Il Consiglio d’Europa boccia l’Italia sulla lotta alla corruzione

Pubblicato il 07 giugno 2017 da ansa

Foto Daniele Leone / LaPresse
11/11/2014 Roma, Italia

STRASBURGO. – L’Italia è lenta nel dotarsi delle leggi necessarie a combattere la corruzione, ha parecchia strada da fare sul fronte della prevenzione di questo fenomeno, che come il 2016 ha dimostrato colpisce ogni paese, organizzazione e settore, e deve risolvere il cosiddetto fenomeno delle ‘porte girevoli’ tra magistratura e politica. Ma negli ultimi anni ha fatto passi avanti per garantire la trasparenza del finanziamento dei partiti politici.

È quanto emerge dall’ultimo rapporto annuale di Greco, l’organo anti corruzione del Consiglio d’Europa. Comparando l’Italia agli altri 48 Stati monitorati, il nostro Paese risulta tra quelli più lenti nell’introdurre specifici reati legati alla corruzione. In 5 anni, dal 2011 al 2016, l’Italia ha implementato pienamente solo il 33% delle raccomandazioni del Greco sull’incriminazione della corruzione. Hanno fatto di meno solo la Bosnia (0%), il Portogallo e gli Stati Uniti (17%).

La situazione migliora invece sensibilmente sul fronte del finanziamento della politica. L’Italia ha infatti attuato “in modo soddisfacente” il 71% delle raccomandazioni, e “parzialmente” l’altro 29%, e si trova quindi in una posizione migliore di altri grandi Paesi europei, come Francia e Germania, che hanno implementato pienamente meno del 40% delle indicazioni.

Secondo Greco, però, in Italia il fenomeno preoccupante è il passaggio dei giudici dalla magistratura alla politica. A Strasburgo evidenziano come sia particolarmente rilevante nel nostro Paese e in Olanda. Da noi un giudice può essere allo stesso tempo sindaco mentre nei Paese Bassi può contemporaneamente ricoprire l’incarico di parlamentare. Greco sottolinea che questa pratica cosiddetta delle ‘porte girevoli’ comporta “il rischio inevitabile, reale o percepito, che la magistratura sia politicizzata”.

Il presidente dell’organo anti corruzione, Marin Mrcela, afferma a tale proposito che Greco “confida nel fatto che l’attuale processo legislativo in atto in Italia per regolare ‘le porte girevoli giustizia-politica’ sarà completato presto”. E invita inoltre l’Italia ad agire sul fronte della prevenzione della corruzione, un aspetto della lotta contro questa piaga di cui secondo Greco tutti gli Stati “troppo spesso sottovalutano la forza e l’efficacia”.

Mrcela incoraggia quindi l’Italia “a continuare gli sforzi per introdurre regole chiare e applicabili sul conflitto d’interesse per i parlamentari, e a elaborare un forte complesso di restrizioni per le donazioni, i regali, l’ospitalità e altri benefici che possono ricevere”. Inoltre Greco chiede all’Italia di introdurre regole e linee guida su come i parlamentari si relazionano ai lobbisti e altri che cercano d’influenzare il processo legislativo.

(di Samantha Agrò/ANSA)

Ultima ora

16:22Calcio: Fifa squalifica a vita tre dirigenti

(ANSA) - ZURIGO, 21 NOV - La Fifa ha fatto sapere di aver radiato tre dirigenti, colpevoli di avere intascato tangenti. Tra essi c'è Richard Lai, ex presidente della Federcalcio delle Isole Guam, nonché ex membro del Comitato audit e conformità della Fifa, che si è dichiarato colpevole del reato di corruzione, di fronte alla Corte di New York. Squalificati a vita anche due ex presidenti federali: Julio Rocha del Nicaragua e Rafael Esquivel del Venezuela, arrestati a Zurigo nel maggio 2015 e successivamente estradati negli Stati Uniti per il processo. La Fifa afferma di avere imposto "sanzioni adeguate all'importo delle tangenti che hanno ammesso di aver preso".

16:16Snai: in Champions il Barca è favorito sulla Juve

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La Juve, nel quinto turno del Gruppo D di Champions, ospiterà domani sera il Barcellona e parte da sfavorita nelle quote Snai. A Torino, contro la Juve, i catalani non hanno mai vinto: il primo colpo è dato a 2,45 e si punta a 3,35 sul pari. Vincere per i bianconeri è un compito a 2,85, ripetere il 3-0 della passata stagione fa salire la quota a 30 volte la scommessa. La Juve vede gli ottavi a 1,05, arrivarci da prima paga 8 contro 1. Dybala e Messi hanno fatto scintille nei rispettivi campionati: la rete della 'Pulce' vale 2,10, a 2,75 quella di Paulo. La media 'Goal' di entrambe è perfetta: a segno nella partita di domani sono una scommessa da 1,67. Nel Gruppo C c'è da tenere d'occhio l''X', in Atletico Madrid-Roma, a quota 3,40. Per restare in corsa verso gli ottavi serve una vittoria agli spagnoli (1,90). Il 'blitz' giallorosso viaggia a 4,00 su Snai. Quanto al passaggio del turno, la squadra di Di Francesco è in una situazione comoda: a 1,02 la qualificazione, il passaggio da primi è a 1,70.

16:09Fisco: tre denunce e sequestro di 1,2 mln per evasione

(ANSA) - PORDENONE, 21 NOV - I titolari di tre aziende del Friuli Occidentale sono stati denunciati per evasione fiscale dalla Guardia di Finanza che, inoltre, ha eseguito un sequestro preventivo di oltre 1,2 milioni di euro. L'indagine è scattata dopo alcuni accertamenti dell'Agenzia delle Entrate. A seguito delle indagini, su richiesta della Procura, il Gip di Pordenone ha emesso provvedimenti di sequestro preventivo per complessivi 1.218.000 euro, già effettuati dalle Fiamme Gialle che hanno bloccato disponibilità liquide, beni immobili e mobili. Dai rilievi era emersa una palese "asimmetria" tra il patrimonio degli indagati e gli omessi versamenti: in un caso, è stata sequestrata la somma di 452.121 euro (tutta in denaro contante) depositata dall'indagato su conti correnti in Istituti di Credito, mentre un altro indagato era proprietario di oltre 26 unità immobiliari e 200 terreni. Il terzo indagato, infine, successivamente agli omessi versamenti, era stato dichiarato fallito dal Tribunale di Pordenone.

16:07Calcio: Oddo, Udinese club che ha ambizioni

(ANSA) - UDINEE, 21 NOV - "Sono molto contento di questa opportunità, al di là della contentezza per avere una grande chance in serie A, questa è una società che ha ambizioni". Sono le prime parole da neotecnico dell'Udinese pronunciate oggi da Massimo Oddo che ha anche rivolto un pensiero a Delneri. "Quando le cose non vanno bene non è colpa sempre e solo di un allenatore, ma è il primo a pagare. E' una cosa che può succedere a tutti. Lo stimo moltissimo. Lo ringrazio per quello che troverò, per il suo lavoro".

16:04Renzi da Macron, cordialità e conferma forti punti contatto

(ANSA) - PARIGI, 21 NOV - Un incontro più che cordiale, con la conferma di forti punti di contatto, già emersi in passato: queste le impressioni riferite al termine dell'incontro all'Eliseo fra Matteo Renzi ed Emmanuel Macron. Fra i due, il rapporto è apparso consolidato e l'incontro ha confermato le analogie programmatiche di tempi recenti, dal bonus cultura - una proposta fatta propria dal presidente francese che ha sempre sottolineato di essersi ispirato al provvedimento italiano - al jobs act, dall'elezione del presidente della Commissione Ue al varo di liste transnazionali per avere veri partiti europei.

16:04Pensioni: Martina, impegni governo garantiscono equità

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Gli impegni che il governo ha preso al tavolo di confronto con i sindacati vanno nel senso giusto e garantiscono maggiore equità, perché come abbiamo sempre detto non tutti i lavori sono uguali". Lo scrive su Facebook il ministro Maurizio Martina, vicesegretario del Pd. "In particolare - spiega - l'immediata esenzione dall'innalzamento previsto per il 2019 del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia e del requisito contributivo per la pensione anticipata per le undici categorie già individuate per l'anticipo pensionistico sociale e quattro categorie aggiuntive (operai e braccianti agricoli, marittimi, addetti alla pesca, siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti ad alte temperature) costituisce una novità molto importante per tutelare concretamente migliaia di lavoratori interessati. Sono tutti temi essenziali su cui il Partito Democratico continuerà a lavorare con concretezza e massimo impegno".

15:45Calcio: ufficiale, Oddo nuovo allenatore Udinese

(ANSA) - TRIESTE, 21 NOV - Massimo Oddo é il nuovo allenatore dell'Udinese. Lo rende noto la società con un comunicato. Oddo sarà presentato in conferenza stampa tra poco alla Dacia Arena di Udine e subito dopo dirigerà il primo allenamento al Bruseschi.

Archivio Ultima ora