Governo e Opposizione in rotta di collisione: inevitabile lo scontro

Pubblicato il 01 agosto 2017 da redazione

CARACAS – E’ oramai solo questione di ore. Il sindaco del Municipio Libertador, jorge Rodriguez, ha assicurato che tutto è pronto per l’insediamento dell’Assemblea Nazionale Costituente, che avverrà nel Palazzo Federale, sede del Parlamento. E così, mentre i neo-eletti si preparano ad assumere la responsabilitá di redigere una Costituzione che sostituisca quella che l’estinto presidente Chàvez ha sempre considerato “la migliore del mondo”, i deputati del Parlamento, riuniti nel Palazzo Federale, hanno approvato una mozione presentata da Juan Miguel Matheus con la quale si disconosce l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente.

Governo e Opposizione, quindi, in rotta di collisione. E lo scontro ormai frontale che pare sia ormai inevitabile sarebbe imminente. Inutili tutti i tentativi dell’ex presidente del governo Spagnolo, Josè Luis Zapatero. Le ultime dichiarazioni del capo della “Commissione Presidenziale per l’Assemblea Nazionale Costituente”, Elías Jaua, sbarrano definitivamente il cammino ad ogni tentativo di dialogo tra Opposzione e Governo ma non tra la dissidenza e i settori meno radicali del “chavismo” e l’Opposizione più razionale. A dimostrazione che forse qualcosa si sta muovendo dietro le quinte per scongiurare uno scontro che potrebbe portare ad un’inutile spargimento di sangue, oltre quello giá versato, la creazione di un nuovo partito socialista promosso dai deputati Ivonne Téllez, Eustoquio Contreras, Germán Ferrer che hanno abbandonato il Gran Polo Patriotico. I tre deputati hanno sempre considerato l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente non solo illegittima poichè non avallata dal referendum ma anche un grosso errore politico.

Intanto il mondo politico è sempre più critico nei confronti del governo del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, in particolare dopo l’annuncio di voler arrestare i leader dell’opposione e i deputati del Parlamento, ritenuti colpevoli di promuovere la violenza.

Assai critico la politica italiana, a cominciare dal premier Paolo Gentiloni che su Twitter, ha scritto:

“Arresto dei leader opposizione inaccettabile. Italia impegnata contro rischio dittatura e guerra civile”.

Sul sito del governo italiano, poi, è stata pubblicata la dichiarazione del presidente del Consiglio rilasciata in un’intervista in cui afferma che l’Italia non riconoscerà “l’Assemblea costituente voluta da Maduro”.

Matteo Renzi, segretario del Partito Demcoratico ed ex premier, dal canto suo ha scritto su Facebook:

“Ciò che sta accadendo in Venezuela continua a essere ignorato da larga parte della comunità internazionale. Lo so, siamo ad agosto, abbiamo tutti voglia di staccare e abbiamo ragione. Ma quel popolo che muore di violenza e di fame non può essere abbandonato”.

Ha poi proseguito:

 “Le immagini di un giovane violinista, di una mamma in coda a cercare cibo per suo figlio, di ragazzi che chiedono libertà e benessere devono continuare a scuotere le coscienze in tutto il mondo. Il regime di Caracas, che qualcuno anche in Italia considerava un modello, sta distruggendo la libertà e il benessere di un popolo bello e fiero. Non giriamoci dall’altra parte. Almeno non anche noi”.

Ancora una volta, il senatore Pier Ferdinando Casini, presidente della commissione Affari esteri, all’inizio della seduta del Senato ha spezzato una lancia a favore del connazionale Alfredo Ledezma, ex sindaco di Caracas, e Leopoldo López, leader di Volontà Popolare, ai quali è stato revocato l’arresto domiciliare.

– Leopoldo Lopez e il legittimo sindaco di Caracas, Antonio Ledezma, che era agli arresti domiciliari, entrambi esponenti dell’opposizione – ha detto il senatore Casini -, sono stati prelevati da casa questa mattina all’alba da forze della polizia bolivarista e non si sa dove siano stati portati. Vorrei che il Senato, che è stata la prima voce che si è levata per solidarizzare con il Parlamento e con il popolo venezuelano, mandasse un messaggio chiaro: dell’incolumità fisica di questi due esponenti e leader venezuelani è, a pieno titolo, responsabile il presidente Maduro, per tutto quello che potrà succedere nelle prossime ore. Le famiglie, infatti, – ha aggiunto – ci chiedono di lanciare questo appello a difesa dei diritti delle persone e della loro incolumità fisica. Ieri – prosegue Casini – il presidente Gentiloni e il nostro ministro degli Esteri Alfano hanno usato parole chiare, limpide e trasparenti. Hanno parlato di deriva totalitaria e dittatoriale, con votazioni imposte al popolo di un’assemblea costituente che in alcun modo l’Europa e l’Italia riconoscono

Il leghista Alessandro Pagano, del’Intergruppo Parlamentare Italia-Venezuela, dopo duri apprezzamenti sul governo del presidente Maduro ha chiesto “sanzioni rigorose contro il governo”.

– Gentiloni – ha detto il leghista – sostenga la posizione degli Usa e alzi la voce nelle opportune sedi internazionali.

Se l’Europa e gli Stati Uniti hanno condannato l’elezione dell’Assemblea Nazionale Costituente e la stragrande maggioranza dei paesi latinoamericani ha affermato che non la riconosceranno Cuba, Nicaragua e Bolivia hanno manifestato solidarietà verso il governo del presidente Maduro. Il regime castrista ha sottolineato che le elezioni per la Costituente hanno dimostrato che i venezuelani sono poadroni della propria sovranità.

Il presidente boliviano, Evo Morales, si è congratulato con i venezuelani per la loro “partecipazione democratica” nelle elezioni, e il collega nicaraguense, Daniel Ortega, ha telefonato personalmente a Maduro per congratularsi per le elezioni.

Toni molto piú moderati, invece, dal governo di Lenin Moreno mentre la crisi venezuelana ha provocato crepe nella coalizione di sinistra al governo.

Iinfine, da rilevare quanto affermato da Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo:

– Ho inviato due lettere al Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e al Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker chiedendo la possibilità di congelare i beni e di imporre un divieto di viaggio nell’Ue ai membri del governo venezuelano, compreso il suo presidente, Nicolas Maduro e il suo entourage.

Ultima ora

07:50India: offerta ricompensa a chi ‘brucera’ viva’ attrice

NEW DELHI - Intense per lo stop imposto dalla censura al debutto nelle sale previsto per l'1 dicembre, le polemiche intorno al film storico 'Padmavati' del regista Sanjay Leela Bhansali si sono ulteriormente infiammate in India dopo che ieri un gruppo marginale di difesa della 'casta dei cavalieri' ha offerto una ricompensa di dieci milioni di rupie (oltre 130.000 euro) per "chi brucerà viva la protagonista, Deepika Padukone". Tratto da 'Padmavat', un poema epico del XVI secolo, il film racconta la storia di una regina indu' (Rani Padmini, nota anche come Padmavati) che, per non cadere nelle mani del sultano di Delhi, Alauddin Khalji, al termine di un lungo assedio del Chittor Fort nel 1303 preferi' immolarsi con il fuoco insieme a tutte le altre donne.

07:44Afghanistan: liberati 30 da prigione talebani in Helmand

KABUL - Forze speciali afghane hanno liberato ieri un gruppo di almeno 30 persone, fra cui anche bambini, da una prigione dei talebani nella provincia meridionale afghana di Helmand. Lo riferisce la tv Tolo di Kabul. Fonti dell'amministrazione locale hanno reso noto che l'operazione di salvataggio e' avvenuta nel distretto di Nawzad. I prigionieri, si e' appreso, erano accusati di aver collaborato con il governo, contro gli insorti.

07:40Uragani:migliaia in corteo a Washington per aiuti Porto Rico

WASHINGTON - Migliaia di persone hanno sfilato oggi nella capitale nella marcia dell'unita' a sostegno dei fondi per i danni degli uragani a Porto Rico, che versa ancora in condizioni di emergenza. La folla, sventolando bandiere dell'isola caraibica, ha invaso il Mall ed e' arrivata sino a Capitol Hill.

07:31Trump, prossima settimana decido su import trofei elefanti

WASHINGTON - Donald Trump ha reso noto via Twitter che annuncera' la prossima settimana la sua decisione sull'importazione di grandi trofei di caccia, la cui autorizzazione ha sospeso nei giorni scorsi sull'onda delle proteste. "Sara' molto difficile farmi cambiare idea che questo spettacolo dell'orrore in qualche modo aiuta la conservazione degli elefanti o di altri animali", ha spiegato.

02:15Germania: Lindner, salta il tavolo ‘Giamaica’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Salta il tavolo dei cosiddetti partiti "Giamaica" a Berlino, dove Cdu, Csu, liberali e verdi hanno condotto delle trattative preliminari nelle ultime due settimane, per arrivare alle consultazioni di un possibile governo a quattro. Lo ha reso noto il leader dei liberali Christian Lindner, che ha annunciato di lasciare il tavolo. "Manca la fiducia di base" fra i partiti, detto Lindner, affermando ai cronisti che i liberali non vogliono "piantare in asso" gli elettori, e che, in questa situazione, "è meglio non governare".

01:32Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - Risultati dell'ottava giornata del campionato di serie A di basket: Umana Reyer Venezia - The Flexx Pistoia 84-80 (ieri) Vanoli Cremona - Grissin Bon Reggio Emilia 68-71 (ieri) Germani Brescia - Betaland Capo d'Orlando 87-53 Dolomiti Energia Trentino - VL Pesaro 91-74 Happy Casa Brindisi - Segafredo Bologna 79-75 EA7 Emporio Armani Milano - Sidigas Avellino 92-94 Openjobmetis Varese - Banco Sardegna Sassari 61-82 Fiat Torino - Red October Cantù 89-94 - Classifica: Brescia 16; Venezia 14; Milano, Torino e Avellino 12; Sassari e Cantù 8; Varese, Trentino, Bologna, Cremona e Capo d'Orlando 6; Pesaro, Pistoia, Reggio Emilia e Brindisi 4.

00:27Calcio: Inter-Napoli 2-0

(ANSA) - MILANO, 19 NOV - Una doppietta nella ripresa del capitano Icardi, ancora una volta per match winner, regala all'Inter il successo per 2-0 sull'Atalanta nel posticipo domenicale della 13/a giornata. Il successo rilancia la squadra di Luciano Spalletti alle spalle del Napoli, ovvero al secondo posto a -2 dalla capolista (33 punti contro 35).

Archivio Ultima ora