Migranti: 10mila in quattro giorni. Il ministro Minniti rientra in Italia

Pubblicato il 27 giugno 2017 da redazione

ROMA. – Oltre diecimila uomini, donne e bambini soccorsi in quattro giorni nel Mediterraneo centrale: l’esodo infinito dalla Libia non accenna a diminuire rischiando di far saltare l’intero sistema d’accoglienza e costringendo il ministro dell’Interno Marco Minniti, diretto a Washington per impegni istituzionali, a rientrare con urgenza in Italia per affrontare la nuova emergenza.

“Sono numeri non più sostenibili”, ammette il premier Matteo Renzi mentre il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, da Ottawa in Canada, accusa l’Ue: “L’Italia è in prima linea per salvare migliaia di vite umane nell’ambito di un fenomeno epocale. E ciò accade ai confini dell’Europa, senza ancora suscitare nel nostro continente né adeguata consapevolezza né l’emergere di sensibilità sufficientemente condivise, necessario preludio di incisive azioni comuni”.

La nuova ondata di disperati diretti in Europa è partita sabato, quando sono stati salvati 500 migranti. Ma è tra domenica e lunedì che i numeri sono esplosi, con le navi davanti alle coste libiche impegnate a soccorrere una cinquantina tra gommoni e barconi con a bordo oltre oltre 8.400 persone. E altre duemila sono state salvate martedì.

Migliaia di migranti che ora si trovano a bordo delle navi – assieme ai cadaveri di tre di loro che non ce l’hanno fatta, tra cui un neonato morto in seguito a complicazioni post parto – dirette nei porti di Sicilia, Calabria e Sardegna.

Ad oggi sono già 73.380 i migranti sbarcati nel nostro paese dall’inizio dell’anno, il 14.5% in più rispetto allo stesso periodo del 2016, ai quali però vanno aggiunti gli oltre 7mila salvati tra ieri ed oggi. Numeri che costringono il titolare del Viminale ad affrontare la nuova emergenza. Per il momento, però, non verrà chiesto ai prefetti di imporre ai sindaci i richiedenti asilo né verrà diramata una circolare per reperire nuovi posti.

Il governo ha infatti già stanziato 150 milioni per il 2018 da distribuire ai sindaci in base al numero di stranieri effettivamente accolti, con l’obiettivo di allargare la platea delle Comuni (al momento sono 2.800 su circa 8mila) disposti ad ospitare i richiedenti asilo secondo il principio dell’accoglienza diffusa. Nei giorni scorsi, inoltre, Minniti ha ricordato che il piano concordato a dicembre tra il Viminale e l’Anci fissa la quota di accoglienza a 200mila unità e un eventuale aumento sarà concordato con l’associazione dei Comuni.

Fino ad oggi non c’è stata la necessità, ma il numero delle persone accolte si sta pericolosamente avvicinando a quota 200mila e, dunque, non è escluso che nei prossimi giorni ci sia un’iniziativa da parte del ministro in questo senso. Prima però di ‘premere’ sui Comuni, il titolare del Viminale tornerà ancora una volta a chiedere un impegno concreto a Bruxelles.

Su due fronti: far attraccare le navi con i migranti in porti non italiani – “L’Italia ha salvato l’onore dell’Europa e sarei ancora ancora più orgoglioso se una sola delle navi portasse i migranti almeno per una volta in un altro grande porto europeo”, ha detto nei giorni scorsi – e far finalmente funzionare il piano Junker, che prevedeva la ridistribuzione di 450mila migranti ma ad oggi ne ha ricollocati solo 7.281. Un gigantesco flop.

Il centrodestra intanto attacca unito. “C’è un’emergenza incredibile e insostenibile – dice il capogruppo alla Camera di Fi Renato Brunetta – non possiamo più gestire questa situazione. Minniti blocchi le navi che stanno facendo rotta verso il nostro paese e chieda all’Ue che vengano dirottate in altri porti del Mediterraneo”.

“Stop agli sbarchi e blocco navale al largo della Libia per fermare l’invasione dell’Italia”, aggiunge Giorgia Meloni (Fdi) mentre la Lega, con Salvini annuncia un esposto alla procura di Roma contro il governo per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. “Chiediamo il sequestro delle navi delle Ong che non vogliono la polizia a bordo. In un paese civile, tutto questo sarebbe oggetto di un dibattito serio in Parlamento e invece Renzi vuole approvare lo Ius soli”.

Ultima ora

07:46Usa, amministrazione federale in shutdown

(ANSA) - WASHINGTON, 20 GEN - E' scattato alla mezzanotte ora di Washington (le 6 in Italia) il temuto 'shutdown', ovvero la chiusura degli uffici amministrativi federali negli Stati Uniti in seguito al voto al Senato contro il provvedimento per finanziare il bilancio di governo. In una corsa contro il tempo si sono tentati negoziati in aula che non hanno tuttavia portato ad alcun accordo prima della scadenza fissata. La Casa Bianca, nella prima reazione allo shutdown, punta il dito contro i democratici. La portavoce Sarah Sanders in un comunicato sottolinea: "Non negozieremo lo status di cittadini illegali mentre (i democratici) tengono i nostri cittadini ostaggio di richieste incoscienti". E continua: "Questo e' comportamento da ostruzionisti, non da legislatori".

22:17Turista tedesco cade da scala e muore

(ANSA) - BOLZANO, 19 GEN - Un turista tedesco di 62 anni è morto in Val Badia dopo essere caduto da una scala. L'incidente è avvenuto poco prima delle ore 18 nel rifugio Piz Sorega, a quota 2.000 metri, poco prima che gli impianti sciistici chiudessero. Vano l'intervento dei soccorritori dell'Aiut Alpin che sono giunti sul posto in elicottero. L'uomo è morto per un trauma cranico. Secondo i primi rilievi dei carabinieri, il tedesco sarebbe scivolato sulle scale interne della struttura, in quanto indossava gli scarponi da neve.

21:50Acquisizione Bari Calcio, Procura Bari indaga per estorsione

(ANSA) - BARI, 19 GEN - La Procura di Bari indaga sull'acquisizione della società Fc Bari 1908 da parte dell'attuale presidente Cosmo Antonio Giancaspro. A quanto si apprende l'inchiesta della Guardia di finanza, coordinata dal pm Bruna Manganelli, è stata aperta circa un anno e mezzo fa sulla base di una denuncia dell'ex presidente del Bari Calcio Gianluca Paparesta. Nel fascicolo il pm ipotizza i reati di estorsione contrattuale e usura. I fatti su cui sono in corso gli accertamenti degli inquirenti baresi risalgono al primo semestre del 2016. Al centro dell'indagine ci sarebbero l'ingresso di Giancaspro in società come socio di minoranza, un accordo sottoscritto fra i due soci per il pagamento di debiti pregressi e la successiva ricapitalizzazione della società calcistica da parte di Giancaspro. Paparesta contesta in sostanza le modalità di trasformazione dei crediti di Giancaspro in capitale sociale. La vicenda fu pubblicamente denunciata dallo stesso Paparesta nel novembre 2016 in una conferenza stampa.

21:38Calcio: Sportiello, Fiorentina si gioca posto in E.League

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - "Le prime cinque in classifica fanno un campionato a parte. Noi, come Atalanta, Sampdoria, Torino, Milan e mettiamoci anche il Bologna, ci giochiamo un mini-campionato e abbiamo tutte le carte in regola per vincerlo, però sappiamo che lo dobbiamo dimostrare domenica dopo domenica". Per Marco Sportiello, ai microfoni dell'emittente Italia 7, per la Fiorentina domenica inizia un mini-campionato dove in gioco c'è un posto in Europa League. Alla squadra viola manca "una vittoria importante fuori casa, come può esserla quella del Ferraris. Ci manca uno 'strappo' - ha aggiunto Sportiello - perché è vero che nelle ultime otto partite abbiamo fatto belle prestazioni e abbiamo preso pochi gol, ma abbiamo fatto solo due vittorie e sei pareggi".

21:35Trump cerca di evitare lo ‘shutdown’

(ANSA) - WASHINGTON, 19 GEN - La Casa Bianca si sta preparando all'eventualità di uno 'shutdown', vale a dire la chiusura delle attività amministrative, nonostante continui i suoi tentativi per scongiurarlo. La Camera americana ha approvato una proroga a breve della legge di bilancio per evitare dalla mezzanotte di oggi (le sei in Italia) lo shutdown. Le prospettive del voto restano però incerte al Senato, dove i repubblicani hanno solo 51 voti dei 60 necessari e i democratici sono sulle barricate perché non è stato raggiunto un accordo né sui cosiddetti 'dreamers' né sul programma che garantisce la copertura sanitaria di nove milioni di bambini. Donald Trump ha telefonato al leader dem al Senato Charles Schumer invitandolo alla Casa Bianca per tentare di raggiungere un accordo per evitare lo shutdown.

21:30Spari in strada: Bitonto,bimbo ringrazia Cc e Ps con disegno

(ANSA) - BITONTO (BARI), 19 GEN - Un gesto di speranza a Bitonto mentre oltre 100 uomini, tra carabinieri e polizia, hanno messo oggi a soqquadro la zona ex 167 in seguito alle sparatorie avvenute il 30 dicembre culminate con l'omicidio di Anna Rosa Tarantino. Proprio mentre i carabinieri recuperavano, dietro ad un muro di cartongesso nel salone dell'abitazione di un uomo, quattro telecamere, due orientate su via Pertini e le altre due su via Spadolini, collegate a uno schermo al plasma da 55 pollici, un bambino si è avvicinato ai militari dell'Arma donando loro un disegno in cui erano ritratte un'auto della polizia e una vettura dei carabinieri. Un gesto fatto in segno di riconoscenza, con tanto di dedica e ringraziamento agli uomini delle forze dell'ordine. 'Grazie polizia e carabinieri che ci aiutate - ha scritto il bimbo - vi ringrazio del vostro lavoro Che Dio vi benedica'.

21:29Cile: storica chiusura progetto minerario per danni ambiente

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - A cinque anni dall'inizio delle indagini, la Sovrintendenza dell'Ambiente del Cile ha emesso una storica risoluzione con la quale ha chiesto la chiusura definitiva del progetto minerario di oro e argento "Pascua-Lama" della canadese Barrick Gold, la più grande società al mondo per l'estrazione dell'oro. Lo riporta Diario Financiero. Nel procedimento sono stati identificati 33 elementi negativi a carico della società, tra i quali il fatto di aver prodotto un danno ambientale irreparabile all'area, situata a sud di Atacama, al confine tra Cile e Argentina. Tra le accuse contro il progetto minerario ci sarebbero lo scarico di acque acide, la distruzione della flora e il parziale monitoraggio ambientale e sociale. In precedenza c'è stato solamente un altro caso nel quale la Sovrintendenza cilena ha chiesto la chiusura definitiva di un progetto minerario, ed era legato al commercio illegale di minerali.

Archivio Ultima ora