Trump firma le sanzioni contro la Russia, ma è scontro con il Congresso

Pubblicato il 02 agosto 2017 da ansa

WASHINGTON. – Lo faccio “in nome dell’unità del Paese”. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump non manca di manifestare il suo disappunto per il testo uscito da un accordo bipartisan a Capitol Hill e approvato a vastissima maggioranza dal Congresso che dispone nuove sanzioni contro la Russia. Così nel firmare il provvedimento che giaceva da giorni sul suo tavolo si abbandona a commenti tanto poco ortodossi quanto chiari, descrivendo la misura come “significativamente imperfetta” a tratti perfino incostituzionale.

Ma soprattutto sferra un duro attacco al Congresso, accusandolo di inefficacia e rigira il coltello nella piaga quando ricorda che non è stato nemmeno in grado di approvare una legge sulla riforma della Sanità dopo averne parlato per sette anni. E’ l’inizio di una potenziale guerra tra i due estremi di Pennsylvania Avenue: la prima a rispondere a tono è la leader della minoranza democratica Nancy Pelosi, esortando la maggioranza repubblicana a non consentire che la Casa Bianca – e il presidente in particolare – si dimeni al punto di scrollasi di dosso la responsabilità di una risposta vigorosa a Mosca. Risposta che il Congresso ha voluto soprattutto come punizione per le presunte interferenze russe nelle elezioni americane.

Così il provvedimento toglie al presidente la capacità di un’azione diretta per sollevare le sanzioni e Trump reagisce, affermando che la misura – relativa anche ad Iran e Corea del Nord – pone un freno alla possibilità di negoziare a favore degli americani e concede quindi un vantaggio agli altri, alla concorrenza. Per il presidente ‘businessman’ è inconcepibile.

Il Congresso resta granitico sul suo testo, quello che comincia a scricchiolare e’ il rapporto con il presidente, mai stato idilliaco ma che adesso comincia a mostrare crepe a partire dal Senato, dove se non si può ancora parlare di ‘rivolta’ conclamata di sicuro ribolle di malcontento.

Le strigliate del presidente sulla revoca e sostituzione di Obamacare hanno lasciato il segno, e se simbolo dell’indipendenza dell’aula resta il ‘no’ del senatore John McCain risultato decisivo nella bocciatura della revoca di Obamacare, sono sempre di piu’ a ripetere “noi lavoriamo per il popolo americano, non per il presidente”, come sottolineato dal senatore Tim Scott del Sud Carolina.

In questi giorni poi si dibatte parecchio anche dello ‘strappo’ messo nero su bianco in un libro dal senatore conservatore Jeff Flake che esorta i compagni di partito al rifiuto del ‘trumpismo’. Però sull’immigrazione con alcuni si lavora ancora all’unisono, così il presidente è comparso alla Casa Bianca accanto ai senatori repubblicani Tom Cotton e David Perdue a sostegno della loro proposta per cambiare il sistema di immigrazione legale.

“La riforma più significativa in mezzo secolo”, ha detto Trump del provvedimento, che prevede nuovi limiti e nuovi criteri, favorendo chi parla la lingua inglese e ha mezzi di sostentamento. Un provvedimento che dovrà però passare il test del Congresso e l’iter si prospetta lungo e articolato.

Intanto le polemiche viaggiano su binari propri: rispetto all’ultima gaffe del presidente secondo cui, a quanto pare, la Casa Bianca “è una catapecchia”. Lo ha confessato ai membri del suo golf club di Bedminster – scrive ‘Golf Magazine’ – spiegando così il motivo per cui i fine settimana va via da Washington. Immediate le critiche, a partire da Chelsea Clinton che ha preso le difese di “uscieri, maggiordomi, giardinieri, idraulici, ingegneri della Casa Bianca”.

Emerge intanto un altro potenziale grattacapo, con il New York Times che, citando un documento interno alla Casa Bianca, segnala l’intenzione dell’amministrazione Trump di procedere per vie legali contro le politiche di ammissione ai college basate sulla ”azione positiva’, con le quali vengono discriminati gli studenti bianchi.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

20:58Sci: Italia Team, gigantisti in Argentina

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Continua secondo programma il raduno dei gigantisti azzurri già presenti sulle nevi di Ushuaia. In Argentina sono presenti Stefano Gross, Simon Maurberger, Manfred Moelgg, Tommaso Sala e Patrick Thaler che sinora hanno potuto lavorato sette giorni con buone condizioni di pista, intervallati con un giorno di riposo previsto in anticipo. In tre giornate sono state svolte una doppia sessione al mattino e al pomeriggio, alternando tracciati e le specialità di gigante e slalom. Domenica è piovuto al mattino e le condizioni non erano buone, tuttavia il gruppo è riuscito a sciare ugualmente al pomeriggio, quando é arrivato il freddo. Il quintetto rimarrà nella Terra del Fuoco fino al 5 settembre e nelle prossime ore verrà raggiunto dalla parte restante del team composto da Giovanni Borsotti, Luca De Aliprandini, Roberto Nani e Riccardo Tonetti. Questi ultimi si trasferiranno poi a Valle Nevado dal 5 settembre (dove troveranno Florian Eisath), insieme ai velocisti che nel frattempo saranno arrivati in Cile.

20:57Calcio: Preziosi, Genoa con Juve cercherà di fare la gara

(ANSA) - GENOVA, 22 AGO - "Giocheremo in casa e il nostro spirito sarà quello di cercare di fare la partita e di non mollare di un centimetro. D'altra parte si vede anche dall'intensità degli allenamenti e da quanto sono duri. Sarà una partita difficilissima ma vogliamo ben figurare nonostante le forze in campo siano diverse. Di sicuro non saremo una comparsa". Parole di Enrico Preziosi, presidente del Genoa, in visita oggi al centro sportivo Signorini per seguire gli allenamenti dei suoi giocatori. Il prossimo obiettivo si chiama Juventus, che i rossoblù affronteranno sabato al Ferraris in anticipo. Preziosi ha anche analizzato il pareggio dell'esordio a Reggio Emilia contro il Sassuolo. "Avremmo meritato la vittoria ma nel calcio capita che chi gioca meglio non sempre vince", ha detto.

20:45Calcio: Cristiano Ronaldo, confermata squalifica 5 turni

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Anche l'ultimo giudice sportivo d'appello, il Tribunale amministrativo dello sport (Tad), ha confermato le cinque giornate di squalifica inflitte a Cristiano Ronaldo per la spinta all'arbitro dopo l'espulsione nella partita di andata della finale di Supercoppa di Spagna contro il Barcellona. Il Real Madrid aveva presentato ricorso sperando in un piccolo sconto, ma non c'è stato niente da fare. Così il fuoriclasse portoghese. che ha già saltato il ritorno di Supercoppa e l'esordio in Liga a La Coruna, sarà assente anche per le prossime tre partite di campionato contro Valencia, Levante e Real Sociedad tornando in campo solo il 20 settembre al Santiago Bernabeu contro il Betis Siviglia.

20:37Calcio: Champions, Celtic qualificato alla fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il Celtic è la prima squadra a qualificarsi per la fase a gironi di Champions League. Gli scozzesi sono stati battuti in Kazakhstan dall'Astana per 4-3 ma passano in virtù del successo per 5-0 nella partita di andata. Questa la successione delle reti: nel pt al 26' aut. Ajer (A), al 34' Sinclair (C); nel st al 2' Muzhikov (A), al 3' e 23' Twumasi (A), al 35' Ntcham (C), al 45' Griffiths (C).

20:26Taekwondo: n.1 Fita Cito nel Consiglio WT

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il n.1 della World Taekwondo, Chungwon Choue, ha nominato il presidente della Federazione italiana Taekwondo (Fita), Angelo Cito, nuovo componente del Consiglio mondiale WT. Riconfermati alla vicepresidenza il membro Cio Coliseo Eduardo Dibos (Perù) e il n.1 della federazione azera, Kamaladdin Heydarov. Nominati anche altri tre membri al Consiglio: il membro Cio Aicha Garad Ali (Gibuti), il presidente della federazione di Trinidad e Tobago, Anthony Ferguson, e Marliu de Veer (Aruba). "Ci stiamo concentrando nel far ritornare l'atleta al centro del nostro mondo e stiamo aggiornando le attività umanitarie - ha detto Chungwon Choue -. Per far questo abbiamo aggiunto nuovi membri al nostro team di leadership. Gli ultimi appuntamenti hanno reso necessario una vasta gamma di competenze, talenti, contatti e persone che, quando saranno unificate sotto il Consiglio WT, aiuteranno la nostra organizzazione a raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi".

20:18Corea Nord: ira Cina per sanzioni Usa, ‘via subito’

(ANSA) - NEW YORK, 22 AGO - "Gli Usa devono correggere immediatamente il loro errore di sanzionare le aziende cinesi per la Corea del Nord": così Pechino replica alle nuove misure annunciate dal Dipartimento al Tesoro americano, per bocca del portavoce presso l'ambasciata cinese a Washington.

19:53Ciclismo: Tour Poitou-Charentes, prima tappa a Viviani

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Nuova vittoria del campione olimpico Elia Viviani (Sky) che a due giorni dal successo alla Cyclassic di Amburgo, ha vinto la prima frazione del Tour du Poitou- Charentes, corsa in cinque tappe che si disputa nell'omonima regione della Francia. Al termine dei 199,5km tra Bressuire e Saintes, il 28enne veronese si è imposto in volata battendo il francese Nacer Bouhanni e l'italiano Danilo Napolitano.

Archivio Ultima ora