Sfogo di D’Alema, silurato per imposizione politica

Pubblicato il 29 giugno 2017 da ansa

Massimo D’Alema, presidente della Foundation of European Progressive Studies

BRUXELLES,. – D’Alema non cita Renzi per nome ma il bersaglio del suo sfogo è chiaro. Il giorno dopo aver dovuto cedere in anticipo la presidenza della Feps, la fondazione che riunisce fondazioni e think tank socialisti europei, l’ex premier denuncia: “Il mio addio? Un’imposizione politica arrivata dall’esterno”. Negli ultimi sette anni D’Alema è stato alla guida della fondazione brussellese: “un record assoluto” puntualizza con orgoglio. Ruolo che avrebbe voluto mantenere almeno fino a ottobre. L’assemblea annuale della fondazione ha deciso altrimenti: via lui, è arrivata la vice-capogruppo socialista al Parlamento europeo, la portoghese Maria Joao Rodrigues.

“Avevo già annunciato che non mi sarei ricandidato – si sfoga D’Alema -. Il problema è il modo: c’è stata un’operazione imposta dal partito, dall’esterno, e questa è una pesante violazione dell’indipendenza della Feps”. Altri, vicini a D’Alema, puntano il dito in maniera più esplicita: “è stata compiaciuta la sete di rivalsa del Pd renziano dopo la sconfitta al referendum”, attacca il deputato di Articolo 1-Mdp Alfredo D’Attorre.

Brindano invece nella Fondazione Eyu, espressione del Pd a trazione renziana. Nell’ufficio di presidenza della Feps entra il presidente del consiglio direttivo Adrio De Carolis, fedelissimo del segretario dem. E’ stato solo l’epilogo di una faida sotterranea che ha visto riflettersi a Bruxelles le tensioni interne al Pd degli ultimi anni.

Nei mesi scorsi, a indebolire la posizione di D’Alema nei confronti del Pse, hanno pesato la sua battaglia per il no al referendum e la scissione dal Pd. Ma già due anni fa, a quanto apprende l’ANSA, alla vigilia del congresso del Pse a Budapest alcuni esponenti democratici si adoperarono per allontanare l’ex premier dalla guida della Feps.

In lizza per la presidenza del Partito socialista europeo c’erano il bulgaro Sergei Stanishev e lo spagnolo Enrique Baron Crespo. Il Pd appoggiò il primo e chiese a Crespo di ritirare la sua candidatura, offrendo come contropartita proprio l’incarico ricoperto da D’Alema. Crespo respinse l’offerta al mittente e tutto finì con un nulla di fatto.

(di Salvatore Lussu/ANSA)

Ultima ora

01:51Cnn, Pyongyang ‘diplomazia con Usa? Prima i missili’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - La Corea del Nord non è al momento interessata alla diplomazia con gli Stati Uniti: prima vuole centrare l'obiettivo di un missile intercontinentale in grado di raggiungere la costa orientale degli Usa. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti di Pyongyang. "Prima di impegnarci in sforzi diplomatici con l'amministrazione Trump vogliamo inviare un chiaro messaggio sul fatto che abbiamo le capacità di rispondere a qualsiasi aggressione americana" dicono le fonti alla Cnn.

00:02Brexit: Juncker-May, serve accelerazione negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 16 OTT - Per il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e per la premier Theresa May i negoziati "si devono accelerare nei mesi a venire". Lo fanno sapere in un comunicato congiunto al termine della cena che si è svolta "in un'atmosfera costruttiva e amichevole".

23:26Calcio: Verona batte Benevento 1-0

(ANSA) - VERONA, 16 OTT - Il Verona ha battuto il Benevento 1-0 nell'ultimo incontro dell'ottava giornata della serie A. Autore del gol partita Romulo nella ripresa. Il primo successo in campionato porta i gialloblù a 6 punti consentendogli di scavalcare in un sol colpo Genoa, Spal e Sassuolo. Il Benevento, che ha giocato in 10 dal 38' del primo tempo per l'espulsione di Antei (rosso diretto), resta a zero punti.

23:24Catalogna, arrestati due leader indipendentisti

(ANSA) - MADRID, 16 OTT - Un giudice spagnolo ha ordinato l'arresto dei presidenti delle due grandi organizzazioni indipendentiste della società civile catalana Anc e Omnium, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di "sedizione" per le manifestazioni pacifiche di Barcellona il 20 e il 21 settembre, riferisce Tv3. "La Spagna incarcera i leader della società civile della Catalogna per avere organizzato manifestazioni pacifiche. Purtroppo ci sono di nuovo prigionieri politici": così il presidente catalano Carles Puigdemont ha reagito su twitter all'arresto. Il vicepresidente della Anc Agustì Alcoberro ha condannato l'arresto e ha definito i due "ostaggi politici nelle mani del governo spagnolo". Alcoberro ha lanciato un appello alla mobilitazione del popolo della Catalogna.

21:03Gb: Kate balla con orso Paddington per evento beneficenza

(ANSA) - LONDRA, 16 OTT - Kate Middleton si è lanciata in un ballo improvvisato con tanto di piroette insieme al noto orso Paddington partecipando a un evento di beneficenza legato al secondo film sul celebre personaggio amato dai bambini. Con William ed Harry e il cast del film 'Paddington 2' ha festeggiato proprio nella stazione di Paddington, a Londra, che ha dato il nome al celebre 'bear' creato dallo scrittore Michael Bond. La duchessa di Cambridge sta meglio dopo le nausee che l'avevano colpita per la sua terza maternità anche se continua a soffrirne, secondo quanto ha affermato una portavoce di Kensington Palace. Come hanno notato i tabloid del Regno, Kate indossava un abito rosa dal quale inizia ad emergere una piccola pancia, segno della sua gravidanza.

20:50Champions: Sarri,’Calendario? In Lega sono inadatti’

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - "Qualcuno in Lega ha sbagliato i criteri di formulazione dei calendari. È impossibile giocare sabato contro la Roma, a Manchester con il City tre giorni dopo e poi fra tre giorni contro l'Inter. Evidentemente, in questo momento in Lega sono inadatti a fare certe cose": così Maurizio Sarri alla vigilia del match di Champions con il City. "A dicembre - aggiunge - giocheremo l'ultima gara del girone col Feyenoord pochi giorni dopo Napoli-Juventus: per noi che dovremmo rappresentare l'Italia in Europa non è una bella cosa".

20:30Iraq: media, ‘Peshmerga decapitati a Kirkuk’

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - Alcuni Peshmerga "sono stati decapitati" da elementi delle milizie filo-Iran a Kirkuk. Lo scrive la tv del Kurdistan Rudaw, citando un proprio reporter sul posto. I militari fedeli al governo di Erbil decapitati sarebbero "almeno 10".

Archivio Ultima ora