Russia 2018: la vinotinto di Rincón ferma la corsa della Colombia

Pubblicato il 01 settembre 2017 da redazione

Russia 2018: la vinotinto di Rincón ferma la corsa della Colombia

CARACAS – La nazionale venezuelana sa che sfortunatamente il mondiale Russia 2018 lo guarderà davanti alla televisione e non in campo com’era in programma all’inizio del girone Conmebol. Ma, nonostante le ultime gare siano solo una formalità per la vinotinto, la nazionale allenata da Rafael Dudamel ha dato filo da torcere alla Colombia ed ha rischiato addirittura il colpaccio. I cafeteros hanno sciupato un’occasione d’oro per dare un passo fondamentale verso la kermesse iridata.

Non deve lasciare infatti ingannare il buon approccio – seppur molto lento – della Colombia alla partita; i creoli giocano però di difesa e contropiede, pane per i denti dell’ex granata Josef Martinez (5 reti segnate nelle qualificazioni), subito in mostra con una sassata da buona posizione che non inquadra lo specchio e successivamente, nella seconda metà di primo tempo, colpisce in pieno la traversa.

La prima vera, grande occasione la squadra allenata da Pekerman capita sulla testa di Falcao, che a botta sicura colpisce, ma trova un mezzo miracolo di puro istinto del portierone Fariñez, che gli nega la gioia del gol. Sussulto anche di Carlos Sanchez, di testa su azione da corner: palla a lato non di molto.

Nella ripresa, ennesimo miracolo di Fariñez su un tiro dello juventino Cuadrado. Sull’altra sponda Tomás Rincón tira una sassata che viene trattenuta senza probemi da Ospina. A venti minuti dalla fine, il portiere ospite ha il suo bel da fare per salvare di riflessi sulla linea di porta il tocco ravvicinato di Rondon e andare in presa a terra sul diagonale di Otero. Al novantesimo, Rincón commette un fallo a centrocampo, per questo suo intervento viene ammonito e dovrà saltare per squalifica la gara di martedì contro l’Argentina a Buenos Aires.

Il punto raccolto a San Cristobal basta comunque alla banda di Pekerman per mantenere il secondo posto in classifica. Nella gara di Pueblo Nuevo non sono stati schierati da mister Rafael Dudamel gli italo-venezuelani Rubert Quijada Fasciana e Jeffeson Savarino.

“Tanto Ospina come Fariñez hanno disputato un’ottima gara e questo opaca la performance dei reparti offensivi. Io sono soddisfatto del secondo tempo dove Córdova, Herrera e con gli innesti di Otero e Murillo la squadra ha giocato meglio. Questa era la nostra meta. Entrambe le nazionali abbiamo avuto il controllo della gara, solo grazie agli interventi dei portieri la gara si é conclusa sullo 0-0” ha dichiarato Dudamel a fine gara.

La classifica dopo 15 giornate è la seguente: Brasile 36 (già qualificato a Russia 2018), Colombia 25, Uruguay 24, Cile 23, Argentina 23, Perù 21, Paraguay 21, Ecuador 20, Bolivia 10, Venezuela 7.

Il girone Conmebol tornerà in campo martedì con le seguenti gare: Bolivia-Cile, Colombia-Brasile, Ecuador-Perù, Argentina-Venezuela, Paraguay-Uruguay.

Il Tabellino
VENEZUELA-COLOMBIA 0-0

Venezuela (0): Wuilker Faríñez, Rolf Feltscher, Jhon Chancellor, Mikel Villanueva, Víctor García; Yangel Herrera, Tomás Rincón; Darwin Machís (Jhon Murillo 59’), Sergio Córdova (Arquímedes Figuera 83’), Salomón Rondón e Josef Martínez (Rómulo Otero 54’). CT: Rafael Dudamel
Panchina Venezuela: José Contreras, Carlos Olses, Pablo Camacho, José Velázquez, Rubert Quijada, Yeferson Soteldo, Jefferson Savarino, Junior Moreno e Christian Santos.

Colombia (0): David Ospina Santiago Arias, Cristian Zapata, Óscar Murillo, Frank Fabra, Carlos Sánchez (Abel Aguilar 74’), Wilmar Barrios, Juan Cuadrado, Yimmi Chará (Luis Muriel 79’), Edwin Cardona (Giovanni Moreno 62’) e Radamel Falcao. CT: José Néstor Pekerman
Panchina Colombia: Camilo Vargas, Andrés Castellanos, William Tesillo, Daniel Bocanegra, Davinson Sánchez, James Rodríguez, Guillermo Celis, Teófilo Gutiérrez e Miguel Borja.

Arbitro: Wilton Pereira Sampaio (Brasil)

Note: ammoniti: Sergio Córdova 17’ e Tomás Rincón 90’ (Venezuela) Óscar Murillo 15’ (Colombia). Gara disputata nello Stadio Pueblo Nuevo di San Cristóbal

(Fioravante De Simone)

Ultima ora

16:05Zimbabwe: Mugabe espulso dal partito di governo

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato espulso dal suo partito Zanu-PF ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Lo riporta la Bbc. Il partito ha intimato a Mugabe di dimettersi "entro domani a mezzogiorno, altrimenti si darà il via all'impeachment".

15:56Gb: 70 anni di matrimonio, foto celebra Elisabetta e Filippo

(ANSA) - LONDRA, 19 NOV - Un ritratto ufficiale e una serie di francobolli per celebrare 70 anni di matrimonio. Nozze di ferro per Elisabetta II e Filippo di Edimburgo, che domani segnano un altro traguardo record nella storia dei reali. Per la regina e il principe consorte - 91 anni lei, 96 lui - si tratta di un anniversario da festeggiare in privato, come già annunciato da Buckingham Palace. Ma la foto - in piedi e sorridenti, la regina in abito chiaro, Filippo con una giacca grigia e una cravatta bordeaux - campeggia comunque oggi su tutti i media britannici come atto di omaggio. L'omaggio a un'unione indistruttibile, suggellata dal solenne matrimonio celebrato il 20 novembre 1947 (26enne lui, 21enne lei), e poi - dal 1952, anno dell'ascesa al trono di Elisabetta - da oltre 6 decenni di regno. Ma anche l'omaggio a una coppia ancora sulla breccia, eppure incamminata verso un lento addio: segnato dal ritiro di Filippo dagli impegni ufficiali e dall'alleggerimento dei doveri della sovrana a beneficio dell'erede al trono Carlo.

15:55Terremoti: scossa di magnitudo 4.4 nel Parmense

(ANSA) - PARMA, 19 NOV - Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 13.37 con epicentro nella zona di Fornovo di Taro, in provincia di Parma. La scossa, avvertita in tutto il territorio, ha provocato paura ma nessun danno. I Vigili del fuoco hanno riferito che non ci sono interventi in atto e, al momento, non ci sono segnalazioni di danni a persone o cose.

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

13:55Incendiata auto parroco in Calabria, s’indaga su motivi

(ANSA) - SCANDALE (CROTONE), 19 NOV - L'automobile del parroco della chiesa di San Giuseppe Operaio, della frazione "Corazzo" di Scandale, nel crotonese, é stata incendiata la scorsa notte da persone non identificate. La vettura, una Fiat Punto, malgrado il tempestivo intervento dei vigili del fuoco, é andata distrutta. Le fiamme si sono estese ad un'altra vettura parcheggiata accanto di proprietà anche questa di un altro sacerdote, parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Crotone, e ad una parete laterale della chiesa. Le indagini sull'episodio sono state avviate dai carabinieri della Compagnia di Crotone e del Comando provinciale. Il parroco proprietario dell'auto incendiata, di origini africane e da circa un mese a Scandale, ha riferito ai militari di non sapersi spiegare i motivi dell'intimidazione. Gli investigatori, comunque, escludono il movente razzista. (ANSA).

Archivio Ultima ora