Banche venete, la spinta del Tesoro. Arrivano offerte

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

Photographer: Alessia Pierdomenico/Bloomberg via Getty Images

MILANO. – Mentre il Tesoro precisa che l’ipotesi di procedere a una ricapitalizzazione precauzionale delle banche venete “non è tramontata” e resta il terreno di confronto “prevalente” con la Ue, il piano ‘B’, quello di un’asta per le good bank che nasceranno dalla separazione delle attività ammalorate della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, registra un colpo d’accelerazione.

Entro domani alle ore 12 andranno presentate a Rothschild, advisor del Tesoro, le offerte da parte dei soggetti interessati a rilevare le ‘good bank’ venete. Alla data room aperta dal Mef hanno avuto accesso decine di soggetti, tra cui Unicredit e Bnl. Ma gli occhi sono tutti puntati su Intesa, principale candidata al ruolo di cavaliere bianco. Anche perché sul dossier avrebbe fatto un passo indietro Iccrea, assistita da Mediobanca, con un raffreddamento deciso nelle ultime ore e seguito passo passo da Bankitalia.

L’altra grande banca chiamata dal Tesoro a lavorare sul dossier, Unicredit, ha confermato la sua posizione, che sembra escludere un interesse all’asta sulle good bank venete: “siamo disposti a partecipare a quella che è una soluzione di sistema proporzionale che coinvolga la grandissima parte delle banche italiane”, ha confermato il presidente Giuseppe Vita.

“Siamo ancora alla ricerca di una soluzione di sistema – ha aggiunto – e in questo sistema alcune banche si fanno avanti. La situazione cambia da un giorno all’altro, è un work in progress”. In questo contesto fluido il Tesoro continua a lavorare a una ricapitalizzazione precauzionale, cercando gli 1,2 miliardi di capitali privati chiesti dalla Ue. Ma quella che sembra materializzarsi è un’altra soluzione, sempre con iniezione di risorse dei contribuenti e in ogni caso preservando depositi e bond senior dal ‘burden sharing’.

Allo studio c’è infatti una replica della soluzione adottata per le quattro good bank mandate in risoluzione nel novembre 2015, con la separazione dei crediti deteriorati, la sterilizzazione dei rischi legali, la vendita di alcuni asset e importanti esuberi (si parla di 4 mila su 11 mila dipendenti), per i quali lo Stato si farebbe carico di un rifinanziare il fondo esuberi di settore.

Intesa – con il top management in prima linea sul dossier – sarebbe disponibile a intervenire a patto di non mettere a rischio i dividendi (ne ha promessi per 3,4 miliardi quest’anno) e i suoi coefficienti patrimoniali. Il punto interrogativo riguarda però le ‘banche cattive’.

A differenza che nel salvataggio del Banco Popular da parte del Santander, che si è accollato 7 miliardi di aumento, “nel caso delle banche venete la bad bank sarebbe finanziata dallo Stato e questo non piace a Bruxelles”, rileva Equita Sim. Per smuovere il sistema bancario a farsi carico degli asset ‘tossici’ (le banche “non sono entusiaste di accollarsi delle perdite per permettere a Intesa di comprare le good banks a 1 euro”) Equita ipotizza “un provvedimento fiscale” del governo, una sorta di merce di scambio a vantaggio di tutto il sistema.

“Non sta a me o ai miei servizi decidere quali misure dovrebbero prendere, sta alle autorità degli Stati” ha detto la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager, secondo cui, pur lavorando “nel quadro di regole certe”, “c’è una certa flessibilità” nella loro applicazione. Un monito a non investire soldi privati nei salvataggi bancari è arrivato dalla Consob.

“Non sono note le condizioni di redditività prospettica delle banche in crisi – ha detto il presidente Giuseppe Vegas – e quindi un intervento diretto da parte di altri intermediari potrebbe non rispondere a logiche di sostenibilità nel lungo periodo”. A maggior ragione perché il sistema bancario italiano “non ha ancora raggiunto nell’insieme quel livello di efficienza e redditività che consentono costose operazioni di salvataggio”.

Ultima ora

06:54Corea Nord: Cina taglia export petrolio, stop tessile

(ANSA) - PECHINO, 23 SET - La Cina taglia l'export di greggio verso la Corea del Nord, seguendo le sanzioni dell'Onu decise a causa dei test nucleari e di missili balistici. Le esportazioni di prodotti raffinati - ha reso noto il ministero del Commercio cinese - saranno limitate a 2 milioni di barili annui, mentre la vendita di gas liquefatto sarà bandita. Azzerato, inoltre, l'import di tessile, tra le voci principali dell'interscambio con Pechino, che vale circa il 90% dei flussi complessivi di Pyongyang.

03:52Corea del Nord, Trump: Kim è solo un piccolo pazzo

(ANSA) - NEW YORK, 23 SET - "Vogliamo un mondo in cui ci siano Paesi che cooperano tra loro. Non possiamo avere un piccolo pazzo che spara missili sugli altri": così Trump torna a parlare di Kim Jong-un. "Stiamo parlando di armi di distruzione di massa e non possiamo permettere che qualcuno metta il nostro popolo in pericolo", ha aggiunto Trump. "L'uomo missile doveva essere gestito molto tempo fa", ha detto il presidente Usa chiamando di nuovo Kim 'rocket man' e accusando Obama e la Clinton. Molti dei piu' stretti consiglieri di Trump lo avevano messo in guardia dall'attaccare personalmente il dittatore nordcoreano nel discorso davanti all'Onu, avvertendo che un affondo diretto contro Kim avrebbe portato inevitabilmente ad una ulteriore escalation della tensione. Lo riportano alcuni media Usa citando fonti della Casa Bianca, secondo cui l'espressione "uomo missile in missione suicida" e la minaccia di "distruggere totalmente" la Corea del Nord non erano contenute nel testo originale del discorso.

03:26Grillo: se vuole Fico parla, è un romantico

(ANSA) - RIMINI, 23 SET - Oggi "se vuole, Fico parla. Lui e' un romantico. Ma va bene cosi'". Lo afferma Beppe Grillo, rispondendo ai cronisti a margine di una festa di compleanno di quattro parlamentari M5s organizzata a Rimini dopo la prima serata di 'Italia 5 Stelle'. Fico nel primo giorno della kermesse in extremis e' rimasto fuori dalla scaletta degli interventi sul palco principale. Ma Grillo sembra tendergli la mano: "E' un romantico ed e' bene che ci siano. Anche io lo sono", afferma il garante M5s.

23:21Attico Bertone: torna ‘giallo’ doppie fatture

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 SET - Torna il 'giallo' del doppio pagamento per la ristrutturazione dell'appartamento dell'ex Segretario di Stato vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. Nel processo in corso in Vaticano, l'ex presidente della Fondazione Bambino Gesù, Giuseppe Profiti (accusato di peculato) aveva definito 'falsa' questa ipotesi, perché la Fondazione aveva cofinanziato i lavori dell'appartamento mentre il Governatorato aveva pagato i lavori per le parti comuni di Palazzo San Carlo. Oggi, invece, l'ombra del doppio pagamento a vantaggio delle imprese di Gianantonio Bandera, di cui si è parlato nei mesi scorsi, di fatto è rispuntata. Marco Bargellini, alla guida della sezione 'edilizia' della Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato, ha detto che l'ente ha pagato tutto, non sapendo che i lavori erano stati pagati anche dalla Fondazione. Durante un'udienza di sei ore, è anche emerso che nell'appartamento non sono mai stati effettuati i collaudi.

23:12Calcio: Bayern raggiunto dal Wolfsburg sul 2-2

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Non sono bastate due reti di vantaggio al Bayern Monaco per condurre in porto la partita contro il Wolfsburg, conclusasi 2-2. Sul campo della Allianz Arena, nell'anticipo della sesta giornata di Bundesliga, le reti di Lewandowski (33', su rigore che lo stesso attaccante polacco si era procurato) e Robben (42') sembravano aver messo in discesa l'incontro per la formazione allenata da Carlo Ancelotti. Ma nella ripresa la reazione del Wolfsburg ha sorpreso i bavaresi, che hanno incassato all'11' il gol su punizione di Arnold ed a 7' dalla fine quello di Didavi. Il Bayern ha così fallito il momentaneo sorpasso sul Borussia Dortmund capolista, raggiunto a 13 punti, che domani affronta il Moenchengladbach.

22:28Usa: McCain resiste su Obamacare, ‘non voto nuovo testo’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 SET - Il senatore repubblicano John McCain ha annunciato che non voterà per la nuova proposta di legge per la revoca di Obamacare, infliggendo così un altro duro colpo al tentativo dei repubblicani di raggiungere i 50 voti necessari al Senato per mandare avanti l'iter. "Non posso in buona coscienza votare per la proposta Graham-Cassidy. Credo che possiamo fare meglio, lavorando insieme repubblicani e democratici, e non abbiamo ancora davvero provato", ha affermato McCain. Il testo, messo a punto dai senatori Bill Cassidy e Lindsey Graham, è l'ultima possibilità di passare una proposta di legge che smantelli l'Affordable Care Act (detto Obamacare) voluto da Barack Obama, prima della scadenza del 30 settembre. Il voto è previsto infatti per la prossima settimana. La determinazione di McCain, che invoca collaborazione bipartisan dopo averne già interrotto l'iter in luglio, mette così nuovamente a rischio il tentativo dei repubblicani di sostituire l'Obamacare, su cui spinge il presidente Donald Trump.

22:20Maria: cede diga Porto Rico, allagate due cittadine

(ANSA) - SAN JUAN DE PORTORICO (STATI UNITI), 22 SET - La diga di Guajataca, a Porto Rico, ha ceduto e sta provocando alluvioni "estremamente pericolose", in particolare in due cittadine lungo il fiume: lo ha annunciato il servizio meteo Usa (Nws), citato da Bbc, aggiungendo che è in corso l'evacuazione della popolazione di due centri abitati lungo il fiume. Sotto l'azione delle piogge portate dall'uragano Maria, che sta devastando i Caraibi, il cedimento è avvenuto alle 14:10 locale, le 21.10 italiane, allagando subito le cittadine di Isabela e Quebradillas.

Archivio Ultima ora