Ambasciatrice Usa minaccia il ritiro dal Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu

Pubblicato il 06 giugno 2017 da ansa

L’ambasciatrice americana all’Onu Nikki Haley. EPA/MAGALI GIRARDIN

NEW YORK. – L’ambasciatrice americana all’Onu Nikki Haley ha minacciato il ritiro degli Usa dal Consiglio per i Diritti Umani. In un discorso all’ONU di Ginevra, l’inviata di Donald Trump ha annunciato che l’America “non resterà zitta” mentre questo organismo “continua a danneggiare la causa dei diritti umani nel mondo”. L’affondo della Haley è stato duramente criticato in patria: Jamil Dakwar, direttore del programma diritti umani dell’American Civil Liberties Union (Aclu) ha commentato che “è difficile prendere l’ambasciatrice sul serio alla luce di azioni come il bando dei musulmani e il giro di vite sull’ immigrazione”.

L’Aclu è tra le organizzazioni che stanno contestando in tribunale il bando all’immigrazione da sette paesi a maggioranza islamica e che difende molti immigrati senza documenti minacciati di deportazione dalla amministrazione Trump. La Haley è stata la prima ambasciatrice Usa all’Onu a parlare a Ginevra ai 47 membri del Consiglio che opera al Palais des Nations nell’ambito dell’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani.

L’ambasciatrice ha criticato l’organismo per la presenza al suo interno di paesi che violano i diritti umani e per i regolari attacchi nei confronti di Israele. L’inviata di Trump ha lanciato un ultimatum: se le cose non cambiano il Consiglio dovrà fare a meno degli Usa. Una decisione potrebbe essere presa da Dipartimento di Stato e Casa Bianca dopo la conclusione dell’attuale sessione il 23 giugno e farebbe seguito ad altre prese di distanza degli Usa dal sistema Onu dopo il taglio dei fondi al Fondo per la popolazione e allo strappo sull’Accordo di Parigi sul clima.

“E’ difficile accettare che questo Consiglio non abbia mai considerato una risoluzione sul Venezuela e invece ne ha adottate cinque, molto parziali in marzo contro un unico paese, Israele”, ha detto l’ambasciatrice che più tardi, parlando al Graduate Institute of Geneva, ha elencato una serie di riforme “indispensabili”: tra queste la revisione dei meccanismi di voto per evitare che “grandi violatori” dei diritti umani – lei ha citato Cuba e Venezuela, ma altri che hanno fatto parte del Consiglio includono Russia, Cina, Egitto e Arabia Saudita – possano essere eletti.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

14:41G7 Ischia: protesta con salsa in mare,’è sangue migranti’

(ANSA) - ISCHIA (NAPOLI), 19 OTT - I manifestanti che stanno partecipando a Ischia (Napoli) al corteo anti G7 hanno inondato di salsa di pomodoro un piccolo tratto della banchina olimpica del porto e poi l'hanno gettata anche in una zona di mare. Una protesta per denunciare: "questo è il sangue dei migranti che vengono fatti morire in mare", come ha detto uno dei manifestanti al megafono.

14:39Calcio: Mourinho ‘rivede’ contratto che lo lega allo United

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Josè Mourinho festeggia il 'percorso netto' in Champions (nove punti in tre partite) rinegoziando il contratto con lo lega al Manchester United. Secondo Espn, l'allenatore portoghese ha già avviato una trattativa per definire i termini di un nuovo accordo, dopo quello siglato nel 2016, quando prese il posto dell'olandese Louis Van Gaal. L'attuale contratto lega il tecnico portoghese al club di Old trafford fino al 2019, ma è già allo studio una nuova ipotesi economico-contrattuale. Una notizia che stride con le dichiarazioni del diretto interessato che, nei giorni scorsi, ha specificato di essere poco disposto a concludere la propria carriera a Manchester. In futuro, è stato lo stesso portoghese a farlo notare, potrebbe guidare il PSG, la cui panchina attualmente è occupata dallo spagnolo Unai Emery.

14:38Calcio: Juve, Costa “con lo Sporting vittoria decisiva”

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - "É stata una vittoria decisiva per la squadra: era una partita molto difficile, ma abbiamo giocato con pazienza". E' un Douglas Costa finalmente decisivo, dopo il difficile impatto con il campionato italiano, quello che commenta la vittoria della Juventus sullo Sporting Lisbona. Il brasiliano è stato l'autore dell'assist per il gol con cui Mandzukic ha ribaltato l'iniziale svantaggio, regalando ai bianconeri tre punti fondamentali in chiave qualificazione. "Il campionato italiano è totalmente diverso dalla Bundesliga, dove le marcature sono diverse e c'è più spazio - osserva il giocatore - ma col tempo mi adatterò". Nessuna preferenza, invece, per la posizione in campo: "Non c'è una posizione dove mi trovo meglio - dice -. Al Bayern giocavo a destra, ma io gioco dove mi chiedono e cerco di fare il meglio".

14:32Migranti: occupazione ex Moi, processo al via a febbraio

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - L'insediamento nelle case del villaggio ex Moi a Torino da parte di centinaia di migranti arriva in tribunale. La procura ha citato in giudizio due persone con l'accusa di avere aiutato i primi extracomunitari (quantificati in circa 150) nel marzo del 2013 nel corso di una manifestazione. L'accusa mossa dal pm Antonio Rinaudo è di occupazione aggravata di edificio pubblico. Uno dei due imputati, in base a quanto si apprende, è Andrea Bonadonna, uno dei leader del centro sociale Askatasuna. Il secondo è una giovane volontaria di un'associazione che, a quanto risulta dalle indagini, accompagnò gli stranieri all'interno del complesso. Gli avvocati difensori sostengono che i due non sono punibili perché i migranti erano "in stato di necessità". Sull'ex Moi pende da anni un'ordinanza di sgombero. (ANSA).

14:23Espulso algerino, su fb istigava contro i cristiani

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Un cittadino algerino 34enne, Mane Melal Melaie, irregolare sul territorio nazionale, è stato espulso per motivi di sicurezza. L'uomo era stato denunciato all'Autorità Giudiziaria dalla Digos di Catania per "istigazione a commettere delitti di terrorismo" dopo aver pubblicato, sul proprio profilo facebook, frasi di consenso alle persecuzioni contro le comunità cristiane in Medio Oriente da parte di formazioni jihadiste. Con quella di oggi sono 86 le espulsioni eseguite nel 2017 e 218 quelle eseguite dal primo gennaio 2015 ad oggi. L'algerino, entrato in Italia nel gennaio 2016 da Lampedusa, online si faceva chiamare Zidan Zidane e aveva pubblicato sul profilo facebook un link titolato "Spunta la mappa dello sterminio: così la jihad elimina i cristiani" (commentandolo con frasi di consenso) che è risultato essere collegato ad articoli diffusi su fonti aperte relativi a persecuzioni nei confronti di comunità cristiane in Medio Oriente da parte di milizie jiahadiste.

14:13Formula E: Raggi, Roma non è museo ma leader innovazione

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - "Non possiamo considerare la città di Roma come un museo a cielo aperto, Roma deve essere leader nel campo dell'innovazione. E la Formula È è un' occasione per dimostrare che è possibile. Non potevamo non accettare questa sfida: portare a Roma un grandissimo evento sportivo e una visione di mondo che è la nostra". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi durante la presentazione della Formula E all'Eur. "Io alla guida di una monoposto? Inizio ad allenarmi", ha aggiunto scherzando.

14:10Sospesa attività di quattro centri di cartomanzia su web

(ANSA) - PERUGIA, 19 OTT - Sospesa a tempo indeterminato l'attività di quattro società di cartomanzia telefonica e via web che operavano tra Perugia e Bastia Umbra presso le quali - secondo polizia e carabinieri - operavano non esperti di esoterismo ma addetti commerciali. A loro carico è stato applicato un provvedimento amministrativo del questore del capoluogo umbro Francesco Messina per l'abuso della credulità. Uno dei titolari è stato poi denunciato penalmente per non avere rispettato la sospensione. Dall'indagine, alla quale ha collaborato anche l'ispettorato del lavoro, è emerso che i centri di cartomanzia ricevevano telefonate da tutta Italia. Il pagamento dei presunti servizi avveniva tramite numeri a pagamento 899 o, in maniera anticipata, con carte di credito. "Il ricorso a questi servizi - ha spiegato Messina - è risultato particolarmente diffuso. Forse anche perché con i problemi legati alla crisi le persone sono spinte a trovare conforto in servizi che poco hanno a che fare con la realtà". (ANSA).

Archivio Ultima ora