López agli arresti domiciliari, proibizione di inviare messaggi

López purga una condena de casi 14 años
López purga una condena de casi 14 años

CARACAS. – Leopoldo López si trova agli arresti domiciliari dopo aver trascorso alcuni giorni nella prigione di Ramo Verde dove era stato riportato perché aveva trasmesso un messaggio al paese in un video fatto pubblico attraverso le reti sociali.

Il suo avvocato, Juan Carlos Gutierrez ha informato la stampa che gli è stato proibito inviare qualsiasi tipo di messaggio per mezzi “convenzionali e non” per tutta la durata del periodo di reclusione  che deve compiere.

Questa misura è stata resa pubblica dopo che l’Assemblea Costituente, presieduta da Delcy Rodríguez, ha costituito la “Commissione per la Verità”.

Lopez è stato condannato a quasi 14 anni di prigione per presuntamente promuovere la violenza durante le proteste del 2014.  Ed è stato portato da Ramo Verde, dove scontava la pena, agli arresti domiciliari l’8 luglio. Ma a casa è rimasto soltanto per 25 giorni, dopodiché funzionari del Sebin l’hanno riportato a Ramo Verde con la forza. Questa seconda volta è rimasto in prigione per 5 giorni.

La casa di López è continuamente custodita dagli agenti del Sebin, il prigioniero porta un braccialetto elettronico e gli è stato proibito qualsiasi tipo di comunicazione.