G20: Donald Trump tesse la sua tela diplomatica

Pubblicato il 03 luglio 2017 da ansa

WASHINGTON. – Donald Trump tesse la sua tela diplomatica in vista del suo primo G20 telefonando ai principali leader del summit: dalla padrona di casa Angela Merkel, con cui i rapporti sono freddini, al premier Paolo Gentiloni, con cui ha convenuto sull’importanza degli sforzi messi in campo e delle intese raggiunte al G7 di Taormina, risultati che secondo Palazzo Chigi “costituiscono una buona base per la discussione che si terrà alla fine di questa settimana ad Amburgo”.

Colloqui anche con il presidente cinese Xi Jinping e il premier giapponese Shinzo Abe, per tenere in evidenza la minaccia nordcoreana. Con il presidente francese Emmanuel Macron si era sentito la scorsa settimana, accogliendo il suo assist per partecipare alle celebrazioni del giorno della Bastiglia il 14 luglio. Un invito che spezza l’isolamento europeo, come quello (in un contesto populista) della Polonia, prima tappa del secondo viaggio all’estero del tycoon.

Ma l’attesa e gli interrogativi più forti ruotano intorno al suo annunciato bilaterale con Vladimir Putin, il primo faccia a faccia nel pieno della bufera del Russiagate. L’incontro è ancora in via di definizione. Idem l’agenda, anche se tra i temi sicuri appaiono Siria, Ucraina, lotta a terrorismo. E relazioni bilaterali, le peggiori forse dal dopoguerra, con rapporti “praticamente a zero”, come ha riconosciuto il consigliere diplomatico di Putin, Iuri Ushakov.

Pare che il loro incontro sia stato in parte mediato dall’ex segretario di stato Henry Kissinger, in visita al Cremlino proprio la settimana scorsa. “Credo che in questo momento i due Paesi abbiano una responsabilità, e una opportunità, per fare significativi progressi non solo migliorando le relazioni, ma anche certe situazioni nel mondo attraverso sforzi di cooperazione”, ha spiegato fiducioso Kissinger.

Lo pensano anche Putin e Trump. Ma il presidente Usa deve calibrare bene il suo slancio e le sue eventuali concessioni al Cremlino per non esporsi al rischio di alimentare ulteriori sospetti, e nuove accuse dei democratici, sullo sfondo del Russiagate, l’inchiesta sulle interferenze russe nelle presidenziali e sulla possibile collusione della campagna di Trump con Mosca. La tappa in Polonia gioca anche un ruolo di compensazione e assicurazione verso l’Europa dell’est, timorosa dell’aggressività russa.

Tra i punti di attrito da chiarire il futuro di Assad (che Rex Tillerson lascerebbe decidere a Mosca, come avrebbe confidato al segretario generale dell’Onu Antonio Guterres), le nuove sanzioni approvate dal Senato Usa e le ultime misure decise da Obama per gli hackeraggi (35 diplomatici espulsi, sequestro di due compound), per le quali, ha avvisato il Cremlino, “la pazienza sta finendo”.

Dietro l’angolo c’è il rafforzamento dell’asse Mosca-Pechino, soprattutto dopo che Trump ha cominciato a lanciare segnali di insofferenza alla Cina, deluso dalla sua incapacità di disinnescare la miccia nordcoreana: sanzioni ad una banca cinese che aiutava Pyongyang, una vendita di armi a Taiwan, una nave Usa vicino ad un’isola rivendicata da Pechino. E, al G20, la richiesta di ridurre l’eccesso di produzione di acciaio e altre distorsioni sul mercato.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:51Corruzione Sardegna: scarcerato imprenditore ai domiciliari

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - Il Gip del Tribunale di Cagliari, Giuseppe Pintori, ha revocato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Salvatore 'Tore' Pinna, finito ai domiciliari nell'ambito dell'inchiesta su una presunta mazzetta per un appalto dell'Enas, l'Ente acque della Sardegna. Pinna, difeso dall'avvocato Leonardo Filippi e già coinvolto nello scandalo Sindacopoli, era stato iscritto nel registro degli indagati quando i pm Emanuele Secci e Gaetano Porcu avevano iniziato a indagare sulla tangente che sarebbe stata pagata per la realizzazione di un impianto di energia rinnovabile da 9 milioni e mezzo di euro a Ottana (Nuoro). Ieri il Tribunale del Riesame di Cagliari aveva scarcerato Gianni Lolli e Luigi Betti, finiti agli arresti domiciliari a Modena e Forlì nella stessa inchiesta. Entro il 21 ottobre, invece, si conoscerà il pronunciamento del Riesame sul ricorso presentato dagli avvocati dell'ex calciatore Renato Copparoni e dell'allora presidente dell'Enas, Davide Galantuomo, già sindaco di Quartu Sant'Elena. Secondo le difese non ci sarebbero né i gravi indizi di colpevolezza né le esigenze di custodia invocati nell'ordinanza in quanto i fatti contestati, spiegano, sono lontani nel tempo. Galantuomo è accusato di aver incassato una tangente di circa 90 mila euro, prima tranche di una mazzetta complessiva di 135mila euro per l'appalto da 9,5 milioni. Copparoni, invece, è indicato dalla Procura come il mediatore dell'affare, mentre i due indagati tornati ieri in libertà facevano parte delle società investirci che avevano proposto il progetto. Tore Pinna, assiemne a Copparoni, avrebbe svolto una funzione di mediazione, ricevendo la promessa di ottenere una parte dei soldi pagati - dice la Procura - da Betti e Lolli. (ANSA).

20:31Continua esodo Rohingya in Bangladesh

(ANSA)- DACCA, 17 OTT - Molte migliaia di rifugiati musulmani rohingya in fuga dallo Stato birmano di Rakhine sono giunti durante il fine settimana nei campi di accoglienza di Cox's Bazar, nel sud del Bangladesh, dove la situazione sanitaria diventa di giorno in giorno più allarmanete. I media di Dacca, dopo aver ricordato che dal 24 agosto scorso oltre 500.000 rifugiati hanno abbandonato la Birmania trasferendosi sul suolo bengalese, hanno segnalato oggi che nelle ultime settimane il flusso si era progressivamente ridotto, ma che fra sabato e domenica le agenzie umanitarie hanno confermato che circa 20.000 rohingya sono giunti via mare o attraversando il fiume Naf a Cox's Bazar. Infine il quotidiano Dhaka Tribune scrive che da agosto vi sono stati almeno 28 naufragi di barconi con a bordo rifugiati rohingya che hanno causato la morte di quasi 200 persone, quasi tutte donne e bambini.

20:26Turchia: bomba contro polizia, 18 feriti

(ANSA) - ISTANBUL, 17 OTT - È salito a 18 feriti, di cui 17 agenti, il bilancio dell'esplosione di un ordigno esploso questo pomeriggio al passaggio di un bus della polizia turca a Mersin, nel sud del Paese. Lo ha reso noto il vicepremier e portavoce del governo di Ankara, Bekir Bozdag, secondo cui "gli indizi mostrano che si è trattato di un attacco terroristico". Le autorità non si sbilanciano ancora sulla matrice dell'attentato. Come avviene regolarmente in casi analoghi, le autorità locali hanno imposto una censura sulla pubblicazione di notizie e immagini che riguarda anche i social media.

20:22Sardegna: Giunta vara finanziaria 2018-2020 da 7,7 miliardi

(ANSA) - CAGLIARI, 17 OTT - La Giunta regionale della Sardegna, su proposta dell'assessore del Bilancio Raffaele Paci, ha approvato la Finanziaria 2018-2020. La legge prevede un aumento delle entrate tributarie di 120 milioni fino a 6 miliardi e 276mila euro: alla fine sarà una manovra da 7 miliardi e 724mila euro, il 2% in più rispetto allo scorso anno. "Abbiamo approvato la legge in Giunta più di due mesi prima rispetto allo scorso anno e puntiamo ad evitare il ricorso all'esercizio provvisorio", ha spiegato Paci. Dei quasi otto miliardi, 40 milioni di euro saranno a disposizione del Consiglio regionale. Una novità?. "Stiamo fortemente rinnovando tutti i mezzi della Protezione civile, del Corpo forestale e di Forestas, una grande operazione di acquisto di mezzi in leasing". Altri dettagli saranno comunicati nel corso di una conferenza stampa ancora da programmare.

20:19Ucraina: manifestanti montano tende in zona Parlamento

(ANSA) - MOSCA, 17 OTT - I manifestanti hanno montato delle tende nella zona del Parlamento ucraino e invitano a portar loro cibo e indumenti pesanti perché possano continuare a lungo la loro protesta. Lo riferiscono i media locali. Secondo l'agenzia Unian, avrebbero montato 11 grandi tende in via Grushevski, sei grandi tende e 25 più piccole a Parco Mariinski e 11 in piazza Costituzione. "Penso che sia una buona idea per noi tutti rimanere qui finché non esaudiscono le nostre richieste", ha affermato l'ex presidente georgiano Mikheil Saakashvili.

20:17Corea Nord: Usa agli alleati, ‘prepariamoci al peggio’

(ANSA) - NEW YORK, 17 OTT - Gli Stati Uniti "non escludono la possibilita' di negoziati diretti con la Corea del Nord, ma con i loro alleati Giappone e Corea del Sud devono prepararsi al peggio se la diplomazia dovesse fallire": lo ha detto il vicesegretario di stato americano, John Sullivan durante la sua visita a Tokyo.

20:14Champions: Jorge Jesus, non vedo la crisi della Juve

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - "Non mi sembra che la Juventus stia andando male, come tanti dicono, ma lo Sporting Lisbona arriva a Torino con la piena fiducia di poter ottenere un risultato positivo". Così Jorge Jesus, l'allenatore dei lusitani che sono a braccetto della Juve, dopo le due prime partite del girone di Champions. "Mi piacerebbe - ha detto il tecnico - rivivere le sensazioni della semifinale di tre anni fa", quando era alla guida del Benfica, che eliminò i bianconeri nelle semifinali di Europa League, a un passo quindi dalla finale che si è poi giocata nello Juventus Stadium, poi persa ai rigori contro il Siviglia.

Archivio Ultima ora