L’Ue rafforza il fondo industria Difesa, 500 milioni l’anno dal 2019

Pubblicato il 07 giugno 2017 da ansa

BRUXELLES. – L’Europa, divisa sulle politiche migratorie e sul futuro dell’Eurozona, si ritrova compatta sulla proposta di rafforzare la sua industria della difesa, tanto per la ricerca quanto per lo sviluppo industriale dei progetti. Con la prospettiva finale di avere una Europa della difesa che possa ‘comprare europeo’, mantenendo la proprietà dei brevetti.

“La difesa è uno dei principali campi per rilanciare l’Europa” ha osservato Federica Mogherini nel giorno in cui, assieme al vicepresidente per la crescita Jyrki Katainen, ha presentato da una parte il ‘reflection paper’ con i tre scenari di sviluppo politico del rafforzamento della difesa (dalla blanda ‘cooperazione’ volontaria caso per caso, alla ‘difesa comune’ con integrazione delle forze armate, passando per l’intermedia ‘difesa condivisa’ che implica più solidarietà operativa e finanziaria rispetto allo status quo), dall’altra la proposta legislativa per finanziare già dal 2019 con 500 milioni di euro del bilancio europeo la ‘finestra’ del Fondo europeo per la Difesa dedicata allo sviluppo di prototipi.

La proposta – che affianca la ‘finestra’ per la ricerca, già attiva e dotata di 25 milioni di euro per il 2017, 40 mln per il 2018 ed altri 25 per il 2019 (con i primi progetti già in fase di preparazione e selezione) – prevede che, col prossimo bilancio pluriennale Ue (ovvero dopo il 2020), il finanziamento del fondo arrivi ad una potenza complessiva di 5,5 miliardi di euro l’anno, di cui 1 mld dal bilancio europeo, 4 mld messi sul piatto dagli stati membri (che potranno escludere i contributi dai vincoli del patto di stabilità) e 500 mln l’anno di fondi per la sola ricerca.

“Abbiamo fatto di più negli ultimi dieci mesi che nei precedenti 60 anni”, hanno osservato Katainen e Mogherini. Chiaro riferimento al referendum della Brexit che mise il turbo alla ‘Strategia globale’ presentata da Mogherini al vertice di giugno scorso. Il rafforzamento della Difesa ha poi ottenuto la corsia preferenziale nel vertice di Bratislava di settembre. L’arrivo di Trump alla Casa Bianca, incluso il brusco appello a riportare le spese militari al 2% del pil, sta facendo il resto.

Rafforzare l’industria europea della difesa, spiegano fonti interne, è considerato lo strumento tanto per dare le risposte politiche di sicurezza quanto per rilanciare la crescita, riducendo l’attuale dipendenza dall’industria americana e la frammentazione delle capacità militari europee, che – secondo la stima più prudente – costano 25 miliardi l’anno per le inefficienze di un sistema in cui “28 paesi fanno 28 volte le stesse cose”.

Lo schema proposto dalla Commissione è quello di spingere l’integrazione finanziando progetti presentati da Consorzi composti da almeno tre società (ovvero con azionariato per almeno il 50% europeo) di almeno due diversi paesi, imponendo però modelli con ricadute dirette sulle Pmi. La scelta dei progetti sarà fatta in cooperazione dagli stati membri, con l’Eda (l’agenzia europea per la difesa) e la Ue nelle vesti di “facilitatori”.

La parte più consistente dei finanziamenti sarà per lo ‘sviluppo’ di prototipi, che hanno quindi già potenziali clienti finali. Tra le prime idee che circolano quello di droni anche per l’ambiente marittimo e sistemi di comunicazione satellitari per i soldati in campo di battaglia. “Non vogliamo più potere per la Commissione, né proponiamo di sovrapporci alla Nato” che continuerà ad avere “la responsabilità della difesa territoriale”. In compenso la Ue spinge per rafforzarsi nella difesa contro terrorismo, minacce di guerra ibrida e cyber.

(di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

00:37Calcio: Real Madrid senza problemi, cala il tris a La Coruna

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Il Real Madrid cala il tris in Galizia, sul campo del Deportivo La Coruna, chiudendo come meglio non poteva la prima esibizione stagionale nella Liga. I campioni d'Europa hanno sbloccato il punteggio al 20' con il gallese Bale, hanno raddoppiato al 27' con Casemiro e chiuso i conti al 17' della ripresa con l'ottimo tedesco Tony Kroos, autore del 3-0 finale, su assist dello stesso Bale. Non si è fatta sentire l'assenza di Cristiano Ronaldo, nella squadra di Zinedine Zidane, che in attacco si è affidato al tridente formato da Isco, Benzema e Bale. (ANSA).

00:07Calcio: Inter, Spalletti “Io fuoriclasse? Non faccio gol…”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Sono molto soddisfatto dell'esordio a San Siro, a cominciare dalla presenza del pubblico che ci ha trasmesso il suo affetto. La squadra ha giocato un buon calcio, contro una squadra che comunque ha una sua organizzazione, che in alcuni frangenti ci ha messo in difficoltà". Luciano Spalletti traccia un bilancio tutto in positivo della prima ufficiale a San Siro da allenatore dell'Inter. "Icardi e Perisic? Hanno grande qualità nell'attaccare gli spazi, ma aggiungiamoci anche Miranda e Skriniar, che nei momenti di sofferenza hanno fatto il loro lavoro - ha detto a Mediaset Premium il tecnico nerazzurro -. C'è chi dice che il fuoriclasse sia io? Io mica faccio gol, sono i giocatori con le loro qualità a determinare i risultati. Io posso solo dare delle indicazioni". Sabato c'è il ritorno a Roma: "Incontro molti amici, ci vado con grande disponibilità a prescindere da come mi accolgieranno".

00:05Calcio: PSG forza sei, Neymar scatenato ne fa due

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Due gol e due assist. Si apre più che positivamente la parentesi nella Ligue 1 per Neymar che ha contribuito in modo determinante al 6-2 rifilato dal PSG al Tolosa. Il brasiliano ha aperto le marcature al 31' e 4' più tardi ha servito a Rabiot il pallone del 2-0, dopo che gli ospiti erano passati in vantaggio al 18' con Gradel. Al 30' st Cavani ha calato il tris su rigore e, dopo il gol ospite di Jullien al 33', Pastore ha fatto poker al 37'. In chiusura gol di Kurzawa al 39' - su assist di Neymar - e alto punto del brasiliano al 47'. (ANSA).

00:05Calcio: Pioli non soddisfatto da Var, su Simeone era rigore

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Il risultato ci penalizza oltremisura, anche se abbiamo incontrato una squadra che in questo momento sta meglio di noi. La partita mi lascia comunque sensazioni positive, anche se dovevamo comunque rimanere in partita e cercare di non prendere il terzo gol. Dispiace, ma credo che la Fiorentina abbia fatto buone cose: dobbiamo crescere, ma abbiamo il materiale per fare un buon lavoro". Lo ha detto Stefano Pioli, commentando la sconfitta della Fiorentina sul campo dell'Inter. "Abbiamo disputato un precampionato faticoso, dal punto di vista degli inserimenti, ma abbiamo un buon organico: è chiaro che non possiamo ancora essere squadra - conclude - ma non abbiamo mollato e abbiamo avuto buoni atteggiamenti. Il rigore su Simeone? Pensavo solo che, siccome l'episodio era dubbio, forse era il caso che Tagliavento andasse a controllare di persona, ma se hanno deciso così lo accetto. Anche se secondo me il fallo di Miranda, a vedere le immagini, c'era".

23:53Calcio: Milan, Montella “non mi aspettavo Kessié così forte”

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - "Il rigore del vantaggio? Non mi sembra il caso di commentare anche la Var: ci si deve abituare, porterà serenità in campo e fuori. Stasera mi è piaciuto molto l'approccio della squadra alla partita, al di là dell'espulsione che ci ha agevolato. Se vogliamo diventare vincenti, però, dobbiamo crescere nella gestione, perché sul 3-0 abbiamo preso qualche giallo di troppo: è l'unico neo di questa partita". Così Vincenzo Montella ha commentato la vittoria del Milan sul campo del Crotone. "Kalinic in arrivo? Per una grande squadra è normale avere tre attaccanti - aggiunge Montella -. Chi mi ha stupito finora più degli altri? Forse Kessié: me lo aspettavo forte, ma non così. E ha ancora margini di miglioramento. Un altro che sta crescendo è André Silva: diventerà un attaccante di grandissimo livello. Il nostro obiettivo è di migliorarci, è per questo che sono stati acquistati giocatori di livello. Dopo Kalinic mercato chiuso? Purtroppo chiude il 31 agosto, in futuro mi auguro possa finire prima".

23:28Calcio: Lazio-Spal, prima donna medico in A come Carneiro

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Si chiama Raffaella Giagnorio, ha 52 anni ed è ferrarese, come la squadra che accompagna da anni in panchina. E' la prima medico donna a esordire in Serie A, in occasione del match che si sta disputando fra la Lazio e Spal. Come Eva Carneiro, l'avvenente medico britannica nota per essere stata la responsabile dell'area medica del Chelsea dal 2009 al 2015, prima della nota disputa legale a causa del licenziamento voluto dall'allora tecnico dei londinesi Mourinho. Al contrario, la dottoressa Giagnorio, ortopedico, medico dello sport e nutrizionista, può vantare un ottimo rapporto con lo staff dell'allenatore Semplici. E' responsabile medico della Spal dal 2013 e ha vissuto in panchina tutta l'ascesa dei ferraresi dalla Lega Pro fino alla massima serie. Davvero si può dire che se dopo 49 la Spal è tornata in A, una parte di merito va anche a lei.

23:26Calcio: Serie A, classifica

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La classifica del campionato di calcio di Serie A dopo la prima giornata: Juventus, Napoli, Milan, Inter, Chievo, Roma e Sampdoria punti 3; Bologna, Torino, Genoa, Sassuolo, Lazio e Spal 1; Benevento, Crotone, Fiorentina, Udinese, Atalanta, Verona e Cagliari 0.

Archivio Ultima ora