Isis:”Ora tocca all’Italia”. Viminale espelle tre stranieri

Pubblicato il 20 agosto 2017 da ansa

ROMA. – Dopo Barcellona l’Italia affina e rafforza l’apparato di sicurezza già dispiegato. Ad alzare la tensione è anche una minaccia firmata Isis, che sul canale di comunicazione usato dai jihadisti su Telegram, indica l’Italia come “prossimo obiettivo”: a riferirlo è il Site, il sito Usa che monitora l’estremismo islamico sul web. Gli apparati di sicurezza, a livello centrale e territoriale, stanno tarando le contromisure, puntando a ‘blindare’ strade e aree nevralgiche delle città, ma anche tenendo alta la vigilanza sui foreign fighters (125 quelli monitorati) e sui soggetti a rischio: il Viminale ne ha espulsi tre.

Roma pensa a barriere nei punti chiave, come via del Corso e via dei Fori Imperiali; e studia una ‘stretta’ sui controlli dei camion e degli Ncc, le auto a noleggio con conducente che spesso sono van con vetri oscurati. Rafforzamento della sicurezza anche a Milano, con barriere agli accessi della Galleria Vittorio Emanuele e presto in zona Darsena e navigli. Verona chiude piazza Brà, la piazza dell’Arena, con ‘new jersey’ in cemento.

Protezioni e sbarramenti in arrivo anche a Napoli e a Firenze. Militari e squadre speciali antiterrorismo restano a presidio nei principali centri. Ma accanto al controllo del territorio, sono le espulsioni l’altra ‘arma’ di prevenzione messa in campo. Ad una lista che vede raddoppiare i dati rispetto al 2016, si sono aggiunti altri tre provvedimenti di allontanamento per motivi di sicurezza disposti dal ministro dell’Interno, Marco Minniti, che portano a 70 il numero degli espulsi nei primi 7 mesi e mezzo del 2017.

E a Torino altri cinque extracomunitari sono stati espulsi dal prefetto per “indole violenta e criminale”: sono tutti giovanissimi, tra 19 e 21 anni, come i componenti della cellula dell’attentato a Barcellona. Arrivati in Italia da minorenni non accompagnati, presi in carico dai servizi sociali, non hanno completato gli studi né si sono adeguati alle regole delle strutture in cui erano inseriti, e hanno poi intrapreso una vita da balordi tra furti e piccole rapine.

Dei provvedimenti emessi dal Viminale, invece, due riguardano cittadini marocchini – altro elemento che richiama l’attacco a Barcellona così come la nazionalità dell’assalitore che ha colpito a Turku, Finlandia. Il più giovane, 31 anni, era stato fermato a luglio dai carabinieri di Tortona (Alessandria) per il furto di un minibus della società di trasporto pubblico e già nell’aprile 2016 era stato intercettato in stato psicotico mentre si proclamava seguace dello Stato islamico.

L’altro, 38enne, ha una storia di radicalizzazione in carcere: ad aprile, dopo la strage di Stoccolma, festeggiò per l’attacco terroristico. Il terzo espulso è un siriano, arrestato nel 2015 per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina; sottoposto ad obbligo di dimora in una cooperativa di Brognaturo, in Calabria, ha tenuto condotte violente e dopo l’attacco di Manchester ha inneggiato alla jihad.

Ultima ora

14:16Lega: Cozzi vede avvocati, se garanzia sblocco somme

(ANSA) - GENOVA, 19 SET - "Abbiamo esaminato gli aspetti di questo provvedimento. Adesso valuteranno loro cosa fare, se il ricorso al riesame o chiedere altre cose". Lo ha detto il procuratore capo di Genova Francesco Cozzi dopo un incontro, stamani, con i legali della Lega Nord dopo il sequestro delle somme dai conti correnti del partito. "La strada maestra - ha detto Cozzi - è quella della eventuale prestazione di garanzie: per esempio una fideiussione o con un immobile e così potrebbero ottenere lo svincolo delle somme". Nei prossimi giorni l'iter verrà concluso e la procura presenterà una relazione al tribunale in cui chiederà anche se quanto sequestrato è sufficiente o se bisogna proseguire con eventuali somme che il partito otterrà in futuro. L'orientamento, secondo quanto trapela, è di fermarsi a quanto congelato finora. Un milione e 800 mila euro è la cifra finora bloccata dalla guardia di finanza sui conti della Lega sparsi in tutta Italia secondo quanto trapela da Palazzo di Giustizia.

13:50Banche: governo chiede più tempo, slitta voto mozioni

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Il governo, con il sottosegretario Pier Paolo Baretta, chiede nell'Aula del Senato più tempo per tentare di arrivare ad "una soluzione più unitaria possibile" sulle banche. I presentatori delle mozioni che si sarebbero dovute votare oggi accolgono la richiesta, se è per arrivare, come dice Loredana De Petris, "ad uno sforzo di sintesi" e se si arriverà comunque al voto "entro la prossima settimana", come chiede uno dei firmatari, Andrea Augello. MdP che aveva annunciato il suo no alla mozione del Pd dice sì al rinvio, ma "a patto", sottolinea Cecilia Guerra, "che si arrivi ad una calendarizzazione della decisione per martedì prossimo". In Aula si è fatta sentire l'assenza dei senatori della Lega che hanno anche rinunciato ad illustrare la loro mozione.

13:44Migranti: Maroni, sindaci hanno ragione governo dia risposte

(ANSA) - MILANO, 19 SET - "Penso che abbiano ragione i sindaci, loro pongono il problema poi è il governo che deve dare una risposta". Così il governatore lombardo, Roberto Maroni, ha commentato la bocciatura da parte del prefetto di Milano Luciana Lamorgese delle ordinanze anti profughi emesse da alcuni sindaci del centrodestra e della Lega Nord in provincia di Milano. "Credo il governo dovrebbe dare ascolto ai sindaci che non protestano per partito preso ma perché è un problema grave che cade sulle loro spalle - ha aggiunto - senza che ci sia qualcuno che il problema glielo risolve". "Non si tratta spesso di profughi ma di clandestini che vengono messi lì così, senza una soluzione - ha concluso a margine dell'inaugurazione del primo flagship store Lavazza a Milano - È di questi giorni la notizia che sono ripresi gli sbarchi, l'idea che si fossero fermati era un'illusione".

13:42Juve:Allegri “scudetto a 90 punti,vincere con medio-piccole”

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "Sicuramente serviranno 90 punti per vincere lo scudetto". E' la previsione di Massimiliano Allegri che invita la Juventus a non sottovalutare la Fiorentina. "Sarà importante vincere contro le cosiddette medio-piccole - osserva l'allenatore dei bianconeri, alla vigilia della sfida contro i viola -. E' la prima di tre partite che non possiamo e non dobbiamo sbagliare".

13:42Terremoto: domani Boschi inaugura nuova scuola Arquata

(ANSA) - ARQUATA DEL TRONTO (ASCOLI PICENO), 19 SET - Sarà il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Maria Elena Boschi a inaugurare domani ad Arquata del Tronto la nuova scuola donata ai ragazzi del centro terremotato dalla Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Alla cerimonia prenderanno parte anche la commissaria per la Ricostruzione Paola De Mcheli, il presidente della Fondazione Specchio dei Tempi Lodovico Passerin d'Entreves, e il direttore della Protezione civile nazionale Paolo Molinari. Il nuovo plesso scolastico è una struttura antisismica ed ecosostenibile che ospita la scuola di infanzia, le scuole elementari e le scuole medie. Intitolata dal Comune alla Fondazione Specchio dei tempi, è stata costruita in appena 4 mesi. La scuola è completamente cablata e dotata di attrezzature didattiche e tecnologiche avanzate. Sarà uno dei terminali del progetto "Connettiamo i bambini del mondo" lanciato dalla fondazione per favorire lo scambio di esperienze fra gli allievi di scuole italiane, nepalesi, cingalesi e birmane.

13:39Calcio: Allegri, stagione Juve passa da gestione partita

(ANSA) - TORINO, 19 SET - "La nostra stagione, e i nostri risultati, passano dalla gestione della partita". Così Massimiliano Allegri, alla vigilia dell'impegno casalingo della Juventus contro la Fiorentina. "A Reggio Emilia, contro il Sassuolo, abbiamo vissuto momenti simili a quelli di Barcellona - sostiene l'allenatore dei bianconeri -. Dopo 30' la squadra aveva giocato un bel calcio, creato, tirato in porta e segnato. Poi, ci sono anche gli avversari, dobbiamo capire che quando abbiamo perso il comando della partita ci si deve adeguare, gestire la fase difensiva e gli avversari non devono tirare. Questa è la cosa più importante in cui bisogna migliorare. Col Sassuolo può durare 5', col Barcellona 20'". "Da qui - ribadisce il tecnico livornese - passa tutta la stagione".

13:22Droga: madre preoccupata fa arrestare il figlio pusher

(ANSA) - MILANO, 19 SET - Preoccupata per la vita da pusher di suo figlio, una madre lo ha denunciato alla Polizia. E' accaduto a Milano, dove è stato arrestato per spaccio un 18enne trovato con 64 grammi di cocaina pura all'80% e tre ovuli di hashish dal peso di 18 grammi. La donna, ormai stanca della strada intrapresa dal ragazzo (già segnata da precedenti per droga), si è confidata con il dirigente del commissariato del suo quartiere, Quarto Oggiaro. Gli agenti hanno così scoperto la droga nella cantina del loro condominio, in via della Senna, e nella cassetta della posta. "E' una storia triste, per la madre è stato difficilissimo denunciare il proprio figlio - ha commentato il dirigente del commissariato - ma questa vicenda fa capire il dialogo che siamo riusciti a costruire tra la polizia e i cittadini. Un lavoro delicato soprattutto in una zona così difficile".

Archivio Ultima ora