Berlusconi: “Io federatore, con la Lega risolvo come nel ’94”

ROMA. – “Il centrodestra l’ho inventato io”. Silvio Berlusconi non può essere più chiaro nel ribadire di essere lui al centro della coalizione. Quindi sottolinea che “resta il federatore” che fu “sin dal ’94”, smorzando ogni polemica con la Lega, derubricandole a “problemi marginali”. E implicitamente esclude ogni incarico di governo per il suo segretario federale, Matteo Salvini, dichiarando di volere una squadra di ministri composta esclusivamente da non “professionisti della politica”.

Ai microfoni del Tg5, il leader di Forza Italia, a pochi giorni dai successi dei ballottaggi, mostra di non essere sorpreso dai risultati:”Mi aspettavo un risultato positivo del centrodestra, quello stesso centrodestra che con me – sottolinea il Cavaliere – era riuscito a ottenere meno disoccupati, meno tasse, più sicurezza, che governava bene e garantiva un’Italia migliore”.

Annuncia che “per uscire dall’oppressione fiscale, dall’oppressione burocratica e dall’oppressione giudiziaria ci vuole una vera e propria rivoluzione” e che lui è in grado di compierla. Infine minimizza i dissapori, negli ultimi tempi molto accesi, con l’ala sovranista guidata dalla Lega Nord.

“Con la Lega abbiamo problemi marginali. Dal ’94 – chiarisce l’ex premier – sono io il federatore del centrodestra e continuerò a esserlo. In passato – conclude serafico – abbiamo affrontato problemi più difficili, non vedo nessun problema irrisolvibile”.

(di Marcello Campo/ANSA)