Tutti insieme per celebrare la Madonna di Montevergine il 24 settembre

Pubblicato il 04 settembre 2017 da redazione

MADONNA DI MONTEVERGINE

CARACAS. – Quella della Madonna di Montevergine è una ricorrenza assai sentita che ogni anno richiama fedeli e paesani e che, nel tempo, si è trasformata in un’occasione per ritrovarsi, per trascorrere alcune ore insieme e rinverdire le tradizioni.

Anche quest’anno i devoti della Madonna di Montevergine hanno deciso di festeggiare il 28ª anniversario della Patrona di Benevento nella Chiesa Nostra Signora di Pompei in Caracas, nonostante i difficili momenti che che stiamo vivendo nel Paese.

L’amore e la devozione per la Madonna di Montevergine è sempre e ogni anno più viva, così il comitato rende noto che il giorno 24 settembre sarà celebrata nella Chiesa Nostra Signora di Pompei una Santa Messa in onore alla Vergine, a seguire una processione e naturalmente un piccolo rinfresco per condividere questa devozione con paesani ed amici.
I partecipanti avranno l’opportunità di degustare squisiti piatti della tradizionale cucina campana. Non mancheranno la buonssima Lasagna, Fusilli ed altre specialità.

Già sono in vendita con un modico costo i biglietti della riffa, il cui ricavato andrà devoluto ai più bisognosi ospitati nell’Hospital San Juan de Dios, Villa Pompei, Sociedad Anticancerosa e Casa Hogar San Josè.
Insomma, sarà un evento per rinsaldare la tradizioni e ritrovarsi in allegria tra amici. Un appuntamento al quale la nostra comunità devota alla Madonna di Montevergine non può mancare.

Un po’ di storia
La storia narra che nella catena del Paterni, nell’Appennino Irpino, sorgeva un piccolo tempio dedicato a Cibele, dea della natura e della fecondità. Il grande poeta Virgilio, lasciando i suoi impegni a Napoli, soleva recarvisi in cerca di piantine aromatiche per distillare gli elisir di lunga vita; quegli elisir che poi nei secoli successivi, ed ancora oggi, i frati producono distillando i liquori tipici del luogo.

Non era certo facile arrampicarsi fino al tempio, ma poi, una volta raggiunto il luogo, si respirava un clima di grande tranquillità e di profonda pace interna che invitava alla riflessione e alla meditazione.

Poco dopo l’anno 1000, quella montagna fu raggiunta da un giovane pellegrino, il monaco Guglielmo da Vercelli. Questi era un eremita che, dopo un lungo viaggio a Santiago di Compostela, decise di intraprendere il peregrinaggio verso Gerusalemme. La storia racconta che, in preparazione del viaggio, si ritirò per una pausa riflessiva e spirituale presso il monte Serico ad Atella e, qui, narra la leggenda, curò miracolosamente un cieco.

Ripreso il viaggio verso la Terra Santa, a Ginosa incontra Giovanni da Matera. Questi gli consiglia di desistere dal suo impegno, lo avverte dei pericoli ai quali va incontro e gli suggerisce di proseguire il servizio divino in terre d’Occidente. Ma Guglielmo, non ne vuole sapere, rifiuta i consigli e prosegue il suo viaggio.

Lungo il cammino viene assalito da una banda di briganti, derubato del poco che aveva con sé, e malmenato. Così, ridotto in pessimo stato, ricorda le parole di Giovanni di Matera. Dopo una profonda riflessione spirituale, comprende che la sua strada, il cammino che deve seguire è un altro: il ritiro in solitudine per dedicare la sua vita alla meditazione, alla riflessione, alla preghiera.

Giunto in Irpinia sente che è la volontà di Dio ad indicargli il cammino. E si ferma lì dove c’era il tempio dedicato a Cibele. Tra le vette gigantesche dell’Appennino Irpino, distrugge il tempio ed inizia tra stenti, privazioni e delusioni la costruzione di una chiesa dedicata alla Madonna. Sente, in cuor suo, che questa è la volontà di Dio.

Intanto, si propaga la notizia della sua presenza nel luogo e ben presto lo raggiungono altri monaci ed eremiti, attratti anch’essi dalla necessità di un luogo tranquillo per la riflessione e la preghiera. Così, si moltiplicano le piccole celle, fatte per lo più di fango, nelle quali gli asceti si proteggono dal vento, la pioggia e il freddo.
Finalmente la consacrazione della Chiesa. Guglielmo espone nella chiesa una piccola immagine della madonna, poi sostituita da una bella tavola dove la Vergine appare incoronata nell’atto di allattare il bambino Gesù; tavola oggi conservata nel museo del santuario.

Montevergine, in poco tempo, si trasforma in luogo di peregrinazione e preghiera.

La Madonna di Montevergine in Venezuela
Un quadro, con l’immagine della Madonna di Montevergine fu portato in Venezuela da Vincenzo Trunfio. Un gesto di grande devozione; un modo per ringraziare la Madonna per la salute e il percorso della sua famiglia; un gesto che motivò tanti suoi corregionali e che è all’origine della bella tradizione che è ormai parte integrante della vita di chi venera la Madonna di Montevergine. Tradizione, oggi, mantenuta viva con devozione dai figli, e mogli dei suoi fondatori.

Ultima ora

20:42Consip: Musti, ‘in che pasticcio ci hanno messo?’

(ANSA) - ROMA, 19 SET - "Ma in che pasticcio ci sono andati a mettere?". Così il procuratore di Modena Lucia Musti - secondo quanto riporta il verbale della sua audizione al Csm dello scorso 17 luglio - si rivolge al procuratore di Roma, Giuseppe Pignatone, dopo che nel luglio del 2015 sul Fatto Quotidiano compare l'intercettazione della telefonata tra Matteo Renzi ed il generale della Gdf, Michele Adinolfi. L'intercettazione faceva parte dell'informativa dell'inchiesta Cpl Concordia che il pm di Napoli, Henry John Woodcock, aveva trasmesso alla collega di Modena.

20:39Calcio: a Prato l’ultimo saluto a Bersellini

(ANSA) - ROMA, 19 SET - Parenti, amici, e tanti campioni del calcio si sono riuniti questo pomeriggio al Duomo di Prato per i funerali di Eugenio Bersellini, l'indimenticato allenatore morto domenica scorsa a 81 anni. Alla cerimonia hanno partecipato, tra gli altri, Giuseppe Bergomi, Evaristo Beccalossi, Alessandro Altobelli e Gabriele Oriali, giocatori dell'Inter con cui il tecnico tra il '77 e l'82 vinse uno scudetto e due Coppe Italia. Bersellini viveva da qualche anno a Prato insieme ad una delle figlie.

20:38Terrorismo: processo Meriem, sentiti primi testimoni

(ANSA) - VENEZIA, 19 SET - E' un processo senza imputata ma soprattutto senza la certezza che sia ancora viva, quello nei confronti di Meriem Rehailly, la studentessa residente nel padovano e fuggita in Siria nel 2015 per combattere con il califfato, che ha registrato oggi al Tribunale a Venezia la seconda udienza. Tra problemi di traduzione e la certezza di familiari e difesa, rappresentata dall'avv. Andrea Niero, che la ragazza sia morta, come avrebbe riferito un'altra simpatizzante dell'Isis, si sono ricostruiti alcuni passaggi della sua fuga. Prima quello che la vede impreparata - come ha raccontato chi le ha venduto i biglietti - tanto da chiedere un tagliando di sola andata per la Turchia, senza sapere che serviva anche quello di ritorno. Dall'altra i militari dei Ros che, rispondendo anche alla Pm Francesca Crupi, hanno ricostruito come la ragazzini si fosse documentata con un 'manuale' del terrorista sul web. Poi è stata la volta del padre di origini marocchine il quale ha ribadito come la figlia sia stata plagiata.

20:38Calcio: Rastelli “Cagliari deve avere sempre fame”

(ANSA) - CAGLIARI, 19 SET - Cagliari a caccia della terza vittoria consecutiva contro il Sassuolo alla Sardegna Arena. Per i rossoblù di Rastelli l'intento è dichiarato: sfruttare il calendario, sulla carta, in discesa per portarsi avanti con il compito salvezza (domenica a Cagliari arriva il Chievo Verona). "Il salto di qualità c'è stato - ha detto Rastelli questa sera nella conferenza stampa della vigilia - vincere ancora sarebbe il massimo. Sta a noi: dobbiamo sempre avere fame". Il tecnico rossoblù invita a fare attenzione al Sassuolo: dopo gli ultimi ko non può sbagliare. E gioca in maniera diversa - questo il rilievo tecnico dell'allenatore - con qualità maggiore rispetto a Crotone e Spal". Tanti gli ex che si incrociano: su tutti Pavoletti, alla ricerca del primo gol con la maglia rossoblù. Emergenza portiere: qualche problema in settimana per Cragno. L'alternativa, considerando che Rafael è ancora out, è il giovane Crosta, una partita in A (e un rigore parato) lo scorso anno con il Milan, proprio la squadra nella quale è cresciuto. Cragno comunque è tra i convocati: stringendo i denti tra i pali dovrebbe esserci lui. Rastelli dovrebbe confermare al centro della difesa Ceppitelli per consentire ad Andreolli (ex Sassuolo, 28 presenze e un gol nel 2008-2009) il pieno recupero magari in vista della gara di domenica con un'altra sua vecchia squadra, il Chievo. Turnover a centrocampo e in attacco? Rastelli è combattuto tra la tentazione di confermare quello che ha funzionato e l'esigenza di tenere caldi i vari Farias, Dessena, Faragò (e magari anche Miangue) concedendo a qualcuno di loro l'ingresso in campo dal primo minuto.

20:31G7: Reggia Venaria sorvegliata speciale in vista vertice

(ANSA) - TORINO, 19 SET - La Reggia di Venaria chiude al pubblico e si prepara ad ospitare i ministri in arrivo a Torino per il G7 Industria e Ict, Scienza e Lavoro. Un appuntamento finito nel mirino dei centri sociali, che hanno annunciato manifestazioni e cortei. Attenzione alta dunque da parte delle forze dell'ordine, che controlleranno la residenza sabauda alle porte di Torino 24 ore su 24. Al momento nessuna 'zona rossa', né aree vietate o appuntamenti annullati. La Regione Piemonte ha predisposto il piano emergenza sanitaria. Preoccupati i negozianti di Venaria, che oggi hanno incontrato il prefetto Saccone. "Abbiamo scelto Torino, che è una grande città industriale d'Italia" per i G7 Ict e industria, scienza e lavoro, "se poi centri sociali torinesi si mettono a buttare manichini decapitati di Poletti e dell'ex premier Renzi vuol dire che qualcosa non funziona. Vorremmo rimanesse grande appuntamento di condivisione anche con uno spirito umanistico", dice Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico.(ANSA).

20:27G8 La Maddalena: si avvicina era commissario straordinario

(ANSA) - CAGLIARI, 19 SET - Si va sempre più verso la nomina di un commissario straordinario, in accordo con la Regione Sardegna, per la gestione della fase di recupero dell'ex Arsenale di La Maddalena. Lo stabile, per il quale si sta chiudendo la transazione da 21 milioni con la Mita Resort, la società di Emma Marcegaglia che avrebbe dovuto gestire l'hotel di lusso sul mare scelto come sede del G8 del 2009 poi dirottato a L'Aquila, dovrà passare nelle mani della Regione e subire un nuovo restyling dopo l'abbandono di questi anni. Il decreto atteso dal presidente del Consiglio dei ministri potrebbe ricalcare i poteri commissariali utilizzati per le bonifiche a Bagnoli. Il passo in avanti, che potrebbe portare ad una svolta già la settimana prossima, è arrivato dall'incontro a Palazzo Chigi tra il governatore sardo Francesco Pigliaru e la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio dei Ministri, Maria Elena Boschi. "E' stata riaffermata la chiara e irrevocabile volontà, da parte di Regione e Governo, di chiudere l'accordo risolutorio in tempi brevissimi - fa sapere la Regione - Durante il confronto, durato all'incirca due ore, si è ragionato intorno alla predisposizione della prossima fase attuativa, con l'individuazione degli strumenti normativi necessari a garantire la gestione del compendio della Maddalena. In sede tecnica, già la prossima settimana, si procederà a individuare il modello di governance maggiormente idoneo a gestire il compendio finalmente restituito alla Sardegna, per il quale si prevedono interventi di ripristino delle funzionalità, di completamento delle bonifiche e di riavvio delle attività produttive". All'incontro hanno partecipato anche la sottosegretaria con delega all'Ambiente Silvia Velo, l'avvocatura distrettuale dello Stato, il segretario generale di Palazzo Chigi, il capo di dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli. Per la Regione, presente anche l'assessore del Lavori pubblici Edoardo Balzarini, oltre ai competenti direttori generali e consulenti della presidenza.(ANSA).

20:23Noemi: autopsia, forti sospetti su lesioni al collo

(ANSA) - LECCE, 19 SET - L'autopsia compiuta sul corpo in avanzato stato di decomposizione di Noemi Durini non ha finora fornito elementi certi per stabilire le cause della morte della sedicenne, ma i medici legali hanno "forti sospetti" su alcune lesioni presenti tra il collo e la testa della giovane. Il fidanzato di Noemi, detenuto per l'omicidio, ha detto di aver ucciso la ragazza con una coltellata al collo. Noemi sarebbe stata uccisa il giorno della scomparsa, il 3 settembre. L'accertamento sulle cause della morte è abbastanza difficile. Il cadavere di Noemi era molto malmesso, quasi pre-mummificato, e vi erano numerose lesioni su diverse parti del corpo provocate da larve. Il medico legale nominato dalla Procura, Roberto Vaglio, e il consulente della famiglia, il prof. Francesco Introna, hanno deciso di compiere esami istologici e cito-chimici sui tessuti prelevati dal cadavere e hanno disposto l'esame delle larve per accertare l'epoca della morte. I funerali della ragazza si dovrebbero tenere domani alle 16 a Specchia.

Archivio Ultima ora