Banche venete, la spinta del Tesoro. Arrivano offerte

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

Photographer: Alessia Pierdomenico/Bloomberg via Getty Images

MILANO. – Mentre il Tesoro precisa che l’ipotesi di procedere a una ricapitalizzazione precauzionale delle banche venete “non è tramontata” e resta il terreno di confronto “prevalente” con la Ue, il piano ‘B’, quello di un’asta per le good bank che nasceranno dalla separazione delle attività ammalorate della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, registra un colpo d’accelerazione.

Entro domani alle ore 12 andranno presentate a Rothschild, advisor del Tesoro, le offerte da parte dei soggetti interessati a rilevare le ‘good bank’ venete. Alla data room aperta dal Mef hanno avuto accesso decine di soggetti, tra cui Unicredit e Bnl. Ma gli occhi sono tutti puntati su Intesa, principale candidata al ruolo di cavaliere bianco. Anche perché sul dossier avrebbe fatto un passo indietro Iccrea, assistita da Mediobanca, con un raffreddamento deciso nelle ultime ore e seguito passo passo da Bankitalia.

L’altra grande banca chiamata dal Tesoro a lavorare sul dossier, Unicredit, ha confermato la sua posizione, che sembra escludere un interesse all’asta sulle good bank venete: “siamo disposti a partecipare a quella che è una soluzione di sistema proporzionale che coinvolga la grandissima parte delle banche italiane”, ha confermato il presidente Giuseppe Vita.

“Siamo ancora alla ricerca di una soluzione di sistema – ha aggiunto – e in questo sistema alcune banche si fanno avanti. La situazione cambia da un giorno all’altro, è un work in progress”. In questo contesto fluido il Tesoro continua a lavorare a una ricapitalizzazione precauzionale, cercando gli 1,2 miliardi di capitali privati chiesti dalla Ue. Ma quella che sembra materializzarsi è un’altra soluzione, sempre con iniezione di risorse dei contribuenti e in ogni caso preservando depositi e bond senior dal ‘burden sharing’.

Allo studio c’è infatti una replica della soluzione adottata per le quattro good bank mandate in risoluzione nel novembre 2015, con la separazione dei crediti deteriorati, la sterilizzazione dei rischi legali, la vendita di alcuni asset e importanti esuberi (si parla di 4 mila su 11 mila dipendenti), per i quali lo Stato si farebbe carico di un rifinanziare il fondo esuberi di settore.

Intesa – con il top management in prima linea sul dossier – sarebbe disponibile a intervenire a patto di non mettere a rischio i dividendi (ne ha promessi per 3,4 miliardi quest’anno) e i suoi coefficienti patrimoniali. Il punto interrogativo riguarda però le ‘banche cattive’.

A differenza che nel salvataggio del Banco Popular da parte del Santander, che si è accollato 7 miliardi di aumento, “nel caso delle banche venete la bad bank sarebbe finanziata dallo Stato e questo non piace a Bruxelles”, rileva Equita Sim. Per smuovere il sistema bancario a farsi carico degli asset ‘tossici’ (le banche “non sono entusiaste di accollarsi delle perdite per permettere a Intesa di comprare le good banks a 1 euro”) Equita ipotizza “un provvedimento fiscale” del governo, una sorta di merce di scambio a vantaggio di tutto il sistema.

“Non sta a me o ai miei servizi decidere quali misure dovrebbero prendere, sta alle autorità degli Stati” ha detto la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager, secondo cui, pur lavorando “nel quadro di regole certe”, “c’è una certa flessibilità” nella loro applicazione. Un monito a non investire soldi privati nei salvataggi bancari è arrivato dalla Consob.

“Non sono note le condizioni di redditività prospettica delle banche in crisi – ha detto il presidente Giuseppe Vegas – e quindi un intervento diretto da parte di altri intermediari potrebbe non rispondere a logiche di sostenibilità nel lungo periodo”. A maggior ragione perché il sistema bancario italiano “non ha ancora raggiunto nell’insieme quel livello di efficienza e redditività che consentono costose operazioni di salvataggio”.

Ultima ora

21:05Francia: Rihanna all’Eliseo, ‘un incontro incredibile’

(ANSA) - PARIGI, 26 LUG - "Un incontro incredibile", così la cantante Rihanna ha definito il suo colloquio all'Eliseo con "il presidente e la first lady" di Francia, Emanuel Macron e sua moglie Brigitte, che sono, ha detto, "incredibilmente cortesi". Durante i colloqui, "ci siamo concentrati sulla questione dell'insegnamento da un punto di vista globale e faremo un annuncio davvero grande il prossimo settembre, durante la settimana delle Nazioni Unite e faremo anche un ulteriore lavoro ad ottobre in Africa", ha detto ancora Rihanna, che è ambasciatrice dell'organizzazione internazionale Global Partnership for Education. Parlando con i giornalisti, la cantante ha anche affermato di essere "davvero ispirata dalla sua leadership", di Macron.

21:01Scherma: Mondiali, Italia oro nel fioretto uomini

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - L'Italia ha vinto la medaglia d'oro nel fioretto a squadre maschile che chiude i Mondiali di scherma di Lipsia. Daniele Garozzo, Giorgio Avola, Alessio Foconi e Andrea Cassarà hanno battuto in finale gli Stati Uniti col punteggio di 45-41.

20:41Calcio: altro stadio targato Allianz, sarà negli Usa

(ANSA) - ROMA, 26 LUG - Dopo che anche la Juventus ha ribattezzato il proprio impianto 'Allianz Stadium, il colosso assicurativo tedesco darà il proprio nome anche all'arena in cui gioca il Minnesota United, una delle squadre partecipanti alla Major League Soccer nordamericana. Si chiamerà Minnesota Field ed è è previsto che la capienza venga ampliata dagli attuali 19.400 posti a 24.474. Si tratterà dell'ottavo impianto nel mondo 'targato' Allianz, dopo quelli di Bayern Monaco, Rapid Vienna, Sydney FC, Nizza, Palmeiras, Juventus e London Saracens di rugby.

20:35Calcio: Galliani, questo Milan mi piace

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "Mi piace questo Milan. Sono un tifoso pazzo del Milan e non cambio maglia. I dirigenti passano, i presidenti passano ma la fede rimane": lo dice l'ex ad rossonero Adriano Galliani a margine della presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A. "Bonucci? E' super", aggiunge poi con un sorriso Galliani.

20:35Calcio: Cairo, Belotti continuerà a indossare maglia Torino

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "In Torino-Milan, sicuramente Belotti giocherà con la maglia granata": lo dice il presidente del Torino Urbano Cairo alla presentazione del nuovo calendario di Serie A, in cui il primo derby sarà proprio quello tra i granata e la Juventus. "Quella sul futuro di Belotti è una domanda che mi farete ancora, lo so. E io continuerò a dire che resta. E' un grande attaccante - continua il patron - ma il Toro non è solo Belotti. E' la punta dell'iceberg, è reduce da un campionato molto buono e mi aspetto che lo faccia altrettanto positivo in vista del Mondiale". Cairo commenta anche il sorteggio del derby con la Juventus che si giocherà alla sesta giornata: "Speriamo di non farci rimontare all'ultimo minuto come negli scorsi anni".

20:34Calcio: Marotta, Bonucci?Via campione ma rimasti tanti altri

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - "E' stata una cosa molto veloce. Scelte umane e professionali che vanno rispettate. E' andato via un campione ma e' rimasto un gruppo di campioni. Un rischio calcolato". L'ad della Juventus Beppe Marotta commenta così, alla presentazione del calendario della prossima stagione di Serie A, la cessione di Leonardo Bonucci al Milan. "Abbiamo un gruppo di difensori molti forti. Così come Bonucci si è formato da noi, abbiamo giovani interessanti che cresceranno e troveranno continuità".

20:31Calcio: Ferrero, dove va Schick? Da me che gli voglio bene

(ANSA) - MILANO, 26 LUG - ''Schick va da Ferrero che gli vuole tanto bene''. Il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero, a margine della presentazione del nuovo calendario di Serie A, risponde così ad una domanda sul futuro di Patrik Schick. La trattativa con la Juventus non sarebbe ancora chiusa definitivamente e sullo sfondo resta l'Inter, molto interessata al giovane attaccante. Schick però potrebbe anche restare un anno alla Sampdoria, come da richiesta di Ferrero. Il patron blucerchiato parla anche di Antonio Cassano che ha dato l'addio al calcio qualche giorno fa: ''E' un grande calciatore non credo che smetterà davvero. E' presto per perdere un talento come il suo''. Infine evita di sbilanciarsi sulla prossima stagione: ''Non faccio pronostici, il calcio è cambiamento''.

Archivio Ultima ora