Tour: l’uomo solo in volata, cinquina di Kittel allo sprint

Pubblicato il 12 luglio 2017 da ansa

Kittel cinquina al Tour

Kittel esulta: a Pau quinta vittoria di tappa (ansa)

ROMA. – Dopo il poker, ecco la cinquina. Marcel Kittel si fermerà solo domani e solo perché la strada ricomincerà a salire, altrimenti avrebbe continuato ad aggiudicarsi sprint su sprint, a mettere in fila rivali vecchi e nuovi, forti e meno dotati nello spunto finale. Cinque vittorie quest’anno, 14 in tutto al Tour de France (nessuno come lui, dopo il sorpasso a Erik Zabel, fermo a 12), uno strapotere assoluto, indiscutibile, che forse solo un Sagan o un Cavendish avrebbero potuto in qualche modo contrastare e che solo il campione nazionale francese Arnaud Demare è riuscito a interrompere, aggiudicandosi la 4/a tappa, quella con arrivo a Vittel. Altrimenti, tutti gli sprint sarebbero stati appannaggio del gigantesco tedesco volante.

Oggi, sul traguardo di Pau, c’è stata meno Germania nell’ordine d’arrivo: il solo André Greipel, che si è piazzato al settimo posto, alle spalle del primo e unico italiano nella top ten, Davide Cimolai, che ha agganciato il sesto posto. Non male, tenuto conto che – nelle volate, al tour di quest’anno – si può puntare soltanto al secondo posto.

Kittel questa volta ha regolato l’olandese Dylan Groenewegen, quindi il norvegese Edvald Boasson Hagen, solo quarto l’australiano Matthew Matthews, davanti all’inglese Daniel Mclay. Il francese Nacer Bouhanni non è andato oltre l’8/o posto. Nessun problema per Chris Froome, che ha portato ai piedi dei Pirenei la maglia gialla dove, da domani, sarà costretto a difendere.

Il keniano bianco dovrà fare attenzione ai possibili attacchi di Aru, Fuglsang e Bardet, alla voglia di rivalsa di Quintana, sempre più nell’ombra, ma pronto a dire la sua, alla disperazione di Contador, che oggi è pure caduto, ma che vorrebbe lasciare l’impronta del campione, magari mettendo le mani su una tappa importante, con una vittoria da tramandare ai posteri.

Anche oggi cadute in quantità, non senza vittime discretamente eccellenti. Anche l’Astana, dopo essersi salvata in precedenza, oggi ha registrato una perdita: quella di Dario Cataldo, che è stato costretto a lasciare la corsa. Una grave defezione per il sardo Aru, che dovrà andare all’attacco, se vuole puntare concretamente alla maglia gialla, e guadagnare almeno un paio di minuti che lo metterebbero verosimilmente al riparo dalle insidie della cronometro dell’ultimo giorno e nella quale, rispetto a lui, Froome va più forte.

Domani, prima dell’arrivo Peyragudes, sali e scendi sui Pirenei, con sei Gran premi della montagna, uno di 4/a, due di 2/a, altrettanti di 1/a Categoria, ma soprattutto un ‘hors categorie’ come il Port de Balès, a 1.755 metri d’altezza e una salita al 184/o chilometro lunga 11,7 km, che presenta punte del 9 per cento. Ci sarà spazio per gli attacchi, per le fughe, per la speranza degli uomini di classifica, ma non per Kittel: il tedesco deve ‘accontentarsi’ della cinquina.

Ultima ora

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

00:24Basket: Serie A, Cremona-Reggio Emilia 68-71

(ANSA) - CREMONA, 18 NOV - Colpo grosso per Reggio Emilia che in emergenza totale passa al PalaRadi di Cremona contro una Vanoli troppo svagata (71-68). La squadra di Menetti si è affidata al suo giocatore più forte, Amedeo Della Valle, e alla fine ha ragione visto che il numero 8 realizza ben 24 punti. Reggio ha sfruttato una grande difesa, riuscendo a limitare per quasi tutti i 40' il giocatore più pericoloso della Vanoli: Johnson Odom. La gara, nonostante la supremazia di Reggio, si è decisa a pochi secondi dalla fine. Cremona era riuscita a passare in vantaggio ma ha sprecato troppo facendosi riprendere e superare da un canestro di Wright. Sul -1 la palla persa decisiva di Odom con contropiede decisivo di Reggio che ha di fatto chiuso il conto sul 71-68. Migliori marcatori da una parte Della Valle con 24 e dall'altra Sims con 15.

00:13Serie A: il Napoli batte il Milan 2-1

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Il Napoli ha battuto il Milan 2-1 (1-0) al San Paolo nel secondo dei due anticipi della 13/a giornata del campionato di Serie A. Apre le marcature Insigne (gol convalidato dalla Var al 33' pt) e chiude Zielinski al 28' st. Tardivo il gol nel finale di Romagnoli (47' st). Gli azzurri allungano in testa alla classifica a +4 punti dalla Juventus attesa domani a Genova dalla Sampdoria.

00:01Gerry Adams, ‘lascio la guida del Sinn Fein nel 2018’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Gerry Adams ha annunciato che l'anno prossimo lascerà la guida del Sinn Fein, il partito di riferimento della causa repubblicana nella comunità cattolica dell'Irlanda del Nord, dopo 34 anni di leadership. Adams ha comunicato che non si presenterà alle prossime elezioni parlamentari irlandesi. "La leadership è sapere quando è il momento di cambiare e questo è il momento", ha detto alla riunione del partito a Dublino. La sua decisione era attesa.

Archivio Ultima ora