Migranti, missione Sophia: 440 navi distrutte e 36mila salvati

Pubblicato il 08 giugno 2017 da ansa

Nave Mimbelli soccorre 775 migranti (tra cui 196 donne e 40 minori), 10 agosto 2015. Sono oltre 1.500 i migranti soccorsi oggi negli interventi coordinati dalla centrale operativa della Guardia Costiera.

ROMA. – Da due anni l’Unione Europea ha messo in mare la missione ‘Sophia’ con l’obiettivo primario di smantellare le organizzazioni dei trafficanti di uomini. Ma in questo periodo i migranti sbarcati in Italia sono costantemente aumentati (181mila nel 2016, già 61mila nel 2017 e l’Unhcr prevede saranno 200mila a fine anno). L’ammiraglio Enrico Credendino, comandante di Eunavformed, difende tuttavia i risultati di ‘Sophia’: 36mila persone soccorse, 440 imbarcazioni neutralizzate, 109 sospetti scafisti consegnati ai magistrati italiani, 130 ufficiali libici addestrati.

Certo, il contrasto sarebbe più efficace se la Libia fosse stabilizzata e la missione potesse passare alla Fase 3, che prevede l’ingresso nelle acque territoriali del Paese africano. Ma, ha spiegato Credendino nel corso di un forum, “per arrivarci serve l’invito del Governo libico ed una nuova risoluzione Onu: ora i tempi non sono maturi”.

Si può tuttavia fare di più, ha ammesso l’ammiraglio, soprattutto sul fronte del coordinamento tra i tanti soggetti che operano nelle acque del Mediterraneo centrale: oltre a ‘Sophia’, le navi delle missioni italiane, i mercantili, le ong, la Marina e la guardia costiera ‘ufficiali’ libiche, le imbarcazioni delle varie milizie che imperversano nel Paese.

La missione europea (budget di 18,5 milioni di euro in due anni, con 5 navi, 2 elicotteri e 5 aerei) scade il 27 luglio, ma per il comandante sarà certamente prorogata fino al 31 dicembre 2018. Negoziati sono in corso tra i 25 Paesi contribuenti ed è probabile qualche cambiamento nel mandato. Punto chiave è la Libia, territorio senza controllo.

“Addestreremo – ha riferito – le forze di sicurezza locali in modo da metterle in grado di combattere le attività illecite e salvare vite: l’obiettivo è formare un migliaio di unità entro i prossimi 12 mesi”. Altro problema è quello dei gommoni usati dagli scafisti: “moltissimi sono cinesi comprati lecitamente su internet; servirebbe un bando per vietarne l’acquisto”.

Credendino ha poi avanzato due proposte: la “trasformazione del traffico di migranti in crimine contro l’umanità. Oggi è un crimine transnazionale che può essere contrastato solo dal Paese sul quale produce i suoi effetti, per esempio l’Italia. Se invece diventa un crimine contro l’umanità ciò impegna tutta la comunità internazionale”.

E, ha aggiunto, “l’istituzione di un Osservatorio europeo sugli scafisti, in modo da creare un data-base con tutti i nomi coinvolti nel traffico”. L’ammiraglio ha affrontato anche il dibattito sulle ong. “Le loro navi – ha riconosciuto – non hanno mai intralciato le operazioni di ‘Sophia’. Le organizzazioni fanno un’azione meritoria, salvano vite ed ormai realizzano il 40% dei soccorsi, ma c’è bisogno di coordinarsi nel modo migliore per contrastare al meglio i trafficanti e salvare quindi altre vite”.

“Coerenza e trasparenza” da parte delle ong è stata chiesta anche dal sottosegretario all’Interno, Domenico Manzione.

(di Massimo Nesticò/ANSA)

Ultima ora

11:56Pagami o ti cancello dai social, arrestato per estorsione

(ANSA) - BRESCIA, 20 AGO - Minacciava l'amico di cancellargli il profilo Instagram del quale era riuscito ad ottenere le password d'accesso se non avesse pagato. Protagonista, un 19enne bresciano, arrestato dai carabinieri di Chiari per estorsione nei confronti di un coetaneo al quale chiedeva soldi e ricariche telefoniche per evitare l'azzeramento del profilo social. Il giudice ha convalidato l'arresto e disposto l'obbligo di dimora. (ANSA).

11:35Sierra Leone: alluvioni, si temono 1.000 vittime

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il bilancio delle vittime delle alluvioni e delle frane che hanno colpito Freetown negli ultimi giorni potrebbe salire oltre quota 1.000: lo scrive oggi il quotidiano britannico Independent sottolineando che i morti confermati sono già 450 e che il numero dei dispersi potrebbe superare i 600. Secondo il personale delle squadre di soccorso le probabilità di trovare sopravvissuti "diminuiscono ogni giorno". Le forti piogge hanno provocato una gigantesca frana di fango e rocce alle porte della capitale che ha distrutto tutto quello che si trovava sul proprio cammino. Si lavora ancora per cercare eventuali sopravvissuti ma finora si trovano solo corpi senza vita, in molti casi smembrati e irriconoscibili perche' colpiti violentemente dalle rocce ed i tronchi d'albero trascinati dalla frana.

11:23Barcellona:vasta operazione polizia oggi a Ripoll e Manlleu

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - Decine e decine di posti di blocco sono stati innalzati nel nord-est della Catalogna, in una gigantesca caccia all'uomo per rintracciare Younes Abouyaaquou, il marocchino di 22 anni, sospettato di essere il guidatore del furgone killer che giovedì scorso è piombato sulla Rambla di Barcellona, uccidendo 14 persone e ferendone oltre 120. Le ricerche si concentrano attorno alle cittadine di Ripoll, da cui provenivano i membri della cellula terroristica, e di Manlleu. (ANSA).

11:05Barcellona: Londra studia più controlli per noleggio auto

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Il governo britannico sta mettendo a punto un piano che prevede l'introduzione di controlli più rigidi sui clienti delle compagnie di autonoleggio per cercare di prevenire attacchi - come quello di Barcellona - in cui terroristi si servono di veicoli noleggiati per compiere le loro stragi. Secondo quanto riporta il tabloid Mirror, che cita una fonte anonima, il governo potrebbe passare al vaglio le informazioni date dai clienti delle società di autonoleggio (inclusi nomi e indirizzi) per controlli incrociati con le liste di noti criminali. I clienti degli autonoleggi, inoltre, potrebbero essere obbligati a fornire maggiori informazioni personali per poter noleggiare i veicoli.

11:00Barcellona:inizia messa a Sagrada Familia per vittime Rambla

(ANSA) - BARCELLONA, 20 AGO - E' cominciata nella basilica della Sagrada Familia la solenne messa in ricordo delle vittime dell'attacco sulla Rambla di Barcellona che ha ucciso 14 persone e ne ha ferito più 120. Alla cerimonia, officiata dall'arcivescovo di Barcellona Joan Josep Omella, assistono i sovrani di Spagna, re Felipe VI e la regina Letizia, e il primo ministro Mariano Rajoy, rappresentanti di paesi esteri e migliaia di cittadini. La Sagrada Familia, capolavoro incompiuto di Gaudì, è stata citata dai media come uno dei possibili obiettivi del commando terrorista che ha colpito la Rambla con un furgone lanciato a tutta velocità.

10:54Iraq: esercito lancia operazione per riconquista Tal Afar

(ANSA) - BAGHDAD, 20 AGO - L'esercito iracheno ha dato il via stamane all'alba all'operazione militare per conquistare la cittadina di Tal Afar, ancora in mano all'Isis. Lo ha annunciato il primo ministro, Haider al-Abadi . Tal Afar, a ovest di Mosul e circa a 150 chilometri dal confine siriano, rappresenta una roccaforte strategica per gli uomini del califfato, che riescono da questa località a controllare il passaggio tra Siria e Iraq. Nella cittadina, prima della conquista da parte dell'Isis, vivevano sunniti, ma anche sciiti e turcomanni. Le milizie sciite, che si sono tenute ai margini dalla riconquista di Mosul, hanno espresso la loro intenzione di partecipare alla battaglia di Tal Afar. Circa 50 mila persone sono già fuggite dalla cittadina negli ultimi mesi, mentre sono un milione gli sfollati di Mosul.

09:32Filippine: campane chiese contro uccisioni antidroga Duterte

(ANSA) - MANILA, 20 AGO - La Chiesa cattolica nelle Filippine risponde alla sanguinosa campagna antidroga del presidente Rodrigo Duterte: l'arcivescovo Socrates Villegas di una regione nel nord del Paese ha ordinato a tutte le chiese nel suo arcivescovado di suonare le campane ogni sera per tre mesi in segno di protesta contro il crescente numero di omicidi da parte della polizia nella lotta ai narcotrafficanti. Le campane delle chiese suoneranno per 15 minuti ogni sera a partire da martedì prossimo per svegliare una popolazione "codarda", incapace di "esprimere la propria rabbia contro il male", ha detto Villegas. L'iniziativa segue l'ondata di violenze della settimana scorsa, quando oltre 80 sospetti sono stati uccisi dalla polizia a Manila e nella vicina provincia di Bulacan in soli tre giorni.

Archivio Ultima ora