Approvato dalla Commissione del Senato, parte il reddito d’inclusione

Parte il reddito d'inclusione
Parte il reddito d’inclusione

ROMA. – La Commissione Lavoro del Senato dà parere favorevole al decreto legislativo per l’introduzione del Reddito di Inclusione (Rei). E soddisfazione viene espressa dalla capogruppo Pd in Commissione Lavoro Annamaria Perente, relatrice del provvedimento.

“E’l’atto conclusivo di una piccola rivoluzione che vede la creazione della prima misura nazionale contro la povertà, costituita da un concreto sostegno economico e da servizi finalizzati ad accompagnare le persone fuori dalla condizione di povertà. E’ un cambiamento di prospettiva fondamentale – afferma – perché significa che lo Stato si prende cura di chi è in difficoltà e attraverso un piano personalizzato mette tutti in condizione di ricominciare”.

“Il Rei – aggiunge – è inserito nei Livelli essenziali delle Prestazioni (Lep) e per questo la legge delega ne prevede la graduale estensione: dai nuclei famigliari più fragili a chi è in condizione di povertà assoluta. Il beneficio sarà erogato dal 1 gennaio 2018. Ma grazie al riordino di tutte le prestazioni assistenziali, dovrà coprire una platea più vasta con il piano nazionale antipovertà”.