Gaza, 10 anni fa Hamas prendeva il potere a spese dell’Anp

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

GAZA. – Dieci anni fa, fra il 10 e il 15 giugno, una grande frattura si apriva nella politica palestinese quando le forze di Hamas, al termine di una battaglia cruenta nelle strade di Gaza (161 morti), espulsero dalla Striscia gli apparati di sicurezza dell’Anp fedeli ad Abu Mazen (al-Fatah), che da allora non vi hanno piu’ fatto ritorno. Per l’occasione Hamas non ha finora annunciato celebrazioni di sorta. Ma un suo dirigente, Sallah el-Bardawil, ha ribadito che il suo movimento e’ determinato a restare al potere: ”Abbiamo resistito per dieci anni – ha detto – e possiamo resistere altri dieci”.

Si riferiva probabilmente al potenziale militare messo a punto da Hamas, che in tre occasioni – nel 2008, nel 2012 e nel 2014 – ha messo a dura prova l’esercito israeliano. Nelle dichiarazioni pubbliche i dirigenti di Hamas elencano una serie di successi conseguiti in questi anni di potere esclusivo sui circa due milioni di abitanti della Striscia.

Rilevano di aver estirpato dalle strade di Gaza il terribile caos di sicurezza (centinaia di morti negli anni 2004-2007) e di aver ripristinato l’ordine. Aggiungono di aver dimostrato al popolo palestinese che le trattative condotte dall’Anp con Israele hanno portato ad un vicolo cieco, e che solo la lotta armata ad oltranza potrà mettere fine alla occupazione. Già fra pochi anni, prevedono, ”Gerusalemme sarà liberata”.

Ormai le Brigate Ezzedin al-Qassam (ala militare di Hamas) rappresentano una minaccia che non può più essere sottovalutata: al punto che adesso Israele sta approntando una grande barriera difensiva sotterranea lungo le linee di demarcazione, nel timore dei tunnel di Hamas. Infine, e questo è un altro successo di cui Hamas si fregia, la diffusione dell’Islam è adesso molto più capillare. ”Siamo un partito di Dio”, dicono i suoi portavoce.

Ma in una Gaza afflitta da mille difficoltà economiche c’è anche chi offre un quadro meno lusinghiero dei dieci anni di Hamas. Fra questi il grande scrittore Abdullah Abu Sharkh, che all’inizio del mese è stato arrestato (e poi rimesso in libertà) per aver espresso critiche su Facebook. Anche il politologo Hani Habib, della Università a-Zahar di Gaza, in una conversazione con l’ANSA, sembra incline allo sconforto. ”Siamo tornati indietro al secolo scorso” lamenta, riferendosi alla incapacità per gran parte della popolazione di soddisfare le proprie necessità più elementari.

Oggi a Gaza chi vuole una bombola di gas da cucina deve prenotarla con due mesi di anticipo. L’acqua dei rubinetti non è potabile, e la corrente elettrica è erogata tre-quattro ore al giorno. Per riparare questi disastri, viene affermato, occorrerebbe un accordo politico che consentisse ad Abu Mazen di recuperare il controllo dei valichi esterni di Gaza e di assumere le redini dei ministeri. Ma finora né le spinte interne né quelle esterne sono bastate.

”Per superare la frattura fra Hamas ed al-Fatah – secondo Habib – va mobilitata la opinione pubblica popolare”. Di fronte alle lacerazioni della politica palestinese, aggiunge, Israele ha buon gioco a portare avanti la politica di colonizzazione, ed i Paesi arabi hanno una ottima scusa per esimersi dai loro impegni verso i palestinesi. Proprio in questi giorni uno dei maggiori sostenitori di Gaza, il Qatar, versa in brutte acque. Negli anni Hamas ha anche perso il sostegno della Siria, mentre si è affievolito quello della Turchia e dell’Iran.

Non a caso il nuovo leader di Gaza, Yihya Sinwar, è impegnato in questi giorni in una missione al Cairo per ricucire i rapporti almeno con l’Egitto. Di questi tempi anche una parziale riapertura del valico di Rafah, fra Gaza ed il Sinai, darebbe alla popolazione un po’ di fiato. Quanto a celebrazioni, a quanto pare, non c’è in giro una grande voglia di festeggiare.

(di Sami al-Ajrami/ANSAmed)

Ultima ora

01:50Molestie sessuali a Wall Street, via due manager

(ANSA) - WASHINGTON, 23 OTT - Dopo il mondo della tv e del cinema gli scandali sessuali sembrano non risparmiare Wall Street. Fidelity Investment, una delle più grandi società di investimento al mondo, ha cacciato due alti dirigenti nelle ultime settimane sullo sfondo di accuse di questo tipo. Lo scrivono i media Usa. C. Robert Chow, 56 anni, si è dimesso a inizio mese per presunti commenti sessuali inappropriati verso alcune colleghe mentre Gavin Baker è stato licenziato in settembre per molestie ad una dipendente di 26 anni. Fidelity non ha voluto commentare nello specifico ma in una nota ha dichiarato che le sue politiche "proibiscono le molestie in qualsiasi forma. Quando una denuncia di questo genere è portata alla nostra attenzione, noi indaghiamo immediatamente e prendiamo misure veloci e appropriate. Noi semplicemente non tollereremo, e non tolleriamo, questo tipo di comportamento".

23:54Malta, migliaia a corteo per chiedere giustizia su blogger

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Migliaia di maltesi sono scesi per le strade de La Valletta per chiedere giustizia su Daphne Caruana Galizia, la giornalista uccisa lunedì scorso in circostanze ancora misteriose. Lo scrive The Times of Malta precisando che al corteo sono state chieste le dimissioni del capo della polizia e del procuratore generale. I manifestanti hanno proposto che un nuovo capo della polizia e un nuovo procuratore vengano immediatamente eletti dalla maggioranza dei due terzi del Parlamento. Le richieste, proposte dal leader dei manifestanti, Michael Briguglio, sono poi state sottoposte alla presidente della Repubblica Marie Louise Coleiro Preca, che ad un certo punto è stata anche vista al corteo. Preca ha detto agli organizzatori della marcia che l'omicidio è stato un atto di codardia e ha poi lanciato un appello ad avere fiducia nelle istituzioni e nella democrazia. Alla marcia non hanno partecipato il premier Joseph Muscat ed il leader nazionalista all'opposizione Adrian Delia.

23:48Slovenia, presidenziali, ballottaggio tra Pahor e Sarec

(ANSA) - LUBIANA, 22 OTT - La Slovenia dovrà attendere il ballottaggio del 12 novembre per conoscere il suo nuovo presidente. Tuttavia, al momento, tra l'uscente Borut Pahor e il principale antagonista tra i nove candidati presentatisi, Marjan Sarec, non sembra esserci storia. Pahor ha di fatto mancato la vittoria al primo turno per un paio di punti percentuale concludendo lo scrutinio delle schede a circa il 47% dei consensi. Sarec si è invece fermato al 25% circa. L'affluenza alle urne è stata del 42,02% per 1,7 milioni di votanti. Il presidente che sarà designato dalle urne in novembre, si insedierà il 23 dicembre.

21:48Pallavolo: serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della seconda giornata del campionato di serie A/1 di pallavolo donne, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Il Bisonte Firenze martedì 25 Foppapedretti Bergamo - Liu Jo Modena 1-3 (27-29, 25-19, 16-25, 18-25) Savino Scandicci - Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-18, 25-20, 25-19; giocata ieri) Unet E-Work Busto A. - Lardini Filottrano 3-0 (25-18, 25-21, 25-16; giocata ieri) Saugella Monza - Sab Legnano 3-1 (28-26, 21-25, 25-18, 25-14) Pesaro - Igor Gorgonzola Novara 0-3 (19-25, 19-25, 19-25). - Classifica: Scandicci 6; Novara 5; Busto Arsizio 4; Conegliano, Firenze, Legnano, Monza, Filottrano e Modena 3; Bergamo, Casalmaggiore e Pesaro 0.

21:39F1: Usa, al via Ferrari e Vettel subito in testa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Partenza super di Sebastian Vettel nel Gp degli Usa di F1 appena cominciato sul circuito di texano di Austin, con Usain Bolt starter 'di lusso'. La Ferrari del tedesco è riuscita a sopravanzare la Mercedes di Lewis Hamilton, che era in pole position, e a prendere la testa della gara. Alle spalle dei due favoriti c'è l'altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas.

21:36Incidenti stradali: muore in Calabria bambina di 6 anni

(ANSA) - CIRÒ MARINA (CROTONE), 22 OTT - Una bambina di sei anni é morta in un incidente stradale accaduto stasera a Cirò Marina, in località "Boldito", lungo la statale 106 jonica. La bambina era a bordo di un'automobile condotta dal padre e sulla quale viaggiavano anche la madre e la sorella maggiore. Secondo una prima ricostruzione, il conducente dell'auto ha perso il controllo dell'automobile, forse a causa di un cane che ha attraversato la strada, finendo contro la barriera di protezione. La bambina é morta sul colpo, mentre i genitori e la sorella sono rimasti feriti e sono stati portati nell'ospedale di Crotone. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul luogo dell'incidente, per i rilievi, si é recato il personale della Polizia stradale insieme ai carabinieri. (ANSA).

21:29Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Bunge Ravenna rinviata Calzedonia Verona - Sir Safety Perugia 0-3 Wixo Piacenza - Callipo Vibo Valentia 3-2 Kioene Padova - Diatec Trentino 1-3 Biosì Sora - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Gi Group Monza 3-1 BCC Castellana Grotte - Taiwan Latina 3-1 - Classifica: Perugia e Modena 6; Milano 5; Piacenza e Trentino 4; Civitanova, Monza e Castellana Grotte 3; Verona 2; Ravenna, Latina e Vibo Valentia 1; Sora e Padova 0.

Archivio Ultima ora