Trump perde ancora consensi, stavolta anche a destra

La resistenza anti Trump in America
La resistenza anti Trump in America

WASHINGTON. – Il livello di gradimento per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump continua a calare, fino a toccare un nuovo minimo con il 33% registrato dal più recente sondaggio della Quinnipiac University. Ma il nuovo dato che emerge adesso con chiarezza è che il tycoon comincia a perdere consensi anche a destra, anche tra il suo elettorato ‘naturale’, visto che i numeri registrano un calo di misura maggiore tra i repubblicani che tra i democratici.

Il rilevamento è stato condotto tra il 27 luglio e il primo agosto scorsi su un campione 1.125 elettori su base nazionale raggiunti telefonicamente. Il risultato è che soltanto il 33% ha manifestato approvazione per l’operato del presidente Trump, mentre il 61% si è detto scontento. In un sondaggio analogo condotta a giugno si registrava il 40% di consensi. A giugno inoltre l’84% dei repubblicani interpellati si era detto favorevole all’operato del presidente, nell’ultimo rilevamento invece quella stessa voce si è ridotta al 76%.

E, ancora, il gradimento per Trump risulta in calo anche per quello che è considerato lo zoccolo duro tra gli elettori del Tycoon, ovvero ‘bianchi con titolo di studio inferiore alla laurea’ visto che in questa fascia si registra il 50% di disapprovazione rispetto al 43%. E più in generale il sondaggio rileva che il 54% dell’elettorato americano si dice più imbarazzato che orgoglioso di avere Trump come presidente, con il 26% che è convinto del contrario.

Quello della Quinnipiac University non è l’ultimo sondaggio a evidenziare la tendenza: l’ultimo sondaggio Gallup calcola al 36% il livello di approvazione per Trump a meno di 200 giorni di presidenza, mentre anche uno dei rilevamenti che solitamente registrano cifre più favorevoli al tycoon – condotto dall’istituto di sondaggi Rasmussen – indica nella sua analisi più recente che soltanto il 39% dell’elettorato negli Stati Uniti giudica con favore l’operato di Trump, mentre il 61% disapprova, ed è la prima volta che in un sondaggio Rasmussen il tycoon registra consensi inferiori al 40%.