Migranti, sindaco di Domodossola: “Per loro serve il coprifuoco”

Pubblicato il 19 giugno 2017 da ansa

TORINO. – Coprifuoco ai profughi per le vie di Domodossola dopo le 20. Il sindaco Lucio Pizzi, eletto lo scorso anno per il centrodestra, lo vorrebbe imporre agli extracomunitari ospiti nella cittadina in provincia di Verbania. In una lettera al prefetto, il primo cittadino propone di espellere chi non rispetta il divieto e chiede di dimezzare gli stranieri presenti nel Comune. Arriva l’ufficializzazione ma già nei giorni scorsi Pizzi ne aveva scritto sui social.

La proposta arriva all’indomani di alcune aggressioni per mano di cittadini extracomunitari, “campanello d’allarme – sostiene il primo cittadino – di una situazione che va immediatamente contenuta”. Questi episodi, scrive Pizzi al prefetto, “dimostrano come i migranti siano per la maggior parte clandestini che una volta accolti possono muoversi e agire indisturbati”.

Il prefetto di Verbania, Iginio Olita, in settimana convocherà una riunione per fissare un regolamento unico. Al momento c’è quello del Consorzio Servizi Sociali dell’Ossola, che per i richiedenti asilo prevede il rientro nelle strutture ospitanti entro le 22.

L’iniziativa del sindaco non è piaciuta al centrosinistra, che ha organizzato per venerdì sera un corteo di protesta a Domodossola. L’assessore all’Immigrazione del Piemonte, Monica Cerutti, ha bocciato la boutade come “un’idea irresponsabile e pericolosa”. Un regolamento come quello proposto da Pizzo, spiega Cerutti, “annullerebbe il vero valore della convenzione con la quale 32 comuni del Vco, Domodossola inclusa, hanno dato delega al Consorzio Servizi Sociali dell’Ossola per la gestione dell’accoglienza dei profughi”.

Per il presidente del Consiglio regionale del Piemonte, Mauro Laus, “chi si dimostra incapace di comprendere una cosa naturale come il dovere all’accoglienza non è degno di mantenere cittadinanza italiana, figuriamoci di ricoprire un ruolo istituzionale”. Sono “questi imprenditori della paura, su costruiscono le loro fortune – afferma Laus – a dover essere rinchiusi h24 nelle loro stanze”.

Il segretario di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni, è ancora più tranchant: “a Domodossola – afferma – c’è un politico che pensa di essere il podestà, qualcuno gli ricordi che le leggi razziali sono state una macchia d’infamia per il Paese”. Anche il segretario regionale di Sel, Marco Grimaldi, è intervenuto chiedendo alle prefetture di “fermare i sindaci che vogliono i ‘daspo razziali’. Il decreto che concede ai sindaci di emettere ordinanze per ‘superare situazioni di grave incuria o degrado, o di pregiudizio del decoro e della vivibilità urbana’, avverte l’esponente di Sel, “è un potere che può generare aberrazioni”.

Ultima ora

16:12Calcio: Milan, domani firma contratto Kalinic

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - Leggero cambio di programma nella scaletta che porta all'ufficialità del trasferimento di Nikola Kalinic al Milan. Il croato firmerà il contratto a Casa Milan domani intorno alle 12, e non oggi alle 19 come precedentemente annunciato dal club, per permettere ai tifosi cinesi di seguire la diretta sui social network, in virtù del fuso orario. Il giocatore oggi resta atteso a Milanello dove sosterrà nel pomeriggio i test atletici di Milan Lab.

15:25Morto dopo 3 ricoveri a Bari: pm archivia,famiglia si oppone

(ANSA) - BARI, 21 AGO - La Procura di Bari ha chiesto l'archiviazione dell'indagine sulla morte del 42enne di Cellamare Pietro Genchi, deceduto il 14 agosto 2015 dopo il ricovero in tre diversi ospedali e un intervento al cuore. Secondo la magistratura barese, nonostante i medici non avessero diagnosticato in tempo una disseccazione aortica, nessuna terapia avrebbe comunque salvato il 42enne, morto a causa di una insufficienza cardiaca di cui l'uomo soffriva da tempo. La famiglia, difesa dall'avv.Daniela Castelluzzo, annuncia che farà opposizione alla richiesta di archiviazione. Nel fascicolo erano indagati 19 medici con l'accusa di omicidio colposo, sette sanitari della clinica barese Mater Dei, altri sette dell'ospedale Fallacara di Triggiano e cinque del Policlinico di Bari. Genchi era stato ricoverato per circa venti giorni nella clinica Mater Dei, fino alla fine di luglio, a causa di disturbi respiratori. Qui i medici - secondo i consulenti della Procura - sbagliarono la diagnosi e la successiva terapia.

15:13Libano: sventato attentato aereo con Barbie-bomba

(ANSAmed) - BEIRUT, 21 AGO - Il ministro dell'Interno libanese, Nouhad al Mashnouq, ha detto oggi che i servizi di Intelligence di Beirut, in collaborazione con le autorità australiane, hanno sventato un attentato per fare esplodere in volo un aereo della Emirates, diretto dall'Australia ad Abu Dhabi, con l'utilizzo di una barbie. Mashnouq non ha precisato quando l'attentato è stato sventato, né se si tratta di un episodio simile denunciato dalle autorità australiane alla fine di luglio.

15:06Barcellona: Genova, più barriere in zone frequentate

(ANSA) - GENOVA, 21 AGO - Nuove barriere di cemento nei luoghi più frequentati da genovesi e turisti nel centro storico e sulla promenade di Genova. Lo ha stabilito il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito oggi in prefettura su indicazione del Viminale alla presenza del sindaco di Genova Marco Bucci, numerosi assessori e tutte le forze dell'ordine alla luce degli attentati in Spagna. Le nuove barriere saranno installate in Via Garibaldi (dove saranno protette anche alcune vie laterali), via San Lorenzo, (oltre a quelle già installate ai due ingressi), in corso Italia e al Porto Antico, dove è allo studio un sistema di barriere a scomparsa che sarà installato ad ogni ingresso carrabile. Il prefetto Fiamma Spena e gli amministratori hanno convenuto di valutare, se i tempi di approvvigionamento delle barriere non sono troppo lunghi, di installare barriere come i più eleganti cubi e le fioriere già installati in via Garibaldi a discapito dei new jersey, definiti poco compatibili con il decoro della città. "Presto - ha spiega al termine dell'incontro in prefettura l'assessore alla Sicurezza di Genova Stefano Garassino - avvieremo dei sopralluoghi per stabilire caso per caso il tipo di barriere da sistemare nei punti prescelti. I new jersey possono servire solo per un intervento tampone. Poi vogliamo installare dissuasori esteticamente più gradevoli. Al più presto interverremo per blindare anche via Sestri Ponente". (ANSA).

14:59Champions: Dante “se Nizza segna, ci sarà fuoco allo stadio”

(ANSA) - NIZZA, 21 AGO - "Tutti a Nizza attendono questa partita, in caso di gol ci sarà il fuoco allo stadio. Daremo tutto per la qualificazione". Così il brasiliano Dante, difensore dei rossoneri francesi, alla vigilia della sfida contro il Napoli per il ritorno dei playoff di Champions. "Ovviamente sarà importante non prendere gol - aggiunge -. Questa è una gara speciale, bisognerà fare il massimo per segnare delle reti e non subirne. Se mi taglierei i capelli per la qualificazione? Sinceramente no...". Inevitabile la domanda su Balotelli e Sneijder, suoi compagni di squadra: domani ci saranno? "Wesley è un grande calciatore, a lui piace giocare ed è motivato dal Mondiale del prossimo anno - risponde Dante sul primo -. Vuole migliorare col Nizza. Balotelli lo vedo motivato".

14:50Champions: Mertens in dubbio, ma va a Nizza

(ANSA) - NAPOLI, 21 AGO - Seduta differenziata per Dries Mertens per motivi precauzionali dopo la botta presa a Verona al quinto dito del piede sinistro. L'attaccante belga si è comunque unito al gruppo dei compagni di squadra per la trasferta di Champions League a Nizza ma la sua presenza è in dubbio. Il Napoli si è allenato stamattina a Castel Volturno prima della partenza per Nizza dive domani sera affronterà il ritorno del playoff europeo. Questa la lista dei convocati di Sarri: Reina, Rafael, Sepe, Albiol, Chiriches, Ghoulam, Hysaj, Koulibaly, Maksimovic, Maggio, Mario Rui, Jorginho, Allan, Diawara, Hamsik, Rog, Zielinski, Giaccherini, Callejon, Ounas, Insigne, Mertens, Milik.

14:41Malore in spiaggia, morto ex agente “Faccia da mostro”

(ANSA) - MONTAURO (CATANZARO), 21 AGO - E' morto stamani stroncato probabilmente da un malore Giovanni Aiello, l'ex poliziotto della Mobile di Palermo con passato nei servizi, conosciuto come "faccia da mostro". L'uomo, che da anni viveva a Montauro, sulla costa ionica catanzarese, è deceduto tra i bagnanti mentre cercava di portare a riva la propria barca. Dopo avere tirato su l'imbarcazione assieme ad altri bagnanti che lo hanno aiutato Aiello si è accasciato esanime. Aiello, che aveva 71 anni, è stato soccorso immediatamente dalle persone che si trovavano nella spiaggia. E' stato anche utilizzato un defibrillatore, recuperato in una struttura balneare vicina, ma non c'è stato nulla da fare. La mostre potrebbe essere stata causata da un infarto. Nei giorni scorsi il suo nome era tornato alla ribalta per i presunti rapporti con Bruno Contrada, nell'ambito di una inchiesta della Procura di Reggio Calabria che indaga su un patto stretto tra 'ndrangheta e Cosa nostra, negli anni delle stragi, per destabilizzare lo Stato.

Archivio Ultima ora