Calcio venezuelano: Lara-Táchira e Carabobo-La Guaira i big match dell’ottava giornata

Pubblicato il 01 settembre 2017 da redazione

Andreutti contrata un avversario. (Gennaro Pascale Caicedo / Prensa Deportivo Tachira)

 

CARACAS – I fari dell’ottava giornata del Torneo Clausura saranno puntati su due campi: il Metropolitano di Cabudare dove andrà in scena Deportivo Lara-Deportivo Táchira e Carabobo-Deportivo La Guaira

Il Deportivo Lara (2ª), unica formazione imbattuta del campionato, ospiterà il Deportivo Táchira (4º). Le due formazioni sono separate da due punti e stanno disputando un ottimo campionato. La squadra allenata da Leo González sta vivendo un momento da favola, dopo aver pareggiato 0-0 le prime tre gare, si é sbloccata ed ha vinto quattro gare consecutive. Dal canto suo, il carrusel aurinegro, ha una gara in meno rispetto al gruppo di vetta ed ha vinto quattro delle sei gare disputate.

I precedenti tra Deportivo Lara e Deportivo Táchira sono 21 con un saldo di 4 vittorie per i larenses e 6 per i gialloneri. Il numero di pareggi sono 11. L’ultima volta che si sono sfidate queste squadre é stato il 19 marzo del 2017 a San Cristóbal durante il Torneo Apertura, quel giorno ad avere la meglio sono stati i padroni di casa: vittoria per 4-1.

La gara del Metropolitano di Cabudare é in programma sabato alle 16:00.

L’altro match clou sarà quello, che si disputerà sabato alle 17:00 nello stadio Misael Delgado di Valencia, tra Carabobo (3º) e Deportivo La Guaira (5º). Granata ed arancioni sono separati da un solo punto: 13 per i valenciani e 12 per i suoi avversari. Nell’ultimo turno di campeonato, la squadra allenata dal boliviano Baldivieso ha battuto in rimonta l’Atlético Venezuela sul campo del Brigido Iriarte, mentre il Deportivo ha superato (3-0) senza problema il Trujillanos.

Sarà la 21esima sfida tra queste due squadre. Il bilancio vede 6 vittorie per il Carabobo e 7 per il Deportivo La Guaira, mentre il numero dei pareggi sono 7.

La capolista Mineros andrà in casa dell’Aragua dell’italo-venezuelano Antonio Franco. La squadra di Puerto Ordaz guida la classifica con 16 punti conquistati in sette gare disputate frutto di 5 vittorie (l’ultima 2-1 domenica nel big match contro il Caracas), 1 pareggio ed una sconfita. Mentre la formazione della denominata ‘ciudad jardín’ é al 15esimo posto con 6 punti ottenuti grazie ad una vittorie, 3 pareggi e 4 ko (l’ultimo domenica in casa dello Zulia).

I precedenti ci dicono che sarà una gara molto equilibrata, nei 32 precedenti troviamo 11 vittorie per parte e 10 pareggi. L’ultimo confronto, andato in scena nello stadio Cachamay di Puerto Ordaz si é finito 3-3.

La gara di questo fine settimana è in programma domenica, alle 11:00, nello stadio Hermanos Ghersi di Maracay.

Domenica alle 17:00, nello stadio Olímpico della Ucv, il Caracas (6º) ospiterà l’Estudiantes de Mérida (7º). Entrambe le squadre sono in zona octagonal e cercheranno di evitare passi falsi per non uscire dalla zona playoff.

Durante la loro storia, queste squadre si sono affrontate in 32 occasioni con un bilancio di 20 vittorie per i rojos del Ávila e 6 per gli accademici. Mentre il numero di pareggi e 6 pareggi.

JBL Zulia-Atlético Venezuela (domani alle 15:00 a Maracaibo), Zamora-Zulia (domani alle 15:00 a Barinas), Trujillanos-Portuguesa (domenica alle 16:00 a Valera) e Monagas-Atlético Socopó (domenica alle 16:00 a Maturín).

Ultima ora

16:40Riina: Ultimo, vogliono portarci nel circo, nella farsa

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - "Non abbiamo esploso colpi in aria, non abbiamo fatto caroselli quando lo abbiamo catturato nel nome del popolo, e allo stesso modo non abbiamo niente da dire oggi nel tempo della morte". Il colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che arrestò Totò Riina ribadisce la linea del silenzio sulla morte del boss, anche se "ancora una volta organi di disinformazione ci costringono a chiarire ciò che è chiaro e che non deve essere manipolato". "Ci vogliono portare nel circo, nella farsa,nella celebrazione del potere",scrive De Caprio sul blog capitanoultimo.blog."Come abbiamo dichiarato all'Ansa, la morte di Riina per noi carabinieri straccioni è una questione che riguarda solo lui, la sua famiglia e Dio. Non vogliamo dire niente oltre queste parole. Non abbiamo detto niente oltre queste parole. Il nostro popolo non ha bisogno del Colosseo e dei gladiatori per distrarsi dalla fame, dalla disoccupazione , dalla disuguaglianza e dal sopruso. Onore a tutti i carabinieri caduti contro la mafia"

16:05Zimbabwe: Mugabe espulso dal partito di governo

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato espulso dal suo partito Zanu-PF ed è stato sostituito dal vicepresidente Emmerson Mnangagwa. Lo riporta la Bbc. Il partito ha intimato a Mugabe di dimettersi "entro domani a mezzogiorno, altrimenti si darà il via all'impeachment".

15:56Gb: 70 anni di matrimonio, foto celebra Elisabetta e Filippo

(ANSA) - LONDRA, 19 NOV - Un ritratto ufficiale e una serie di francobolli per celebrare 70 anni di matrimonio. Nozze di ferro per Elisabetta II e Filippo di Edimburgo, che domani segnano un altro traguardo record nella storia dei reali. Per la regina e il principe consorte - 91 anni lei, 96 lui - si tratta di un anniversario da festeggiare in privato, come già annunciato da Buckingham Palace. Ma la foto - in piedi e sorridenti, la regina in abito chiaro, Filippo con una giacca grigia e una cravatta bordeaux - campeggia comunque oggi su tutti i media britannici come atto di omaggio. L'omaggio a un'unione indistruttibile, suggellata dal solenne matrimonio celebrato il 20 novembre 1947 (26enne lui, 21enne lei), e poi - dal 1952, anno dell'ascesa al trono di Elisabetta - da oltre 6 decenni di regno. Ma anche l'omaggio a una coppia ancora sulla breccia, eppure incamminata verso un lento addio: segnato dal ritiro di Filippo dagli impegni ufficiali e dall'alleggerimento dei doveri della sovrana a beneficio dell'erede al trono Carlo.

15:55Terremoti: scossa di magnitudo 4.4 nel Parmense

(ANSA) - PARMA, 19 NOV - Un terremoto di magnitudo 4.4 è stato registrato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia alle 13.37 con epicentro nella zona di Fornovo di Taro, in provincia di Parma. La scossa, avvertita in tutto il territorio, ha provocato paura ma nessun danno. I Vigili del fuoco hanno riferito che non ci sono interventi in atto e, al momento, non ci sono segnalazioni di danni a persone o cose.

14:41Papa: Dio non è controllore bus, non basta non fare del male

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 19 NOV - "Non fare nulla di male non basta, perché Dio non è un controllore in cerca di biglietti non timbrati". Lo ha detto il Papa nell'omelia della messa nella basilica vaticana per la Prima Giornata Mondiale dei Poveri. L'omissione è "il grande peccato nei confronti dei poveri. Qui assume un nome preciso: indifferenza". "E' dire: 'Non mi riguarda, non è affar mio, è colpa della società'. È girarsi dall'altra parte quando il fratello è nel bisogno, è cambiare canale appena una questione seria ci infastidisce, è anche sdegnarsi di fronte al male senza far nulla. Dio, però, non ci chiederà se avremo avuto giusto sdegno, ma se avremo fatto del bene". E invece i poveri sono "il nostro passaporto per il paradiso". "Non cerchiamo allora il superfluo per noi ma il bene per gli altri" perché occorre "il coraggio di amare non a parole ma coi fatti". In basilica erano presenti 7mila poveri. Per 1500 di loro pranzo con il Papa nell'Aula Paolo VI. Gli altri sono ospitati in istituti ed enti caritativi di Roma.

14:31Terremoti: scossa magnitudo 6,4 in Nuova Caledonia

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,4 é stata registrata oggi al largo della Nuova Caledonia, 74 chilometri a est di Tandine, ad una profondità di 25,3 chilometri: lo rende noto l'Istituto geofisico americano (Usgs). Per ora non si hanno notizie di un rischio tsunami.

14:27Marzabotto: squadra 65 Futa visita sacrario vittime eccidi

(ANSA) - BOLOGNA, 19 NOV - I dirigenti, gli allenatori e i calciatori della 65 Futa di Loiano-Monghidoro, squadra che milita nella seconda categoria dilettanti bolognese si sono recati in visita al sacrario di Marzabotto per rendere omaggio alle vittime degli eccidi nazisti. Dopo che il presidente della società Fabrizio Santi ha deposto una composizione floreale sul monumento, tutta la squadra ha poi raggiunto la scuola di pace di Monte Sole per ascoltare la testimonianza di Anna Rosa Nannetti, sopravvissuta alla strage del '44. La visita, organizzata in accordo col sindaco di Marzabotto Romano Franchi, è stata la risposta al gesto di Eugenio Luppi, il calciatore della 65 Futa che domenica scorsa, proprio a Marzabotto, ha esultato dopo un gol con un braccio teso a ricordare il saluto romano e mostrando al pubblico una maglia nera con impressi il tricolore e l'aquila imperiale, simboli della Repubblica Sociale Italiana. Luppi, come era stato annunciato, non ha preso parte alla visita col resto dei compagni.(ANSA).

Archivio Ultima ora