Cuba, affondo di Trump ma niente retromarcia da Obama

Pubblicato il 15 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – A rischio il disgelo tra Stati Uniti e Cuba, fortemente voluto da Barack Obama. Donald Trump si appresta infatti a lanciare un affondo verso quell’accordo considerato troppo accondiscendente nei confronti del regime dell’Avana. Ma al di là dei toni del tycoon non dovrebbe trattarsi di una vera e propria svolta – come spiegano i ben informati alla Casa Bianca – né di una chiusura di quel canale diplomatico aperto dopo 50 anni dal predecessore.

Quella che Trump sancirà col suo intervento a Miami dovrebbe limitarsi a una parziale retromarcia che rallenterà, piuttosto che abolire, le aperture politiche e commerciali messe in campo da Obama. Anche se la storica fine dell’embargo sembra al momento allontanarsi nel tempo.

Resterebbero insomma in piedi i capisaldi di quell’intesa che ha portato alla riapertura dopo decenni dell’ambasciata Usa a L’Avana. Sede che resterà aperta anche se ancora senza la presenza di un ambasciatore. Mentre sul fronte economico e dei collegamenti tra gli Usa e l’isola governata da Raul Castro l’azione di Trump dovrebbe limitarsi a rendere più severe alcune restrizioni ancora in essere e al congelamento di alcune delle agevolazioni introdotte di recente, senza però tornare ai divieti del passato.

Anche se l’amministrazione statunitense potrebbe ripristinare limitazioni sui viaggi verso Cuba da parte dei cittadini americani (anche quelli di origine cubana) e sulla possibilità dei cubani-americani di inviare i soldi ai familiari nell’isola. Ma si sa che in politica estera e nelle relazioni tra Stati contano anche i toni e le parole utilizzate.

E parlando davanti agli immigrati cubani nella Little Havana di Miami – sottolineano gli osservatori – il rischio è che Trump si lasci andare a espressioni dure che possano portare a un nuovo deterioramento dei rapporti tra i due Paesi, che mai sono stati così stretti dall’inizio della Guerra Fredda.

Non a caso a poche ore dall’intervento sul palco del Manuel Artime Theater il testo del presidente americano non è stato ancora ultimato, con le ultime limature tese a non togliere vigore alle parole di Trump ma senza urtare eccessivamente la sensibilità del governo dell’Avana rischiando una rottura.

“L’approccio generale – ha spiegato lo stesso segretario di stato Usa Rex Tillerson – è permettere che gli impegni presi sul fronte commerciale vadano avanti il più possibile perché a trarre beneficio è il popolo cubano. Ma non assicureremo sostegno finanziario a quello che per gli Usa resta un regime”.

Ultima ora

20:55Calcio: Montella, Niang? Sono dispiaciuto

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - "Sono veramente dispiaciuto. Ho un ottimo rapporto con il ragazzo, giocare per il Milan deve essere una gioia, non uno stress, mi aspettavo qualcosina in più in questo senso da lui". Vincenzo Montella non nasconde il disappunto per la mossa con cui Mbaye Niang, dopo aver rifiutato il trasferimento allo Spartak Mosca, ha presentato al Milan un certificato medico che che lo esonera dagli allenamenti a causa di stress psicologico. "Vediamo come va a finire la vicenda, intanto - ha sorriso l'allenatore rossonero a Skopje, in Macedonia, alla vigilia del ritorno del playoff di Europa League contro lo Shkendija - gli auguro di guarire presto e sono contento di avere qui giocatori entusiasti e non stressati".

20:50Incendio Morrone: il fuoco si estende al versante pescarese

(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 23 AGO - Non accenna a spegnersi il rogo sul monte Morrone, nel massiccio della Majella. Oggi nuovi focolai si sono accesi in più punti, in particolare vicino al Casino Pantano, alla chiesetta di San Pietro e nel borso di Mandra Castrata. Fiamme anche sul versante pescarese, verso Caramanico Terme. Nuove preoccupazioni e tensioni, insieme a polemiche sull'insufficienza e sul ritardo degli interventi. Le fiamme, dopo aver superato Passo San Leonardo, dove il rogo era iniziato sabato scorso, proseguono verso Roccacaramanico, frazione di S.Eufemia a Majella (Pescara). Sul posto 50 uomini tra volontari e protezione civile, 5 squadre dei Vigili del Fuoco con un elicottero, oggi in azione anche un Canadair. Intanto il monitoraggio dell'Arta, agenzia regionale per la tutela ambientale, sulla qualità dell'aria a Sulmona, località Marane, rivela un innalzamento della concentrazione degli inquinanti. Le maggiori concentrazioni di notte; nelle prime ore del mattino diminuiscono col mutare della direzione del vento. Dal momento che la centralina mobile viene di norma utilizzata da Arta per campagne di misurazione della durata di circa 60 giorni, suddivisi in due periodi stagionali differenti, per monitoraggi di durata inferiore non è possibile eseguire un confronto con i valori limite di legge degli inquinanti monitorati. Nella notte tra ieri e oggi, al momento l'unico riferimento analitico a disposizione dell'Agenzia, tutti gli inquinanti hanno raggiunto concentrazioni medie orarie significative, certamente non caratteristiche della zona in esame. Alla luce di questi primi risultati, l'Arta ha ritenuto opportuno proseguire il monitoraggio fino a data da stabilirsi.(ANSA).

20:43Emiliano,Puglia gestisce dignità lavoro al posto del governo

(ANSA) - NARDO' (LECCE), 23 AGO - "La Regione Puglia non ha tra le sue competenze quella di gestire la dignità del lavoro, dovrebbe essere un compito del governo nazionale e dell'Unione Europea. Purtroppo, in assenza di ciò, siamo costretti ad intervenire con i soldi dei pugliesi per garantire la dignità delle persone". Lo ha detto questa sera a Nardò il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenuto alla cerimonia di inaugurazione del piazzale antistante il villaggio d'accoglienza per lavoratori migranti impiegati nella raccolta nei campi. Il piazzale, realizzato dalla amministrazione comunale di Nardò presso Masseria Boncuri, è stato intitolato alla memoria di Stefano Fumarulo, dirigente della Regione Puglia alle politiche per le migrazioni e per l'antimafia sociale deceduto lo scorso 12 aprile. "Sono le stesse case - ha proseguito Emiliano riferendosi al villaggio d'accoglienza - che il governo ha destinato ai terremotati dell'Umbria e delle Marche, strutture all'altezza delle aspettative di ospitalità".

20:37Alluvione Senigallia: Procura,proroga indagini 11 persone

(ANSA) - ANCONA, 23 AGO - Undici indagati per disastro colposo e omicidio colposo, tra cui il sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi e l'ex primo cittadino Luana Angeloni, in relazione ai danni per circa 180 milioni causati dall'alluvione del 3 maggio 2014, che registrò anche tre decessi, di cui uno direttamente riconducibile all'evento calamitoso. Risulta dalla richiesta di proroga delle indagini che la Procura di Ancona ha inoltrato a fine luglio al gip Antonella Marrone. Considerato che entro il termine del 30 luglio non è stato possibile concludere le attività investigative, scrive la Procura, "sussiste una giusta causa" per prorogare il termine di sei mesi fino alla data del 28 febbraio 2018.

20:13Terremoto: Gentiloni domani a messa ad Amatrice

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Il premier Paolo Gentiloni insieme alla moglie Manuela parteciperà domani alle 11 alla messa ad Amatrice in ricordo delle vittime del terremoto di un anno fa.

20:06Fiamme sul monte Giano, vicino a bosco con scritta Dux

(ANSA) - RIETI, 23 AGO - Un vasto incendio, in corso da ieri, sul monte Giano, che sovrasta il centro abitato di Antrodoco (Rieti), dopo essersi avvicinato alle abitazioni, sta lambendo il bosco di pini tagliati quasi ottant'anni fa in modo da far apparire a distanza la scritta 'Dux'. Da ieri sul monte Giano sono a lavoro diverse squadre dei Vigili del Fuoco, dal pomeriggio di oggi in azione sul versante della scritta stanno operando anche un elicottero Drago dei Vigili del Fuoco e un Canadair. A causa dell'incendio è tuttora chiusa al transito la statale 17 che collega Androdoco a L'Aquila. La scritta 'Dux' si estende su una parete di circa otto ettari e fu realizzata piantando 20.000 pini dalla Scuola Allievi Guardie Forestali di Cittaducale nel 1939 come omaggio a Benito Mussolini.

19:59Uccise un consigliere comunale, bracciante assassinato

(ANSA) - PALAGONIA (CATANIA), 23 AGO - Il cadavere di un bracciante agricolo di 58 anni, Francesco Calcagno, ucciso con cinque colpi di pistola, è stato trovato nel suo podere di Palagonia (Ct) dai carabinieri. Calcagno il 4 ottobre dello scorso anno a Palagonia uccise sparandogli in un bar il consigliere comunale Marco Leonardo, di 41 anni e dopo si costituì ai carabinieri confessando l'omicidio e parlando di un credito di 3.000 euro che vantava dalla vittima. Nella sparatoria rimase ferito in maniera non grave il gestore del locale, Paolo Sangiorgi, 52 anni. L'uomo era tornato in libertà, dopo un paio di mesi trascorsi in carcere e dopo aver scontato gli arresti domiciliari fino allo scorso aprile, dopo che il gip aveva riconosciuto la possibilità della legittima difesa. Era stato rinviato a giudizio per omicidio e porto abusivo di armi ed era in attesa della fissazione della prima udienza del processo

Archivio Ultima ora