già archiviato il 2-1 rifilato alla Lazio.

19:42Zimbabwe: media, Mugabe accetta di dimettersi

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Robert Mugabe ha accettato di lasciare la presidenza dello Zimbabwe. Lo riferiscono i media internazionali, citando una fonte vicina al leader. Mugabe - si spiega - sta preparando l'annuncio delle sue dimissioni, che verrà diffuso in un discorso tv in tarda serata.

19:40Calcio: Giampaolo “Mai battuto Juve, grazie ragazzi”

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Abbiamo vinto una gara pesante, io non ero mai riuscito a battere la Juventus, sono contento e ringrazio i ragazzi per avermi dato questa gioia immensa". Esprime così la sua felicità il tecnico della Sampdoria, Marco Giampaolo, dopo la vittoria sui bianconeri a Marassi: "E' successo dopo 10 anni di battere la Juve, speriamo che non ne passino altri dieci per batterla ancora - sorride il tecnico - I miei hanno fatto un grandissima partita, soprattutto a livello mentale. Io spingo sempre i ragazzi a giocare la partita e non a subirla, l'idea è sempre quella di stare nelle metà campo avversaria e devo dire che fino ad oggi questo gruppo mi sta dando soddisfazione. Speriamo di poter dare continuità a quello che stiamo facendo".

19:23Ema: Tajani, spero non ci siano baratti sotto banco

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - "Mi auguro che gli stati europei facciamo una scelta di qualità, che non ci si alcun baratto sotto banco e la città che offre le migliori condizioni nell'interesse dell'agenzia venga prescelta. E certamente Milano è una delle città che ha le caratteristiche per essere prescelta": è l'auspicio espresso dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, a margine di un incontro alla scuola politica della Lega Nord a Milano, in vista della scelta per la sede dell'Ema. "Se sarà fatta una scelta tecnica, Milano ha delle buone possibilità", ha aggiunto Tajani.

19:18Zimbabwe: Grace Mugabe espulsa da Women’s League Zanu-Pf

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il comitato centrale dello Zanu-Pf ha espulso la moglie del presidente Robert Mugabe - Grace - dalla Women's League del partito di governo: lo riporta il New York Times. Il Comitato centrale del partito al potere nello Zimbabwe, lo Zanu-Pf, ha espulso numerosi politici di alto livello vicini alla ormai ex first lady. Tra gli espulsi vi sono anche alcuni ministri. Tra gli altri i titolari dei dicasteri dell'Educazione, Jonathan Moyo, delle Finanze, Ignatious Chombo e degli Esteri, Walter Mzembi, il nipote di Mugabe Patrick Zhuwao, il ministro del governo locale Saviour Kasukuwere, e numerosi altri importanti sostenitori di Grace.

19:14La metro di New York dice addio a ‘ladies&gentlemen’

(ANSA) - NEW YORK, 19 NOV - Niente più "ladies and gentlemen", "signore e signori", ma "passeggeri" e "voi tutti", "passengers" e "everyone". La metro di New York diventa neutrale dal punto del genere: la Mta, la società che gestisce i trasporti pubblici della Grande Mela, ha chiesto ai conducenti dei treni di fare gli annunci evitando di precisare il sesso di chi li ascolta. Viste le condizioni della metro newyorchese, sempre più vetusta e con crescenti problemi di manutenzione, è stato chiesto ai conducenti di aumentare il numero dei messaggi al pubblico, per comunicare eventuali ritardi e disguidi in tempo reale, quando possibile. Una iniziativa simile era stata presa dalla metro di Londra la scorsa estate.

Archivio Ultima ora