Alfano: “Vicini agli italiani in Venezuela”

Pubblicato il 17 luglio 2017 da redazione

CARACAS – “Seguiamo con molta attenzione quanto sta accadendo in Venezuela e siamo vicini a tutti i connazionali che, a causa dell’attuale crisi politica ed economica del Paese, stanno vivendo un periodo di forte disagio”. Lo ha detto, anzi lo ha ripetuto per l’ennesima volta, il ministri degli Esteri Angelino Alfano che si collegherà oggi in videoconferenza dalla Farnesina con esponenti e rappresentanti della collettività italiana riuniti all’ambasciata italiana di Caracas.
– Allo scopo di alleviare tale disagio, la Direzione, che alla Farnesina segue gli italiani all’estero – ha proseguito il ministro che da messi segue con interesse e preoccupazione le vicende venezuelane -, ha adottato, su mio input, alcuni provvedimenti straordinari, fra cui l’impegno di un milione di euro per interventi in favore degli italiani indigenti che vivono in Venezuela. Inoltre, ho dato indicazione di prevedere un importante aumento del personale in servizio presso le nostre sedi diplomatico-consolari in Venezuela
Personale, questo, che però tarda ad arrivare. La videoconferenza permetterà alla nostra Collettività di esprimere al ministro le proprie preoccupazioni e illustrare le difficoltà che vivono gli italiani del Venezuela in un paese sprofondato in una crisi senza precedenti accompagnata da squilibri politici preoccupanti. Dal canto suo, il ministro potrà palpare di persona gli umori della comunità.
Proprio ieri si è svolto in tutto il paese il plebiscito indetto dal Parlamento con la collaborazione del Tavolo dell’Unità Democratica. Il 98,4% dei venezuelani, 6.387.854 persone, hanno votato contro il progetto presidenziale di convocare un’Assemblea Nazionale Costituente. Circa 600 mila lo hanno fatto all’estero, in 559 città sparse in tutto il mondo. Un totale, quindi, di oltre 7 milioni di cittadini ha detto “No” all’iniziativa del presidente della Repubblica, Nicolàs maduro.
Il presidente del Parlamento, Julio Borges, nel commentare a caldo i risultati del “plebiscito simbolico” ha detto che “a partire da oggi il mandato di Nicolas Maduro è matematicamente revocato”.
Borges, dopo l’annuncio dei risultati della votazione fatta dalla Commissione dei Garanti integrata dai Rettori delle università più prestigiose del Paese, ha sottolineato che i 7 milioni 186mila voti raccolti nel referendum – con soli 14 mila seggi operativi, al posto dei soliti 45 mila – superano sia quelli raccolti per la riforma costituzionale del 2009, sia quelli ottenuti da Maduro quando è stato eletto presidente.
– Ora si capisce il timore che aveva il governo riguardo al referendum contro Maduro e si capisce ancor di più perché il governo non ha voluto quel referendum, né vuole organizzare mai più elezioni democratiche – ha aggiunto il presidente del Parlamento.
Borges ha affermato che spera “che chi è al potere in Venezuela abbia l’umiltà necessaria per capire il grido che ha lanciato il paese”, e ha aggiunto che “il popolo ci ha dato un forte mandato che intendiamo rispettare e fare rispettare: tocca a noi fare capire al governo il messaggio delle urne”

Ultima ora

18:10Barcellona: stasera rientro in Italia salme Russo e Gulotta

(ANSA) - VERONA, 21 AGO - Torneranno stasera in Italia, con un volo dell'Aeronautica militare che atterrerà a Roma, le salme di due dei tre italiani rimasti uccisi nell'attentato di Barcellona, Luca Russo e Bruno Gulotta. Quella di Carmen Lopardo dovrebbe essere invece trasferita in Argentina, dove l'anziana viveva da tempo. Il volo, mobilitato su disposizione dei ministeri della Difesa e degli Esteri, è prossimo al decollo da Pratica di Mare; dalla Spagna dovrebbe rientrare poi su Ciampino, poco prima della mezzanotte. Le salme saranno quindi trasferite al policlinico Gemelli, per l'esame disposto dalla Procura, e da Ciampino ripartiranno questa volta per Verona, dove, presumibilmente domattina, arriveranno i due feretri. Le destinazioni saranno Bassano del Grappa, per Luca Russo, e Legnano, per Bruno Gullotta. La sorella della vittima bassanese, Chiara Russo, è in partenza con la madre per Roma, dove attenderà l'arrivo della bara con il corpo del fratello.

18:08Uomo bruciato vicino Aosta, ucciso coltellata collo

(ANSA) - AOSTA, 21 AGO - E' stato ucciso con una coltellata al collo l'uomo trovato semicarbonizzato sabato scorso in una radura a Fenis, vicino Aosta. E' quanto emerso dal primo esame sul cadavere condotto dal medico legale Roberto Testi, incaricato dal pm Eugenia Menichetti di effettuare l'autopsia. Lo ha appreso l'ANSA. In base alla ricostruzione del fatto la vittima è stata colpita alle spalle con un fendente sul collo. Maggiori particolari si conosceranno al termine dell'esame autoptico che si concluderà domani. (ANSA).

18:07Ciclismo: Vuelta, Nibali vince la 3/a tappa

(ANSA) - ROMA, 21 AGO - Vincenzo Nibali ha vinto in volata la terza tappa della Vuelta da Prades Conflent Canigò ad Andorra la Vella. Il siciliano è scattato a 400 metri dal traguardo, sorprendendo tutti e precedendo Froome, che diventa leader della corsa, e De La Cruz. Sesto Fabio Aru.

17:59Giordania-Turchia: Erdogan ad Amman

(ANSAmed) - AMMAN, 21 AGO - Il presidente turco Tayyip Recep Erdogan è arrivato oggi ad Amman per colloqui con re Abdallah e altre autorità giordane. Si parla, oltre che delle relazioni bilaterali, degli sviluppi riguardanti Gerusalemme, dei possibili modi di riavviare il processo di pace israelo-palestinese e della guerra in Siria. "Voglio sottolineare l'importanza che attribuiamo al ruolo della Giordania nella protezione dei luoghi santi di Gerusalemme", ha detto Erdogan prima di partire per Amman. "Non vogliamo più assistere ad abusi, violazioni di diritti e attacchi, e quindi i musulmani del mondo devono essere solidali con Gerusalemme", ha aggiunto il presidente turco. Dopo gli scontri avvenuti il mese scorso sulla Spianata delle Moschee a Gerusalemme, Erdogan aveva descritto le nuove misure di sicurezza imposte da Israele come "un tentativo di togliere (la moschea di) al Aqsa ai musulmani con la scusa di attività antiterrorismo".

17:53Vento spazza via il quod, friulana muore in Grecia a 22 anni

(ANSA) - TRIESTE, 21 AGO - Una turista italiana - Deborah Fabris, di 22 anni, originaria di Monfalcone (Gorizia) e residente a Cervignano del Friuli (Udine) - è morta oggi in Grecia per le conseguenze di un incidente stradale avvenuto sull'isola di Karpathos a Ferragosto. La ragazza era in vacanza con il fidanzato. La dinamica dell'incidente è tuttora al vaglio delle autorità locali, ma - stando alle prime ricostruzioni - a spingere fuori strada il quod sul quale viaggiava la coppia sarebbe stata una delle forti folate di vento che spazzano costantemente la seconda isola più grande del Dodecaneso. La ragazza ha perso il casco e ha sbattuto la testa. Le condizioni della giovane sono subito apparse critiche. Dopo essere stata portata al pronto soccorso di Karpathos, è stata trasferita all'ospedale di Rodi dove questa mattina il suo cuore ha smesso di battere.

17:53Filippine: attaccato villaggio, 9 civili uccisi

(ANSA) - BANGKOK, 21 AGO - Almeno nove residenti di un villaggio nel sud delle Filippine sono stati uccisi oggi dai terroristi islamici del gruppo Abu Sayyaf. Lo ha comunicato l'esercito di Manila. Nella versione dei militari, una ventina di militanti armati hanno attaccato all'alba il villaggio di Tubigan, sull'isola di Basilan, una delle roccaforti del gruppo. Altre 16 persone sono rimaste ferite nell'assalto, in cui sono stati incendiati anche cinque case e un edificio usato per le riunioni. Secondo il colonnello Juvymax Uy, i militanti potrebbero aver deciso di attaccare il villaggio come rappresaglia per il mancato sostegno da parte della popolazione locale, dopo settimane in cui sono stati decimati in scontri con i militati filippini. Abu Sayyaf è un'organizzazione terroristica che si finanzia con il rapimento di ostaggi. Non è raro che il sequestro si concluda con una decapitazione in caso di mancato pagamento del riscatto.

17:48Uomo colpito con mattonella da vicino, morto in ospedale

(ANSA) - MILANO, 21 AGO - E' morto oggi al Policlinico di Milano Salvatore Milici, l'uomo che il 17 agosto era stato aggredito e colpito con una mattonella in via Chiesa Rossa da Hamdan Hicham, un suo vicino di casa poi arrestato. Il sessantaduenne era stato operato il giorno stesso dell'aggressione al cervello, ed era ricoverato nel reparto di Neurochirurgia.

Archivio Ultima ora