Usa: parte dalla Polonia il nuovo tour di Trump

Pubblicato il 01 luglio 2017 da ansa

WASHINGTON. – In Europa ci invidiano la visita di Trump. Dalla Polonia Jaroslaw Kaczynski, ex premier a Varsavia ed oggi leader del partito Legge e Giustizia, preannuncia così una accoglienza calorosa per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che si appresta a lasciare Washington per il suo secondo tour all’estero con la partecipazione al G20 di Amburgo, in Germania, il 7 e l’8 luglio. Ma che però, farà prima una tappa a Varsavia.

Al margine del G20 Trump avrà il primo faccia a faccia con Vladimir Putin. Ma non solo: il secondo viaggio di Trump presidente costituisce infatti un test importante, dopo l’esordio al G7 di Taormina e al vertice Nato. E con l’attenzione del viaggio che resta puntata sull’Europa, non è più da considerarsi un debutto ma al vaglio è l’inizio del consolidamento dei rapporti del Vecchio Continente con l’America di Trump.

In quest’ottica emerge quindi come significativa la ‘scaletta’ degli impegni, le priorità, le scelte, i simboli. E da entrambe le parti. Mercoledì 5 luglio Trump partirà per la Polonia dove ad accoglierlo ci sarà il presidente Andrzej Duda “per discutere di una serie di temi bilaterali e regionali e approfondire l’alleanza basata su valori condivisi e interessi comuni”, ha fatto sapere la Casa Bianca.

Nella prima tappa l’immagine più attesa resta tuttavia quella di Trump che parlerà in piazza Krasinski a Varsavia dove è commemorata la rivolta del 1944 contro l’occupazione nazista, “per onorare il coraggio dei polacchi nell’ora più buia della storia”. Una visita che la Polonia di Duda vive come un ‘riconoscimento’ nel suo ruolo oggi nell’Europa percorsa da forti spinte contrapposte. E che gli Usa intendono anche come un segnale nell’esprimere la loro visione dell’alleanza transatlantica ai tempi di Trump.

Il presidente degli Stati Uniti proseguirà quindi per Amburgo, in Germania, dove prenderà parte al G20 a margine del quale vedrà diversi leader: la cancelliera tedesca Angela Merkel (che fa gli onori di casa), ma anche il presidente cinese Xi Jinping, la primo ministro britannica Theresa May, il premier giapponese Shinzo Abe, il presidente sudcoreano Moon Jae-in e quello messicano Enrique Peña Nieto. E il presidente russo Vladimir Putin.

Per quest’ultimo incontro le aspettative sono altissime, con le indagini sul cosiddetto ‘Russiagate’ in corso a Washington e considerato quello che è stato un mantra per Donald Trump candidato prima e presidente poi, nell’evocare la possibilità di migliorare i rapporti con Mosca dopo il deterioramento dei rapporti che ha caratterizzato l’amministrazione Obama.

Ma la Casa Bianca non si sbilancia, l’agenda “non è ancora definita” fa sapere, mentre insiste: “il nostro rapporto con la Russia non è differente da quello con qualsiasi altro Paese in termini di comunicar loro quali sono le nostre preoccupazioni, in che settori dove vediamo problemi ma anche opportunità”.

Il tour del presidente si chiude poi in Francia e con una la partecipazione ai festeggiamenti per la commemorazione della presa della Bastiglia il 14 luglio. E’ la scelta di Emmanuel Macron che, dopo la vigorosa stretta di mano a Bruxelles durante il vertice Nato a maggio e lo slogan lanciato all’indomani dal ritiro degli Usa dall’accordo di Parigi sul clima -“Make our planet great again”-, sembra voler ribadire così il suo approccio pragmatico verso l’America di Trump.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

08:14Sud Sudan: Unhcr, un milione di profughi in Uganda

KAMPALA (UGANDA) - Ha raggiunto il milione il numero dei rifugiati del Sudan meridionale in Uganda, secondo un rapporto delle Nazioni Unite diffuso oggi, una pietra miliare per quella che e' divenuta la crisi di rifugiati a crescita piu' veloce. L'UNHCR, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati, ha comunicato che una media di 1.800 cittadini provenienti dal Sud Sudan sono arrivati ogni giorno in Uganda negli ultimi 12 mesi. Un altro milione o piu' di persone del Sudan meridionale hanno trovato riparo in Sudan, Etiopia, Kenya, Congo e Repubblica Centrafricana.

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

Archivio Ultima ora