“Pax” Consip in Senato, FI vota la mozione del Pd

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

Gli uffici della Consip di via Isonzo a Roma, in una foto d’archivio del 13 aprile 2017. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

ROMA. – Attesa e temuta, la giornata delle mozioni su Consip al Senato procede senza incidenti che mettano a rischio il governo e, anzi, svela una vera e propria “pax” giunta a Palazzo Madama. A passare, con l’apporto corposo di FI, Ala e Federazione della Libertà, è la mozione di maggioranza a prima firma di Luigi Zanda che si limita a impegnare il governo al rinnovo, in tempi celeri, dei vertici Consip.

Mentre sulla mozione del senatore Andrea Augello, sulla quale i numeri della maggioranza erano a rischio, il governo e l’esponente di Idea trovano un’intesa: Augello elimina l’unico punto sul quale l’esecutivo avrebbe dato parere contrario e la mozione passa con una quota bipartisan: 244 voti.

Ma dal caso Consip emerge, prepotente, anche lo scontro tra Pd e Mdp. Gli ex bersaniani, non solo votano contro la mozione Dem e quella Augello ma, con Miguel Gotor, si producono anche in un “j’accuse” in Aula nei confronti del “sistema di potere renziano”. E innescano l’ira dei Dem.

“Sono prese di distanza preoccupanti, per questo Gentiloni dovrà farsi carico di una verifica politica per uscire da questa ambiguità”, sottolinea il senatore Andrea Marcucci. “Su legalità e questione morale che verifica vuoi fare? Stai sereno”, è la replica sarcastica di Gotor. Poi, a fine giornata, i renziani affievoliscono la portata della loro richiesta di verifica.

“E’ ridimensionata dal voto dell’Aula ma la posizione di Mdp è grave”, spiega Marcucci. E il voto dell’Aula, in effetti, spiega che in trincea, al di là del M5S, c’è stato soprattutto Mdp. La lunga giornata Consip poteva insomma avere esito ben diverso. Il presidente del Senato Pietro Grasso sceglie di non accogliere l’invito (supportato da una lettera in cui il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan spiega come il Cda Consip per Statuto sia già dimissionario) del capogruppo Pd Luigi Zanda di rinviare il dibattito a dopo l’assemblea Consip.

Ma, allo stesso tempo, Grasso non ammette la mozione di Mdp nella parte in cui si chiedeva al governo “di valutare la sospensione delle deleghe al Ministro per lo sport Luca Lotti”. Un intervento, quello di Grasso, che di fatto “salva” dalla votazione in Aula Lotti.

Mdp presenta così una seconda mozione, citando il ministro solo nelle premesse – che non sono sotto la “giurisdizione” della presidenza del Senato – e non più nel dispositivo. La mozione, tuttavia, incassa il parere contrario del governo e viene ampiamente bocciata.

Con dei numeri da larghe intese passa invece la mozione riformulata di Augello. Il senatore di Idea, infatti, su invito del Governo accetta la votazione del testo per parti separate (premesse e dispositivo) e “sopprime” il punto dell’impegnativa in cui si chiedeva al governo di valutare la sospensione delle gare in cui l’ad di Consip Luigi Marroni sia stato oggetto “di richieste di favori”. La mozione, con parere favorevole del governo, passa con 244 voti: unici contrari il gruppo Mdp, il leghista Volpi e Formigoni di Ap.

Il voto è il preludio all’asse FI-Ala-Fdl sul testo della maggioranza, che passa con 185 sì, 39 dei quali dai banchi dell’opposizione (28 azzurri, 8 verdiniani, 3 di Fdl). Prove di larghe intese? Per gli azzurri tutt’altro: “la maggioranza si è piegata alla volontà dell’opposizione di centrodestra accettando il dibattito”, spiega il gruppo FI al Senato.

“No, i gruppi hanno preso atto che il cda di Consip era dimissionario”, replica il gruppo Pd”. Non potevamo fare di più”, sentenzia a fine giornata Gaetano Quagliariello. Di certo, le parole di Luigi Di Maio secondo cui il caso Consip rischia di essere “la tomba” di Matteo Renzi oggi, a Palazzo Madama, parevano distanti anni luce.

(di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

21:05Francia: Rihanna all’Eliseo, ‘un incontro incredibile’

(ANSA) - PARIGI, 26 LUG - "Un incontro incredibile", così la cantante Rihanna ha definito il suo colloquio all'Eliseo con "il presidente e la first lady" di Francia, Emanuel Macron e sua moglie Brigitte, che sono, ha detto, "incredibilmente cortesi". Durante i colloqui, "ci siamo concentrati sulla questione dell'insegnamento da un punto di vista globale e faremo un annuncio davvero grande il prossimo settembre, durante la settimana delle Nazioni Unite e faremo anche un ulteriore lavoro ad ottobre in Africa", ha detto ancora Rihanna, che è ambasciatrice dell'organizzazione internazionale Global Partnership for Education. Parlando con i giornalisti, la cantante ha anche affermato di essere "davvero ispirata dalla sua leadership", di Macron.

21:01Scherma: Mondiali, Italia oro nel fioretto uomini

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Italia ha vinto la medaglia d'oro nel fioretto a squadre maschile che chiude i Mondiali di scherma di Lipsia. Daniele Garozzo, Giorgio Avola, Alessio Foconi e Andrea Cassarà hanno battuto in finale gli Stati Uniti col punteggio di 45-41.

20:41Calcio: altro stadio targato Allianz, sarà negli Usa

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dopo che anche la Juventus ha ribattezzato il proprio impianto 'Allianz Stadium, il colosso assicurativo tedesco darà il proprio nome anche all'arena in cui gioca il Minnesota United, una delle squadre partecipanti alla Major League Soccer nordamericana. Si chiamerà Minnesota Field ed è è previsto che la capienza venga ampliata dagli attuali 19.400 posti a 24.474. Si tratterà dell'ottavo impianto nel mondo 'targato' Allianz, dopo quelli di Bayern Monaco, Rapid Vienna, Sydney FC, Nizza, Palmeiras, Juventus e London Saracens di rugby.

20:35Calcio: Galliani, questo Milan mi piace

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Mi piace questo Milan. Sono un tifoso pazzo del Milan e non cambio maglia. I dirigenti passano, i presidenti passano ma la fede rimane": lo dice l'ex ad rossonero Adriano Galliani a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A. "Bonucci? E' super", aggiunge poi con un sorriso Galliani.

20:35Calcio: Cairo, Belotti continuerà a indossare maglia Torino

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "In Torino-Milan, sicuramente Belotti giocherà con la maglia granata": lo dice il presidente del Torino Urbano Cairo alla presentazione del nuovo calendario di Serie A, in cui il primo derby sarà proprio quello tra i granata e la Juventus. "Quella sul futuro di Belotti è una domanda che mi farete ancora, lo so. E io continuerò a dire che resta. E' un grande attaccante - continua il patron - ma il Toro non è solo Belotti. E' la punta dell'iceberg, è reduce da un campionato molto buono e mi aspetto che lo faccia altrettanto positivo in vista del Mondiale". Cairo commenta anche il sorteggio del derby con la Juventus che si giocherà alla sesta giornata: "Speriamo di non farci rimontare all'ultimo minuto come negli scorsi anni".

20:34Calcio: Marotta, Bonucci?Via campione ma rimasti tanti altri

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "E' stata una cosa molto veloce. Scelte umane e professionali che vanno rispettate. E' andato via un campione ma e' rimasto un gruppo di campioni. Un rischio calcolato". L'ad della Juventus Beppe Marotta commenta così, alla presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. "Abbiamo un gruppo di difensori molti forti. Così come Bonucci si è formato da noi, abbiamo giovani interessanti che cresceranno e troveranno continuità".

20:31Calcio: Ferrero, dove va Schick? Da me che gli voglio bene

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Schick va da Ferrero che gli vuole tanto bene''. Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, a margine della presentazione del nuovo calendario di Serie A, risponde così ad una domanda sul futuro di Patrik Schick. La trattativa con la Juventus non sarebbe ancora chiusa definitivamente e sullo sfondo resta l'Inter, molto interessata al giovane attaccante. Schick però potrebbe anche restare un anno alla Sampdoria, come da richiesta di Ferrero. Il patron blucerchiato parla anche di Antonio Cassano che ha dato l'addio al calcio qualche giorno fa: ''E' un grande calciatore non credo che smetterà davvero. E' presto per perdere un talento come il suo''. Infine evita di sbilanciarsi sulla prossima stagione: ''Non faccio pronostici, il calcio è cambiamento''.

Archivio Ultima ora