La Corte Suprema Usa salva il bando di Trump sull’Islam

Pubblicato il 26 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – Alla fine Donald Trump può essere soddisfatto. Dopo i tanti schiaffi presi sul ‘muslim ban’ può finalmente cantare vittoria, grazie alla Corte Suprema che ha reintrodotto parzialmente il provvedimento. Questo in attesa di un esame più approfondito che inizierà ad ottobre, ma che alla fine potrebbe rivelarsi inutile vista la natura provvisoria del decreto. Il divieto di ingresso negli Usa da sei Paesi a maggioranza musulmana entrerà nuovamente in vigore questo giovedì (a 72 ore dall’opinione espressa dall’Alta Corte), anche se in una versione ridimensionata.

Non saranno soggetti al bando, infatti, tutti coloro che pur venendo da Libia, Iran, Somalia, Sudan, Siria e Yemen dimostreranno di avere un legame stabile negli Stati Uniti, di natura familiare o di lavoro. Vietato invece l’ingresso a coloro che fanno richiesta del visto per la prima volta o che in America non hanno né famiglia né rapporti professionali con imprese.

La decisione è stata presa all’unanimità dai nove ‘saggi’ della Corte Suprema. Anche se tre degli alti magistrati – tra cui Neil Gorsuch, nominato da Trump – avrebbero preferito un riconferma totale del provvedimento. Comunque sia la Casa Bianca segna finalmente un punto a suo favore su un tema così delicato, e il presidente non può che esultare: “E’ una chiara vittoria per la sicurezza nazionale”, afferma. “La mia prima responsabilità come Commander in chief – spiega – è quella di garantire la sicurezza degli americani, e la decisione di oggi mi fornisce uno strumento importante per farlo”.

Si chiude così – almeno per il momento – un lungo braccio di ferro iniziato pochi giorni dopo l’insediamento di Trump alla Casa Bianca. Dopo le promesse della campagna elettorale il neo presidente volle subito dare un segnale varando un primo divieto che fece infuriare la comunità musulmana e creò un’ondata di indignazione in America e in tutto il mondo. Negli aeroporti, inoltre, fu il caos totale, essendo il provvedimento entrato in vigore senza alcun preavviso.

Il bando fu poi bloccato dai magistrati federali che accolsero le accuse di discriminazione mosse da alcuni stati Usa, dalle associazioni per la difesa dei diritti civili e dalle associazioni islamiche. L’amministrazione Trump fu così costretta a varare un ‘bando-bis’ rivisto e corretto a marzo: l’Iraq fu tolto dalla lista dei Paesi coinvolti, furono dettagliati gli aspetti di sicurezza nazionale che motivavano il divieto, fu cancellata la sezione che favoriva gli immigrati di religione cristiana e fu rimossa anche la parte che prendeva in particolare di mira i rifugiati siriani. Ma ancora per alcune corti federali i cambiamenti non furono considerati sufficienti, e il decreto venne nuovamente bloccato, facendo letteralmente infuriare Trump, che decise il ricorso alla Corte Suprema.

A questo punto il futuro verdetto dei nove ‘saggi’, che cominceranno ad ascoltare le parti in ottobre, potrebbe essere ininfluente per il bando in sé. Si tratta infatti di un provvedimento provvisorio che prevede un divieto di 90 giorni sui passeggeri dai sei Paesi elencati e un divieto di 120 giorni per tutti i rifugiati. Questo in attesa che l’amministrazione riveda il sistema di controlli e le procedure sui visti, cosa che probabilmente avverrà entro la fine dell’estate.

La Corte sarà comunque chiamata a sancire un principio, per stabilire i limiti dei poteri del presidente in materia di immigrazione quando in ballo ci sono questioni che riguardano sia la sicurezza nazionale sia la discriminazione religiosa.

Nella loro ultima giornata di lavori prima della pausa estiva, i nove ‘saggi’ hanno anche preso due decisioni che rafforzano i diritti delle coppie gay regolarmente sposate. Con la prima hanno dato torto a un pasticciere del Colorado che si rifiuta di preparare torte per i festeggiamenti nuziali di coppie omosessuali. Con la seconda hanno stabilito che sul certificato di nascita dei figli delle coppie omosessuali sposate può essere indicato il nome di entrambi i genitori, anche di quello che non è il genitore biologico. In entrambi i casi Gorsuch ha votato contro.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

18:19Afghanistan: media, Trump annuncerà 4.000 soldati in più

(ANSA) - WASHINGTON, 21 AGO - Donald Trump dovrebbe annunciare un aumento di truppe, almeno 4000 soldati, quando svelerà stasera alle 21 (le 3.00 in Italia) dalla base militare di Fort Myer in Virginia la sua nuova strategia per l'Afghanistan, dove la guerra contro i talebani iniziò poco dopo l'attacco dell'11 settembre. La Casa Bianca mantiene la consegna del silenzio ma i media hanno raccolto le prime indiscrezioni. Se queste fossero confermate, il presidente abbraccerebbe così le proposte dei suoi generali, aumentando il coinvolgimento Usa nella regione e segnalando un approccio più tradizionale alla politica estera di quello promesso in campagna elettorale, quando prevaleva la linea isolazionista dell'ormai ex capo stratega Steve Bannon. Ma l'indiscrezione emerge nel giorno in cui i talebani si sono impossessati del quartier generale del governo afghano distretto di Khamad, nella provincia di Jawjan, scrive il Nyt citando un portavoce dell'esercito afghano.

18:10Barcellona: stasera rientro in Italia salme Russo e Gulotta

(ANSA) - VERONA, 21 AGO - Torneranno stasera in Italia, con un volo dell'Aeronautica militare che atterrerà a Roma, le salme di due dei tre italiani rimasti uccisi nell'attentato di Barcellona, Luca Russo e Bruno Gulotta. Quella di Carmen Lopardo dovrebbe essere invece trasferita in Argentina, dove l'anziana viveva da tempo. Il volo, mobilitato su disposizione dei ministeri della Difesa e degli Esteri, è prossimo al decollo da Pratica di Mare; dalla Spagna dovrebbe rientrare poi su Ciampino, poco prima della mezzanotte. Le salme saranno quindi trasferite al policlinico Gemelli, per l'esame disposto dalla Procura, e da Ciampino ripartiranno questa volta per Verona, dove, presumibilmente domattina, arriveranno i due feretri. Le destinazioni saranno Bassano del Grappa, per Luca Russo, e Legnano, per Bruno Gullotta. La sorella della vittima bassanese, Chiara Russo, è in partenza con la madre per Roma, dove attenderà l'arrivo della bara con il corpo del fratello.

18:08Uomo bruciato vicino Aosta, ucciso coltellata collo

(ANSA) - AOSTA, 21 AGO - E' stato ucciso con una coltellata al collo l'uomo trovato semicarbonizzato sabato scorso in una radura a Fenis, vicino Aosta. E' quanto emerso dal primo esame sul cadavere condotto dal medico legale Roberto Testi, incaricato dal pm Eugenia Menichetti di effettuare l'autopsia. Lo ha appreso l'ANSA. In base alla ricostruzione del fatto la vittima è stata colpita alle spalle con un fendente sul collo. Maggiori particolari si conosceranno al termine dell'esame autoptico che si concluderà domani. (ANSA).

18:07Ciclismo: Vuelta, Nibali vince la 3/a tappa

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Vincenzo Nibali ha vinto in volata la terza tappa della Vuelta da Prades Conflent Canigò ad Andorra la Vella. Il siciliano è scattato a 400 metri dal traguardo, sorprendendo tutti e precedendo Froome, che diventa leader della corsa, e De La Cruz. Sesto Fabio Aru.

17:59Giordania-Turchia: Erdogan ad Amman

(ANSAmed) - AMMAN, 21 AGO - Il presidente turco Tayyip Recep Erdogan è arrivato oggi ad Amman per colloqui con re Abdallah e altre autorità giordane. Si parla, oltre che delle relazioni bilaterali, degli sviluppi riguardanti Gerusalemme, dei possibili modi di riavviare il processo di pace israelo-palestinese e della guerra in Siria. "Voglio sottolineare l'importanza che attribuiamo al ruolo della Giordania nella protezione dei luoghi santi di Gerusalemme", ha detto Erdogan prima di partire per Amman. "Non vogliamo più assistere ad abusi, violazioni di diritti e attacchi, e quindi i musulmani del mondo devono essere solidali con Gerusalemme", ha aggiunto il presidente turco. Dopo gli scontri avvenuti il mese scorso sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, Erdogan aveva descritto le nuove misure di sicurezza imposte da Israele come "un tentativo di togliere (la moschea di) al Aqsa ai musulmani con la scusa di attività antiterrorismo".

17:53Vento spazza via il quod, friulana muore in Grecia a 22 anni

(ANSA) - TRIESTE, 21 AGO - Una turista italiana - Deborah Fabris, di 22 anni, originaria di Monfalcone (Gorizia) e residente a Cervignano del Friuli (Udine) - è morta oggi in Grecia per le conseguenze di un incidente stradale avvenuto sull'isola di Karpathos a Ferragosto. La ragazza era in vacanza con il fidanzato. La dinamica dell'incidente è tuttora al vaglio delle autorità locali, ma - stando alle prime ricostruzioni - a spingere fuori strada il quod sul quale viaggiava la coppia sarebbe stata una delle forti folate di vento che spazzano costantemente la seconda isola più grande del Dodecaneso. La ragazza ha perso il casco e ha sbattuto la testa. Le condizioni della giovane sono subito apparse critiche. Dopo essere stata portata al pronto soccorso di Karpathos, è stata trasferita all'ospedale di Rodi dove questa mattina il suo cuore ha smesso di battere.

17:53Filippine: attaccato villaggio, 9 civili uccisi

(ANSA) - BANGKOK, 21 AGO - Almeno nove residenti di un villaggio nel sud delle Filippine sono stati uccisi oggi dai terroristi islamici del gruppo Abu Sayyaf. Lo ha comunicato l'esercito di Manila. Nella versione dei militari, una ventina di militanti armati hanno attaccato all'alba il villaggio di Tubigan, sull'isola di Basilan, una delle roccaforti del gruppo. Altre 16 persone sono rimaste ferite nell'assalto, in cui sono stati incendiati anche cinque case e un edificio usato per le riunioni. Secondo il colonnello Juvymax Uy, i militanti potrebbero aver deciso di attaccare il villaggio come rappresaglia per il mancato sostegno da parte della popolazione locale, dopo settimane in cui sono stati decimati in scontri con i militati filippini. Abu Sayyaf è un'organizzazione terroristica che si finanzia con il rapimento di ostaggi. Non è raro che il sequestro si concluda con una decapitazione in caso di mancato pagamento del riscatto.

Archivio Ultima ora