Da Figo a Icardi, “Dollarumma” e i suoi fratelli

Pubblicato il 19 giugno 2017 da ansa

ROMA. – L’amore è cieco, e nel calcio acceca ancora di più. ‘Dollarumma’ non è solo. Di casi come quello del portiere dell’Under 21 azzurra – prima idoli o giocatori simbolo, poi ‘nemici’ dei loro stessi tifosi – è pieno il calcio. A volte per trasferimenti poco o niente graditi, come quello di Higuain dal Napoli alla Juventus, oppure per vicende di mercato a base di contratti proposti ma non firmati. Ma spesso l’affetto senza fine per un calciatore diventa insulto, offesa, manifestazione eclatante come quei dollari gettati in campo da qualche supporter milanista a Cracovia, per dire che il portiere si sarebbe venduto.

Senza voler arrivare agli eccessi dei calciatori costretti ad andare sotto la curva e poi a togliersi le maglie, come successe a quelli del Genoa e della Nocerina con risvolti perfino da codice penale, si può ricordare Balotelli e il suo singolare primato, visto che nel corso della carriera è riuscito a farsi contestare sia dai sostenitori dell’Inter – che pure lo avevano eletto a campione del futuro – quando era in nerazzurro che da quelli del Milan quando vestiva il rossonero, sempre a causa di eccessi comportamentali ed atteggiamenti sbagliati.

Rimane forte anche il ricordo della testa di maiale tirata a Figo quando per la prima volta tornò al Camp Nou da avversario, vestendo la maglia degli odiati rivali del Real Madrid. E pensare che fino a pochi mesi prima l’asso portoghese era stato amato in modo totale dall’appassionata tifoseria blaugrana. Ma quel clamoroso tradimento non voleva assolutamente essere tollerato.

Fece molto discutere anche il caso dell’ultima partita in rossonero di Paolo Maldini, quella contro la Roma: il giocatore simbolo del Milan invece di ricevere il giusto, e meritato, tributo da tutto il pubblico di San Siro, si vide fischiato da una parte degli ultrà con i quali non si era mai ‘preso’.

Nella stagione appena conclusa, sempre a Milano, c’è stato il caso di Mauro Icardi, bomber e capitano dell’Inter in polemica con i soliti ultrà, questa volta nerazzurri. Tutto era partito da alcuni passaggi di un libro autobiografico dell’attaccante pubblicati in anteprima dai giornali: i supporter della curva li avevano ritenuti offensivi nei loro confronti, e per questo, dopo avergli chiesto di togliersi la fascia da capitano avevano contestato Icardi platealmente in un Inter-Cagliari,con tanto di striscione pieno d’insulti.

Molto pesante, a fine 2011 in Brasile, fu anche la contestazione della torcida del Santos al loro idolo Ganso, ritenuto colpevole di pensare troppo a un trasferimento in Europa, all’epoca si parlò del Milan, e quindi di non impegnarsi troppo per la causa del ‘Peixe’. La cosa curiosa è che, dopo essersi preso insulti e il soprannome di Mercenario, il talentuoso ma discontinuo numero 10 rimase dov’era, e continuò a giocare in Brasile. Oggetto ancora di un amore cieco.

Ultima ora

19:13Turchia: teoria Darwin sarà esclusa da programmi licei

(ANSA) - ISTANBUL, 26 GIU - Nei licei turchi non si insegnerà più la teoria dell'evoluzionismo di Darwin. Lo prevede la bozza dei nuovi programmi scolastici elaborata dal ministero dell'Educazione di Ankara, secondo quanto riferisce Hurriyet. A partire dal 2019, la sezione "Origine della vita ed evoluzione" verrà rimossa dal curriculum di biologia perché giudicata "controversa". La decisione avrebbe ottenuto il via libera del presidente Recep Tayyip Erdogan.

19:05Migranti: sassaiola in Cara Bari, 8 feriti e 3 arresti

(ANSA) - BARI, 26 GIU - E' di 8 feriti tra i rappresentanti delle forze dell'ordine, tra i quali la dirigente del servizio dei controlli al Cara, Rosa Romano, che ha riportato la frattura del setto nasale ed è ricoverata in ospedale, il bilancio degli scontri avvenuti stamattina nel centro richiedenti asilo di Bari. Scontri che si sono protratti per circa mezz'ora al termine dei quali, grazie anche al riscontro dei filmati delle telecamere di videosorveglianza, la polizia ha proceduto all'arresto di tre migranti: un cittadino ivoriano, un nigeriano e un senegalese. Sono accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. La polizia procederà, inoltre, alla denuncia di altri ospiti che hanno partecipato attivamente alla sassaiola in risposta a controlli di routine disposti dal questore di Bari Carmine Esposito.

18:45Bergamini: incidente probatorio, salma sarà riesumata

(ANSA) - CASTROVILLARI (COSENZA), 26 GIU - La salma di Denis Bergamini, il giocatore del Cosenza originario di Argenta (Ferrara) la cui morte, avvenuta il 19 novembre del 1989 a Roseto Capo Spulico (Cosenza), venne attribuita a suicidio, sarà riesumata. Lo ha deciso il Gip del Tribunale di Castrovillari, Teresa Riggio, nel corso dell'incidente probatorio svoltosi stamattina, in accoglimento della richiesta del Procuratore della Repubblica, Eugenio Facciolla, che nelle settimane scorse aveva riaperto l'inchiesta sulla morte di Bergamini, a suo tempo archiviata perchè attribuita a suicidio. Il procuratore Facciolla ritiene che la morte di Denis Bergamini non sarebbe stata dovuta a suicidio, e cioè che il giocatore si sarebbe fatto travolgere da un camion in transito lungo la statale 106 Jonica, come finora si é ritenuto, ma sia stata provocata da un "omicidio aggravato premeditato in concorso". (ANSA).

18:40Donna uccisa a bastonate, il marito rinviato a giudizio

(ANSA) - RAVENNA, 26 GIU - Dopo circa tre ore di camera di consiglio, nel pomeriggio il Gup Antonella Guidomei del Tribunale di Ravenna ha rinviato a giudizio il 52enne dermatologo Matteo Cagnoni per l'omicidio pluriaggravato e l'occultamento del cadavere della moglie, la 39enne Giulia Balestri uccisa il 16 settembre scorso a bastonate in testa all'interno di una villa di famiglia da tempo disabitata della città romagnola. La prima udienza in Corte d'Assise è stata fissata per il 10 ottobre. Mentre il 4 luglio ci sarà udienza interlocutoria per la formazione del fascicolo. La difesa - avv. Giovanni Trombini e Francesco Dalaiti - aveva invece chiesto il non luogo a procedere sollevando quattro eccezioni di nullità-inammissibilità per altrettanti atti d'indagine. Ovvero l'autopsia; l'analisi del contenuto gastrico per la determinazione dell'orario della morte; le intercettazioni telefoniche; e l'analisi della scheggia di legno trovata nei jeans dell'imputato e presumibilmente appartenente all'arma del delitto, un tronco di pino.(ANSA).

18:37M5S: Grillo, o lavoriamo come squadra o saremo annientati

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - La nostra squadra è grande, siamo cittadini, siamo portavoce. Ognuno ha il suo compito e ognuno ha il dovere di non mollare mai. Perciò o noi andiamo avanti adesso come collettivo, o saremo annientati individualmente". Lo scrive in un post sul blog Beppe Grillo tutto dedicato ai ballottaggi. "Otto mesi, alla nostra più difficile sfida: le elezioni politiche. Ora noi o andiamo avanti come squadra o cederemo un centimetro alla volta, un giorno dopo l'altro, fino alla disfatta. Siamo all'inferno adesso", sottolinea il leader pentastellato.

18:30Orlando, è sconfitta. Renzi parla da vecchia politica

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Non sono d'accordo con la lettura di Renzi e come ci ha invitato a fare lo stesso Renzi, direi di non fare il giorno dopo come la vecchia politica: si tratta di una sconfitta". Lo dice Andrea Orlando a Corriere Live. Un sconfitta "con alcuni fenomeni politici che vanno analizzati: il centrodestra mobilita il suo elettorato, il centrosinistra no. Noi una riflessione politica la dobbiamo fare e non si può derubricare come un risultato a macchia di leopardo". "Io penso che sia un campanello d'allarme significativo, ma rimediabile. Si può tornare in carreggiata. C'è un isolamento, c'è un elettorato che non solo il Pd ha perduto ma che spesso vota contro il Pd", aggiunge il ministro della Giustizia.

18:29Orfini, c.sinistra? Modello Pisapia ha perso Genova

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - "Serve il centrosinistra, dicono. Avessimo vinto tutti i ballottaggi, avrebbero detto che serve il centrosinistra. Avendone persi alcuni, è sempre la dimostrazione che serve il centrosinistra. Amici e compagni, ve lo dico con affetto, non funziona così. Serve il modello Pisapia sennò si perde, dicono. Peccato che la sconfitta peggiore l’abbiamo subita a Genova”. Lo scrive su Facebook il presidente del Pd Matteo Orfini.

Archivio Ultima ora