Faccia a faccia Totti e Pallotta: “Presto dirigente”

Pubblicato il 13 luglio 2017 da ansa

Totti e Pallotta

Francesco Totti firma il contratto con il presidente James Pallotta (foto: Gino Mancini)

ROMA. – Manca ormai solo l’annuncio ufficiale, ma sarà pura formalità. Dopo la carriera da calciatore Francesco Totti continuerà alla Roma anche da dirigente. La fumata bianca è arrivata dopo il faccia a faccia di circa un’ora tra l’ex numero 10 e il presidente James Pallotta. “Come è andata? Bene bene. Sono soddisfatto dell’incontro. Ancora non sono un dirigente. Quando lo diventerò? Presto” le parole di Totti all’uscita dall’hotel che ospita il tycoon di Boston nella Capitale. Prima di salutarsi i due si sono concessi anche per le foto di rito con tanto di strette di mano e abbracci.

Il piatto forte della visita di Pallotta era ovviamente l’incontro con Totti per delinearne il futuro professionale, ma stando in città il patron ne ha approfittato anche per mettere in chiaro alcuni punti che riguardano la costruzione della nuova Roma, priva del numero 10 in campo e con alla regia il nuovo ds Monchi.

“Sta facendo un ottimo lavoro, è uno dei migliori direttori sportivi del mondo. Abbiamo un piano comune che prevede una lista di giocatori che ci servono per completare la squadra – le parole del tycoon di Boston che alloggia nel solito hotel in zona Piazza del Popolo -. Penso che abbiamo il miglior centrocampo in Italia, di sicuro.

In difesa possiamo fare meglio, ma la completeremo con qualche giocatore e poi tornerà anche Florenzi, che ci darà una mano. In attacco abbiamo già preso il ragazzo turco (Cengiz Under che domani pomeriggio sbarcherà nella Capitale per sottoporsi alle visite mediche, ndr) e abbiamo in mente due altri giocatori. Penso che avremo una squadra completa alla fine”.

Una squadra che potrebbe non accogliere Nastasic (lo Schalke lo ha bloccato), aspetta Defrel (stallo sulla formula di pagamento col Sassuolo) e che soprattutto non sarà privata di altre pedine di livello. “Se vendiamo lo facciamo per due ragioni. Primo per il financial fair play, e in questo caso siamo costretti a vendere per rientrare nei parametri. Il secondo invece è un discorso di valore del calciatore. Vendiamo perché pensiamo che con quei soldi possiamo comprare giocatori che si dimostreranno migliori di chi è partito” spiega Pallotta, assicurando che né Nainggolan né Manolas saranno ceduti: “Non andranno da nessuna parte”.

In effetti il belga, che piace all’Inter, è vicino al rinnovo di contratto ed è stato a Trigoria per prendere alcune cose che gli serviranno poi nella tournee in America. E nel centro sportivo si è rivisto Totti che, dopo il lungo incontro avuto con Monchi, ha fatto il bis con Pallotta per chiudere il cerchio e partire per l’ultima parte di vacanze estive.

La decisione ormai è presa, con l’ex n.10 pronto a rivestire un incarico dirigenziale operativo, proprio come aveva chiesto sin dall’inizio. “È un discorso che riguarda noi. Io e Francesco parliamo molto, quando avremo deciso lo saprete” aveva spiegato Pallotta prima del faccia a faccia, con una decisa sottolineatura: “Va tutto bene, è tutto ok. Chi dice il contrario è perché non sa di quello che parla”. E in effetti ora non si attende altro che l’annuncio ufficiale.

Ultima ora

20:26Calcio: Udinese, Danilo salta anche la Sampdoria

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Lesione tra il primo e il secondo grado del bicipite femorale della coscia destra: è il risultato evidenziato dagli esami strumentali cui si è sottoposto Danilo dopo l'infortunio che mercoledì scorso, nella sfida persa contro il Torino, l'ha costretto ad abbandonare il campo (e a mancare il successivo impegno contro la Roma). Il difensore seguirà ora il programma di recupero predisposto dallo staff medico della società bianconera saltando, dunque, anche la sfida casalinga con la Sampdoria (sabato alle 18). Intanto, Stipe Perica è tornato a lavorare con il gruppo, mentre Silvan Widmer sta completando il proprio percorso riabilitativo.

20:21Giappone: premier Abe, elezioni anticipate a ottobre

(ANSA) - TOKYO, 25 SET - Il premier giapponese annuncia lo scioglimento delle camere ed elezioni anticipate per avviare una 'rivoluzione della produttività' attraverso una maggiore equità fiscale e il mantenimento della sicurezza contro le minacce della Corea del Nord. Nel suo discorso alla nazione il premier si è fatto 'paladino della patria' e ha usato tutta l'esperienza dei suoi due precedenti mandati, approfittando dello scompiglio dell'opposizione. Lo scioglimento della Camera bassa - le elezioni sono previste per il 22 ottobre - anticipa di un anno la fine della legislatura e coincide con il recupero del tasso di approvazione del premier che, complice la crisi nella penisola coreana, è risalito intorno al 50% dopo un progressivo declino nei mesi estivi. Il tutto coincide con la divulgazione di due scandali di clientelismo riconducibili direttamente ad Abe, il cui clamore il partito democratico all'opposizione non è riuscito a capitalizzare.

20:18Bagheria: il sindaco risponde al gip, ho chiarito tutto

(ANSA) - PALERMO, 25 SET - Mostra serenità e crede di aver chiarito la sua posizione Patrizio Cinque (M5s), sindaco di Bagheria finito sotto inchiesta a Termini Imerese assieme al suo vice, un assessore e una ventina tra imprenditori e funzionari comunali. Al termine di un interrogatorio di garanzia durato circa due ore i legali del primo cittadino che, dopo la notizia dell'inchiesta, si è autosospeso dal Movimento Cinque Stelle, hanno chiesto la revoca della misura cautelare disposta dal giudice: l'obbligo di firma. Un provvedimento diverso da quello che aveva chiesto la Procura di Termini che per Cinque aveva invocato i domiciliari. I pm si sono riservati: hanno due giorni per esprimere un parere sulla richiesta di revoca. Il giudice, dopo avere acquisito l'opinione della Procura, avrà cinque giorni per decidere.

20:17Università ‘entra’ in piano anticorruzione Anac 2017

(ANSA) - ROMA, 25 SET - Sarà dedicato per la prima volta all'università uno specifico focus del piano anticorruzione Anac, aggiornamento 2017, che sarà reso pubblico prossimamente. "Entro ottobre", assicura il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli. L'iniziativa si prefigge lo scopo di rendere più trasparente il mondo delle istituzioni universitarie e di verificare opacità e zone d'ombra. Una problematica che, su un versante diverso, emerge oggi con l'inchiesta sui concorsi truccati condotta dai magistrati di Firenze e che riguarda tutto il territorio nazionale. Tra gli ambiti che saranno oggetto di approfondimento da parte dell'Anac, la valutazione e il finanziamento dei progetti di ricerca; il processo di accreditamento delle sedi e dei corsi di studio; il reclutamento dei professori; i conflitti di interessi tra partecipanti al reclutamento e personale dell'Ateneo; le commissioni giudicatrici ed eventuali conflitti d'interresse interni; la scarsa trasparenza dei criteri e delle procedure di valutazione.

20:15M5s: Gallo, noi tra quelli sotto palco, siamo maggioranza

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Siamo quelli sotto al palco, siamo fuori dalla tv e dai talk show, siamo la maggioranza…". Lo scrive su Twitter il deputato M5s, Luigi Gallo, rilanciando una sua foto con Roberto Fico scattata in un gazebo ad Italia 5 Stelle. Il deputato in un'analogo post pubblicato ieri su Fb aggiungeva: "Quello che abbiamo fatto lo abbiamo fatto per amore, quello che faremo continueremo a farlo per amore. Il confronto ci farà solo crescere, il pensiero unico ci porterà all'estinzione".

20:13Avramopoulos, per ora mi aspetto ridistribuzione migranti

(ANSA) - BRUXELLES, 25 SET - "Fino a quando non avremo un regolamento di Dublino strutturale e aggiornato, con un relativo sistema di distribuzione per le crisi, mi aspetto che gli Stati membri continuino a mostrare solidarietà, per alleviare ancora di più la pressione su Grecia e Italia". Così il commissario Ue alla Migrazione Dimitris Avramopoulos in un'intervista all'ANSA si appella ai Paesi per l'interim tra il programma temporaneo di 'relocation' (scade domani) e la riforma del regolamento di Dublino. "Siamo pronti a sostenerli", afferma.

20:04Corea Nord, parole Trump sono dichiarazione di guerra

(ANSA) - NEW YORK, 25 SET - "Tutte le opzioni sono sul tavolo": lo ha detto il ministro degli Esteri nordcoreano Ri Yong Ho in un raro incontro con la stampa a New York, precisando che le recenti affermazioni del presidente americano Donald Trump sono "una chiara dichiarazione di guerra" alla Nord Corea e che "la carta delle Nazioni Unite sancisce il diritto all'autodifesa degli stati membri e, visto che gli Usa hanno dichiarato guerra al nostro Paese, noi abbiamo il diritto di rispondere e di abbattere i caccia americani anche se non sono ancora all'interno dei nostri confini". Sabato alcuni caccia bombardieri Usa hanno volato vicine al confine nordcoreano. Il ministro degli Esteri di Pyongyang ha poi precisato che il paese asiatico "spera sinceramente che la guerra di parole non si trasformi in azioni reali". Quindi Ri ha sottolineato: "La comunità internazionale deve ricordare chiaramente che sono stati gli Usa per primi a dichiarare guerra alla Nord Corea".

Archivio Ultima ora