Usa: parte dalla Polonia il nuovo tour di Trump

Pubblicato il 01 luglio 2017 da ansa

WASHINGTON. – In Europa ci invidiano la visita di Trump. Dalla Polonia Jaroslaw Kaczynski, ex premier a Varsavia ed oggi leader del partito Legge e Giustizia, preannuncia così una accoglienza calorosa per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump che si appresta a lasciare Washington per il suo secondo tour all’estero con la partecipazione al G20 di Amburgo, in Germania, il 7 e l’8 luglio. Ma che però, farà prima una tappa a Varsavia.

Al margine del G20 Trump avrà il primo faccia a faccia con Vladimir Putin. Ma non solo: il secondo viaggio di Trump presidente costituisce infatti un test importante, dopo l’esordio al G7 di Taormina e al vertice Nato. E con l’attenzione del viaggio che resta puntata sull’Europa, non è più da considerarsi un debutto ma al vaglio è l’inizio del consolidamento dei rapporti del Vecchio Continente con l’America di Trump.

In quest’ottica emerge quindi come significativa la ‘scaletta’ degli impegni, le priorità, le scelte, i simboli. E da entrambe le parti. Mercoledì 5 luglio Trump partirà per la Polonia dove ad accoglierlo ci sarà il presidente Andrzej Duda “per discutere di una serie di temi bilaterali e regionali e approfondire l’alleanza basata su valori condivisi e interessi comuni”, ha fatto sapere la Casa Bianca.

Nella prima tappa l’immagine più attesa resta tuttavia quella di Trump che parlerà in piazza Krasinski a Varsavia dove è commemorata la rivolta del 1944 contro l’occupazione nazista, “per onorare il coraggio dei polacchi nell’ora più buia della storia”. Una visita che la Polonia di Duda vive come un ‘riconoscimento’ nel suo ruolo oggi nell’Europa percorsa da forti spinte contrapposte. E che gli Usa intendono anche come un segnale nell’esprimere la loro visione dell’alleanza transatlantica ai tempi di Trump.

Il presidente degli Stati Uniti proseguirà quindi per Amburgo, in Germania, dove prenderà parte al G20 a margine del quale vedrà diversi leader: la cancelliera tedesca Angela Merkel (che fa gli onori di casa), ma anche il presidente cinese Xi Jinping, la primo ministro britannica Theresa May, il premier giapponese Shinzo Abe, il presidente sudcoreano Moon Jae-in e quello messicano Enrique Peña Nieto. E il presidente russo Vladimir Putin.

Per quest’ultimo incontro le aspettative sono altissime, con le indagini sul cosiddetto ‘Russiagate’ in corso a Washington e considerato quello che è stato un mantra per Donald Trump candidato prima e presidente poi, nell’evocare la possibilità di migliorare i rapporti con Mosca dopo il deterioramento dei rapporti che ha caratterizzato l’amministrazione Obama.

Ma la Casa Bianca non si sbilancia, l’agenda “non è ancora definita” fa sapere, mentre insiste: “il nostro rapporto con la Russia non è differente da quello con qualsiasi altro Paese in termini di comunicar loro quali sono le nostre preoccupazioni, in che settori dove vediamo problemi ma anche opportunità”.

Il tour del presidente si chiude poi in Francia e con una la partecipazione ai festeggiamenti per la commemorazione della presa della Bastiglia il 14 luglio. E’ la scelta di Emmanuel Macron che, dopo la vigorosa stretta di mano a Bruxelles durante il vertice Nato a maggio e lo slogan lanciato all’indomani dal ritiro degli Usa dall’accordo di Parigi sul clima -“Make our planet great again”-, sembra voler ribadire così il suo approccio pragmatico verso l’America di Trump.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

Archivio Ultima ora