A sinistra tutti contro Renzi, Berlusconi stoppa Salvini

Pubblicato il 26 giugno 2017 da ansa

ROMA. – Il Pd e Matteo Renzi sono al centro di un fuoco di critiche, dopo i ballottaggi. E’al segretario e alla sua linea che imputano il risultato deludente sia la minoranza Dem sia Mdp e Si, con cui pure era alleato in alcune città. Ma a sorprendere sono le divisioni emerse tra i vincitori di questa tornata, con Matteo Salvini che rivendica la propria leadership e chiede una legge elettorale maggioritaria, subito messo in riga da Silvio Berlusconi che ribadisce la propria centralità e la preferenza per una legge proporzionale.

Renzi sui social ha rilanciato un grafico che ricorda come il centrosinistra, tra i due turni, abbia vinto 67 comuni rispetto ai 59 del centrodestra e agli 8 dei M5s. Ma alcune sconfitte, ha ammesso Lorenzo Guerini, “bruciano” come Genova e L’Aquila. Andrea Orlando, ha incalzato Renzi chiedendogli di “provare a convocare un tavolo di tutte le forze che si riconoscono nel centrosinistra”, e il prodiano Franco Monaco, oggi vicino a Pisapia, ha rilanciato “un centrosinistra unitario, largo e plurale”, come propone l’ex sindaco di Milano.

Ma a sinistra del Pd, tra i fuoriusciti di Mdp e SI, questa soluzione non piace: “l’unica strada è archiviare definitivamente le politiche errate del renzismo” ha detto Roberto Speranza, e Nicola Fratoianni, ha detto di lavorare a un “discontinuità” con i governi a guida Pd.

Diventa difficile per Orlando proporre a Renzi alleanze con chi con le vuole. Ed ecco così che anche la maggioranza interna del Pd si dice contraria all’abbraccio con Piasapia: “Il modello Pisapia ha perso a Genova” ha detto Matteo Orfini. “Non parli ai nuovi esclusi – ha aggiunto – mettendo insieme una accordo di ceto politico, ma se metti in campo un progetto politico chiaro e omogeneo che ha l’ambizione di cambiare le cose”; quindi “concentriamoci sul Pd”. E poi “le continue frizioni” dentro una coalizione rissosa, dice Dario Parrini, hanno fatto perdere.

Se le divisioni tra gli sconfitti sono la fisiologia, quelle tra i vincitori sono inconsuete: ma è ciò che accade nel centrodestra. Salvini ha detto di voler “esportare a livello nazionale” il modello Genova, cioè un centrodestra unito con la Lega primo partito, in grado di porre veti su altri alleati (ad esempio “mai con Ap di Alfano”). Per far ciò occorre una legge elettorale di tipo maggioritario, che implica stabilire prima del voto chi è il candidato premier. Idea che piace a Giorgia Meloni che parla di una “fotografia di Genova”, con un ruolo per il governatore ligure Giovanni Toti.

Ma Berlusconi ha idee diverse e punta a “una coalizione caratterizzata da un chiaro profilo liberale, moderato, basato su radici cristiane”. E sulla legge elettorale è meglio un sistema proporzionale che recuperi quanti si sono astenuti, evitando la necessità di decidere prima chi sarà il candidato premier. Salvini ha evitato di polemizzare, limitandosi a dichiararsi “liberale e moderato”.

Alfano confida nella linea Berlusconi: “Alternativa Popolare c’è ed è determinante”, come si è dimostrato a Genova e altre realtà in cui il centrodestra ha vinto grazie ad AP. I veti di Salvini, sono controproducenti, sottolinea Maurizio Lupi.

Lo sconfitto del Primo turno, M5s, si consola con le affermazioni in alcune città come Carrara e Guidonia. “Ogni maledetta elezione il M5S continua a crescere” ha detto Beppe Grillo per incoraggiare i suoi. Poi, di fronte alle future difficoltà, ha invitato a serrare le fila: “o andiamo avanti come squadra o cederemo un centimetro alla volta, fino alla disfatta”.

(di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

23:48Slovenia, presidenziali, ballottaggio tra Pahor e Sarec

(ANSA) - LUBIANA, 22 OTT - La Slovenia dovrà attendere il ballottaggio del 12 novembre per conoscere il suo nuovo presidente. Tuttavia, al momento, tra l'uscente Borut Pahor e il principale antagonista tra i nove candidati presentatisi, Marjan Sarec, non sembra esserci storia. Pahor ha di fatto mancato la vittoria al primo turno per un paio di punti percentuale concludendo lo scrutinio delle schede a circa il 47% dei consensi. Sarec si è invece fermato al 25% circa. L'affluenza alle urne è stata del 42,02% per 1,7 milioni di votanti. Il presidente che sarà designato dalle urne in novembre, si insedierà il 23 dicembre.

21:48Pallavolo: serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della seconda giornata del campionato di serie A/1 di pallavolo donne, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Il Bisonte Firenze martedì 25 Foppapedretti Bergamo - Liu Jo Modena 1-3 (27-29, 25-19, 16-25, 18-25) Savino Scandicci - Pomì Casalmaggiore 3-0 (25-18, 25-20, 25-19; giocata ieri) Unet E-Work Busto A. - Lardini Filottrano 3-0 (25-18, 25-21, 25-16; giocata ieri) Saugella Monza - Sab Legnano 3-1 (28-26, 21-25, 25-18, 25-14) Pesaro - Igor Gorgonzola Novara 0-3 (19-25, 19-25, 19-25). - Classifica: Scandicci 6; Novara 5; Busto Arsizio 4; Conegliano, Firenze, Legnano, Monza, Filottrano e Modena 3; Bergamo, Casalmaggiore e Pesaro 0.

21:39F1: Usa, al via Ferrari e Vettel subito in testa

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Partenza super di Sebastian Vettel nel Gp degli Usa di F1 appena cominciato sul circuito di texano di Austin, con Usain Bolt starter 'di lusso'. La Ferrari del tedesco è riuscita a sopravanzare la Mercedes di Lewis Hamilton, che era in pole position, e a prendere la testa della gara. Alle spalle dei due favoriti c'è l'altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas.

21:36Incidenti stradali: muore in Calabria bambina di 6 anni

(ANSA) - CIRÒ MARINA (CROTONE), 22 OTT - Una bambina di sei anni é morta in un incidente stradale accaduto stasera a Cirò Marina, in località "Boldito", lungo la statale 106 jonica. La bambina era a bordo di un'automobile condotta dal padre e sulla quale viaggiavano anche la madre e la sorella maggiore. Secondo una prima ricostruzione, il conducente dell'auto ha perso il controllo dell'automobile, forse a causa di un cane che ha attraversato la strada, finendo contro la barriera di protezione. La bambina é morta sul colpo, mentre i genitori e la sorella sono rimasti feriti e sono stati portati nell'ospedale di Crotone. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul luogo dell'incidente, per i rilievi, si é recato il personale della Polizia stradale insieme ai carabinieri. (ANSA).

21:29Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Risultati della seconda giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Bunge Ravenna rinviata Calzedonia Verona - Sir Safety Perugia 0-3 Wixo Piacenza - Callipo Vibo Valentia 3-2 Kioene Padova - Diatec Trentino 1-3 Biosì Sora - Azimut Modena 0-3 Revivre Milano - Gi Group Monza 3-1 BCC Castellana Grotte - Taiwan Latina 3-1 - Classifica: Perugia e Modena 6; Milano 5; Piacenza e Trentino 4; Civitanova, Monza e Castellana Grotte 3; Verona 2; Ravenna, Latina e Vibo Valentia 1; Sora e Padova 0.

20:53Referendum: Veneto, 50,1%, superato quorum alle 19

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - Con il 50,1% dell'affluenza alle ore 19 il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto ha superato la soglia del quorum previsto. In Veneto gli elettori sono 4.068.577 e la metà più uno è pari a 2.034.280. Il dato emerge dall'affluenza ai seggi nei 575 comuni della regione secondo quanto riferito dall'osservatorio del consiglio regionale del Veneto. I seggi saranno aperti fino alle 23. In provincia di Belluno l'affluenza fino alle 19 è stata del 45% degli elettori, a Padova del 52,1%, a Rovigo del 41,9%, a Treviso del 51,6%, a Venezia del 47,1%, a Verona del 47,2% e a Vicenza del 55,9%.

20:48Ippica:a Full Drago Jockey Club ma infortunio costa carriera

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Vince e si procura un infortunio che ne chiude la carriera a 4 anni. È la storia di Full Drago che ha dominato l'edizione 2017 del Gran Premio Jockey Club nella giornata clou della stagione del galoppo a Milano, ma negli ultimi metri della corsa di Gruppo 2 da oltre 250 mila euro di montepremi il guaio a una gamba ha trasformato la festa in un dramma. Davanti a oltre cinquemila spettatori, come da previsioni il portacolori della scuderia Dioscuri ha dettato legge dal primo all'ultimo metro e non ha mai concesso speranze ai rivali, mantenuti sempre a distanza di sicurezza (secondo il tedesco Savoir Vivre, terzo il rivale di sempre Way To Paris). Peccato che la splendida galoppata sia anche l'ultima in corsa per Full Drago, applaudito a maggior ragione dal pubblico dell'ippodromo Snai San Siro: ora il cavallo di Alduino e Botti dovrà dimostrare di essere un campione anche nella veste di stallone. L'altra prova di cartello, il Gran Criterium-Gruppo 2 per i 2 anni, è stata vinta dal tedesco Royal Youmzain.

Archivio Ultima ora