Trump firma le sanzioni contro la Russia, ma è scontro con il Congresso

Pubblicato il 02 agosto 2017 da ansa

WASHINGTON. – Lo faccio “in nome dell’unità del Paese”. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non manca di manifestare il suo disappunto per il testo uscito da un accordo bipartisan a Capitol Hill e approvato a vastissima maggioranza dal Congresso che dispone nuove sanzioni contro la Russia. Così nel firmare il provvedimento che giaceva da giorni sul suo tavolo si abbandona a commenti tanto poco ortodossi quanto chiari, descrivendo la misura come “significativamente imperfetta” a tratti perfino incostituzionale.

Ma soprattutto sferra un duro attacco al Congresso, accusandolo di inefficacia e rigira il coltello nella piaga quando ricorda che non è stato nemmeno in grado di approvare una legge sulla riforma della Sanità dopo averne parlato per sette anni. E’ l’inizio di una potenziale guerra tra i due estremi di Pennsylvania Avenue: la prima a rispondere a tono è la leader della minoranza democratica Nancy Pelosi, esortando la maggioranza repubblicana a non consentire che la Casa Bianca – e il presidente in particolare – si dimeni al punto di scrollasi di dosso la responsabilità di una risposta vigorosa a Mosca. Risposta che il Congresso ha voluto soprattutto come punizione per le presunte interferenze russe nelle elezioni americane.

Così il provvedimento toglie al presidente la capacità di un’azione diretta per sollevare le sanzioni e Trump reagisce, affermando che la misura – relativa anche ad Iran e Corea del Nord – pone un freno alla possibilità di negoziare a favore degli americani e concede quindi un vantaggio agli altri, alla concorrenza. Per il presidente ‘businessman’ è inconcepibile.

Il Congresso resta granitico sul suo testo, quello che comincia a scricchiolare e’ il rapporto con il presidente, mai stato idilliaco ma che adesso comincia a mostrare crepe a partire dal Senato, dove se non si può ancora parlare di ‘rivolta’ conclamata di sicuro ribolle di malcontento.

Le strigliate del presidente sulla revoca e sostituzione di Obamacare hanno lasciato il segno, e se simbolo dell’indipendenza dell’aula resta il ‘no’ del senatore John McCain risultato decisivo nella bocciatura della revoca di Obamacare, sono sempre di piu’ a ripetere “noi lavoriamo per il popolo americano, non per il presidente”, come sottolineato dal senatore Tim Scott del Sud Carolina.

In questi giorni poi si dibatte parecchio anche dello ‘strappo’ messo nero su bianco in un libro dal senatore conservatore Jeff Flake che esorta i compagni di partito al rifiuto del ‘trumpismo’. Però sull’immigrazione con alcuni si lavora ancora all’unisono, così il presidente è comparso alla Casa Bianca accanto ai senatori repubblicani Tom Cotton e David Perdue a sostegno della loro proposta per cambiare il sistema di immigrazione legale.

“La riforma più significativa in mezzo secolo”, ha detto Trump del provvedimento, che prevede nuovi limiti e nuovi criteri, favorendo chi parla la lingua inglese e ha mezzi di sostentamento. Un provvedimento che dovrà però passare il test del Congresso e l’iter si prospetta lungo e articolato.

Intanto le polemiche viaggiano su binari propri: rispetto all’ultima gaffe del presidente secondo cui, a quanto pare, la Casa Bianca “è una catapecchia”. Lo ha confessato ai membri del suo golf club di Bedminster – scrive ‘Golf Magazine’ – spiegando così il motivo per cui i fine settimana va via da Washington. Immediate le critiche, a partire da Chelsea Clinton che ha preso le difese di “uscieri, maggiordomi, giardinieri, idraulici, ingegneri della Casa Bianca”.

Emerge intanto un altro potenziale grattacapo, con il New York Times che, citando un documento interno alla Casa Bianca, segnala l’intenzione dell’amministrazione Trump di procedere per vie legali contro le politiche di ammissione ai college basate sulla ”azione positiva’, con le quali vengono discriminati gli studenti bianchi.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

15:16Calcio: Torino, Ansaldi operato a Monaco,intervento riuscito

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - E' "perfettamente riuscito" l'intervento di sports Hernia, l'ernia dello sportivo, a cui è stato sottoposto Cristian Ansaldi. Il difensore del Torino, che ha anticipato l'intervento già previsto per giugno approfittando dalla lesione muscolare alla lesione destra che comunque l'avrebbe tenuto fuori fino al 2018, è stato operato dalla professoressa Ulrike Mushawech alla Atos Klinik di Monaco di Baviera. Era presente anche il responsabile sanitari del club granata, Rodolfo Tavana. Nei prossimi giorni, informa il club, Ansaldi verrà dimesso e tornerà a Torino dove lavorerà con lo staff medico granata per riprendere l'attività sportiva. I tempi per il recupero all'attività agonistica non sono stati resi noti.

15:15Calcio: Udinese, Oddo “a Napoli per passare il turno”

(ANSA) - UDINE, 18 DIC - "Non sottovalutiamo l'impegno di Coppa, andiamo a Napoli per vincere, per passare il turno. Se poi saranno più bravi di noi...". Il proclama arriva dal tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, nella conferenza stampa della vigilia in vista della gara degli ottavi di coppa Italia a Napoli, che riporta i bianconeri di fronte alla capolista, dopo il successo di sabato con l'Inter. Una gara preparata "questa mattina", con un occhio al prossimo impegno di campionato sabato con l'Hellas Verona che porterà un inevitabile turnover: "Ci sono due partite in una settimana, quindi è normale provare a gestirle, con i pro e i contro, a prescindere contro chi giochi. Qualcuno ha bisogno a livello fisico di recuperare, chi va in campo va a cogliere una opportunità importante", ha aggiunto annunciando che in porta giocherà Scuffet e con gli uomini contati in difesa ne confermerà "due su tre".

15:13Romania: migliaia in piazza contro riforma giustizia

(ANSAmed) - BELGRADO, 18 DIC - In Romania migliaia di persone hanno nuovamente manifestato ieri sera in varie città del Paese contro la riforma del sistema giudiziario varata dal governo del premier socialdemocratico Mihai Tudose, accusata di minare lo stato di diritto e vanificare la lotta alla corruzione dilagante. Nella capitale Bucarest circa 5 mila persone hanno percorso in corteo il centro della città partendo dalla sede del governo e raggiungendo il parlamento, dove oggi è in programma una seduta dedicata all'esame della legge contestata. "Vogliamo giustizia, non corruzione", "Governo covo di ladri", hanno scandito i manifestanti che hanno sfidato il maltempo e il freddo intenso. Proteste popolari si sono registrare in diverse altre città quali Timisoara, Cluj, Brasov.

15:10Germania: parenti vittime Amri da Merkel, assenti Di Lorenzo

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I parenti delle vittime dell'attentato del mercatino di Natale di Berlino incontrano stamattina la cancelliera Angela Merkel, a un anno dalla tragedia che li ha colpiti. Non ci saranno, però, i parenti di Fabrizia Di Lorenzo, che non verranno nella capitale tedesca neppure domani per la commemorazione ufficiale, nella data del primo anniversario. I Di Lorenzo, come i familiari delle altre 11 vittime di Anis Amri, il tunisino che travolse la folla nella Breitscheidplatz con un camion, hanno firmato una lettera aperta alla Merkel, criticando la gestione complessiva dell'accaduto e rimproverandole, fra l'altro, di non aver porto loro le condoglianze personalmente, in un anno. La settimana scorsa, il delegato per i familiari delle vittime Kurt Beck ha reso pubblico un rapporto in cui con le denunce dei parenti delle vittime sulle tante mancanze del sistema, si faceva autocritica.

Archivio Ultima ora