Legenda o leggenda?

Pubblicato il 01 agosto 2017 da Luigi Casale

E’ una leggenda…

 

Vi sarà capitato di leggere la parola “leggenda” a volte con una sola elle (legenda) e altre volte con la doppia elle (leggenda).

A voi, no? Comunque, a me è capitato.

Quando ero più giovane, di fronte a quella che io credevo un’incertezza di scrittura, propendevo a spiegarla col fatto che i testi da me letti, probabilmente, fossero d’epoche differenti, e che la lingua durante la sua evoluzione si fosse stabilizzata con degli adattamenti migliorativi che avrebbero fissato la parola nella forma grafica più attuale, e quindi più rispettosa della sua forma fonetica. Condizionato, com’ero, dal diffuso pregiudizio secondo cui gli antichi siano primitivi rispetto alle generazioni successive. Pregiudizio che andrebbe subito eliminato!

Ora, però so, che esse sono due parole diverse; e che, pur avendo la stessa origine, pur significando – in fin dei conti – la stessa cosa, le due parole designano due cose diverse; esse hanno due referenti differenti. La prima, legenda, è il gerundivo del verbo latino, e significa “cose da leggersi”; e si usa quando si vuole indicare come devono essere interpretati alcuni segni grafici utilizzati convenzionalmente, o altri tipi di abbreviazioni; la seconda è già un sostantivo della lingua italiana, e, pur significando all’origine “cose da leggersi”, oggi sappiamo che essa è il termine tecnico per indicare un genere letterario, la “leggenda” appunto: un “racconto fantastico che in maniera didascalica tende a spigare l’origine di nomi, fatti, tradizioni”.

Ma andiamo con ordine. Abbiamo detto che l’origine delle due parole è il verbo latino lego/lègere (primo significato: leggere). Del verbo lego, la forma “legenda” è il gerundivo. Per chi non ha studiato – o non ha studiato bene – il latino, aggiungo che si tratta di un aggettivo verbale, una specie di participio passivo, come agenda (“cose che si devono fare”), merenda (“cose che si devono meritare”), e tante altre simili che presentano identico suffisso. Questo aggettivo verbale – chiamiamolo così – nella lingua italiana si è trasformato in un sostantivo, caratterizzato proprio dal caratteristico suffisso.

Moltissime forme di questi ex gerundivi latini li usiamo ancora, come: agenda, azienda, bevanda, faccenda, filanda, lavanda, locanda, miranda, mutanda, reverendo, serranda, venerando, veranda; oltre a leggenda, naturalmente. L’originaria forma con la terminazione “a” o è un femminile singolare, oppure è un neutro plurale: nel caso del verbo lègere significa, rispettivamente, o “cosa da leggere”, o “cose da leggere”.

Perciò, le ”legenda” (a parte la novità dell’articolo, è ancora una parola della lingua latina) sono le cose che devono essere lette. Analogamente agenda (dal latino: ago = fare), cose che si devono fare; azienda (sempre da ago ma con diverso esito fonetico e diverso significato, più o meno affine); bevanda …. E qui lascio a voi il compito dell‘interpretazione. Faccenda (facienda, da facio = fare), filanda, lavanda, locanda, miranda (da miror = ammirare), ecc.

Allora, per concludere: la parola “legenda” viene usata per spiegare come si devono leggere i segni grafici di alcune rappresentazioni simboliche (carte geografiche, diagrammi, ecc.). Così le “legenda”, sono l’indice dei segni grafici e le relative declaratorie. Mentre la “leggenda” è il racconto fantastico che spiega origini di parole, di riti, o di altri fatti strepitosi, in cui è centrale l’episodio di qualche metamorfosi (trasformazione).

Anche queste mie chiacchiere sono tutte cose che “si devono leggere”. Da chi ne è interessato, naturalmente.

Luigi Casale

luigicasale
Luigi Casale

Luigi Casale, insegnante in pensione e pubblicista. È nato nel 1943 a Torre Annunziata, alle falde del Vesuvio. Oggi, continuando a mantenere contatti affettivi e culturali con la Campania, vive tra Bressanone (Alto Adige) e Lussemburgo. Durante la sua carriera professionale, ha insegnato nei Licei dell’Alto Adige, nella Scuola Europea di Lussemburgo, e presso il Dipartimento d’italiano dell’Università di Clermont-Ferrand (Francia). Si occupa di didattica delle lingue classiche e di linguistica generale. Nel più ampio quadro delle questioni pedagogiche e sociali, su queste tematiche offrirà la sua collaborazione in questa rubrica.




Ultimi articoli


23 ottobre 2017

Ncigna



17 ottobre 2017

Giorno



02 ottobre 2017

Espedito



26 luglio 2017

Cultura



03 luglio 2017

Idiota



21 giugno 2017

Auguri



12 giugno 2017

Preparare



02 maggio 2017

Ite Missa Est



25 aprile 2017

Virtù



17 aprile 2017

Studium



10 aprile 2017

La scuola



03 aprile 2017

Istruzione, educazione



27 marzo 2017

Amante



14 marzo 2017

“Cicero, pro domo sua”



20 febbraio 2017

Eccetera



13 febbraio 2017

Urbano e villano



23 gennaio 2017

Affatto



09 gennaio 2017

Oratorio



03 gennaio 2017

La Befana



19 dicembre 2016

I pastori



12 dicembre 2016

Tetto, tegola, proteggere



05 dicembre 2016

Marmellata



28 novembre 2016

Erario, fisco e moneta



21 novembre 2016

Primo pelo



14 novembre 2016

Carosello



31 ottobre 2016

Istruzione, educazione



24 ottobre 2016

Ozio e negozio



17 ottobre 2016

Emancipazione



12 settembre 2016

Implicito ed esplicito



22 agosto 2016

Anfiteatro



15 agosto 2016

Teatro



08 agosto 2016

Semplice