Il Pd lavora alla tregua in vista della direzione

Pubblicato il 04 luglio 2017 da ansa

Nella foto Matteo Renzi, Andrea Orlando

ROMA. – Sancire una tregua nel dibattito tra i Dem sulle alleanze, rilanciare il “dialogo sociale”. A questo si lavora al Nazareno, per evitare che il “Pisapia sì, Pisapia no” si trasformi in un tormentone estivo. Giovedì alle 15 si riunirà la direzione Pd e allora Matteo Renzi avrà modo di confrontarsi a viso aperto con Dario Franceschini, che ha aperto un solco nella maggioranza con le sue critiche post-comunali, e il leader della minoranza Andrea Orlando, che rinvia di qualche ora la partenza per un vertice Ue a Tallinn pur di essere al Nazareno.

Il tentativo dei pontieri renziani è ricomporre almeno il fronte di maggioranza e rinviare a settembre il tema alleanze ma la scintilla rischia di divampare, anche perché gli orlandiani già rilanciano il tema delle coalizioni nella legge elettorale. Intanto, viene sminata la grana banche venete con il Pd che trova la compattezza su un probabile voto di fiducia.

Anche se si alza tra la tensione tra Michele Emiliano e Pier Carlo Padoan. Il ministro, in risposta a una domanda, dice che le critiche al decreto sugli istituti veneti dipendono da “scarsa conoscenza delle regole”. “Non conosco i fatti? Conosco i diritti e li difendo. E i fatti danno torto a Padoan”, replica il governatore.

Ma il confronto non dovrebbe creare problemi sul fronte parlamentare: i deputati “emiliani” condizionano infatti il loro voto sul testo al via libera a tre emendamenti, ma fanno anche sapere che non faranno mancare – se sarà posta – la fiducia al governo. E anche Pier Luigi Bersani dichiara che Mdp voterà la fiducia: “Senza una legge elettorale non si può interrompere la legislatura”. Insomma, sintetizzano i dirigenti Dem: nessun rischio per la maggioranza finché non si chiuderà, in autunno, l’ultima finestra per il voto anticipato.

Renzi, intanto, prova a tenersi lontano da fibrillazioni e discussioni “da palazzo”. “Noi non odiamo nessuno, semplicemente proviamo a realizzare i nostri progetti, senza rincorrere urla, polemiche e insulti”, scrive in serata su Facebook, rilanciando la rivista online Democratica.

Giovedì in direzione, anticipano i Dem, il segretario dovrebbe parlare di “idee”, rilanciando l’assemblea programmatica annunciata da Maurizio Martina a Milano per l’autunno. E ribadire che si discute con tutti, ma sui programmi. Anche con i sindacati, viene fatto notare, viene rilanciato il “dialogo sociale” (Camusso, Furlan e Barbagallo saranno il 17 al Nazareno a parlare di pensioni).

La speranza dei “pontieri” è che si stemperino così le tensioni con Franceschini (girano voci – smentite dal Nazareno – di contatti tra il ministro, che in mattinata è alla Camera, e il segretario). Il ministro si riserva, spiega chi gli è vicino, di decidere se parlare in direzione a seconda dei toni e delle risposte di Renzi alle questioni da lui poste sul centrosinistra.

Nella sede del Pd viene intanto apprezzata l’intervista in cui il sindaco di Cagliari Massimo Zedda invita Giuliano Pisapia a “non farsi tirare per la giacca” da chi vuole la rottura coi Dem. Ma la linea dei renziani sul tema alleanze non cambia. E’ “surreale” il dibattito sulle coalizioni, dice Matteo Orfini, che tratteggia il progetto di un “grande Pd”, un “partito più forte, largo, inclusivo”. Una formula che guarda al voto con il Consultellum, che prevede alla Camera il premio al partito che superi il 40%. La convinzione dei renziani resta infatti che, visti i numeri parlamentari, sarà molto difficile cambiare quella legge.

La minoranza Pd che fa capo Orlando (il ministro vedrà la prossima settimana Pisapia a un convegno) proprio sulla legge elettorale insiste per poter aprire un varco alle coalizioni. Mercoledì in un convegno alla Camera ne parleranno giuristi invitati da Gianni Cuperlo e Andrea Giorgis, per riavviare un dibattito sul tema. La speranza degli orlandiani, che si vedranno giovedì prima della direzione, è che su un sistema maggioritario con premio alla coalizione possa costruirsi una convergenza, a partire dai Dem vicini a Franceschini.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

19:58Calcio: Juve, Allegri “asticella si alza, rivali più forti”

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "L'asticella si alza, il margine d'errore si assottiglia: ci vuole calma, equilibrio, la stagione è lunga". Così Massimiliano Allegri dopo l'amichevole in 'famiglia' a Villar Perosa, appuntamento classico nella pre-stagione della Juventus: "Iniziamo sabato e dobbiamo cercare di farlo con il piede giusto - ha aggiunto il tecnico -, dopo 6 anni di scudetti, tutto quello che i ragazzi hanno fatto, che la società ha fatto, è sempre più difficile". Nulla di scontato, quindi, neanche per la squadra che ha monopolizzato le ultime sei stagioni: "Vincere è una cosa straordinaria, ogni successo va gustato e festeggiato. I favoriti? Partiamo tutti alla pari e credo ci voglia molto rispetto, in Italia le avversarie si sono rafforzate, perché metteranno qualcosa in più per battere la Juventus, ma la stagione per noi passa dal campionato italiano per fare poi una buona stagione in Europa".

19:56Calcio: Juve, Allegri, un errore pensare sempre a Cardiff

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - Pensare sempre a Cardiff "è un errore, giocare le finali di Champions non è una cosa che capita tutti i giorni". Massimiliano Allegri è tornato sul ko in finale di Champions League con il Real Madrid a margine dell'amichevole di Villar Perosa tra la prima squadra e la Primavera della Juventus: "Nelle due finali (2015 e 2017, ndr) abbiamo perso ma contro Barcellona e Real Madrid - ha aggiunto ai microfoni di Jtv -. É una Champions diversa da quella di 30 anni fa, un calcio completamente diverso e non si possono fare paragoni, ma nello stesso tempo Cardiff va cancellata perché c'è un'altra stagione. La vita ti presenta sempre altre possibilità, quindi noi dobbiamo cercare di fare una grande Champions, ma dobbiamo farlo passando attraverso il campionato".

19:43Barcellona: il dolore di Leo Messi “Sii forte”

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "C'è stato un attacco terroristico a Barcellona. Sii forte Barcellona": così il fuoriclasse del club blaugrana Leo Messi esprime il dolore, dopo l'attentato sulle Rambla, in un post con una foto che ritrae la città catalana dall'alto. Messaggio anche del Barca: "Con il cuore pesante per l'attacco alla nostra città. Tutta la forza e la stima per le vittime, le loro famiglie e cittadini di Barcellona", scrive il club catalano. "La città più bella del mondo, noi soffriamo per voi: forza e coraggio" il messaggio del'altro club, Espanyol.

19:12Calcio: Marotta, Juve e Milan favoritissime

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "La Juventus è favoritissima per la vittoria dello scudetto, altrettanto il Milan per la campagna acquisti dispendiosa che ha fatto". Questa la griglia di partenza della Serie A secondo l'amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta: "Tra le favorite ci sono anche l'Inter, che ha trovato stabilità - ha proseguito Marotta - e il Napoli, per continuità e processo di crescita che sta dando risultati". Assente nel vernissage di Villar Perosa il centrocampista francese Matuidi, ma non c'è nessun giallo: "Abbiamo - ha spiegato Marotta - un accordo verbale col Psg, ha sostenuto le visite mediche, non ha avuto tempo di venire qui ma a breve sarà ufficiale il suo trasferimento". Il dg bianconero blinda Alex Sandro. "Vuole rimanere qui, abbiamo respinto al mittente le richieste. Non tratteniamo gli scontenti, non c'è nessun caso, ma ci sono ancora 15 giorni per gestire eventuali richieste di altre società".

19:06Migranti: Serracchiani, Austria blocchi chi entra in Italia

(ANSA) - TRIESTE, 17 AGO - "Lo schieramento di 70 soldati austriaci sul Brennero può essere utile, se contribuiranno a limitare il flusso dei migranti illegali dall'Austria verso l'Italia". Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, commentando l'annuncio delle autorità austriache, a proposito di un imminente dispiegamento di militari sul confine con l'Italia. "Sappiamo che la campagna elettorale, in Austria come in Italia, induce ad alzare i toni e - ha continuato Serracchiani - a immaginare gesti a effetto, ma l'auspicio è che ci sia prima di tutto il senso di responsabilità a guidare determinate scelte. Questa in particolare non ha alcun effetto pratico e soprattutto è contraddittoria, dal momento che siamo noi, in particolare in Friuli Venezia Giulia, a registrare arrivi di migranti in rientro dai Paesi del nord. Per questo, è importante migliorare sempre di più la collaborazione tra forze dell'ordine sull'area confinaria".

19:00Calcio: Marotta, per Keita fatta offerta congrua

(ANSA) - VILLAR PEROSA (TORINO), 17 AGO - "Keita? Un'opportunità che, per condizioni contrattuali ed età, tutte le società devono tentare di cogliere, nel rispetto del presidente Lotito e della Lazio". Così Beppe Marotta, amministratore delegato della Juventus, sulla trattativa che coinvolge l'attaccante senegalese di proprietà dei biancocelesti: "Emre Can e Rabiot sono giocatori il cui contratto scade nel 2018, come Keita, ma che giocano titolari nelle loro squadre senza alcun dramma - ha aggiunto Marotta, a margine dell'amichevole in famiglia a Villar Perosa -. Noi abbiamo fatto un'offerta a Lotito che riteniamo congrua, lui è padrone di decidere le strategie in casa propria e noi ci siamo ritirati".

18:41F.1: Alonso, senza progetto vincente lascio

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - "Un progetto vincente o lascio la F1": Fernando Alonso ha le idee chiare sul suo futuro nel Circus e dice "tra novembre e dicembre deciderò il da farsi". Parlando con la CNN durante la pausa estiva, il 36enne pilota della McLaren ha fatto sapere che se la F1 non gli darà più occasione di primeggiare "guarderò altrove. La F1 è ancora la mia priorità, è la mia vita e vincere il campionato mondiale è quello che spero", ha detto il due volte iridato. "Se non vedo nessun progetto che mi permetterà di battermi per la vittoria, guarderò al di fuori del F1. Questa è una decisione che prenderò a fine anno. Prima, valuterò e proverò ogni possibilità". A 36 anni la fame di successo di Alonso resta comunque intatta, come ha dimostrato la sua esperienza alla 500 Miglia di Indianapolis a maggio. "Ho corso lì e ho provato ancora la sensazione che posso vincere questa gara - ha affermato - e la sensazione di poter vincere quella gara è stata davvero speciale".

Archivio Ultima ora