Industria 4.0: imprese a caccia di 117.560 tecnici in 3 mesi

Pubblicato il 29 agosto 2017 da ansa

Una immagine della social room della Rai, con i giovani redattori al lavoro, per le Olimpiadi di Rio 2016, Roma, 18 agosto 2016. ANSA/ GIORGIO ONORATI

ROMA. – La rivoluzione digitale e gli incentivi di Industria 4.0 contribuiscono a muovere il mercato del lavoro. Secondo una rilevazione di Confartigianato tra luglio e settembre le imprese prevedono 117.560 assunzioni di personale con titoli di studio legati all’innovazione.

In particolare, gli imprenditori sono a caccia di 32.570 diplomati in meccanica, meccatronica ed energia e di 13.350 diplomati in elettronica ed elettrotecnica. Alta anche la domanda, pari a 34.940 assunzioni previste, per la qualifica o il diploma professionale a 4 anni in meccanica, cui si somma la richiesta di 9.840 ingegneri elettronici e 8.550 ingegneri industriali.

Ma le imprese – sottolinea Confartigianato – hanno difficoltà a trovare la manodopera necessaria. Una strada per colmare il gap tra le imprese che cercano manodopera e i giovani in cerca di lavoro è il contratto di apprendistato che – sottolinea Confartigianato – tra maggio 2016 e maggio 2017 ha visto una crescita del 27,2%, pari a 258.631 apprendisti assunti.

Confartigianato fa rilevare che tra le professioni più richieste e con maggiore difficoltà di reperimento vi sono gli addetti all’installazione di macchine utensili (introvabili per il 64% delle assunzioni previste) e gli addetti alla gestione di macchinari a controllo numerico (manca all’appello il 58% del personale necessario alle imprese).

Problemi anche a reperire 14.990 operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche (pari al 43% del totale di questa qualifica richiesta dalle imprese) e 14.430 tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione (39%).

Quanto al boom delle assunzioni tramite contratto di apprendistato, il record, sottolinea Confartigianato, “si deve soprattutto alle micro e piccole imprese dove le assunzioni con questo contratto arrivano all’11,5%, una quota doppia rispetto al 5,5% delle medie-grandi imprese”. E sono sempre le piccole imprese ad aver fatto registrare al I trimestre 2017 un incremento di 157.160 posti di lavoro, pari al 77,3% dei nuovi occupati nel totale delle imprese.

“La realtà – sottolinea il Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti – ci dice che bisogna ripartire dall’apprendistato per offrire risposte efficaci alle imprese e per preparare i giovani ad entrare in un mercato del lavoro che richiede competenze tecniche evolute imposte dalla rivoluzione digitale. Gli interventi del Governo per l’occupazione giovanile devono quindi rilanciare questa ‘palestra’ in cui i giovani studiano e lavorano. A cominciare dal rifinanziamento dello sgravio contributivo totale nei primi tre anni di contratto per le assunzioni di apprendisti in aziende fino a 9 dipendenti”.

Ultima ora

16:43Lotta a violenza donne, performance teatrali all’Ikea

(ANSA) - PADOVA, 20 NOV - Anche il colosso svedese Ikea scende in campo contro la violenza sulle donne, aderendo alla campagna #PerUnaGiustaCasa di Telefono Donna, che vede oggi il centro commerciale di Padova ospitare una serie di performance teatrali che rappresentano episodi di violenza domestica. #PerUnaGiustaCasa ha l'obiettivo di far puntare i riflettori dell'opinione pubblica sul tema della violenza in casa e sull'urgenza di attivare progetti che offrano garanzie e tutela alle donne e ai figli. Oggi il centro Ikea di Padova, nella zona est della città, si trasformerà in alcune fasce orarie (ore 12.00, 14.00, 16.00) in un piccolo teatro, con le rappresentazioni teatrali di scene di violenza domestica interpretate da attori del Teatro Filodrammatici. In scena dialoghi e gesti che evocano tre differenti tipologie di violenza: fisica, psicologica e economica. Storie reali di donne che, grazie al supporto di Telefono Donna, hanno avuto il coraggio di denunciare i maltrattamenti subiti e di ricominciare una nuova vita. (ANSA).

16:35Algeria: la fame nei campi profughi Saharawi

(ANSAmed) - ROMA, 20 NOV - Malnutrizione che colpisce il 40% dei rifugiati, accesso limitato all'acqua, ai servizi sanitari e educativi, ma soprattutto una continua riduzione dei fondi destinati al sostegno dei Saharawi che da 40 anni vivono nei campi profughi allestiti in Algeria. Mezzaluna Rossa Saharawi e Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli, ong italiana attiva nel campo della cooperazione, lanciano un appello per accendere i riflettori su questa emergenza umanitaria. I tassi di mortalità infantile e materna sono elevati, l'anemia è diffusa e oltre alla mancanza di cibo ad allarmare è anche l'insorgenza di nuove malattie. Per esempio la celiachia, che colpisce il 6% dei circa 150 mila profughi saharawi. A preoccupare, viene detto, ''è soprattutto la continua riduzione di finanziamenti, passati da 12 milioni agli attuali 8 milioni di euro a favore dei profughi saharawi.

16:25Figc: Tavecchio, commissariamento? Molto grave

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "E' molto grave, in Italia ci sono gli statuti e le garanzie". Il presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio, commenta così la dichiarazione del n.1 del Coni, Giovanni Malagò che ha annunciato l'intenzione di commissariare la federcalcio.

16:25Argentina: morta ‘nonna’ desaparecidos

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - E' morta il 18 novembre all'età di 90 anni Marta Vasquez, presidente dell'ong 'Madres de Plaza de Mayo Línea Fundadora', gruppo nato dalla scissione nel 1986 dall'associazione 'Madri di Plaza de Mayo', con la quale condivide lo stesso obiettivo: la ricerca della verità sui desaparecidos argentini. Per più di 40 anni la donna ha cercato di scoprire la verità sulla sorte di sua figlia María Marta, e di suo nipote. La ragazza infatti era incinta quando scomparve dopo essere stata fermata dalle forze di sicurezza. L'esponente dei diritti umani nata a Bahia Blanca è stata ricoverata in ospedale per diversi giorni nel Sanatorio Anchorena di Buenos Aires, per problemi respiratori. Sua figlia María Marta Vásquez Ocampo, 23 anni, era incinta di un mese quando fu arrestata il 14 maggio 1976 con il marito, César Lugones. Diede alla luce un bambino a metà gennaio del 1977 nel centro di detenzione e tortura situato presso la Scuola di Meccanica della Marina (Esma). Marta Vásquez non li ha mai trovati.

16:24Figc: Tavecchio, Lnd mi ha voltato le spalle

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Quando oggi ho avuto la sensazione che la mia componente (la Lnd, ndr), nella quale ho vissuto per 18 anni, ha fatto considerazioni che non promettevano sostegno, non ci ho pensato un attimo e mi sono dimesso per un atto politico e non sportivo". Così il presidente dimissionario della Figc, in conferenza stampa ha spiegato i motivi del passo indietro. "Carlo Tavecchio - ha aggiunto parlando in terza persona - paga per avere scelto Ventura. Abbiamo perso il Mondiale ed è qualcosa che diventa tragedia".

16:24Ostia: Picca, vittoria sporcata da clan con M5S in calo

(ANSA) - ROMA, 20 NOV - "Una vittoria sporcata dai clan e che vede un calo dei grillini di ben 17 punti percentuali, praticamente un crollo. Il cosiddetto 'Movimento' poi non ha vinto da solo, ma con i voti della sinistra, di Casapound e della lista De Donno. Una convergenza di interessi in grande stile che comunque non ha scalfito il 40% conseguito dal centrodestra". Così in una nota Monica Picca sconfitta ieri al ballottaggio a Ostia da Giuliana Di Pillo di M5S. "Sono stati purtroppo premiati l'immobilismo e l'incompetenza della Raggi", aggiunge l'esponente di Fdi-An, che correva per il centrodestra.

16:21Germania: Steinmeier ai partiti, ‘formate il governo’

(ANSA) - BERLINO, 20 NOV - Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha rivolto un appello a tutti i partiti in Germania: "Mi aspetto che siano disponibili al dialogo per formare un governo in tempi vicini". "Tutti i partiti sono tenuti a servire il Paese. Chi si presenta alle elezioni per avere la responsabilità politica non può tirarsi indietro quando ce l'ha nelle sue mani", ha detto. Per Steinmeier, questa responsabilità "non può essere semplicemente rimandata agli elettori" e i partiti dovranno quindi "ripensare i loro atteggiamenti".

Archivio Ultima ora