Accordo tra Italia e Libia. Alfano presto a Bengasi

Pubblicato il 07 luglio 2017 da ansa

Maitig e Alfano al primo Italian-Libyan Economic Forum in Agrigento. 07 July 2017. ANSA/FLAVIO LO SCALZO

ROMA. – L’Italia e la Libia riprendono la strada della collaborazione, puntando ad un rilancio dei rapporti economici, a cominciare da quella autostrada costiera che fu il fulcro del Trattato di amicizia del 2008. E lo fanno guardando ad una Libia stabilizzata ma soprattutto unita. Come dimostra il segnale arrivato da Agrigento quando il vicepresidente del Consiglio Presidenziale del Governo di Accordo Nazionale libico, Ahmed Maitig, ha invitato il ministro degli Esteri Angelino Alfano a Bengasi. Che ha subito accettato, volendo dare così, dopo la sua visita a Tripoli nei mesi scorsi, un messaggio chiaro di unificazione del paese. Per riprendere la collaborazione, con un occhio ovviamente all’emergenza migranti.

Nell’intesa siglata ad Agrigento, dove si è tenuto il Primo Forum Economico italo-libico, si prevede la ripresa della collaborazione. Non solo il riavvio della Commissione italo-libica per il proseguimento della realizzazione del progetto dell’autostrada costiera libica, al centro del Trattato di Amicizia del 2008 tra Berlusconi e Gheddafi. Ma anche un cooperazione economica a 360 gradi, dalle infrastrutture alla ripresa dei voli diretti, dagli idrocarburi alle comunicazioni.

Una Libia unita, che rappresenti un interlocutore affidabile “è interesse strategico dell’Italia ma allo stesso tempo dell’Europa, con tutto un lavoro strategico di ricucitura da fare”, ha commentato anche il ministro degli interni, Marco Minniti, ricordando che anche “l’accordo che ha fatto l’Italia con la Libia per una lotta senza quartiere a trafficanti di esseri umani e al terrorismo” è stata “la novità”: “Nessuno sa dove arriveremo ma so solo che se vogliamo governare i flussi migratori del momento, non abbiamo alternative”, ha ribadito.

La dichiarazione congiunta sul rilancio della cooperazione economica conferma la volontà comune di rafforzare l’amicizia e la cooperazione nelle aree dello sviluppo economico e sociale e di sostenere gli sforzi per la ricostruzione. Inoltre si è ribadita la disponibilità a promuovere ulteriori attività di cooperazione economica e commerciale tra soggetti pubblici e privati.

I due Paesi ribadiscono anche la volontà di proseguire nella collaborazione nel settore delle infrastrutture di base aeroportuali, la loro manutenzione e la collaborazione nel settore aereo, vista l’importanza di ripristinare al più presto i collegamenti aerei in tutta la Libia, come pure i voli diretti con l’Italia per contribuire al rilancio del sistema economico.

Energia e idrocarburi, infrastrutture e trasporti, telecomunicazioni, settore bancario e finanziario e sviluppo del settore privato sono i settori strategici sui quali dovrà essere focalizzata la collaborazione. Infine – riferiscono fonti della Farnesina -, Italia e Libia concordano sull’importanza di favorire lo sviluppo dei collegamenti nelle comunicazioni, attraverso la ricostruzione delle reti di telecomunicazioni libiche, la posa di nuovi cavi e il potenziamento di quelli esistenti, beneficiando della presenza di un importante “hub” in Sicilia quale fulcro del traffico Internet del Mediterraneo.

Ultima ora

08:14Sud Sudan: Unhcr, un milione di profughi in Uganda

KAMPALA (UGANDA) - Ha raggiunto il milione il numero dei rifugiati del Sudan meridionale in Uganda, secondo un rapporto delle Nazioni Unite diffuso oggi, una pietra miliare per quella che e' divenuta la crisi di rifugiati a crescita piu' veloce. L'UNHCR, l'agenzia dell'Onu per i rifugiati, ha comunicato che una media di 1.800 cittadini provenienti dal Sud Sudan sono arrivati ogni giorno in Uganda negli ultimi 12 mesi. Un altro milione o piu' di persone del Sudan meridionale hanno trovato riparo in Sudan, Etiopia, Kenya, Congo e Repubblica Centrafricana.

05:42Coree: Seul, inviato a Pyongyang se stop provocazioni

PECHINO - Il presidente sudcoreano Moon Jae-in prendera' in considerazione l'invio di un inviato speciale a Pyongyang se il Nord mettera' fine alle sue provocazioni: in un messaggio trasmesso dalle tv di Seul, in occasione dei primi 100 giorni di insediamento alla presidenza, Moon ha spiegato che il dialogo intercoreano puo' esserci solo se finiscono test nucleari e missilistici. ''Nessuna guerra ci sara' sulla penisola'', ha poi ribadito il presidente, ricordando l'impegno Usa a non prendere alcuna azione militare senza il consenso di Seul.

05:38Charlottesville: Carson, ingigantite reazioni a parole Trump

WASHINGTON - Il segretario Usa all'urbanistica Ben Carson ha descritto le polemiche scaturite dalla reazione del presidente Donald Trump ai fatti di Charlottesville come ''piccoli bisticci'' che vengono ''ingigantiti''. Lo stesso Carson -l'unico afroamericano nel governo Trump- in un post su Facebook aveva parlato di ''odio e intolleranza su tutti i fronti'' in reazione a quanto accaduto nella citta' della Virginia.

05:18Gaza: Hamas, kamikaze Isis morto in scontro con sicurezza

GAZA - Hamas ha rivelato che un kamikaze si e' fatto esplodere mentre le forze di sicurezza stavano cercando di impedirgli di infiltrarsi in Egitto, e nell'attentato diverse persone sono rimaste ferite. Il Ministero degli Interni di Hamas ha reso noto che l'attentatore e' morto e un suo complice e' rimasto ferito. Una delle persone coinvolte nell'attacco e' in condizioni definite 'serie'. L'attentato e' il primo portato da un palestinese con una bomba suicida contro le forze di Hamas. Dirigenti di Hamas hanno detto che l'assalitore e' ritenuto un militante dell'Isis.

05:11Charlottseville: Cnn, Trump non rammaricato di sue parole

WASHINGTON - Secondo la Cnn che cita fonti il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non si e' pentito di quanto affermato circa i fatti di Charlottesville nel sottolineare che vi sono responsabilita' in entrambe le parti coinvolte. Secondo quanto riferito da una fonte alla Cnn il presidente va avanti ''senza rammarico'', fermamente convinto che i media e le elite della costa orientale stiano iperventilando.

05:06Corea Nord: Bannon, non c’e’ nessuna soluzione militare

WASHINGTON - Non c'e' soluzione militare in risposta alla minaccia della Corea del Nord. Ne e' convinto Steve Bannon, consigliere del presidente Usa Donald Trump e stratega della Casa Bianca, intervistato da The American Prospect. 'Fino a quando non si dimostra che 10 milioni di persone a Seul non muoiono nei primi 30 minuti da armi convenzionali non so di che si parla. Non c'e' nessuna soluzione militare'', ha detto Bannon.

05:01Venezuela: Parlamento chiede tutela internazionale

CARACAS - Julio Borges, presidente del Parlamento venezuelano, in mano all'opposizione, ha chiesto oggi l'aiuto degli organismi internazionali per i diritti umani per ''proteggere i singoli deputati e proteggere il Parlamento stesso'' dalle persecuzioni messe in atto dal governo di Nicolas Maduro. Borges si e' riferito alle accuse mosse dal Procuratore Tarek William Saab contro German Ferrer -deputato del partito di governo e marito di Luisa Ortega Diaz, l'ex Procuratrice ribelle- per le quali ha chiesto all'Assemblea Costituente che sospenda la sua immunita' parlamentare e ne ordini l'arresto.

Archivio Ultima ora