Governo: si dimette il ministro Costa, interim a Gentiloni

Pubblicato il 19 luglio 2017 da ansa

Costa si dimette

Governo Gentiloni, il ministro Costa presta giuramento

ROMA. – Enrico Costa lascia il governo, per tornare al centrodestra di Silvio Berlusconi. E’ un effetto, come – dicono nel Pd – lo stop alla legge sullo ius soli, dell’avvicinarsi delle elezioni. “Siccome non voglio creare problemi al governo – dichiara Costa – rinuncio al ruolo e mi tengo il pensiero”. Una scelta “inevitabile e tardiva”, lo saluta piccato Angelino Alfano.

Ma gli occhi sono puntati sulla tenuta del governo. E’ l’inizio di una slavina? “Non cambia niente, si vota a fine legislatura”, scommette Matteo Renzi. E il premier Paolo Gentiloni, che per ora assume l’interim agli Affari regionali, si fa garante di quella “stabilità” che serve per “agganciare la crescita dell’Eurozona”.

Le dimissioni del ministro, annunciate in dissenso sulla fiducia allo ius soli, erano nell’aria da domenica, quando Costa aveva espresso la volontà di ricreare un’ala “liberale” che facesse “ponte” con Berlusconi. Perciò Gentiloni, raccontano, apprezza il comportamento dell’esponente centrista, che – osservano dal Pd – con il passo indietro fa una scelta di campo chiara dopo essere andato più volte in rotta di collisione con i ministri Dem sulle scelte da assumere.

Il premier riceve la telefonata di Costa in mattinata, lo ringrazia per il lavoro fatto e assume subito l’interim, che per ora terrà. Martedì sera aveva richiamato Angelino Alfano alle responsabilità di Ap nella maggioranza. Due passaggi che, notano fonti governative, rendono il quadro più chiaro e rafforzano il governo. Ma la navigazione resta a vista, i numeri ballerini, la tenuta a rischio.

E Gentiloni, in una visita a un’azienda nel ferrarese, invoca stabilità in vista della prossima legge di bilancio: “i numeri incoraggianti della crescita”, portano a un “passaggio cruciale che per essere colto ha bisogno della stabilità del quadro politico ed economico, che consenta ai numeri di tradursi in risultati concreti. C’è bisogno di tempo e stabilità” per dare una “spinta” alla creazione di “lavoro”.

Ma sulla manovra, osservano i renziani, “il Pd è nudo”: quando arriverà al voto delle Camere sarà caduta anche l’ultima paura di voto anticipato, si sarà in piena campagna elettorale. Già Mdp fa capire di volersi smarcare in nome di una “svolta”.

E al Senato i numeri rischiano di non esserci più: dal gruppo Fi sarebbero arrivate rassicurazioni al Pd che in questa fase non saranno “aperti i cancelli” del gruppo a chi decidesse di tornare alla casa madre. Ma in autunno chissà, Ap potrebbe disfarsi. E “di certo” il Pd non vuol votare la manovra con Fi.

Renzi da Milano, pur osservando che forse andare a votare prima sarebbe stato “nell’interesse del Paese”, torna a “blindare” il premier. E così se Matteo Salvini e Giorgia Meloni invocano le elezioni, il segretario Pd scandisce bene: “Il governo va a fine legislatura. Punto. Sosterremo a spada tratta Gentiloni fino all’ultimo giorno”.

Poi una nota di apprezzamento per il ministro dimissionario: “Lo stimo, preferisco uno così che gioca pulito piuttosto che quelli che tengono i piedi in due staffe nell’attesa di capire dove andare nella prossima legislatura”. Lo stesso Costa rivela che c’era chi gli consigliava di “mantenere il ruolo dando un colpo al cerchio e uno alla botte”.

Ma le parole di Renzi provocano la reazione irritata dei centristi: “E’ bugiardo e ipocrita fino al midollo, prima ha fatto attaccare Costa dai suoi, ora gli da la stima”.

(di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

16:11Germania, Lindner (Fpd), intesa domani alle 18 o salta tutto

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Un accordo per formare una coalizione 'Giamaica' in Germania, con i cristianodemocratici della Cdu-Csu, i liberali del Fdp e i Verdi, deve emergere domenica sera o salta tutto. Lo ha annunciato oggi alle tv tedesche il leader del Fdp Christian Lindner, confermando indicazione trapelate nelle ore scorse. "Sabato sera alle 18 finisce tutto", ha detto Lindner, riferendosi ai negoziati esplorativi in corso.

16:06Zimbabwe: ‘Mugabe vada via’, lo slogan della protesta

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - Si sta cristallizzando su "Mugabe must go" (Mugabe se ne deve andare) lo slogan della manifestazione di oggi ad Harare, in Zimbabwe. La frase, in inglese, viene usata in particolare per i loro aggiornamenti da tre dei maggiori siti di informazione del paese tra cui quello dello quotidiano governativo Herald. "I cittadini hanno parlato: #MugabeMustGo!!!", ha twittato un ex-ministro dell'Istruzione e avvocato impegnato per la difesa dei diritti umani. David Coltart. In un video sull'hashtag #MugabeMustGo si vedono giovani esultare a braccia levate, urlare e cantare.

15:45Allegri, Italia? fra qualche anno, se mi vogliono…

(ANSA) - TORINO, 18 NOV - Allenare la Nazionale italiana? "In questo momento assolutamente non è la mia ambizione, mi tolgo di scena. Tra qualche anno, invece sì, se me ne daranno la possibilità, altrimenti vado al mare, dove anche sto bene". Così Massimiliano Allegri sul dopo-Ventura alla guida degli azzurri. "Alla Juve sto bene, ho un contratto, dobbiamo fare ancora tante cose insieme - ha detto il tecnico bianconero - ci sono molti obiettivi da raggiungere, c'è da costruire la squadra per il futuro".

15:44Salvini,non capisco Cav,voto a maggio è troppo tardi

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - "Spero si voti il prima possibile e che nessuno voglia tirare a campare. Non capisco perché Berlusconi parli di un voto più avanti a maggio". Lo dice il segretario della Lega Salvini alla fiera 'G! Come giocare' a Milano. Salvini ribadisce che "prima si vota e meglio è, visto che si andrà a un governo di centrodestra dove le idee della Lega saranno determinanti. Chiedete al Cav perché voglia votare a maggio, per me è già troppo tardi". "Entro novembre definiamo il programma della Lega. Poi lo confronteremo con quello degli altri", aggiunge.

15:43Elezioni: Meloni, ok Cav ma no a posticipare data

(ANSA) - L'AQUILA, 18 NOV - "Facciamo un appello alla Corte Europea dei diritti dell'uomo perché la sentenza possa arrivare il prima possibile, Silvio Berlusconi ha tutto il diritto di presentarsi alle prossime elezioni, e lo speriamo perché è un valore aggiunto, però credo che gli italiani debbano andare a votare". Così Giorgia Meloni, presidente nazionale di Fratelli d'Italia, a margine di un evento all'Aquila, rispondendo ai cronisti sulla possibilità di posticipare la data delle prossime elezioni politiche.

15:42Picchiata e costretta in casa, liberata da polizia

(ANSA) - PISTOIA, 18 NOV - E' stata rintracciata dalla polizia e liberata, una ragazza milanese di 21 anni picchiata e costretta in casa da due marocchini trentenni, in Toscana, a Ponte Buggianese. La giovane, la cui scomparsa era stata denunciata dalla sorella a Milano, secondo quanto emerso, avrebbe accettato l'invito di trascorrere alcuni giorni in Toscana da due marocchini trentenni, con uno dei quali in precedenza aveva avuto una breve relazione sentimentale. Ma, dopo una lite per motivi di gelosia, sarebbe stata picchiata, privata del passaporto italiano, dei soldi e del telefono e costretta a restare in casa. Solo quando, dopo alcuni giorni, uno dei due marocchini, avrebbe acconsentito a portarla fuori con sé per fare la spesa, la giovane è stata rintracciata da pattuglie di polizia già in azione sul territorio, dopo una serie di indagini che ne confermavano la presenza a Ponte Buggianese. L'uomo che era con lei è stato arrestato. Ricercato il secondo marocchino che è stato denunciato.

15:33Cc uccide sorella, cognato e padre e si spara, è grave

(ANSA) - SAVA (TARANTO), 18 NOV - Un carabiniere di 53 anni ha ucciso con colpi di pistola la sorella, il cognato e il padre. Poi ha rivolto l'arma contro se stesso e si è sparato. Il militare è ora in fin di vita. E' successo a Sava (Taranto), in via Giulio Cesare. Il carabiniere è in servizio al reparto radiomobile di Manduria. Al momento non si conosce il movente della tragedia.

Archivio Ultima ora