Pubblica Amministrazione: dopo otto anni si riapre il tavolo per lo sblocco dei contratti

Pubblicato il 20 giugno 2017 da ansa

ROMA. – C’é la tanto attesa data per l’avvio delle trattative sullo sblocco dei contratti per il pubblico impiego, dopo una ‘pausa’ di otto anni. L’Aran, l’Agenzia che sarà la faccia del governo nei tavoli, ha convocato per il 27 giugno, martedì prossimo, una dozzina di confederazioni sindacali per un primo confronto. L’obiettivo, spiega il presidente dell’Aran, Sergio Gasparrini, è “una roadmap con tutti”. Dopo di che si inizierà a lavorare su ciascun comparto.

In ballo di sono 85 euro di aumento medio per il triennio 2016-2018, ma anche nuove regole, come quelle sui permessi, sulle assenze e sui premi. Sarà quindi un’estate particolarmente calda per il fronte del pubblico impiego. In prima battuta si cercherà di partire da una cornice che metta tutti d’accordo. Per Gasparrini è infatti necessario definire “un percorso condiviso” per negoziati che “impegneranno le parti nei prossimi mesi”. Intanto, sottolinea, “è chiara la discontinuità rispetto al passato”.

D’altra parte, anche se l’impegno del Governo è stato più volte confermato, c’è da aspettare la prossima legge di Bilancio che dovrà mettere sul piatto quel che manca per raggiungere l’incremento di 85euro. E qualcosa potrebbe spuntare anche per il salario accessorio, visto che al momento i fondi sono congelati. Oltre al budget c’è da pensare anche a tutto il quadro normativo, profondamente cambiato dalla riforma Madia. La stessa Aran sottolinea come “occorrerà affrontare i problemi di armonizzazione dei nuovi contratti con le norme di legge intervenute”.

Le reazioni dei sindacati non si fanno attendere: “Quella di oggi è una buona notizia”, ricorda Franco Martini della Cgil. “Esprimiamo la nostra soddisfazione per una vicenda che ha già avuto troppi ritardi”, dice Antonio Foccillo della Uil. “Un primo passo importante”, evidenzia Massimo Battaglia della Confsal Unsa”, mentre Maurizio Petriccioli della Cisl Fp invita a stanziare nella prossima manovra le “risorse mancanti”. Le sigle fanno leva sull’intesa stretta con il ministero. Da parte sua l’Aran ha ricevuto un mandato preciso dalla ministra Marianna Madia, ma i margini di flessibilità non mancano.

Ultima ora

19:43Barcellona: il dolore di Leo Messi “Sii forte”

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "C'è stato un attacco terroristico a Barcellona. Sii forte Barcellona": così il fuoriclasse del club blaugrana Leo Messi esprime il dolore, dopo l'attentato sulle Rambla, in un post con una foto che ritrae la città catalana dall'alto. Messaggio anche del Barca: "Con il cuore pesante per l'attacco alla nostra città. Tutta la forza e la stima per le vittime, le loro famiglie e cittadini di Barcellona", scrive il club catalano. "La città più bella del mondo, noi soffriamo per voi: forza e coraggio" il messaggio del'altro club, Espanyol.

19:12Calcio: Marotta, Juve e Milan favoritissime

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "La Juventus è favoritissima per la vittoria dello scudetto, altrettanto il Milan per la campagna acquisti dispendiosa che ha fatto". Questa la griglia di partenza della Serie A secondo l'amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta: "Tra le favorite ci sono anche l'Inter, che ha trovato stabilità - ha proseguito Marotta - e il Napoli, per continuità e processo di crescita che sta dando risultati". Assente nel vernissage di Villar Perosa il centrocampista francese Matuidi, ma non c'è nessun giallo: "Abbiamo - ha spiegato Marotta - un accordo verbale col Psg, ha sostenuto le visite mediche, non ha avuto tempo di venire qui ma a breve sarà ufficiale il suo trasferimento". Il dg bianconero blinda Alex Sandro. "Vuole rimanere qui, abbiamo respinto al mittente le richieste. Non tratteniamo gli scontenti, non c'è nessun caso, ma ci sono ancora 15 giorni per gestire eventuali richieste di altre società".

19:06Migranti: Serracchiani, Austria blocchi chi entra in Italia

(ANSA) - TRIESTE, 17 AGO - "Lo schieramento di 70 soldati austriaci sul Brennero può essere utile, se contribuiranno a limitare il flusso dei migranti illegali dall'Austria verso l'Italia". Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando l'annuncio delle autorità austriache, a proposito di un imminente dispiegamento di militari sul confine con l'Italia. "Sappiamo che la campagna elettorale, in Austria come in Italia, induce ad alzare i toni e - ha continuato Serracchiani - a immaginare gesti a effetto, ma l'auspicio è che ci sia prima di tutto il senso di responsabilità a guidare determinate scelte. Questa in particolare non ha alcun effetto pratico e soprattutto è contraddittoria, dal momento che siamo noi, in particolare in Friuli Venezia Giulia, a registrare arrivi di migranti in rientro dai Paesi del nord. Per questo, è importante migliorare sempre di più la collaborazione tra forze dell'ordine sull'area confinaria".

19:00Calcio: Marotta, per Keita fatta offerta congrua

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "Keita? Un'opportunità che, per condizioni contrattuali ed età, tutte le società devono tentare di cogliere, nel rispetto del presidente Lotito e della Lazio". Così Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, sulla trattativa che coinvolge l'attaccante senegalese di proprietà dei biancocelesti: "Emre Can e Rabiot sono giocatori il cui contratto scade nel 2018, come Keita, ma che giocano titolari nelle loro squadre senza alcun dramma - ha aggiunto Marotta, a margine dell'amichevole in famiglia a Villar Perosa -. Noi abbiamo fatto un'offerta a Lotito che riteniamo congrua, lui è padrone di decidere le strategie in casa propria e noi ci siamo ritirati".

18:41F.1: Alonso, senza progetto vincente lascio

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Un progetto vincente o lascio la F1": Fernando Alonso ha le idee chiare sul suo futuro nel Circus e dice "tra novembre e dicembre deciderò il da farsi". Parlando con la CNN durante la pausa estiva, il 36enne pilota della McLaren ha fatto sapere che se la F1 non gli darà più occasione di primeggiare "guarderò altrove. La F1 è ancora la mia priorità, è la mia vita e vincere il campionato mondiale è quello che spero", ha detto il due volte iridato. "Se non vedo nessun progetto che mi permetterà di battermi per la vittoria, guarderò al di fuori del F1. Questa è una decisione che prenderò a fine anno. Prima, valuterò e proverò ogni possibilità". A 36 anni la fame di successo di Alonso resta comunque intatta, come ha dimostrato la sua esperienza alla 500 Miglia di Indianapolis a maggio. "Ho corso lì e ho provato ancora la sensazione che posso vincere questa gara - ha affermato - e la sensazione di poter vincere quella gara è stata davvero speciale".

18:33Auguri a amichetta con spray su Palazzo Gotico, identificati

(ANSA) - PIACENZA, 17 AGO - Identificati e denunciati i vandali che settimane fa avevano deturpato il palazzo Gotico di piazza Cavalli, monumento simbolo di Piacenza, lasciando sull'antico colonnato e sulle scalinate scritte con vernice spray nera per festeggiare il 18/o compleanno di una ragazza. La polizia municipale è risalita agli autori, tre minorenni amici di "Aurora", la festeggiata neo maggiorenne il cui nome appariva nei graffiti. Convocata al Comando di via Rogerio, la ragazza ha ammesso che i festeggiamenti, la sera stessa della data impressa sul Palazzo Gotico, erano terminati insieme a amici e amiche in piazza Cavalli, e che le scritte erano state realizzate proprio in quel momento. La giovane ha fornito elementi utili per rintracciare i deturpatori: i tre - due ragazze e un ragazzo - sono stati convocati e indagati, con trasmissione del fascicolo alla Procura minorile di Bologna. I genitori si sono dichiarati disponibili a rifondere il danno, chiedendo di incontrare gli assessori competenti per porgere le scuse.

18:33Calcio: Bologna ufficializza l’arrivo di Palacio

(ANSA) - BOLOGNA, 17 AGO - Rodrigo Palacio è ufficialmente un giocatore del Bologna. L'attaccante argentino, 35 anni, ha firmato il contratto che lo legherà al club rossoblù per la stagione 2017/18 e indosserà la maglia n. 24. Il nuovo arrivo ha già svolto fra ieri e oggi due sessioni di allenamento differenziato, ma difficilmente sarà fra i convocati per la partita di domenica contro il Torino. Palacio, in Italia dalla stagione 2009/2010, ha vestito le casacche di Genoa (tre anni) e Inter (cinque anni), realizzando complessivamente 74 gol in campionato, 35 coi rossoblù e 39 coi nerazzurri. Vanta inoltre 28 presenze e 3 reti con la nazionale argentina, con la quale ha disputato i Mondiali del 2006 e del 2014. "Sono sorpreso, non mi aspettavo di trovare tanti giocatori forti e un centro tecnico così bello, speriamo di fare un buon campionato", sono state le prime parole di Palacio dopo la firma dell'accordo.

Archivio Ultima ora