L’Ue rafforza il fondo industria Difesa, 500 milioni l’anno dal 2019

Pubblicato il 07 giugno 2017 da ansa

BRUXELLES. – L’Europa, divisa sulle politiche migratorie e sul futuro dell’Eurozona, si ritrova compatta sulla proposta di rafforzare la sua industria della difesa, tanto per la ricerca quanto per lo sviluppo industriale dei progetti. Con la prospettiva finale di avere una Europa della difesa che possa ‘comprare europeo’, mantenendo la proprietà dei brevetti.

“La difesa è uno dei principali campi per rilanciare l’Europa” ha osservato Federica Mogherini nel giorno in cui, assieme al vicepresidente per la crescita Jyrki Katainen, ha presentato da una parte il ‘reflection paper’ con i tre scenari di sviluppo politico del rafforzamento della difesa (dalla blanda ‘cooperazione’ volontaria caso per caso, alla ‘difesa comune’ con integrazione delle forze armate, passando per l’intermedia ‘difesa condivisa’ che implica più solidarietà operativa e finanziaria rispetto allo status quo), dall’altra la proposta legislativa per finanziare già dal 2019 con 500 milioni di euro del bilancio europeo la ‘finestra’ del Fondo europeo per la Difesa dedicata allo sviluppo di prototipi.

La proposta – che affianca la ‘finestra’ per la ricerca, già attiva e dotata di 25 milioni di euro per il 2017, 40 mln per il 2018 ed altri 25 per il 2019 (con i primi progetti già in fase di preparazione e selezione) – prevede che, col prossimo bilancio pluriennale Ue (ovvero dopo il 2020), il finanziamento del fondo arrivi ad una potenza complessiva di 5,5 miliardi di euro l’anno, di cui 1 mld dal bilancio europeo, 4 mld messi sul piatto dagli stati membri (che potranno escludere i contributi dai vincoli del patto di stabilità) e 500 mln l’anno di fondi per la sola ricerca.

“Abbiamo fatto di più negli ultimi dieci mesi che nei precedenti 60 anni”, hanno osservato Katainen e Mogherini. Chiaro riferimento al referendum della Brexit che mise il turbo alla ‘Strategia globale’ presentata da Mogherini al vertice di giugno scorso. Il rafforzamento della Difesa ha poi ottenuto la corsia preferenziale nel vertice di Bratislava di settembre. L’arrivo di Trump alla Casa Bianca, incluso il brusco appello a riportare le spese militari al 2% del pil, sta facendo il resto.

Rafforzare l’industria europea della difesa, spiegano fonti interne, è considerato lo strumento tanto per dare le risposte politiche di sicurezza quanto per rilanciare la crescita, riducendo l’attuale dipendenza dall’industria americana e la frammentazione delle capacità militari europee, che – secondo la stima più prudente – costano 25 miliardi l’anno per le inefficienze di un sistema in cui “28 paesi fanno 28 volte le stesse cose”.

Lo schema proposto dalla Commissione è quello di spingere l’integrazione finanziando progetti presentati da Consorzi composti da almeno tre società (ovvero con azionariato per almeno il 50% europeo) di almeno due diversi paesi, imponendo però modelli con ricadute dirette sulle Pmi. La scelta dei progetti sarà fatta in cooperazione dagli stati membri, con l’Eda (l’agenzia europea per la difesa) e la Ue nelle vesti di “facilitatori”.

La parte più consistente dei finanziamenti sarà per lo ‘sviluppo’ di prototipi, che hanno quindi già potenziali clienti finali. Tra le prime idee che circolano quello di droni anche per l’ambiente marittimo e sistemi di comunicazione satellitari per i soldati in campo di battaglia. “Non vogliamo più potere per la Commissione, né proponiamo di sovrapporci alla Nato” che continuerà ad avere “la responsabilità della difesa territoriale”. In compenso la Ue spinge per rafforzarsi nella difesa contro terrorismo, minacce di guerra ibrida e cyber.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

16:22Calcio: Fifa squalifica a vita tre dirigenti

(ANSA) - ZURIGO, 21 NOV - La Fifa ha fatto sapere di aver radiato tre dirigenti, colpevoli di avere intascato tangenti. Tra essi c'è Richard Lai, ex presidente della Federcalcio delle Isole Guam, nonché ex membro del Comitato audit e conformità della Fifa, che si è dichiarato colpevole del reato di corruzione, di fronte alla Corte di New York. Squalificati a vita anche due ex presidenti federali: Julio Rocha del Nicaragua e Rafael Esquivel del Venezuela, arrestati a Zurigo nel maggio 2015 e successivamente estradati negli Stati Uniti per il processo. La Fifa afferma di avere imposto "sanzioni adeguate all'importo delle tangenti che hanno ammesso di aver preso".

16:16Snai: in Champions il Barca è favorito sulla Juve

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - La Juve, nel quinto turno del Gruppo D di Champions, ospiterà domani sera il Barcellona e parte da sfavorita nelle quote Snai. A Torino, contro la Juve, i catalani non hanno mai vinto: il primo colpo è dato a 2,45 e si punta a 3,35 sul pari. Vincere per i bianconeri è un compito a 2,85, ripetere il 3-0 della passata stagione fa salire la quota a 30 volte la scommessa. La Juve vede gli ottavi a 1,05, arrivarci da prima paga 8 contro 1. Dybala e Messi hanno fatto scintille nei rispettivi campionati: la rete della 'Pulce' vale 2,10, a 2,75 quella di Paulo. La media 'Goal' di entrambe è perfetta: a segno nella partita di domani sono una scommessa da 1,67. Nel Gruppo C c'è da tenere d'occhio l''X', in Atletico Madrid-Roma, a quota 3,40. Per restare in corsa verso gli ottavi serve una vittoria agli spagnoli (1,90). Il 'blitz' giallorosso viaggia a 4,00 su Snai. Quanto al passaggio del turno, la squadra di Di Francesco è in una situazione comoda: a 1,02 la qualificazione, il passaggio da primi è a 1,70.

16:09Fisco: tre denunce e sequestro di 1,2 mln per evasione

(ANSA) - PORDENONE, 21 NOV - I titolari di tre aziende del Friuli Occidentale sono stati denunciati per evasione fiscale dalla Guardia di Finanza che, inoltre, ha eseguito un sequestro preventivo di oltre 1,2 milioni di euro. L'indagine è scattata dopo alcuni accertamenti dell'Agenzia delle Entrate. A seguito delle indagini, su richiesta della Procura, il Gip di Pordenone ha emesso provvedimenti di sequestro preventivo per complessivi 1.218.000 euro, già effettuati dalle Fiamme Gialle che hanno bloccato disponibilità liquide, beni immobili e mobili. Dai rilievi era emersa una palese "asimmetria" tra il patrimonio degli indagati e gli omessi versamenti: in un caso, è stata sequestrata la somma di 452.121 euro (tutta in denaro contante) depositata dall'indagato su conti correnti in Istituti di Credito, mentre un altro indagato era proprietario di oltre 26 unità immobiliari e 200 terreni. Il terzo indagato, infine, successivamente agli omessi versamenti, era stato dichiarato fallito dal Tribunale di Pordenone.

16:07Calcio: Oddo, Udinese club che ha ambizioni

(ANSA) - UDINEE, 21 NOV - "Sono molto contento di questa opportunità, al di là della contentezza per avere una grande chance in serie A, questa è una società che ha ambizioni". Sono le prime parole da neotecnico dell'Udinese pronunciate oggi da Massimo Oddo che ha anche rivolto un pensiero a Delneri. "Quando le cose non vanno bene non è colpa sempre e solo di un allenatore, ma è il primo a pagare. E' una cosa che può succedere a tutti. Lo stimo moltissimo. Lo ringrazio per quello che troverò, per il suo lavoro".

16:04Renzi da Macron, cordialità e conferma forti punti contatto

(ANSA) - PARIGI, 21 NOV - Un incontro più che cordiale, con la conferma di forti punti di contatto, già emersi in passato: queste le impressioni riferite al termine dell'incontro all'Eliseo fra Matteo Renzi ed Emmanuel Macron. Fra i due, il rapporto è apparso consolidato e l'incontro ha confermato le analogie programmatiche di tempi recenti, dal bonus cultura - una proposta fatta propria dal presidente francese che ha sempre sottolineato di essersi ispirato al provvedimento italiano - al jobs act, dall'elezione del presidente della Commissione Ue al varo di liste transnazionali per avere veri partiti europei.

16:04Pensioni: Martina, impegni governo garantiscono equità

(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Gli impegni che il governo ha preso al tavolo di confronto con i sindacati vanno nel senso giusto e garantiscono maggiore equità, perché come abbiamo sempre detto non tutti i lavori sono uguali". Lo scrive su Facebook il ministro Maurizio Martina, vicesegretario del Pd. "In particolare - spiega - l'immediata esenzione dall'innalzamento previsto per il 2019 del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia e del requisito contributivo per la pensione anticipata per le undici categorie già individuate per l'anticipo pensionistico sociale e quattro categorie aggiuntive (operai e braccianti agricoli, marittimi, addetti alla pesca, siderurgici di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti ad alte temperature) costituisce una novità molto importante per tutelare concretamente migliaia di lavoratori interessati. Sono tutti temi essenziali su cui il Partito Democratico continuerà a lavorare con concretezza e massimo impegno".

15:45Calcio: ufficiale, Oddo nuovo allenatore Udinese

(ANSA) - TRIESTE, 21 NOV - Massimo Oddo é il nuovo allenatore dell'Udinese. Lo rende noto la società con un comunicato. Oddo sarà presentato in conferenza stampa tra poco alla Dacia Arena di Udine e subito dopo dirigerà il primo allenamento al Bruseschi.

Archivio Ultima ora