Accordo tra Italia e Libia. Alfano presto a Bengasi

Pubblicato il 07 luglio 2017 da ansa

Maitig e Alfano al primo Italian-Libyan Economic Forum in Agrigento. 07 July 2017. ANSA/FLAVIO LO SCALZO

ROMA. – L’Italia e la Libia riprendono la strada della collaborazione, puntando ad un rilancio dei rapporti economici, a cominciare da quella autostrada costiera che fu il fulcro del Trattato di amicizia del 2008. E lo fanno guardando ad una Libia stabilizzata ma soprattutto unita. Come dimostra il segnale arrivato da Agrigento quando il vicepresidente del Consiglio Presidenziale del Governo di Accordo Nazionale libico, Ahmed Maitig, ha invitato il ministro degli Esteri Angelino Alfano a Bengasi. Che ha subito accettato, volendo dare così, dopo la sua visita a Tripoli nei mesi scorsi, un messaggio chiaro di unificazione del paese. Per riprendere la collaborazione, con un occhio ovviamente all’emergenza migranti.

Nell’intesa siglata ad Agrigento, dove si è tenuto il Primo Forum Economico italo-libico, si prevede la ripresa della collaborazione. Non solo il riavvio della Commissione italo-libica per il proseguimento della realizzazione del progetto dell’autostrada costiera libica, al centro del Trattato di Amicizia del 2008 tra Berlusconi e Gheddafi. Ma anche un cooperazione economica a 360 gradi, dalle infrastrutture alla ripresa dei voli diretti, dagli idrocarburi alle comunicazioni.

Una Libia unita, che rappresenti un interlocutore affidabile “è interesse strategico dell’Italia ma allo stesso tempo dell’Europa, con tutto un lavoro strategico di ricucitura da fare”, ha commentato anche il ministro degli interni, Marco Minniti, ricordando che anche “l’accordo che ha fatto l’Italia con la Libia per una lotta senza quartiere a trafficanti di esseri umani e al terrorismo” è stata “la novità”: “Nessuno sa dove arriveremo ma so solo che se vogliamo governare i flussi migratori del momento, non abbiamo alternative”, ha ribadito.

La dichiarazione congiunta sul rilancio della cooperazione economica conferma la volontà comune di rafforzare l’amicizia e la cooperazione nelle aree dello sviluppo economico e sociale e di sostenere gli sforzi per la ricostruzione. Inoltre si è ribadita la disponibilità a promuovere ulteriori attività di cooperazione economica e commerciale tra soggetti pubblici e privati.

I due Paesi ribadiscono anche la volontà di proseguire nella collaborazione nel settore delle infrastrutture di base aeroportuali, la loro manutenzione e la collaborazione nel settore aereo, vista l’importanza di ripristinare al più presto i collegamenti aerei in tutta la Libia, come pure i voli diretti con l’Italia per contribuire al rilancio del sistema economico.

Energia e idrocarburi, infrastrutture e trasporti, telecomunicazioni, settore bancario e finanziario e sviluppo del settore privato sono i settori strategici sui quali dovrà essere focalizzata la collaborazione. Infine – riferiscono fonti della Farnesina -, Italia e Libia concordano sull’importanza di favorire lo sviluppo dei collegamenti nelle comunicazioni, attraverso la ricostruzione delle reti di telecomunicazioni libiche, la posa di nuovi cavi e il potenziamento di quelli esistenti, beneficiando della presenza di un importante “hub” in Sicilia quale fulcro del traffico Internet del Mediterraneo.

Ultima ora

12:20Bambino di quattro anni cade da edificio, è grave

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Un bambino di quattro anni è grave in ospedale dopo essere caduto stamani da un edificio in via Isimbardi, a Milano. E' stato portato in ospedale in gravi condizioni ma all'arrivo dei soccorsi appariva cosciente. Sul posto gli operatori del 118 e gli agenti della Questura di Milano.

12:18Ubriaco entra in chiesa, urla e agita una borsa, arrestato

(ANSA) - BRESCIA, 22 OTT - Un uomo di nazionalità marocchina questa mattina durante la Messa delle 8.30 è entrato nella chiesa di Manerbio, nella Bassa Bresciana, e dopo aver preso posto nei primi posti ha iniziato ad urlare agitando una borsa. I presenti sono scappati spaventanti mentre il parroco invitava alla calma. L'uomo è stato bloccato dai carabinieri. Era ubriaco al momento del suo ingresso in chiesa e non sarebbero emersi profili legati all'integralismo islamico.

11:29Spari nella notte a Torino, morto albanese. Due ricercati

(ANSA) - TORINO, 22 OTT - Un albanese di 39 anni è morto all'ospedale Martini di Torino, dove era stato ricoverato perché ferito da alcuni colpi di pistola. La sparatoria nella notte in via Fidia, davanti ad un bar aperto tutta la notte. Due gli uomini che hanno fatto fuoco per poi dileguarsi, secondo la prima ricostruzione degli investigatori della Squadra Mobile intervenuti sul posto. Ancora da chiarire i motivi dell'agguato. Tra le ipotesi degli inquirenti, un regolamento di conti tra bande albanesi. La polizia è sulle tracce dei fuggitivi.(ANSA).

11:12Siria: liberato principale campo petrolifero Isis

(ANSA) - BEIRUT, 22 OTT - Le forze democratiche siriane a guida curda, alleate degli Usa, hanno preso il controllo del principale campo petrolifero siriano in mano all'Isis, quello di Al-Omar.

10:54Trump: De Niro, ‘prima lo arrestano meglio è’

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Robert De Niro non ha dubbi: prima arrestano o mettono in stato d'accusa (impeachment) il presidente americano Donald Trump, meglio è. La star di Hollywood non ha perso l'occasione per tornare ad attaccare l'inquilino della Casa Bianca anche dal Montenegro, dove si trovava venerdì per il Global Citizen Forum. "Nel mio Paese abbiamo un'amministrazione che non è affatto di aiuto", ha detto il 74enne attore democratico americano secondo quanto riporta Newsweek, sottolineando che il Paese ha perso la leadership nella lotta al cambiamento climatico perché "abbiamo un leader che non fa il leader, che non sa quello che fa". "Non posso immaginare che vada avanti per altri tre anni", ha aggiunto l'attore riferendosi sempre a Trump. "Prima può essere messo sotto accusa ('impeached')" meglio è, "o forse sarà arrestato e messo in prigione...". Non è la prima volta che de Niro attacca Trump: lo scorso ottobre l'aveva definito in un video "cane, maiale, truffatore": mi "piacerebbe prenderlo a pugni", aveva detto.

09:32Terremoti: scossa magnitudo 4,9 in Nuova Zelanda

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - Una scossa di terremoto di magnitudo 4,9 é stata registrata oggi circa 14 chilometri a sudovest di Kaikoura, in Nuova Zelanda, ad una profondità di 10 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di vittime o danni.

09:28Referendum autonomia, Lombardia vota, seggi aperti fino a 23

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - Oggi in Lombardia si vota per il referendum sull'autonomia. Seggi aperti dalle 7 alle 23 per la prima consultazione elettronica in Italia: la scheda cartacea è infatti sostituita da tablet sul quale si può votare sì, no o scheda bianca. Nel quesito si chiede all'elettore se è favorevole all'avvio di una trattativa con il governo per trasferire alla Lombardia le 20 competenze concorrenti e le tre negoziabili previste dalla Costituzione e le relative risorse. In Lombardia non è previsto un quorum.

Archivio Ultima ora