Programma radiofonico della Procura fuori onda, censura in atto?

CARACAS. – Questo giovedì il Sindacato Nazionale dei Lavoratori della Stampa del Venezuela (Sntp) lo ha denunciato. Il programma “En Sintonia con el Ministero Pubblico” è stato subitamente messo fuori onda, dopo un “misteriosa chiamata”.

L’ interruzione è accaduta quando il Pm Zair Mundarain, stava informando sulle indagini in corso e sulle cifre della procura riguardo i decessi durante le proteste. Cifre che non coincidono con quelle date dal Ministro per L’Informazione Ernesto Villegas che, per altro, non sarebbe né l’ente né il funzionario competente per indagare sugli atti violenti.

Ma forse proprio questo non è stato gradito da Villegas.

Tagliato il programma, l’emittente ha messo in onda un altro incentrato sulla violenza che “per mano della destra” si scatena durante le manifestazioni contro il governo di Maduro.

Mundarain doveva informare sulle ultime due morti, quelle di mercoledì in Caracas, dove Neomar Lander, un adolescente di 17 anni è stato assassinato, e in tarda serata il cadavere di un Gnb è stato trovato in una strada di Altamira.

Gli esperti in materia  considerano che la censura  potrebbe essere collegata alla frattura in atto tra il Pubblico Ministero ed il Governo. Da quando la Procuratrice Luisa Ortega Diaz ha denunciato che la morte di Pernalete è stata da colpo di lacrimogeno, si sono susseguite una serie di indagini che non hanno fatto piacere al governo.

A tal punto che Diosdado Cabello, nel suo programma televisivo, avrebbe detto che la Procuratrice ha i giorni contati.

Non sorprende, perciò, che Radio Nacional abbia interrotto il programma oggi.