Onu: nel 2016 record di persone in fuga da guerre e persecuzioni

Pubblicato il 19 giugno 2017 da ansa

GINEVRA. – Alla fine del 2016 le persone in tutto al mondo costrette ad abbandonare le proprie case da guerre, violenze e persecuzioni erano 65,6 milioni, circa 300.000 in più rispetto all’anno precedente, ed “il livello più alto mai registrato”, afferma un rapporto pubblicato dall’Unhcr, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati.

“In media, nel mondo, una persona ogni 113 è costretta ad abbandonare la propria casa – vale a dire un numero maggiore del 21esimo Paese più popolato al mondo, la Gran Bretagna”, sottolinea l’Unhcr. Ed il ritmo delle migrazioni forzate di persone che in precedenza non erano mai state costrette ad abbandonare le proprie case registra livelli molto alti: “nel mondo ogni 3 secondi una persona è costretta ad abbandonare la propria casa”.

Per l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, Filippo Grandi siamo di fronte ad una “una situazione inaccettabile da cui emerge sempre più chiaramente la necessità di solidarietà e di uno sforzo comune nel prevenire e risolvere le crisi, assicurandosi nel frattempo che rifugiati, sfollati interni e richiedenti asilo siano adeguatamente protetti”.

“Dobbiamo fare di più per queste persone. In un mondo in conflitto, quello che serve sono determinazione e coraggio, non paura”, ha aggiunto. Tra i dati che emergono nel Global Trends 2016,l’Unhcr sottolinea quello relativo alle migrazioni forzate di persone che in precedenza non erano mai state costrette ad abbandonare le proprie case e che rimane a livelli molto alti.

“Nel 2016, sono stati 10,3 milioni i nuovi migranti forzati, circa due terzi di loro (6,9 milioni) sono fuggiti all’interno dei confini nazionali. Ciò significa che nel mondo ogni 3 secondi una persona è costretta ad abbandonare la propria casa. Allo stesso tempo, il numero più elevato di rifugiati e sfollati interni che sono ritornati a casa, insieme ad altre soluzioni come il reinsediamento in Paesi terzi, mostrano che, per alcuni, il 2016 ha portato prospettive di miglioramento della propria condizione, afferma l’Unhcr in un comunicato.

Circa 37 Paesi hanno ammesso un totale di 189.300 rifugiati ai propri programmi di reinsediamento. Circa mezzo milione di altri rifugiati hanno fatto ritorno nei loro Paesi di origine e circa 6,5 milioni di sfollati interni sono tornati nelle loro zone. L’Unhcr ricorda infine che in tutto il mondo, alla fine del 2016 l’84 % dei rifugiati si trovava in Paesi a basso o medio reddito, con una persona su tre (4,9 milioni) ospitata nei Paesi meno sviluppati.

Ultima ora

11:27Migranti: sbarchi in sud Sardegna, arrivati 40 algerini

(ANSA) - CAGLIARI, 24 NOV - Non si fermano gli sbarchi di migranti lungo le coste del Sud Sardegna. Dopo i 95 algerini arrivati nel corso della giornata di ieri, questa mattina nella zona di Sant'Anna Arresi e Teulada si sono registrati almeno altri tre sbarchi. Oltre 40 - ma il numero è destinato presto a crescere - gli algerini bloccati dai carabinieri e della polizia. Tutti, una volta ultimate le visite mediche e le operazioni di identificazione, saranno trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir. Tutta l'area compresa tra Sant'Antioco, Sant'Anna Arresi e Teulada è costantemente pattugliata da carabinieri, polizia, guardia di finanza e guardia costiera.

11:24Caccia a Igor: indagati per fuga, nessun commento inquirenti

(ANSA) - BOLOGNA, 24 NOV - Almeno cinque persone sarebbero indagate dalla Procura di Bologna per aver favorito o coperto la fuga e la latitanza di Norbert Feher alias Igor Vaclavic, il serbo accusato degli omicidi del barista di Budrio Davide Fabbri, ucciso il primo aprile, e della guardia ecologica volontaria Valerio Verri, assassinato l'8 aprile a Portomaggiore, nel Ferrarese. Lo scrive il quotidiano La Repubblica. Nessun commento da parte degli inquirenti. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi il numero degli indagati potrebbe essere minore a quello riferito dal quotidiano e potrebbe trattarsi di iscrizioni 'tecniche', cioè fatte per svolgere attività d'indagine coperta da segreto istruttorio. "Non so nulla a riguardo. Noi abbiamo sempre affermato che ci potessero essere dei complici o dei fiancheggiatori e abbiamo inoltrato diverse segnalazioni alla Procura", ha detto, interpellato in merito, l'avvocato Giorgio Bacchelli, difensore della vedova Fabbri, Maria Sirica.

11:23Migranti: fonti Libia, in tutto salvati 450 africani

(ANSAmed) - IL CAIRO, 24 NOV - Oltre ai circa 250 migranti africani salvati ieri a est di Tripoli, la Marina libica ne ha tratti in salvo più di 200 altri. Secondo quanto si è appreso, il salvataggio è stato compiuto dalla nave "Ibn Auf". L'annuncio non era stato dato ieri, perchè al momento della diffusione del comunicato stampa da parte della Marina e Guardia costiera libica, la nave era ancora in mare per altre azioni di salvataggio. Ieri sera era stato reso noto che circa 250 migranti africani che erano a bordo di due imbarcazioni erano stati salvati dalla Marina libica nelle acque antistanti la costa di Garabuli (Gasr Garabulli), a est di Tripoli. Tra i migranti c'erano anche 93 donne e 26 bambini. I migranti erano stati trasportati alla base navale di Tripoli dove è stata fornita assistenza umanitaria da parte di personale dell'Unhcr e dell'Oim, aveva riferito la Marina libica.

11:21Zimbabwe: attesa per giuramento da presidente di Mnangagwa

(ANSA) - HARARE, 24 NOV - Lo stadio di Harare ha iniziato a riempirsi in vista del giuramento del nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, dopo le dimissioni di Robert Mugabe. Mnangagwa, ex ministro della giustizia e della difesa, era stato un fedelissimo del dittatore 93enne per decenni, prima di cadere in disgrazia per le ambizioni della moglie di Mugabe, Grace.

11:20Crotonese 31enne ucciso a colpi pistola nel Reggiano

(ANSA) - REGGIO EMILIA, 24 NOV - Un uomo di 31 anni, Francesco Citro, è stato ucciso a colpi di pistola sulla porta di casa nella tarda serata di ieri a Villanova di Reggiolo, nel Reggiano. Citro, di professione autista e originario di Cutro nel Crotonese, intorno alle 23 avrebbe aperto la porta dell'appartamento della palazzina di via Giovanni XXIII in cui viveva con la moglie e due figli piccoli, venendo freddato da qualcuno che aveva salito le scale. Circa tre ore prima era stata incendiata l'auto della moglie, parcheggiata sotto casa, e lo stesso 31enne era intervenuto insieme a dei vicini e ai vigili del fuoco per spegnere le fiamme. Sul posto erano giunti i carabinieri. Tre ore dopo, l'agguato che non ha dato scampo a Citro. Sull'omicidio indagano i carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore di Reggio Emilia Valentina Salvi. (ANSA).

11:11Violenza donne: campagna shock scuote Tunisia

(ANSAmed) - TUNISI, 24 NOV - Le strade di Tunisi e delle principali città del Paese sono tappezzate da manifesti che ritraggono, secondo lo stesso schema, una donna fotografata di spalle con una scritta che spiega quanto le accade e quel che la gente pensa di lei. Ecco alcuni esempi: giovane donna violentata, (finirà per dimenticare) - donna molestata sul luogo di lavoro (altre meno fortunate sono disoccupate) e ancora donna aggredita dal marito (è il destino che ha voluto così). Si tratta della campagna di sensibilizzazione "Faddina", lanciata dal Fondo dell'Onu per la Popolazione (Unfpa) nell'ambito della lotta contro le violenze alla donne per denunciare luoghi comuni della società che riguardano la donna, e che ha suscitato in Tunisia un'ondata di commenti negativi sui social network ma anche da parte alcune associazioni a difesa dei diritti delle donne, costrette a riflettere sulla reale situazione femminile in un paese dipinto con la legislazione più avanzata in materia rispetto a tutti gli altri paesi arabi e maghrebini.

11:02Cina: gravi abusi in scuola materna a Pechino, si indaga

(ANSA) - PECHINO, 24 NOV - Scuote la Cina un grave caso di abusi in una scuola materna di Pechino, finita nel mirino dopo che alcuni genitori hanno denunciato che i loro bambini erano stati maltrattati, picchiati, costretti a spogliarsi ed anche ad ingerire farmaci non ben identificati. I piccoli, in base a quanto denunciato dai familiari, tornavano a casa con lividi e segni di aghi nella pelle. Così riportano diversi media cinesi. Le indagini sono subito scattate da parte delle autorità e la Commissione municipale di istruzione di Pechino ha annunciato che stamattina la scuola verrà ispezionata. La società proprietaria dell'istituto scolastico, la Ryb Education, ha diffuso un comunicato nel quale dichiara la sua piena collaborazione alle indagini ed sostiene di aver sospeso alcuni insegnanti.

Archivio Ultima ora