Banche venete, la spinta del Tesoro. Arrivano offerte

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

Photographer: Alessia Pierdomenico/Bloomberg via Getty Images

MILANO. – Mentre il Tesoro precisa che l’ipotesi di procedere a una ricapitalizzazione precauzionale delle banche venete “non è tramontata” e resta il terreno di confronto “prevalente” con la Ue, il piano ‘B’, quello di un’asta per le good bank che nasceranno dalla separazione delle attività ammalorate della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, registra un colpo d’accelerazione.

Entro domani alle ore 12 andranno presentate a Rothschild, advisor del Tesoro, le offerte da parte dei soggetti interessati a rilevare le ‘good bank’ venete. Alla data room aperta dal Mef hanno avuto accesso decine di soggetti, tra cui Unicredit e Bnl. Ma gli occhi sono tutti puntati su Intesa, principale candidata al ruolo di cavaliere bianco. Anche perché sul dossier avrebbe fatto un passo indietro Iccrea, assistita da Mediobanca, con un raffreddamento deciso nelle ultime ore e seguito passo passo da Bankitalia.

L’altra grande banca chiamata dal Tesoro a lavorare sul dossier, Unicredit, ha confermato la sua posizione, che sembra escludere un interesse all’asta sulle good bank venete: “siamo disposti a partecipare a quella che è una soluzione di sistema proporzionale che coinvolga la grandissima parte delle banche italiane”, ha confermato il presidente Giuseppe Vita.

“Siamo ancora alla ricerca di una soluzione di sistema – ha aggiunto – e in questo sistema alcune banche si fanno avanti. La situazione cambia da un giorno all’altro, è un work in progress”. In questo contesto fluido il Tesoro continua a lavorare a una ricapitalizzazione precauzionale, cercando gli 1,2 miliardi di capitali privati chiesti dalla Ue. Ma quella che sembra materializzarsi è un’altra soluzione, sempre con iniezione di risorse dei contribuenti e in ogni caso preservando depositi e bond senior dal ‘burden sharing’.

Allo studio c’è infatti una replica della soluzione adottata per le quattro good bank mandate in risoluzione nel novembre 2015, con la separazione dei crediti deteriorati, la sterilizzazione dei rischi legali, la vendita di alcuni asset e importanti esuberi (si parla di 4 mila su 11 mila dipendenti), per i quali lo Stato si farebbe carico di un rifinanziare il fondo esuberi di settore.

Intesa – con il top management in prima linea sul dossier – sarebbe disponibile a intervenire a patto di non mettere a rischio i dividendi (ne ha promessi per 3,4 miliardi quest’anno) e i suoi coefficienti patrimoniali. Il punto interrogativo riguarda però le ‘banche cattive’.

A differenza che nel salvataggio del Banco Popular da parte del Santander, che si è accollato 7 miliardi di aumento, “nel caso delle banche venete la bad bank sarebbe finanziata dallo Stato e questo non piace a Bruxelles”, rileva Equita Sim. Per smuovere il sistema bancario a farsi carico degli asset ‘tossici’ (le banche “non sono entusiaste di accollarsi delle perdite per permettere a Intesa di comprare le good banks a 1 euro”) Equita ipotizza “un provvedimento fiscale” del governo, una sorta di merce di scambio a vantaggio di tutto il sistema.

“Non sta a me o ai miei servizi decidere quali misure dovrebbero prendere, sta alle autorità degli Stati” ha detto la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager, secondo cui, pur lavorando “nel quadro di regole certe”, “c’è una certa flessibilità” nella loro applicazione. Un monito a non investire soldi privati nei salvataggi bancari è arrivato dalla Consob.

“Non sono note le condizioni di redditività prospettica delle banche in crisi – ha detto il presidente Giuseppe Vegas – e quindi un intervento diretto da parte di altri intermediari potrebbe non rispondere a logiche di sostenibilità nel lungo periodo”. A maggior ragione perché il sistema bancario italiano “non ha ancora raggiunto nell’insieme quel livello di efficienza e redditività che consentono costose operazioni di salvataggio”.

Ultima ora

01:21Uragani: Casa Bianca chiede altri 44 mld aiuti a Congresso

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - La Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di aiuti per 44 miliardi di dollari legati ai danni degli uragani che hanno colpito le isole caraibiche americane e gli Stati Usa del Golfo del Messico. La richiesta, la terza avanzata dal presidente Donald Trump, porterebbe l'ammontare complessivo degli aiuti a 100 miliardi di dollari. Ma i parlamentari delle regioni colpite sono già sul piede di guerra, ritenendo la somma troppo bassa.

01:18Usa: ok a vendita di Patriot a Polonia per 10 miliardi

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - Il dipartimento di Stato Usa ha approvato una possibile vendita per 10,5 miliardi di dollari di missili Patriot alla Polonia, nell'ambito della cooperazione militare bilaterale e nella cornice dell'alleanza Nato. Lo rende noto lo stesso Dipartimento di Stato, che ha notificato la proposta al Congresso. Varsavia ha rafforzato il suo sistema difensivo dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia.

01:10Tennis: Atp Finals, Dimitrov fa en plein

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il bulgaro Grigor Dimitrov ha chiuso imbattuto, imitando finora il fuoriclasse Roger Federer, la fase a gironi della Atp Finals in corso a Londra. Il numero 6 del ranking mondiale ha travolto lo spagnolo Pablo Carreno Busta, sconfitto con un doppio 6-1, lo stesso punteggio che aveva riservato due giorni prima al belga David Goffin, che si è qualificato oggi a sua volta per le semifinali. Nelle due partite per decidere i finalisti, Federer affronterà Goffin, mentre Dimitrov se la vedrà con lo statunitense Jack Sock.

01:06Figc: Tommasi, tema non è Tavecchio ma la responsabilità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Quando si ha un ruolo di responsabilità, bisogna prendersela. Qui invece, a ben due giorni da quell'evento, dopo due giorni di silenzio della federazione, si pensava solo a mandare via la guida tecnica e non a fare tutti un passo indietro come tutti si aspettavano". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di 'Propaganda Live' su La7, sulla riunione della Figc di mercoledì scorso dopo l'eliminazione dell'Italia dalla corsa al Mondiale 2018. "Il tema non è Tavecchio ma la responsabilità delle istituzioni. L'unica strategia possibile a questo punto è azzerare la dirigenza federale e ripartire di nuovo". "Servono un nuovo programma e nuove idee per il movimento. Un fallimento così esigeva un cambio di marcia - ha detto -. Ora invece si penserà al nome del nuovo ct ma non è questo il problema. Io credo alla nostra posizione e lo fanno i calciatori, che la vorrebbero anche più dura. Pur conoscendo il nostro pensiero, nessuno mi ha chiamato tra quelli che nel mondo dello sport decidono qualcosa".

00:38Basket: Eurolega, Milano batte Bamberg 71-62

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Dopo la maxi-remuntada di mercoledì con Valencia, ecco un'altra rimonta in doppia cifra dell'Olimpia contro il Brose Bamberg (71-62). Sedici i punti recuperati in Spagna con un grande Jerrells, undici quelli ribaltati oggi (senza Goudelock, out sei settimane) in un lampo da un eroico Kalnietis che ne infila dieci in fila (dopo lo 0 nei primi 35') per allestire un parziale di 19-0 (dal 46-57 al 65-57) che spegne il furore tedesco e le speranze di Trinchieri di battere per la terza volta consecutiva la squadra dove è cresciuto. Ma questa è la Milano di Pianigiani che alla sua squadra chiede sempre di non mollare mai: l'Olimpia è sulle gambe per via della maratona di Valencia, ha percentuali drammatiche al tiro (ne sbaglia 34 dei primi 47) ma non si scompone mai (o quasi, vista la randellata presa con Kaunas) nelle difficoltà. Così sono arrivati tutti e tre i successi in Eurolega e ora la classifica vede Milano ad appena una vittoria di distanza dall'ottavo posto che separa i sogni dagli incubi.

00:35Calcio: serie B, Frosinone-Avellino 1-1

(ANSA) - FROSINONE, 17 NOV - Nell'anticipo della 15/a giornata di B, finisce 1-1 (0-1) la sfida allo 'Stirpe' fra Frosinone e Avellino. I ciociari puntavano a fare bottino pieno ma alla fine ha avuto ragione Novellino che aveva promesso una prova gagliarda degli irpini. Il Frosinone recrimina per alcune scelte dell'arbitro Baroni, che ha visto bene in occasione del vantaggio ospite nell'assegnare il penalty per mani di Matteo Ciofani, trasformato da Castaldo al 5' pt, ma poi non ha ritenuto da rigore un fallo su Daniel Ciofani e una plateale manata al pallone su punizione di Ciano. A inizio ripresa il pareggio frusinate al 4' su inzuccata di Daniel Ciofani. Sempre nel primo tempo la squadra laziale ha colpito una traversa con Ciano e un palo con Dionisi. Un legno anche per i campani colpito da Migliorini. Nel primo tempo gravissimo infortunio a Lasik, si parla di frattura di tibia e perone, dopo un intervento che gli è costato anche il cartellino su Beghetto.

00:25Usa: incendio in palazzo a New York, fiamme sotto controllo

(ANSA) - NEW YORK, 17 NOV - Incendio in un edificio di sette piani a Manhattan, nell'area di Hamilton Heights. Circa 200 pompieri sono sul posto e le fiamme, anche se alimentate dal vento, sono al momento sotto controllo. Secondo le informazioni preliminari, non ci sarebbero feriti. Le cause dell'incendio, scoppiato sulla 144ma strada, non sono ancora chiare.

Archivio Ultima ora