Gentiloni in pressing al G20: “L’Italia non sia sola”

Pubblicato il 07 luglio 2017 da ansa

Apertura del G20 (Foto Ufficio stampa Presidenza Consiglio)

AMBURGO. – Inutile girarci introno: “l’accoglienza dei migranti non può essere fatta da un solo paese. Non mi rassegno all’idea che ci sia un’operazione di soccorso internazionale e un’accoglienza nazionale”. Il premier Paolo Gentioni va dritto al punto parlando del dossier che gli sta più a cuore anche al G20 di Amburgo: l’emergenza migranti.

Assicura che non si aspettava che il vertice di Tallin, concluso con un secco ‘no’ all’apertura dei porti europei, potesse sciogliere il nodo dell’accoglienza. Ma mostra anche una certa insofferenza per la tanta solidarietà raccolta che però poi “fatica a tradursi in atti concreti”.

“Anche qui al G20 – dice al termine della prima giornata di lavoro ad Amburgo – tutti ti danno il loro personale sostegno quando si parla di migranti, ma la fatica che stiamo facendo è quella di tradurlo in ciò che serve”. Inutile pensare, assicura Gentiloni, che ciò potesse accadere alla riunione ministeriale di Tallin. Sbagliato però anche rassegnarsi al fatto che possa essere un solo paese a sobbarcarsi il peso dell’accoglienza.

Rispondendo ad una domanda sulla proposta lanciata dall’ex premier Matteo Renzi di rifiutarsi a inizio 2018, in sede di bilancio Ue, di versare la quota italiana di 20 miliardi se i paesi chiamati a farlo non avranno accolto i migranti, Gentiloni spiega che gli strumenti ci sono. E l’Europa sa che i (pochi) impegni presi per aiutare l’Italia vanno rispettati.

“Tant’è che per i Paesi che si rifiutano di adottare le decisioni della commissione – spiega – è stata aperta una procedura di infrazione”. Del resto “abbiamo sempre detto che non può esistere un’Europa a due rigidità, una sui conti e l’altra sull’immigrazione”. L’Italia quindi non molla, consapevole anche del fatto che l’accoglienza non può essere illimitata. E’ di oggi la proposta di Renzi di porre un tetto agli arrivi creando un numero chiuso, idea che ha sempre visto contraria la cancelliera tedesca Angela Merkel.

“La scelta tra Renzi e Merkel chiesta a me è un po’ esagerata – ha scherzato Gentiloni rispondendo ad una domanda -, sono dalla parte italiana. E’ normale ragionare sul fatto che non c’è una capacità illimitata di accoglienza”. Anche sulla paventata chiusura dei porti da parte dell’Italia il premier ha preferito non rispondere (“non parlo di eventualità”, ha tagliato corto) assicurando però che l’Italia continuerà a lavorare per ottenere “fatti”.

A cominciare dalla seconda giornata di G20, che si aprirà con la sessione dedicata all’immigrazione. E se i temi della ricollocazione dei migranti non sono certo nell’agenda del G20, molti dei leader coinvolti sono qui ad Amburgo, come Macron e Rajoy, contrari all’apertura dei porti francesi e spagnoli. Il lavoro diplomatico, insomma, continua.

(dell’inviata Paola Tamborlini/ANSA)

Ultima ora

18:48Calcio: Juve ufficializza Matuidi, al Psg vanno 20 mln

(ANSA) - TORINO, 18 AGO - Accordo firmato per Blaise Matuidi. Il trentenne centrocampista francese è ufficialmente della Juventus. Al Psg andranno - precisa il club bianconero - 20 milioni, pagabili in tre anni, e potenzialmente fino ad altri 10,5 milioni "in funzione del numero di partite ufficiali" giocate da Matuidi "nel corso della durata contrattuale", che è di tre anni.

18:42Ciclismo: Vuelta, Nibali punta al successo

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Sono convinto di fare bella figura, ce la metterò tutta. La mia squalifica di due anni fa? Commisi un'infrazione, ma la sanzione nei miei confronti fu più severa di quanto meritassi, proprio com'è avvenuto nell'ultimo Tour con Sagan". Vincenzo Nibali ha un conto aperto con la Vuelta: se l'aggiudicò nel 2010, dimostrandosi per la prima volta corridore da grandi giri, ma nel 2015 finì nell'occhio del ciclone, dopo essersi attaccato all'ammiraglia. Accadde il 23 agosto, nella prima tappa della corsa spagnola: lo 'Squalo dello Stretto' finì a terra, poi arrivò al traguardo con circa 1' di ritardo dai big. La giuria fu impietosa e lo squalificò assieme a una delle due ammiraglie dell'Astana, la squadra di allora. "Mi sento bene, ho lavorato duro a San Pellegrino - le parole di Nibali -: ha faticato in salita e adesso punto al massimo. Sono in tanti a volere il successo, ma io voglio chiudere la stagione con una grande vittoria. Peccato che la Bahrain Merida quest'anno sia stata davvero sfortunata".

18:37Multa sigaretta in auto: sindaco, leggi vanno osservate

(ANSA) - TRIESTE, 18 AGO - "Le leggi vanno osservate. Finiamola con lo scalpore che sorge quando si applicano le norme". Il sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza (Forza Italia), commenta così la multa comminata dai vigili urbani del capoluogo giuliano a un automobilista sorpreso mentre fumava una sigaretta alla guida della propria autovettura con a bordo il proprio figlio minorenne. Secondo Dipiazza, "in autostrada si va a 130 all'ora e lo stesso vale in questo caso: è una legge dello Stato e va fatta osservare. Mi chiedo perché non si danno le multe a chi guida mentre usa lo smartphone: ormai lo fanno tutti". Dipiazza si sofferma sulla questione del fumo, ricordando "le foto paurose che si vedono su pacchetti: non si dovrebbe mai fumare davanti a un bambino, fuori e dentro una macchina".

18:36Sgomberati 2.200 migranti a nord di Parigi

(ANSA) - PARIGI, 18 AGO - Questa mattina, all'alba, la polizia ha sgomberato 2.200 migranti da Porte de La Chapelle, a nord di Parigi. I migranti sono stati redistribuiti in 18 centri sparsi in tutta la regione dell'Ile-de-France. Un gruppo è stato accompagnato in un nuovo campo a Porte de Versailles, a sud-est della capitale. Un'operazione organizzata "in gran segreto" secondo Le Parisien, che ha provocato un'ondata di proteste da parte dei residenti e dei rappresentanti locali. "Il prefetto della regione mi ha detto di non aver trovato altri posti nell'Ile-de-France", ha affermato Philippe Goujon, presidente del 15/mo arrondissement, sottolineando di aver saputo "per caso che un campo con 500 migranti si sarebbe installato" nel quartiere.

18:23Barcellona: Guardiola, città si risolleverà

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - "Barcellona si risolleverà e dimostrerà che bel paese sia, la Catalogna e la Spagna". Non è una vigilia di campionato come tutte le altre per Pep Guardiola: l'attentato sulle Ramblas ha colpito al cuore la terra del tecnico del Manchester City. Il catalano si è esposto in prima persona nella battaglia per l'indipendenza della Catalogna, diventando una bandiera in favore del separatismo. "Il nostro pensiero è alla gente che sta lì - dice Guardiola - è già successo in Francia e a Londra. Sono vicino alle famiglie che hanno perso dei cari. Speriamo che non debba più succedere nulla di simile in nessuna parte del mondo". Nella notte dell'attentato alla Manchester Arena, la moglie e le due figlie dell'ex giocatore si trovavano al concerto di Ariana Grande: "Sono in stato di choc" aveva scritto allora Guardiola, dopo la grande paura rassicurando però che la sua famiglia stava bene.

18:16Calcio: Diego Costa, potrei andare altrove

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il futuro di Diego Costa all'Atletico Madrid comincia a diventare un po' più nebuloso e per la prima volta il bomber del Chelsea apre alla possibilità di "andare altrove". In un'intervista a Espn il centravanti ha ripetuto che la sua intenzione è quella di tornare ai colchoneros, ma - ha aggiunto - "se il club non farà uno sforzo per acquistarmi posso cambiare idea e andarmene in un'altra squadra pronta a scommettere su di me". "Finora - ha aggiunto Costa - ho dimostrato il mio interesse a giocare nell'Atletico, però se i due club non si mettono d'accordo e l'Atletico non fa un ulteriore sforzo, non posso andarci. Il Chelsea mi ha offerto a molti club, ma io sono stato molto chiaro con loro: ho detto che se non faccio più parte dei piani del tecnico, allora voglio scegliere io il mio destino. Non permetterò ad altri di decidere il mio destino per guadagnare più soldi Sto parlando con l'Atletico - ha concluso Diego Costa - però può succedere che da qui a 10 giorni io vada altrove".

18:13Germania: attacco con coltello, un morto e un ferito

(ANSA) - BERLINO, 18 AGO - Una persona è stata uccisa e un'altra è rimasta ferita in un attacco di una persona armata di coltello a Wuppertal, nel Nordreno-Westfalia. Lo scrive la Dpa. Il responsabile è in fuga.

Archivio Ultima ora