Onu, missione navale italiana in Libia è la strada giusta

Pubblicato il 08 agosto 2017 da ansa

Missione italiana in Libia

ROMA. – L’Onu ‘benedice’ la missione navale di supporto alla Guardia costiera libica, “è la strada giusta”, mentre Roma chiede alle Nazioni Unite di dare “una spinta decisiva” per assumere “la leadership”, perché in Libia autorità più forti renderanno “più efficace” il contrasto al traffico di esseri umani. L’occasione per ribadire e rilanciare l’iniziativa italiana è arrivata con la visita in Italia, la prima in Europa, dell’inviato speciale Onu, Ghassan Salame’.

“L’Italia è al lavoro da tempo per la stabilizzazione della Libia. Mi auguro che le Nazioni unite diano a questo processo una spinta decisiva”, ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni a Salamè, nel corso di un incontro a Palazzo Chigi. “Autorità libiche più forti – ha evidenziato Gentiloni – renderanno più efficace l’impegno comune contro i trafficanti di esseri umani”.

L’instabilità politica della Libia, ha sottolineato dal canto suo il ministro Angelino Alfano alla Farnesina, “non è una partita di Serie B, è una priorità assoluta: serve una reductio ad unum dei formati negoziali in Libia, l’Onu deve prendere la leadership. Fino ad oggi ci sono stati troppi negoziati, troppi negoziatori e zero risultati finali. Ora serve cambiare passo”.

L’inviato speciale delle Nazioni Unite, ringraziando “di cuore” l’Italia per il sostegno e il supporto alla missione Onu in Libia (Unsmil), ha gettato acqua sul fuoco delle polemiche interne libiche: “So che ci sono state discussioni in Libia, ma credo che la cooperazione e la trasparenza tra Italia e Libia siano il modo più costruttivo” per ottenere risultati.

“Siamo sulla strada giusta in questo settore per trattare una sfida che ci coinvolge tutti quanti”, ha detto Salame’ rispondendo a una domanda sulla missione navale italiana di supporto alla Guardia costiera libica sul fronte della crisi migranti. “Non mi vedrete solo a Tripoli o Badia come è stato in passato – ha poi aggiunto Salame’ con tono critico -. Spero mi possiate vedere anche anche a Bengasi e Misurata: dobbiamo parlare con tutti i libici, voglio recarmi in tutto il Paese prima di presentare le mie idee all’Assemblea generale Onu a settembre”.

E il dialogo inclusivo include il generale Khalifa Haftar: “L’ho incontrato a Parigi. Ha un impatto su una parte della Libia e seguaci nel popolo libico. Sarebbe poco realistico ignorare questa forza nel Paese per un inviato dell’Onu”. Ma per arrivare a soluzioni concrete, serve una voce comune.

Il ministro della Difesa Roberta Pinotti e Salame’ hanno concordato sulla “necessità che i paesi europei parlino con una sola voce per dare un effettivo apporto alla risoluzione della crisi libica, costruendo al contempo un dialogo che includa anche tutte le rappresentanze sociali del paese”.

L’incontro con il rappresentante dell’Onu, si sottolinea alla Difesa, “è di grande rilevanza”. L’ Italia, si legge in un comunicato, “ha ribadito la disponibilità e il forte impegno a partecipare da protagonista, insieme agli altri paesi europei, alla soluzione della situazione libica favorendo anche il raggiungimento della piena capacità ed autonomia delle forze di sicurezza locali”.

(di Claudio Accogli/ANSA)

Ultima ora

20:26Taekwondo: n.1 Fita Cito nel Consiglio WT

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Il n.1 della World Taekwondo, Chungwon Choue, ha nominato il presidente della Federazione italiana Taekwondo (Fita), Angelo Cito, nuovo componente del Consiglio mondiale WT. Riconfermati alla vicepresidenza il membro Cio Coliseo Eduardo Dibos (Perù) e il n.1 della federazione azera, Kamaladdin Heydarov. Nominati anche altri tre membri al Consiglio: il membro Cio Aicha Garad Ali (Gibuti), il presidente della federazione di Trinidad e Tobago, Anthony Ferguson, e Marliu de Veer (Aruba). "Ci stiamo concentrando nel far ritornare l'atleta al centro del nostro mondo e stiamo aggiornando le attività umanitarie - ha detto Chungwon Choue -. Per far questo abbiamo aggiunto nuovi membri al nostro team di leadership. Gli ultimi appuntamenti hanno reso necessario una vasta gamma di competenze, talenti, contatti e persone che, quando saranno unificate sotto il Consiglio WT, aiuteranno la nostra organizzazione a raggiungere nuovi e ambiziosi obiettivi".

20:18Corea Nord: ira Cina per sanzioni Usa, ‘via subito’

(ANSA) - NEW YORK, 22 AGO - "Gli Usa devono correggere immediatamente il loro errore di sanzionare le aziende cinesi per la Corea del Nord": così Pechino replica alle nuove misure annunciate dal Dipartimento al Tesoro americano, per bocca del portavoce presso l'ambasciata cinese a Washington.

19:53Ciclismo: Tour Poitou-Charentes, prima tappa a Viviani

(ANSA) - ROMA, 22 AGO - Nuova vittoria del campione olimpico Elia Viviani (Sky) che a due giorni dal successo alla Cyclassic di Amburgo, ha vinto la prima frazione del Tour du Poitou- Charentes, corsa in cinque tappe che si disputa nell'omonima regione della Francia. Al termine dei 199,5km tra Bressuire e Saintes, il 28enne veronese si è imposto in volata battendo il francese Nacer Bouhanni e l'italiano Danilo Napolitano.

19:44Terrorismo: trolley sospetto ad Ancona, c’era solo cavo rame

(ANSA) - ANCONA, 22 AGO - Un trolley sospetto è stato individuato dai carabinieri ad Ancona nei pressi della fermata dell'autobus in via Marconi. I militari, che erano impegnati nei servizi di sorveglianza rafforzati dopo l'attentato di Barcellona, hanno circoscritto e bonificato l'area interessata, e, insieme agli artificieri della Polizia di Stato hanno verificato che la valigia conteneva solo un cavo di rame arrotolato. L'allarme 'bomba' dunque è velocemente rientrato.

19:35Uccise marito e si costituì: condannata a 8 anni

(ANSA) - AREZZO, 22 AGO - Otto anni è la pena inflitta alla 58enne Paola Marzenta la donna che il 18 ottobre dello scorso uccise a Lonnano, nel comune di Pratovecchio-Stia (Arezzo), il marito 64enne Dino Gori. Il delitto, maturato in seguito ad un diverbio, avvenne alla vigilia dell'udienza definitiva di divorzio della coppia. La sentenza è stata emessa oggi in Tribunale ad Arezzo, il pm Andrea Claudiani aveva chiesto una pena di 14 anni. Il giudice ha accolto parte delle attenuanti richieste dalla difesa, in particolare la perizia svolta dal dottor Mauro Mauri dell'Università di Pisa che attesta la parziale infermità mentale della donna. Paola Marzenta resterà in carcere a Sollicciano, dove è stata portata subito dopo l'arresto. (ANSA).

19:33Iraq: forze governative entrano in primi quartieri Tal Afar

(ANSA) - BAGHDAD, 22 AGO - Le forze lealiste irachene sono entrate oggi nei primi quartieri urbani di Tal Afar, al terzo giorno di un'offensiva volta a riconquistare questo bastione dello Stato islamico situato una sessantina di chilometri a ovest di Mosul verso la frontiera con la Siria. Lo riferiscono fonti militari di Baghdad. Fonti dell'esercito hanno detto che i soldati iracheni, dopo aver strappato all'Isis nei giorni scorsi alcuni villaggi intorno alla città, hanno cominciato ad avanzare nei quartieri orientali di Jazira, Noor e Nassr. Contemporaneamente forze della polizia federale e le milizie della mobilitazione popolare (Hashid Shaabi) a maggioranza sciita hanno ingaggiato combattimenti con i jihadisti dell'Isis nel quartiere occidentale di Kifah. Oltre a Tel Afar, gli uomini del 'Califfato' controllano una larga fascia di territorio lungo la frontiera con la Siria nella provincia di Al Anbar e una vasta sacca intorno ad Hawija, a sud di Mosul.

19:32Ceriscioli, riporteremo la vita in montagna

(ANSA) - ANCONA, 22 AGO - Per le Marche il terremoto ha significato lo sconvolgimento di ''un terzo del territorio regionale'', un cambio di prospettiva radicale, che impegnerà tutte le forze attive della regione per anni. Ma il presidente Luca Ceriscioli è sicuro: ''Riporteremo la vita in montagna, ricostruiremo le nostre comunità, daremo una prospettiva a chi oggi ha 20 anni e magari pensa di andare via da qui''. In un'intervista all'ANSA il governatore traccia un primo bilancio di quanto è stato fatto, spiega le cause dei ritardi, e ragiona sulle prospettive della nuova governance della ricostruzione. Sulla lentezza nella rimozione delle macerie e nella consegna delle casette ci sono molte lamentele: ''La diversità delle Marche - risponde Ceriscioli - è che noi abbiamo avuto il sisma e i morti del 24 agosto ad Arquata, altre due scosse molto forti a ottobre, e a gennaio 5 scosse in sequenza con la neve''. ''Non è una questione di poche città, un terzo del territorio regionale è stato colpito duramente dal sisma''.

Archivio Ultima ora