Trump attacca Bezos: “Washington Post mente, Amazon non paga le tasse”

Pubblicato il 28 giugno 2017 da ansa

NEW YORK. – Tra Donald Trump e il mondo dei media è scontro totale, oramai una vera e propria guerra. Tanto che la Casa Bianca ha finito anche per marginalizzare il quotidiano briefing con la stampa, sempre più condotto a telecamere spente. Un’escalation che – secondo molti osservatori – va di pari passo con le difficoltà dell’amministrazione a far decollare l’agenda presidenziale.

La vicenda del mancato accordo sulla riforma sanitaria e sull’abolizione dell’Obamacare in queste ore è l’esempio più lampante di queste traversie. L’ultimo affondo il tycoon lo riserva a Jeff Bezos, ‘guru’ di Amazon ma anche il proprietario del Washington Post, il giornale in cima alla lista nera dei ‘nemici’ della Casa Bianca.

Quel Washington Post che scatenò lo scandalo del Watergate, provocando le dimissioni di Richard Nixon, e che adesso più di altri sta cavalcando la vicenda del Russiagate, con scoop che hanno in parte accelerato le inchieste in corso sui possibili legami tra Trump e Mosca. Il presidente americano l’ha giurata da tempo al fondatore del colosso mondiale del commercio online, divenuto il secondo uomo più ricco al mondo alle spalle di Bill Gates. E – dicono i ben informati – con ambizioni presidenziali in un futuro non molto lontano.

Quando si parla di ‘AmazonWashingtonPos’, ha twittato il tycoon, si parla di ‘fake news’. Senza contare – aggiunge – che Amazon non paga le tasse sul web come dovrebbe. Un attacco a un’azienda che rappresenta un fiore all’occhiello dell’economia americana più avanzata, mentre lo stesso Trump da tempo strizza l’occhio ad Alibaba, il gigante cinese che compete con Amazon.

Del resto il presidente sembra avere molto più feeling con Jack Ma che con Bezos, ricordando spesso come l’imprenditore cinese gli abbia promesso la creazione di un milione di posti di lavoro in America. Ma l’attacco di Trump ai media nelle ultime ore è a 360 gradi.

A parte lo stillicidio di rivelazioni sul Russiagate, il tycoon non ha gradito anche come è stata trattata la vicenda della riforma sanitaria, che sta imbarazzando la Casa Bianca e l’intero partito repubblicano, incapaci di finalizzare un accordo che spazzi via l’Obamacare. Una delle promesse principali della campagna elettorale.

Così anche il New York Times, al pari del Washington Post, viene definito ‘un giornale fallimentare’ e fucina di ‘fake news’: “Su di me scrive storie false una dopo l’altra – si legge in uno dei tweet delle ultime ore – e non chiamano mai neanche per verificare i fatti”. E dopo il caso della Cnn, costretta a licenziare tre dei suoi reporter per un servizio infondato sul Russiagate, Trump se la prende anche con tutte le altre principali reti televisive americane: dalla Nbc alla Abc passando per la Cbs, non ne risparmia nessuna.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

17:03F1: ad Abu Dhabi si pensa già al futuro

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - "Qualunque sia stata la debolezza di Sebastian, ci lavorerà durante il prossimo inverno. Nessuno è perfetto, anche io ho aspetti da migliorare". Domenica ad Abu Dhabi si corre l'ultimo gran premio della stagione e per tutti, a cominciare dal campione del mondo Lewis Hamilton, è tempo di bilanci. Il pilota Mercedes è certo che nel 2018 Vettel farà di tutto "per alzare l'asticella" del confronto, "e lo stesso dovrò fare io. Altrimenti l'esito della stagione sarà diverso". La Ferrari "ha avuto una stagione molto, molto buona - ha riconosciuto Hamilton in conferenza stampa - Sono stati in testa al mondiale e non era per fortuna. E l'anno prossimo anche la Red Bull lotterà per il titolo". In un clima rilassato, Vettel ha risposto scherzosamente, affermando che vincere il titolo nel 2018 sarà "una passeggiata" se la Ferrari confermerà i miglioramenti acquisiti dal 2016. Poi, più seriamente, ha aggiunto: "L'ultimo passo è sempre il più difficile, ma la squadra è pronta".

17:02Sappada: Brunetta a Mattarella, rinvii legge alle Camere

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - Il presidente dei deputati di Forza Italia, Renato Brunetta, ha inviato una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in cui chiede di rinviare alle Camere la legge sul distacco del comune di Sappada dalla regione Veneto e della sua aggregazione alla regione Friuli Venezia Giulia. Brunetta parla di "gravi violazioni del procedimento previsto dall'articolo 132 della Costituzione" nell'esame del disegno di legge. In particolare Brunetta sostiene che "non è mai avvenuto quello 'specifico e solenne coinvolgimento delle Regioni interessate attraverso la richiesta ai loro Consigli regionali del parere sulla proposta "richiamato dalla Corte Costituzionale. E' stata invece ritenuta sufficiente "una semplice mozione approvata dal Consiglio regionale antecedente a quello attualmente in carica e peraltro diretta non al Parlamento, ma alla Giunta regionale".

16:58Calcio: Lega Serie B, Balata eletto presidente

(ANSA) - MILANO, 23 NOV - Mauro Balata è il nuovo presidente della Lega B. Commissario della stessa Lega da un paio di mesi, è stato eletto alla prima votazione dalle società riunite in assemblea.

16:57Elezioni: Bindi, su impresentabili forze politiche distratte

(ANSA) - ROMA, 23 NOV - I controlli sugli impresentabili "sono insufficienti". "Ma non sono solo i casellari giudiziari - dice la presidente della commissione Antimafia Rosi Bindi al Gr1 - che ci aiutano a capire la qualità della classe dirigente. La prima responsabilità sta nelle forze politiche che invece sono molto distratte da questo punto di vista e preoccupate solo di vincere le elezioni. E' fondamentale che la politica svolga un lavoro molto più accurato nella selezione della classe dirigente". Quanto ai controlli dell'Antimafia per le elezioni siciliane, assicura: "Potremmo renderli noti la prossima settimana". "Sicuramente c'è stata molta più attenzione in queste ultime regionali - dice ancora - perché credo che il lavoro dell'antimafia sia servito soprattutto a rendere più attente e più vigilanti le commissioni elettorali e l'informazione. Purtroppo non posso dire altrettanto dell'impegno delle forze politiche perché quello che sta emergendo dalle elezioni siciliane è davvero molto grave".

16:43Basket: Sacchetti, ‘Italia è ancora in parte inespressa’

(ANSA) - TORINO, 23 NOV - Inizia domani al PalaRuffini di Torino contro la Romania l'avventura sulla panchina dell'Italbasket di Romeo Sacchetti, primo atto del percorso di qualificazione ai Mondiali 2019 in Cina. "La Nazionale è formata da giocatori con potenziale importante che non è stato ancora totalmente espresso - ha spiegato il ct -, sono sempre fiducioso per natura, il tempo è quello che è stato ma a novembre, almeno, non abbiamo dovuto lavorare sulla condizione fisica. Torino è una città di basket, ha risposto alla grande: ora tocca ai ragazzi dimostrare cosa sono e quello che vogliono diventare". Saranno assenti gli azzurri impegnati in NBA e in Eurolega, ad esclusione di Fontecchio e Abass, concessi dall'EA7 Milano nonostante l'impegno di questa sera in Europa.

16:35Rugby: azzurri, O’Shea ne cambia due

(ANSA) - PADOVA, 23 NOV - Il ct dell'Italrugby Conor O'Shea ha ufficializzato la formazione che sabato affronterà il Sudafrica all'Euganeo di Padova nel terzo dei test match degli azzurri a novembre. Si tratta della rivincita della sfida in cui l'anno scorso a Firenze gli azzurri s'imposero a sorpresa, e quindi per gli Springboks, reduci dal successo per 18-17 a Parigi sulla Francia, è l'occasione di una rivincita alla quale tengono particolarmente. Due i cambi al XV titolare apportati dal ct irlandese dell'Italia, per il quale quello di sabato sarà il 17/o test alla guida degli azzurri. Esposito scende in campo dal 1' all'ala, in sostituzione di Leonardo Sarto, mentre il baby del gruppo Giovanni Licata, 20 anni, giocherà dall'inizio con la maglia n. 6, dopo essere entrato a gara in corso a Catania e Firenze, rimpiazzando Francesco Minto, che si accomoderà in panchina. In panchina, rispetto a sabato scorso, O'Shea trova un posto al pilone destro Tiziano Pasquali e inserisce anche il flanker delle Zebre Renato Giammarioli.

16:26Calcio: Portogallo, arbitri verso sciopero

(ANSA) - LISBONA, 23 NOV - Sommersi da accuse e proteste sulle loro prestazioni, gli arbitri portoghesi sono pronti ad incrociare le braccia dal mese di dicembre. Chiedono l'inasprimento delle misure disciplinari contro giocatori ed allenatori che infrangono i regolamenti. Così, in vista del fine settimana, 73 dei 76 arbitri abilitati a dirigere partite di serie A e serie B hanno marcato visita perché "psicologicamente non più in grado di esercitare le proprie funzioni", e per disputare regolarmente la giornata del massimo campionato si stava pensando di ricorrere agli stessi giocatori, 'prestati' al ruolo di direttori di gara. Le regole del calcio portoghese lo consentirebbero in caso di mancanza di alternative. Ma l'Associazione portoghese degli arbitri, i cui vertici si sono riuniti in un meeting, hanno differito la protesta spostandola al 15 dicembre spiegando che comunque non saranno più tollerate "insinuazioni" riguardanti il loro operato a vantaggio di determinati club o perfino la complicità in accordi di corruzione.

Archivio Ultima ora