Netflix: record abbonati, oltre cento milioni nel mondo

Pubblicato il 18 luglio 2017 da ansa

Netflix

Netflix, record abbonati, oltre 100 milioni nel mondo

ROMA. – Netflix conquista sempre più abbonati e ad oggi ne conta oltre 100 milioni in tutto il mondo, premiata da produzioni originali e distribuzione serie di successo come “Stranger things”, “Tredici” e “House of cards”. Ma la vera sorpresa è che per la prima volta nella sua storia, la maggior parte degli abbonati – poco più di 52 milioni su un totale di 104 milioni – sono al di fuori degli Stati Uniti.

E’ il traguardo che emerge dal report sui conti trimestrali che la società californiana ha diffuso nella tarda serata di ieri. Nel secondo trimestre il colosso dello streaming on demand, ha messo a segno un boom di nuovi abbonati battendo ogni previsione: 5,2 milioni di nuovi iscritti contro i 3,2 milioni attesi dagli esperti anche in considerazione del fatto che questa fase dell’anno è tradizionalmente più fiacca in termini di sottoscrizioni.

Basta paragonare i dati di un anno fa, quando nello stesso periodo i nuovi utenti erano stati solo 1,7 milioni, ben al di sotto dei 2,5 milioni previsti. Spacchettando i dati di quest’ultima impennata, viene fuori che negli Stati Uniti i nuovi abbonati sono stati 1,07 milioni, contro i circa 600.000 attesi dagli esperti, mentre all’estero hanno raggiunto i 4,14 milioni, un milione in mezzo in più di quanto ci si aspettava.

Con questi risultati, Netflix – sbarcata sul mercato italiano a fine 2015 – ha archiviato il secondo trimestre con un aumento dei ricavi del 32% a 2,8 miliardi di dollari, superando la stima media di 2,76 miliardi. L’utile si è attestato invece sui 66 milioni di dollari pari a 15 cent per azione, un livello leggermente inferiore alla stima media di 16 cent di cui il mercato non ha ovviamente tenuto conto. All’apertura di Wall Street il titolo è partito al rialzo mettendo a segno un guadagno del 9,7% a 177 dollari.

Ultima ora

12:52Zimbabwe: tv, Mnangagwa giura venerdì come presidente

(ANSA) - IL CAIRO, 22 NOV - Si terrà dopodomani venerdì la cerimonia di giuramento del nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa: lo scrive il sito dell'emittente pubblica del paese, la Zbc, il giorno dopo le dimissioni dell'ormai ex capo di Stato Robert Mugabe. "Il compagno Mnangagwa arriverà nel paese oggi alle sei del pomeriggio alla base aerea di Manyame, ad Harare", precisa il sito citando proprie "buone" fonti ufficiali.

12:47Libano: Hariri sospende dimissioni su richiesta Aoun

(ANSAmed) - BEIRUT, 22 NOV - Il premier libanese Saad Hariri ha detto che il presidente Michel Aoun gli ha chiesto di riflettere sulla decisione di dimettersi. Hariri ha parlato poco fa dal palazzo presidenziale di Baabda in un discorso trasmesso in diretta dai media libanesi. "Ho presentato le dimissioni al presidente e lui ha auspicato che si prenda tempo per riflettere sulle cause (delle dimissioni). Ho risposto a questo auspicio, con la speranza che si arrivi a un dialogo e che si risolvano i problemi del paese".

12:46Migranti: da Prefetto Venezia i 55 partiti dal padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 NOV - Gli ultimi 55 migranti che, nei giorni scorsi avevano lasciato il centro di Conetta nel veneziano, saranno ricevuti dal Prefetto di Venezia Carlo Boffi. I 'superstiti' della lunga marcia che li ha portati a girovagare dal veneziano fino al padovano dove hanno trascorso la notte in una struttura religiosa a Rubano, stamane con un bus messo a disposizione dalla Prefettura sono stati accompagnati a Venezia dove porteranno le loro ragioni e si deciderà della loro sorte in Prefettura. I migranti avevano lasciato Conetta in massa perché ritenevano inadeguata l'ospitalità che si protraeva da tempo nella struttura da loro ritenuta scomoda ma anche per le lunghezze burocratiche nel decidere il loro status. Alcuni di loro sono stati sistemati in luoghi alternativi ma la maggior parte di loro, alla fine, ha fatto ritorno a Conetta dove gli ospiti, ad oggi, sono meno di un migliaio.

12:28Australia: si dimette ct Postecoglou, niente Mondiali

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - C'è chi ai Mondiali non può partecipare per non essersi riuscito a qualificare e chi, invece, non andrà per scelta personale. E' il caso del ct dell'Australia, Ange Postecoglou, che ha deciso di rassegnare le dimissioni una settimana dopo avere staccato il biglietto - alla guida dei 'socceroos' - per Russia 2018. Una decisione che ha colto tutti di sorpresa, dopo il successo sull'Honduras nello spareggio intercontinentale. Da quattro anni Postecoglou, vittorioso della Coppa d'Asia 2015, era alla guida della Nazionale australiana di calcio, che adesso dovrà affrontare i Mondiali con un'altra guida tecnica. "Ho speso troppo a livello mentale e nervoso, non me la sento di continuare - le parole che il ct dimissionario ha affidato al sito ufficiale della Federcalcio australiana -: è stato un privilegio allenare la Nazionale del mio Paese, ma non me la sento di continuare.

12:09Calcio: ds Monchi a Berizzo “Forza Mister, non arrenderti”

(ANSA) - ROMA, 22 NOV - "Forza Mister, sei nel posto migliore del mondo per non arrenderti e non mollare mai, vincerai sicuramente questa battaglia. Un abbraccio di cuore. #animoToto ". Così, dal proprio account di Twitter, Ramon Rodríguez Verdejo, detto Monchi, direttore sportivo della Roma, manifesta il proprio sostegno all'allenatore del Siviglia, Eduardo Berizzo, che ha reso noto - tramite il proprio club di appartenza - di essere malato di cancro. Tanti gli attestati di solidarietà al tecnico argentino da parte di altri ex tesserati per il Siviglia, come Monchi. Fra essi Unai Emery, attuale allenatore del PSG ("supporto e amore non ti mancheranno in questa lotta"). Tweet di sostegno anche da parte dell'altra società di Siviglia, il Betis, che invita Berizzo ad avere "molta forza e grande carattere".

11:48Mladic: attesa all’Aja la sentenza contro ‘boia Srebrenica’

(ANSA) - L'AJA, 22 NOV - Oggi si attende la sentenza del Tribunale per la ex Jugoslavia dell'Aja a carico di Ratko Mladic, che si trova in aula. L'ex generale (75 anni) comandante delle forze serbo-bosniache è accusato di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra durante il conflitto in Bosnia del 1992-95. Mladic, tra le altre cose, è accusato di essere stato alla testa delle peggiori atrocità commesse durante il conflitto, come l'assedio di tre anni di Sarajevo ed il massacro di ottomila musulmani nell'enclave di Srebrenica, la peggiore esecuzione di massa in Europa dalla Seconda guerra mondiale. La corte del tribunale dell'Onu, formata da tre giudici, si pronuncerà oggi. Se giudicherà Mladic colpevole, emetterà subito la sentenza. L'accusa aveva chiesto l'ergastolo.

11:47Riina: salma tumulata nel cimitero di Corleone

(ANSA) - CORLEONE (PALERMO), 22 NOV - Arrivata stamane a Palermo con il traghetto da Napoli, la salma di Totò Riina è stata portata nel cimitero di Corleone dove è stata tumulata alla presenza della vedova Ninetta Bagarella, e di tre dei quattro figli: Lucia, Concetta e Salvo; Giovanni è in carcere. I parenti, circondati da polizia e carabinieri, sono poi andati via su una Fiat Punto, senza dire una parola ai giornalisti presenti. Fra Giuseppe Gentile, parroco della chiesa di Maria Santissima delle Grazie di Corleone, ha benedetto la salma.

Archivio Ultima ora