Dall’inferno al paradiso: Monagas campione del Torneo Apertura

Pubblicato il 03 luglio 2017 da redazione

I giocatori del Monagas festeggiano con la Coppa

CARACAS – Un giorno arrivò Jhonny Ferreira e tutto, per il Monagas, cambiò. Dall’inferno al paradiso in due battute. La stagione 2012-2013 vede come al solito un Monagas in grande difficoltà. Non è del resto una novità per la società blaugrana, ormai da più di un decennio trasformatasi in una sorta di squadra ascensore in bilico tra Primera e Segunda División.

Ieri sul campo dello stadio Olímpico si è aggiudicato il suo primo trofeo importante: quello di campione del Torneo Apertura. Nonostante la sconfitta per 2-1 contro il Caracas é riuscito a portare a casa il titolo, grazie alla vittoria per 1-0 ottenuta nella gara interna disputata a Maturín. Nel Monumental di Maturín, il match winner fu l’italo-venezuelano Samuel Barberi, mentre qui a Caracas é stato Anthony Blondell che con il suo tiro da quasi 30 metri ha trafitto Fariñez al sesto della ripresa.

Il Caracas, forte del supporto del pubblico che ha gremito il recinto capitolino (si stima che erano circa 19.572 spettatori), si é portato in vantaggio al 34esimo con un tiro al volo di Robert Hernández. Durante la prima frazione di gioco la formazione allenata da Noel Sanvicente ha sprecato un sacco di occasioni da gol, ma solo in un’opportunità il portiere Robert Hernández ha raccolto la palla alle sue spalle. Si va al riposo sull’1-0 per i padroni di casa, con questo risultato sarebbero stati necessari i calci di rigore per decidere il campione dell’Apertura.

Nella ripresa stessa musica: i rojos del Ávila con il piede sull’acceleratore. Ma a trovare il gol é il Monagas con Blondell. C’è da segnalare che l’arma in più della corazzata orientale é proprio Blondell, che ha fatto il suo esordio alla 5ta giornata, fino a quel momento la sua squadra aveva un record di 3 pareggi ed una sconfitta, con 4 gol fatti e 5 subiti.

Dal suo ingresso nello scacchiere di Ferreira, i Guerreros del Guarapiche hanno avuto il seguente andamento: 9 vittorie, 7 pareggi, 3 sconfitte con 32 reti segnate e 19 subite. Il solo Blondell ha messo a segno 10 gol ed ha servito 4 assist (di cui quello del gol nella gara vinta all’andata contro il Caracas).

Ritornando alla gara, appena subito il gol del pari, Sanvicente ha mescolato le carte facendo entrare Gabriele Rosa e Reiner Castro al posto di Miguel Mea Vitali e Freddys Arrieta.

Questi cambi hanno dato al Caracas maggior trazione anteriore e c’erano momenti in cui attaccavano addirittura con cinque elementi. Questa insistenza ha pagato i suoi frutti con il gol di Edder Farias (57’). Il Caracas é andato vicinissimo all’impresa al 66esimo quando il difensore Williams Díaz si é trovato con la palla al piede in area dopo un rimbalzo lasciato dalla difesa avversaria, ma ha calciato debolmente alle mani del portiere degli orientali. I minuti finali sono stati un monologo del Caracas, ma senza riuscire a trovare il gol della vittoria.

Il Monagas alza al cielo la sua prima coppa in Primera División, con questo sucesso disputeranno per la prima volta nei suoi 29 anni di storia la Coppa Libertadores. Ai capitolini, resta il rammarico per l’occasione mancata, ma avrá la possibilità di rifarsi nel Clausura. Al momento, l’unica cosa certa é che il Caracas si é guadagnato uno dei ticket per la Coppa Sudamericana 2018.

(Fioravanre De Simone)

Ultima ora

10:13Giovane scomparsa: trovata in autogrill nel Varesotto

(ANSA) - VARESE, 17 OTT - Dafne Di Scipio, la ventenne di Gallarate sparita da Marnate, nel Varesotto, lo scorso 14 ottobre, è stata ritrovata la notte scorsa in un autogrill di Castronno (Varese). La giovane, in buone condizioni, era a bordo di un'auto ritenuta sospetta e che per questo è stata controllata dalla polizia stradale. La ragazza è poi stata identificata dai carabinieri di Saronno e del Nucleo Investigativo di Varese.

09:46Trump in visita a Seul il 7-8 novembre

(ANSA) - PECHINO, 17 OTT - Il presidente americano Donald Trump sarà in Corea del Sud dal 7 e all'8 novembre, una delle tappe fissate nell'ambito della sua prima visita in Asia: il tycoon avrà nel primo giorno l'incontro con l'omologo Moon Jae-in, secondo quanto riferito dall'Ufficio presidenziale di Seul. "All'inizio avevamo tentato di invitare Trump per tre giorni, ma abbiamo concordato che Trump e sua moglie arrivino nel primo mattino del 7 novembre, considerando le difficoltà nel soddisfare in modo adeguato il protocollo diplomatico se fossero giunti nella notte", ha detto il portavoce dell'Ufficio presidenziale Park Soo-hyun, nel resoconto della Yonhap.

09:46Iraq: Trump, non ci schieriamo

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Stati Uniti non si schierano nel conflitto in corso tra Baghdad ed Erbil per il controllo della contesa regione di Kirkuk. "Abbiamo avuto per anni buoni rapporti con i curdi e come sapete anche con il governo centrale. Non ci schieriamo in questa battaglia", ha detto il presidente Donald Trump ribadendo che gli Usa "non avrebbero mai dovuto essere lì" riferendosi all'invasione del 2003. Lo riferisce il Washington Post.

09:44Afghanistan:due autobomba contro polizia a est, duri scontri

(ANSA) - KABUL, 17 OTT - Violenti scontri nella regione afghana di Patkia tra militari e insorti dopo l'attacco a un centro addestramento della polizia. Due autobomba guidate da altrettanti kamikaze sono esplose davanti alla struttura, hanno riferito all'ANSA testimoni oculari. Dopo le esplosioni, riferisce il ministero dell'Interno, è iniziato un attacco armato ancora in corso. Secondo fonti non confermate i morti sarebbero "decine".

08:45Primo raid Usa contro Isis in Yemen, ‘decine morti’

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Gli Usa hanno condotto il primo attacco aereo contro l'Isis in Yemen, distruggendo due campi di addestramento e uccidendo "decine" di miliziani. Lo ha annunciato il Pentagono. I raid hanno "minato i tentativi dell'organizzazione di addestrare nuovi combattenti", recita un comunicato. Secondo fonti della Cnn, nei due campi colpiti si stima vi fossero almeno 50 miliziani dell'Isis. "L'Isis - prosegue il comunicato del Pentagono - ha usato i territori fuori controllo in Yemen per pianificare, dirigere, ispirare, reclutare per attacchi terroristici contro l'America e i suoi alleati in tutto il mondo. Per anni, lo Yemen è stato un hub per i terroristi". "Le Forze Usa stanno sostenendo le operazioni antiterrorismo contro l'Isis e l'Aqap - al Qaida nella Penisola arabica, ndr - per ridurre le capacità dei due gruppi di coordinare attacchi esterni e mantenere il controllo di pezzi di territorio nel Paese".

01:51Cnn, Pyongyang ‘diplomazia con Usa? Prima i missili’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - La Corea del Nord non è al momento interessata alla diplomazia con gli Stati Uniti: prima vuole centrare l'obiettivo di un missile intercontinentale in grado di raggiungere la costa orientale degli Usa. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti di Pyongyang. "Prima di impegnarci in sforzi diplomatici con l'amministrazione Trump vogliamo inviare un chiaro messaggio sul fatto che abbiamo le capacità di rispondere a qualsiasi aggressione americana" dicono le fonti alla Cnn.

00:02Brexit: Juncker-May, serve accelerazione negoziati

(ANSA) - BRUXELLES, 16 OTT - Per il presidente della Commissione Jean Claude Juncker e per la premier Theresa May i negoziati "si devono accelerare nei mesi a venire". Lo fanno sapere in un comunicato congiunto al termine della cena che si è svolta "in un'atmosfera costruttiva e amichevole".

Archivio Ultima ora